Guppy: Tutto Quello Che...

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere... i messaggi più interessanti di it.hobby.acquari

Guppy 'Paradise neon gold' - Foto © Jerome Picard (Flickr)

Ho raccolto qui come al solito le domande e le risposte più interessanti e più frequenti riguardanti i Guppy in cui mi sono imbattuta frequentando il Newsgroup it.hobby.acquari. Come sempre, per quanto mi riguarda le esperienze vissute in prima persona sono quelle che insegnano più di mille pagine di teoria e di schede precompilate; per cui qui troverete i messaggi "di vita vissuta", da cui ho tolto saluti e convenevoli vari per lasciare solo le cose essenziali, evidenziando le frasi a mio parere più importanti.

Ringrazio innanzitutto tutti i partecipanti ai gruppi di discussione, vecchi e nuovi, sia chi dà le risposte, sia chi fa le domande, ringrazio Google che con la ricerca avanzata nei gruppi mi ha permesso di ricercare nei vecchi messaggi quelli che avevano più attinenza a questo argomento, ringrazio coloro che citerò riportando il loro messaggio... non vorrei comunque che qualcuno pensasse ad uno "sfruttamento" dei newsgroup a fini personali, il mio intento è solo quello di dare una mano a chi cerca informazioni su internet; se qualcuno si sentisse disturbato da quanto scritto, o per essere stato citato, non esiti a scrivermi.

 </

Elenco degli argomenti:

... la RIPRODUZIONE e la crescita degli AVANNOTTI

Renato Zamboni
Ci sono delle femmine di guppy che fanno pochi piccoli per volta ma non ogni mese come solito bensi' ogni settimana o giu' di li'. Sembra quasi che li facciano a rate, di conseguenza presentano sempre il ventre tondeggiante e non si vuotano mai completamente. A me e' successo ormai diverse volte.
O2
Ieri sera vedo la neo mamma guppyna che se ne sta in un cantuccio vicino al filtro. Non partecipa neanche alla cena di gruppo. Sembra affaticata e debole. Con molta calma, dall'esterno del vetro cerco di invogliarla a muoversi. Lo fa per pochi secondi e torna lì. Vado a dormire con la promessa di isolarla il giorno successivo (cioè oggi). Questa mattina la trovo che litiga e si mordicchia con l'altra femmina continuamente, mentre i 2 maschi si danno da fare tra loro :-)
Finita la lite, le neo mamma si ritira nuovamente in solitario e decido di prelevarla per metterla nella vaschetta che funge da infermeria. Vista una certa vivacità decido di andare al mare. Al ritorno che trovo? Un guppyno!!! La pancia non era particolarmente gonfia come non lo era nell'occasione del precedente parto (di pochissimi piccoli). Lo catturo subito e lo metto assieme a quelli nati 4/5 giorni fa. Nuova sorpresa: è lievemente + grande dei due guppyni già partoriti e mentre quest'ultimi cominciano ad avere un corpo un pò scuro, questo è completamente trasparente.
Ci tenevo a postare questo episodio per Renato Z. e Enzo 86 che mi avevano messo sull'avviso che questo parto dilazionato può accadere.
Drake (28.03.2004)
Potreste aiutarmi con qualche consiglio per far crescere bene i miei 12 avanotti di guppy appena nati?
Al momento sono nella nursery, l'acquario è di 60l
Renato Zamboni
Per prima cosa ci vorrebbe una vaschetta attrezzata tutta per loro.
In secondo luogo li nutrirei per almeno 4 settimane con naupli d'artemia appena schiusi ed integrerei la dieta con mangimi per avanotti microincapsulati
Frequenti cambi d'acqua, sifonatura regolare del fondo ed allontanamento dalla vasca di accrescimento dei soggetti che crescono piu' in fretta sono i trucchi per farli crescere velocemente e bene.
Paolo Oliveri
Come consiglio posso dirti che per 13 avanotti è più che sufficiente un nido di quelli in tela che si trovano in commercio della Sera o di altre marche, se poi preferisci prendere un acquario a parte, ci sono degli acquari piccoli ma funzionali (da 15/20 lt.) completi di tutti gli accessori per una spesa forse leggermente inferiore a quella che hai menzionato.
MarcoIGC
> Come consiglio posso dirti che per 13 avanotti è più che sufficiente un nido di quelli in tela che si trovano in commercio della Sera o di altre marche
Questo non è assolutamente vero!!!
Al massimo può andare bene per uno tutto al più due avannotti e ti spiego perchè (anche se non è la prima volta:-)) Gli avannotti possono anche stare nella vaschetta o nella sala parto per un mese, ma molto probabilmente di avannotti ne troverai la metà perchè basta che solo un avannotti si ammali che contagia tutti glia altri.
Inoltre tenere gli avannotti in sala parto significa fare un ricambio d'acqua molto frequente e se questo non avviene stai sicuro che non campano molto.
La soluzione migliore è quella di allestire un acquario tutto per loro con le dovute precauzione come ad esempio un filtro che non risucchi gli avannotti o che, nel caso, venga modificato a tale scopo. In un acquario di 30 litri possono stare abbastanza tranquillamente 70-80 avannotti di un mese di vita, poi il filtro biologico incomincia a soffrire un po' e quindi sarebbe il caso di spostarli in un'altra vasca ancora più grande dove raggiungeranno l'età adulta. Ciao:-))
MarcoIGC
> Sono certamente d'accordo che la vaschetta è meglio delle sale parto, però la mia esperienza quasi biennale coi Guppy e altri Poecilidi mi dice che MAI si sono ammalati in sala parto.
Se una femmina ti partorisce 30-40-50 avannotti, poi mi dici Paolo come fai a tenere tutti questi pesci in una sala parto!!! Tieni conto che dopo solo 10 giorni sono raddoppiati di peso e mangiano molto di più e quindi fanno anche più cacca!! O stai ogni 20 minuti a pulirgli la vaschetta oppure i nitrati all'interno di essa schizzano alle stelle!!
Non credo sia possibile far diventare adulti 30 guppy in una sala parto!!!
Poi si leggono post che dicono: "come mai i miei avannotti sono diminuiti? Fino a ieri ce ne erano 20 adesso ce ne sono 15, che fine hanno fato??". Oppure: "I miei avannotti che tengo in sala parto hanno tutti le pinne chiuse e la coda è a punta, che ho inventato una nuova specie o sono malati??". Non ti sto prendendo in giro sono post che ho letto qui sul NG.
Come ripeto se vuoi allevare guppy in sala parto al massimo 40-50 per una sola settimana, 10-15 per due settimana, 1-2 fin quando non diventa bello grande.
Se tu volevi invece intendere che li puoi tenere in sala parto e poi liberarli dopo due settimane-20 giorni nell'acquario in modo che non sono più facili prede, allora ti ho frainteso, se invece hai allevato più di 10 guppy in sala parto fino all'età adulta (e cioè 4 mesi) senza perderne neanche uno... complimenti, io non ci sono riuscito:-)))
MarcoIGC (29.10.2000)
Ciao a tutti. Spero che qualcuno mi risponda, in modo da avere altri informazioni. Come tutti sanno i guppy mangiano i propri avannotti, ma ne siamo proprio sicuri??
Recentemente (3 mesi fa) ho allestito un acquario da 60 lt per una coppia di guppy doppia spada di razza pura. La coppia era molto giovane. L'acquario era ricco di piante. Decisi di non usare la sala parto, ma di far avvenire all'interno della vasca una sorta di selezione "naturale". I primi avannotti nati non furono mangiati. Il che potrebbe essere normale, visto che la femmina era ancora molto giovane.
In seguito si sono susseguiti altri parti e anche le prime femmine nate hanno recentemente partorito. Ora la femmina (che è la mamma di tutti i guppy presenti) è bella grossa, circa 4,5 cm e continua ad ignorare tutti gli avannotti presenti.
Le piante c'entrano poco in questo. Gli avannotti nuotano tranquillamente affianco ai guppy più grandi, senza alcun timore e non ho mai visto un guppy più grande cercare di mangiare gli avannotti, neanche appena nati!! Ho letto che i guppy dopo un po' si stufano anche di mangiare i propri figli (cosa che non ho riscontrato, perchè se li mangiavano prima, li mangiano tuttora), ma qui le cose sono differenti. Io parlerei più di abitudine dei genitori di riconoscere gli avannotti come propri simili e non come cibo, dovuto al fatto che fin dalla giovane età hanno visto avannotti gironzolare nell'acquario.
La cosa interessante è che anche i figli della prima generazione non attaccano gli avannotti e che quindi la cosa è diventata ereditaria. Praticamente, io sono convinto che questi guppy che si trovano in questa vasca non mangiano la propria prole e che quindi (ricollegandomi anche a varie considerazione fatte da Alessandro Cellerino) sono mutati dal punto di vista comportamentale, nel giro di poche generazioni.
Vorrei aggiungere molte altre cose, ma non vorrei annoiare nessuno, magari se ci saranno delle domande si può approfondire il discorso (e ce ne sarebbe da dire:-)) Sarei curioso di sapere se anche a voi è capitata un'esperienza simile. Ma non di guppy che sono sopravvissuti ai genitori -attenzione- , ma di genitori che non vedono i propri figli come cibo.
Gianmarco Vanni
> Spero che qualcuno mi rispondi, in modo da avere altri informazioni. Come tutti sanno i guppy mangiano i propri avannotti, ma ne siamo proprio sicuri?? Recentemente (3 mesi fa) ho allestito un acquario da 60 lt per una coppia di guppy doppia spada di razza pura.
io credo che questa osservazione non sia del tutto accettabile... una sola coppia di guppy in 60 litri.... io direi così i guppy sono pigri per mangiare, molto meno per t%&"£bare e in condizioni normali si spazio e cibo preferiscono attendere le varie pietanze che gli piovono dall'alto (fanno tutti così :)) lasciali un paio di giorni senza cibo e poi raccontami quanti avannotti sono sopravvissuti... poi... le mamme appena partorito immagino siano così sfatte da non potercela fare a ciucciarsi i piccoli, ma le altre.... io ho una piccola vasca da circa 40 litri con soli guppy e caridina,i guppy nascono senza sala da mesi e mesi (non ho intenzioni di fare selezioni o altri tipi di allevamento) e se un giovinastro passa nelle vicinanze di un adulto sono sempre lì pronti ad assaggiare, se scappa non li inseguono, o almeno non con insistenza predatoria, ma credo che sia nella natura... piuttosto hai notato se i piccoli formano dei mini banchi con formazioni e strategie di difesa? io quasi quasi ci giurerei :)
MarcoIGC
> io credo che questa osservazione non sia del tutto accettabile... una sola coppia di guppy in 60 litri....
E' proprio qui la particolarità.
> io direi così i guppy sono pigri per mangiare, molto meno per t%&"£bare e in condizioni normali di spazio e cibo preferiscono attendere le varie pietanze che gli piovono dall'alto (fanno tutti così :))
Pigri? Mah, sinceramente non mi è mai venuto in mente questo aggettivo, anche perchè noto in altre vasche cha quando partoriscono qualche avannotto, gli adulti sono alla ricerca di questi con atteggiamento predatorio (soprattutto le femmine). Comunque sono sempre osservazioni soggettive.
> lasciali un paio di giorni senza cibo e poi raccontami quanti avannotti sono sopravvissuti...
Quando sono andato a Milano al seminario, sono stati tre giorni senza mangiare. In questo periodo hanno anche partorito e se devo essere sincero non ho notato meno guppy.
> poi... le mamme appena partorito immagino siano così sfatte da non potercela fare a ciucciarsi i piccoli, ma le altre.... io ho una piccola vasca da circa 40 litri con soli guppy e caridina, i guppy nascono senza sala da mesi e mesi (non ho intenzioni di fare selezioni o altri tipi di allevamento) e se un giovinastro passa nelle vicinanze di un adulto sono sempre lì pronti ad assaggiare, se scappa non li inseguono, o almeno non con insistenza predatoria, ma credo che sia nella natura...
E' qui che volevo arrivare. Siamo sicuri che in natura mangiano i propri figli??? E non siano altri predatori, invece, a cibarsene? Lo so che è un'affermazione pesante, ma da quello che so io (non è tanto, quindi potrei sbagliarmi:-)) non ho mai letto di studi sui guppy in natura. Tornando alla mia vasca di 60lt, le femmine, ma anche i maschi più grandi, nuotano affianco agli avannotti, senza il minimo accenno di predarli. Gli avannotti hanno la massima libertà. E' questo che mi incuriosisce. Come mai? A me non era mai successo, si sono sviluppati nuovi comportamenti o sono riemersi, come magari poteva essere in natura?
> piuttosto hai notato se i piccoli formano dei mini banchi con formazioni e strategie di difesa? io quasi quasi ci giurerei :)
Nelle vasche dove vengono mangiati dai genitori, noto che gli avannotti sono molto aggressivi tra di loro. Se uno trova un piccolo spazio per rifugiarsi e vede un altro avannotto che gli si avvicina, lo caccia violentemente. Il che potrebbe essere dovuto al fatto che, essendo in due o in tre, le probabilità di attirare predatori aumenti. Nel laghetto di un mio amico, invece, notammo insieme, come gli avannotti nuotassero in piccoli branchi. E forse qui si attivavano meccanismi di difesa opposti a quelli di una vasca da 50Lt. Quante cose belle da scoprire. Se lo sapevo facevo il biologo. Alessandro Cellerino, vienici in soccorso!!!:-)) Ciao e grazie per le domande e le osservazioni:-))
Paolo Lombardi
> Io parlerei più di abitudine dei genitori di riconoscere gli avannotti come propri simili e non come cibo, dovuto al fatto che fin dalla giovane età hanno visto avannotti gironzolare nell'acquario.
Mirabello 30; introdotti circa 1 anno fa 5-6 Guppy albinotici, trasferiti dalla mia vasca di comunità, da quando spostati non hanno mai mangiato i propri piccoli, come da te osservato nuotano accanto agli avannotti, anche appena nati, senza degnarli di uno sguardo. Le piante sono abbondanti ma come da te osservato non contano.
> La cosa interessante è che anche i figli della prima generazione non attaccano gli avannotti e che quindi la cosa è diventata ereditaria.
Non so se parlerei di ereditarietà, d'altra parte gli stessi pesci mangiavano i piccoli quando in acquario di comunità.
Nuzzo Gennaro
Per prima cosa parlare di mutazioni genetiche o comportamentali in 2-3 generazioni è troppo. Il tuo caso è del tutto normale. I Guppy per quanto famelici verso i propri piccoli, cambiano abitudine se al primo parto i piccoli restano con i genitori. In effetti le tue osservazioni sono giuste, ma non determinate da mutazioni. Insomma se i guppy adulti sono sempre con dei piccoli, smettono di mangiarseli. Probabilmente perchè la giovane età di una femmina al primo parto, la porta a riconoscere come simili i piccoli che vede intorno. In natura infatti, la cosa è osservabile anche con le gambusie, piccoli e grandi vivono insieme, ma questo è possibile perchè fin dal primo parto i piccoli vivo nel branco vicino ai grandi. Ciò accade molto meno con femmine più grandi, in più per i guppy di razza, molti allevatori tendono a selezionare femmine che non hanno l'abitudine di mangiarsi i piccoli.
Pietro Binda
Oltre a dirti che anche a me i piccoli non vengono mangiati, aggiungo che gli avanotti non stanno in superficie, ma vicino al fondo. Poi man mano crescono alzano il livello di nuoto. Vere e proprie piante galleggianti no le ho, ma con le foglie che si curvano sotto la superficie si'. Ah, dimenticavo, mai usata sala parto.
P.S. un paio di volte ho visto avanotti piu' piccoli rompere le scatole a quelli un po' piu' grandi. Forse si sentivano gasati perche' loro sono dorati e gli altri grigi, mah.
Alessandro Cellerino
> La cosa interessante è che anche i figli della prima generazione non attaccano gli avannotti e che quindi la cosa è diventata ereditaria. Praticamente, io sono convinto che questi guppy che si trovano in questa vasca non mangiano la propria prole e che quindi (ricollegandomi anche a varie considerazione fatte da Alessandro Cellerino) sono mutati dal punto di vista comportamentale, nel giro di poche generazioni.
In realtà io dicevo una cosa leggermente diversa e mi spiego meglio. Normalmente un gene è presente in diverse varianti (polimorfismo) come è il caso ad esempio dei gruppi sanguigni. In condizioni naturali può accadere che una sola di queste varianti è favorita e le altre sono poco rappresentate. In cattività invece -essendo venuta meno la selezione naturale- il rapporto tra frequenza delle varianti cambia. Su un periodo molto lungo possono anche comparire nuove mutazioni, ma la maggior parte delle differenze che si osservano sono dovute a cambiamenti nelle frequenze delle singole varianti (alleli) di un gene. Lo so che è complicato ma io non ci posso fare niente :)
> Sarei curioso di sapere se anche a voi è capitata un'esperienza simile.
A me si. I guppy che nascono nella vaschetta da 15l sulla mia scrivania vengono ignorati non solo dai genitori ma anche da tutti gli altri guppy. Sarà fortuna?
MioMao
>Sarà fortuna?
Oppure..."abitudine"? ;-)
Maurizio
> A me si. I guppy che nascono nella vaschetta da 15l sulla mia scrivania vengono ignorati non solo dai genitori ma anche da tutti gli altri guppy. Sarà fortuna?
Pensa che ho messo una coppia di guppy in una vasca con una coppia di Pelvicachromis. Ci sono tantissime piante e quindi i guppy erano al sicuro. L'ho fatto per cercare di limitare le nascite e sai cosa e' successo? Dopo pochi giorni la guppina (forse sarebbe meglio chiamarla guppona visto la stazza) mi ha sfornato qualche decina di piccoli che girano ancora per la vasca davanti al naso dei Pelvicachromis che non li degnano di una sguardo. Una settimana fa' e' risuccesso e tra un po' mi ritrovero' di nuovo pieno di guppini :-( Li avevo trasferiti in quella vasca perche' nell'acquario piccolo dove erano non veniva mangiato un piccolo nemmeno se li lasciavo senza mangiare, una femmina di quelle che ho ancora e' nata nella vaschetta dove non ho messo mangime per 5 mesi. Questo mi succede da generazioni.

... sulle MALATTIE

Brina (24.03.2004)
Domanda per esperti acquariofili: che succede alla mia guppy??? E' da quando ha partorito -qualche gg fa- che è abbacchiata, da ieri poi sta "ingobbita" e ora mi sono accorta che ha delle escrescenze sul fianco.
Non mi pare un fungo, quelli sono tondeggianti e cotonosi. Qui si tratta di escrescenze tubulari, sembrano piccoli vermetti, bianchi, saranno lunghi meno di un mm, molto sottili ma non filamentosi... che è? :o\
che devo fare??
Renato Zamboni
E' molto facile che dopo il parto le femmine di guppy si ammalino, la causa principale credo sia dovuta allo stress del parto. Dovresti alimentarle con mangimi di buona qualita' e molto vari, aggiungendo anche delle vitamine ad essi. Purtroppo non si dovrebbe arrivare ad avere delle femmine che si incurvano dopo il parto se non quelle ormai vecchie perche' dopo riprenderle e salvarle e' quasi impossibile. Prova a somministrare chironomus congelato ed artemia liofilizzata arricchita con vitamine. Sarebbe buona cosa anche separarla dagli altri che sicuramente la disturbano.
--== Marco N. ==-- (26.10.2000)
ho allestito l'acquario da 2 mesi, e gli unici pesci che continuano ad avere problemi sono i Guppy. In tempi diversi ne ho persi 3 e tutti nello stesso modo: dopo qualche giorno dall'inserimento la meta' posteriore del corpo si scurisce (forse e' solo dovuto al tipo di luce); per qualche settimana stanno bene (alcune femmine hanno anche partorito) e poi improvvisamente li trovo ansimanti o gia' stecchiti. Sul corpo non hanno nessun segno particolare ad eccezione di una femmina che guardata frontalmente presenta le branchie rigonfie e rosse. Ieri mattina l'ho trovata ansimante, ho fatto un cambio d'acqua parziale e la sera sembrava stare meglio. Questa mattina era nuovamente in crisi e non so come la trovero' questa sera. Per quanto riguarda gli avannotti (in sala parto), sono passati da 25 a 7, ogni giorno che passa ne perdo uno o due. E' possibile che solo i guppy hanno problemi?
Hanno qualche esigenza particolare? Cosa posso fare per limitare i danni?
PS Il mio acquario:
V=144 Lt
T=26 °C
NO2 = 0
Illum.=18+18+25 W * 8 ore
Filtro biologico
2 pompe (una nel filtro)
5 piante
2 Corydoras
2 Black Molly + 7 avannotti
2 Platy
3 Guppy + 7 avannotti
7 Neon
ALessandro Cellerino
Purtroppo i guppy che si trovano in commercio provengono per la maggior parte da allevamenti intensivi dell'Asia. Questi pesci sono spesso molto malandati a causa delle condizioni nelle quali vengono allevati e spediti. Non credo che tu faccia nulla di sbagliato, sono i pesci che sono sbagliati. Al contrario, guppy "fatti in casa" cioè nati nelle vasche di appassionati, sono pesci resistenti ed adatti al principiante. Io ti consiglio di tirare su i 7 avannotti che hai e vedrai che diventeranno pesci robusti oppure provare a trovare qualche appassionato nella tua città che riproduce guppy in casa. Vedi se nella tua città c'è un'associazione acquariofila e prova a chiedere a loro.
Marco IGC
Cercherò di essere breve, ma non sarà facile. I guppy sono pesci molto resistenti, ma spesso, è proprio questo il motivo del loro triste destino.
Ricollegandomi alla risposta che ti ha dato Alessandro, i negozianti sanno benissimo che i guppy che vendono non sono sani, ma sanno anche che molte colpe sono le loro!
I guppy che provengono dal sud est asiatico, non sono guppy delicati e malati, ma sono guppy che sono stati allevati e riprodotti in acque molto diverse dalle nostre. L'acqua è salmastra e molti allevamenti si trovano proprio in riva al mare! I grossisti, non tengono conto di questo e lo stress a cui sono sottoposti questi guppy è impressionante. Passano da un'acqua quasi salata ad una dolce. Il guppy una volta dal negoziante, spesso subisce lo stesso trattamento! A questo punto il guppy che ti viene venduto è un pesce fortemente stressato e facilmente cagionevole!! Mettiamoci anche l'ultimo cambio d'ambiente tra negoziante e acquirente e la frittata e fatta!
Purtroppo il prezzo del guppy è bassissimo, perchè altissima è la possibilità di riprodurlo, e quindi il prezzo basso non tiene conto di queste particolarità. Da un punto di vista commerciale il guppy si deve solo vendere e non allevare, anzi se muore è pure meglio, tanto costa poco e lo si ricompra e gli introiti aumentano. Un discus, invece si deve allevare, perchè se muore, poi non è semplice ricomprarlo e magari si perde un cliente. Non si perde un cliente per aver venduto un guppy moribondo, purtroppo;-(.
Ma il fatto che il guppy si riproduca facilmente, non significa che non sia un pesce con le sue esigenze e che debba essere trattato alla stregua di un oggetto. Se gli dai le condizioni migliore per crescere e riprodursi, ti ritroverai guppy bellissimi e fortissimi, praticamente indistruttibili.
Segui il consiglio di Alessandro, chiedi ad amici che hanno guppy loro, oppure controlla che il guppy che acquisti nuoti perfettamente. Ricorda un guppy che dondola (qualunque coda abbia) è un guppy malato. Il guppy sano nuota perfettamente e non mostra il minimo dondolamento. Controlla anche che vada dietro le femmine e che sia sempre preso da loro. Assicurati infine che la femmina che vorrai acquistare, oltre a non dondolare, abbia un bel ventre tondo e non incavato e controlla magari che la cacchina che gli esce dal sedere sia nera o verde o marrone, ma che non sia bianca o filamentosa o spezzettata.
Infine, se vuoi altre informazioni rivolgiti qui http://igc.pesaroservice.it Ciao e scusa la lungaggine:-))
Carlo (11.01.2001)
Il mio Guppy giallo/arancio mi sembra svogliato e "depresso". Passa lungo tempo poggiato sul fondo, svegliandosi di tanto in tanto. Io sono un totale neofita, però mi sembra anche che abbia un'andatura goffa e la spina dorsale leggermente arcuata. Ho letto che se questo fosse vero, sarebbe causato da ipovitaminosi C. Tutti i pesciolini dell'acquario (18lt.) mangiano "Euro life mangime colore" che stando agli ingredienti è anche vitaminizzato.
Tutti gli altri pesci sono al contrario molto vispi, e ci sono anche altri guppy.
A proposito, ho introdotto ieri un poecilia reticulata giallo e nero (è un guppy anche lui no?) portando il numero di guppy da due a tre: può essere dovuto a questo?
La foto del mio acquario la potete vedere in un messaggio postato in questo NG il 9/1/2001 con il subject "aiuto: che pesci ho?" il malato è quello al centro.
Ditemi qualcosa più presto possibile, non voglio vederlo morire! :((
Alcor
> Ho letto che se questo fosse vero, sarebbe causato da ipovitaminosi C.
La vitamina C è molto poco stabile e non presenta problemi da ipervitaminosi (la quantità in eccesso può essere espulsa con l'urina e con le feci), per queste ragioni è sempre meglio integrare l'alimentazione con vitamina C. Comunque, può anche trattarsi di un problema più serio praticamente incurabile, (spero di cuore non sia cosi) ...
>Tutti i pesciolini dell'acquario (18lt.) mangiano "Euro life mangime colore" che stando agli ingredienti è anche vitaminizzato. Tutti gli altri pesci sono al contrario molto vispi, e ci sono anche altri guppy. A proposito, ho introdotto ieri un poecilia reticulata giallo e nero (è un guppy anche lui no?
Si è un guppy anche lui
> portando il numero di guppy da due a tre: può essere dovuto a questo?
I guppy non sono pesci territoriali, sono assolutamente poligami.
>Ditemi qualcosa più presto possibile, non voglio vederlo morire! :((
Purtroppo molti guppy in commercio provengono da allevamenti in cui viene praticato un allevamento molto intensivo e ai limiti della sopportazione della specie. Questo fa si che quello che un tempo era uno dei pesci più resistenti e di facile gestione, oggi sia diventato un animale geneticamente debole e particolarmente vulnerabile alle malattie e per altro, dalle limitatissime risorse immunitarie. Il consiglio a questo punto è curare la qualità dell'acqua, e somministrare un complesso vitaminico nel mangime (senza esagerare)
Va detto che: tutto questo può non servire se il problema è a monte ... Probabilmente non ci sono stati sbagli nell'allevamento
MarcoIGC
> Purtroppo molti guppy in commercio provengono da allevamenti in cui viene praticato un allevamento molto intensivo e ai limiti della sopportazione della specie. Questo fa si che quello che un tempo era uno dei pesci più resistenti e di facile gestione, oggi sia diventato un animale geneticamente debole e particolarmente vulnerabile alle malattie e per altro, dalle limitatissime risorse immunitarie.
Non è proprio questo il motivo principe Marco. Un mio amico mi ha raccontato che un suo amico in viaggio di nozze in tailandia, è andato a visitare questi allevamenti di guppy e gli ha assicurato che i pesci sono tenuti benissimo e sono anche sanissimi. Questo lo si può leggere anche in rete, e a testimonianza di questo sta il fatto che i guppy che provengono dal sud-est asiatico, non sono pesci di 3 mesi, ma spesso pesci di 7 mesi (anche più). Come mai, quindi, fino ad allora vivono senza problemi e una volta arrivati in Europa, in particolare in Italia, crepano? Questo per dirti, che sì gli allevamenti sono molto intensivi, ma è anche vero che le colpe non sono tutte degli asiatici. Non so se hai letto questo articolo www.acquaportal.com/varie/articoli/... Forse qui mi spiego meglio:-))
alcor
I tuoi Guppy come vanno, sono cresciuti un pò?
> Come mai, quindi, fino ad allora vivono senza problemi e una volta arrivati in Europa, in particolare in Italia, crepano?
Non ho mai visitato un allevamento di guppy nel sud est-asiatico, ho visto solo dei documentari in proposito. A un mese circa vengono separati i sessi (la gente del posto usa una conchiglia, come specchio per verificare la presenza del gonopodio...), successivamente vengono trasferiti in piccoli stagni o in enormi box di cemento e lasciati crescere per altri 5 o 6 mesi. Tuttavia, di guppy arrivati dal sud est asiatico ne ho visti molti, (ho lavorato per quasi due anni in una serra che importava quasi esclusivamente dalla Malaysia). ... 200 guppy in un sacchetto da 10 litri per 40 ore! Arrivavano con un acqua nera, che puzzava di ammoniaca in un modo impressionante, roba da far lacrimare gli occhi...
>Questo per dirti, che sì gli allevamenti sono molto intensivi, ma è anche vero che le colpe non sono tutte degli asiatici. No certo, anche di chi certi animali li importa... Non so se hai letto questo articolo
Si grazie, lo ho trovato molto interessante :-)
Carlo
ringrazio molto quanti mi hanno risposto. Nel frattempo sono andato da un rivenditore e, mentre gli chiedevo un integratore di vitamina C, mi accorgevo che lui apprendeva in quel momento che è il rimedio alla spina dorsale curva. Così ho solo preso del tetrafresh dafnie intere per variare un po' l'alimentazione.
Per quanto riguarda il complesso vitaminico da aggiungere, DITEMELO VOI, vi chiedo dei nomi precisi, con marca e tutto quanto. Ditemelo presto, così magari lo salvo.
Fra l'altro da ieri a oggi è peggiorato: ha la spina dorsale ad arco e ora anche storta da un lato: di conseguenza nuota male. Tenta di trovare cibo sul fondo, cosa che non credo usuale per un guppy.
Non vedo l'ora che mi rispondiate...
MarcoIGC
Usa il gusto artemie, lo gradiscono molto di più. Se leggi l'ultimo numero de "il mio acquario" trovi un interessante articolo di Costantino Orlandi che illustra molto bene la malattia che ha colpito il tuo guppy. Non mi sembra cmq che parli di carenza di vitamina C.
ZioMaury
Ho letto il tuo articolo, e l'ho trovato molto interessante, anche se un po' troppo contro i negozianti:-))))) E' vero che i Guppy asiatici si fanno un pacco di strada per venire da noi, ma è vero anche che da Singapore e dal sudest asiatico arrivano neon ed altro e ti garantisco che arrivano nella medesima acqua puzzolente che descriveva Marco, ma chissà come mai danno meno problemi dei guppy o di altri pecilidi. Chissà come mai anche i Guppy olandesi, tedeschi o della repubblica Ceka, presentano i quasi medesimi problemi. Molto dipende è vero dai fornitori, molto dipende anche dai negozianti, ma parliamoci francamente, i Poecilidi in generale sono purtroppo degenerati. Credo che non sia meno di una trentina di anni (ma presumibilmente di più) che vengono allevati industrialmente, incrociati e reincrociati.
Per i "vecchi" dell'acquariofilia il guppy era da sempre sinonimo di robustezza; mi spiego in che senso. Ero un bimbo di 6 anni quando ho fatto il mio primo acquario tropicale (si perchè quello con i gobbetti pescati nel laghetto di Ghirla era un secchio e ce l'avevo da almeno un anno:-))))))))))) e i guppy che pigliavo ti garantisco erano rocce. Molto probabilmente allora tutti i pesci in commercio erano del sudest asiatico e non davano problemi (pensi che un bimbo di 6 sappia riconoscere un puntino bianco di Ictio da altre cose?) Ricordo che in vasca avevo i coralli marini e usavo solo l'aeratore perchè la vasca era mia e me la dovevo curare io e non sapevo a cosa servisse un alambicco strano (filtro?) e l'acqua non la cambiavo ma... l'aggiungevo. Ogni pesce nuovo alla fine schiattava, tranne... indovina un po' chi? Ma certo proprio loro, i mitici Lebistes:-))))))))))))) e ne avevo una valanga e si riproducevano. Quelli di oggi al loro confronto sono delle fighette molli:-)))))))))))))
Un'altra dimostrazione lampante è data dalla moltitudine di persone che allevano con successo i Guppy in acque acide e tenere (se non erro il WalterOne) o viceversa in acqua salmastre e i successi sono i medesimi (non si spiegherebbe altrimenti il modo in cui la specie sia diventata cosmopolita, colonizzando in passato anche aree del sud Italia).
>> Purtroppo molti guppy in commercio provengono da allevamenti in cui viene praticato un allevamento molto intensivo e ai limiti della sopportazione della specie. Questo fa si che quello che un tempo era uno dei pesci più resistenti e di facile gestione, oggi sia diventato un animale geneticamente debole e particolarmente vulnerabile alle malattie e per altro, dalle limitatissime risorse immunitarie.
Ritengo in conclusione che sia proprio il motivo menzionato da Marco che ha distrutto la robustezza dei Guppy. Ovviamente se si associano gli ambientamenti dopo 40 ore di sacchetto alla "don gennaro capuozzo" si fa alla svelta a far schiattare un mare di pesce. In ultimo vorrei citare alcune righe recuperate da "tutto Guppy " Primaris scritto da un certo Dieter Vogt:" ....allevatori professionisti hanno registrato gravi perdite nei maschi adulti con pinna caudale gialla o verde..." pag 63 nel capitolo relativo alla genetica. Afferma infatti che combinazioni genetiche atte a trovare nuove varietà, sebbene non sia certo, potrebbero produrre difetti a livello immunitario. Sempre sul medesimo testo si parla anche della deformazione della colonna vertebrale, che può derivare sia da incroci tra consanguinei, che da carenze di vitamina D nei riproduttori che ha come conseguenza tardiva nella prole questa degenerazione. Possono anche essere causate da malattie date da sporozoi. Concludendo:-)))))))))))))))) W I GUPPY MADE IN ITALY
Demy (26.07.2000)
"Mai mischiare tra loro ceppi diversi di Guppy, la Malattia colonnare li distruggerebbe!"
l'ho letto su acquariolife... che malattia è? e cosa si intende per ceppi diversi?
MarcoIGC
> l'ho letto su acquariolife... Scusa la mia ignoranza... parli del sito o di una rivista? che malattia è? e cosa si intende per ceppi diversi?
Forse hai letto male, o forse è stato fatto uno studio che smentisce fin quanto detto oggi. Praticamente bisogna fare il contrario di quello che dici (o dicono). Dopo 5-8 generazioni (dipende dalla qualità del ceppo) i guppy vanno incrociati con nuovi ceppi , cioè con nuovi guppy che non siano parenti a quelli che hai fatto riprodurre fino ad adesso. Questo serve per rinforzare la razza ed evitare la malattia della colonna vertebrale. Per saperne di più vai al sito dell'Italian guppy club (lo trovi nella mia firma) http://igc.pesaroservice.it
ZioMaury
>Praticamente bisogna fare il contrario di quello che dici (o dicono). Dopo 5-8 generazioni (dipende dalla qualità del ceppo) i guppy vanno incrociati con nuovi ceppi , cioè con nuovi guppy che non siano parenti a quelli che hai fatto riprodurre fino ad adesso. Questo serve per rinforzare la razza ed evitare la malattia della colonna vertebrale.
D'accordissimo con te Marco. Probabilmente la citazione fa riferimento a batteriosi acute che possono colpire i Guppy e che ceppi differenti da quelli allevati ne possano essere portatori sani. E' però sacrosanto che incrociando ceppi diversi li si rafforza a livello immunitario, rendendoli meno sensibili anche a queste infezioni. Io credo che già dalle 2a, massimo 3a generazione tutti i pesci debbano prendere sangue nuovo.
MarcoIGC
> Io credo che già dalle 2a, massimo 3a generazione tutti i pesci debbano prendere sangue nuovo.
Si, certamente, però sai qual è il problema? Chi alleva guppy show non se lo può permettere, nel senso che per avere una linea pura e con buone caratteristiche, devono passare alcuni anni e in due tre generazioni non ce la fanno a selezionarli. Però c'è un lato positivo e cioè che comunque sia l'allevatore selezionerà sempre il pesce più bello e più forte, e il rischio di malformazioni scende (almeno in teoria) e gli altri pesci saranno venduti o regalati. Il discorso cambia se invece fai riprodurre casualmente sempre lo stesso ceppo di guppy senza una selezione accurata. Qui il rischio che maschi con malattie o malformazioni facciano degenarare la razza è molto alto e quindi sarebbe meglio rinnovarli ogni due tre generazioni come sottolineavi tu.
ZioMaury
> Io credo che già dalle 2a, massimo 3a generazione tutti i pesci debbano prendere sangue nuovo.
> >Si, certamente, però sai qual è il problema? Chi alleva guppy show non se lo può permettere,

verissimo, però non lamentiamoci se imunologicamente parlando spesso sono un po' debolucci: d'altra parte come pensi che facciano gli allevatori professionisti di Singa a fissare gli standard genetici? Addirittura qualche anno fa una particolare varietà giallo-verde di Guppy, i maschi duravano veramente poco: probabilmente insieme ai caratteri cromatici veniva trasmesso anche qualche gene difettoso nel cromosoma Y (presente solo nel sesso maschile) che creava questi problemi (vedi anche "Tutto Guppy" di Dieter Vogts edito da Primaris - pag 62).
Inoltre tu sai come la penso io: le cose più belle sono quelle che crea la natura; un Guppy pieno di ammennicoli e di colori galattici, e che magari non riesce nemmeno a nuotare per me non è un Guppy............se poi magari è pure sfigato a livello di salute............NO COMMENT:-)))))))))))) Comunque a livello di cronaca gli ibridi P. reticulata x P. endler stanno crescendo e hanno dei colori spaziali (i maschi:-))))))
Nella stessa vasca ho però anche dei Guppy provenienti da 2 posti diversi, quindi con il minestrone che ho dentro, fra Endler puri, ibridi e Guppy di diversi posti spero di avere dei pesci con degli anticorpi con 2 OO così:-)))))))))) In una tinozza in balcone ho invece ancora un po' di Endler, dato che ultimamente hanno avuto dei problemi di batteriosi e, dopo la cura, ho dovuto rifare la vasca e sfoltire la popolazione regalando il surplus ad un allevatore delle mie parti; il casino mi era successo a causa del sottosabbia intasato. A ottobre regalerò loro una vasca tutta nuova, dato che sono dei veri gioiellini e ci sono particolarmente affezionato... purtroppo non sono prolifici come i loro cugini Guppy:-(Tornando ai Guppy del mitico Maughè, ha dimenticato di dire 2 cose: 1 sono bellissimi (per me) 2 molti di essi ricordano i selvatici sia come forma che come colore e forse ecco spiegato il segreto della bellezza e della salute dei suoi pesci.
> nel senso che per avere una linea pura e con buone caratteristiche, devono passare alcuni anni e in due tre generazioni non ce la fanno a selezionarli. Però c'è un lato positivo e cioè che comunque sia l'allevatore selezionerà sempre il pesce più bello e più forte, e il rischio di malformazioni scende (almeno in teoria) e gli altri pesci saranno venduti o regalati.
In parte può essere vero, ma sicuramente anche quello bello esteriormente, geneticamente sarà uguale ai suoi fratelli, e se in quelli selvatici gli esemplari con difetti genetici sono praticamente assenti (non potrebbero sopravvivere nemmeno un minuto in un ambiente altamente selettivo), non è così per gli esemplari di allevamento, dove magari vengono alla luce 9 sgorbi e 1 bello, che però sarà portatore del gene della "sgorbiezza":-))))))))))))) e se questo gene della sgorbiezza è relativo alla produzione degli anticorpi, incrociato con un consanguineo ci consente di capire il perché oggi è più facile tenere i Discus che i Guppy. Il discorso cambia se invece fai riprodurre casualmente sempre
>lo stesso ceppo di guppy senza una selezione accurata. Qui il rischio che maschi con malattie o malformazioni facciano degenerare la razza è molto alto e quindi sarebbe meglio rinnovarli ogni due tre generazioni come sottolineavi tu.
Questo è senza ombra di dubbio: se fai riprodurre anatroccoli, difficilmente usciranno dei Cigni:-))))))))) In conclusione sono convinto che la selezione portata all'eccesso per puri scopi estetici, sia contro natura e che alla lunga possa produrre effetti negativi.
Maurizio
> Io credo che già dalle 2a, massimo 3a generazione tutti i pesci debbano prendere sangue nuovo
SSSSSSsssssshhhh!!! Non farti sentire dai miei guppy, ormai ho perso il conto di quante generazioni sono passate senza che abbia aggiunto qualcuno nuovo :-)))
MarcoIGC
Ah sìììì:-)))) Lo hai voluto tu allora:-)))))))))))) GUPPYYYYY DI MAURIZIOOOOO METTETIVI IN SALVO FINCHE' SIETE IN TEMPOOOOO!!!! NON FATE L'AMORE!!!!!!!!:-DDDDDDDDD Avranno sentito??:-))) Apparte gli scherzi, come stanno? Hai per caso notato che sono diminuiti di taglia? Ma da quanto tempo è che sono sempre gli stessi?
Maurizio
> Avranno sentito??:-)))
No, gli ho tappato le orecchie uno ad uno :-) Non ho delle mani, ho dei tentacoli :-)))
> Apparte gli scherzi, come stanno? Hai per caso notato che sono diminuiti di taglia? Ma da quanto tempo è che sono sempre gli stessi?
Stanno benissimo e non direi che siano diminuiti di taglia, ho una femmina che sembra incrociata con una trota :-) Credo che l'ultimo esemplare esterno sia stato inserito tre o quattro anni fa', vorrei mettere qualcuno nuovo ma ho paura di immettere qualche malattia. Comunque a Settembre mettero' dei pesci nuovi, me li hanno gia' promessi, vengono da un altro acquario e quindi mi fido :-)
marco
E' da un po' di tempo che i guppy del mio acquario vengono colpiti da una malattia che in meno di una settimana fà morire il pesciolino colpito. Generalmente il soggetto colpito comincia ad isolarsi dal gruppo e, successivamente, a presentare delle zone + chiare in alcune zone del corpo. Dopo poco tempo queste macchie biancastre si iniziano a espandere ed a gonfiarsi,le pinne si iniziano a sfrangiare scoprendo i raggi. Nell'ultimo giorno di vita i guppy chiudevano le pinne e nuotavano dondolandosi.
Nel mio acquario (80 lt lordi) sono presenti: 2 Trichogaster trichopterus 2 Trichogaster leeri 4 portaspada (2m e 2f) 4 guppy (2m e 2F) 3 Corydoras punctatus 8 avannotti di guppy e portaspada varie piante a crescita rapida e non L' acqua ha i seguenti valori : No2=0 No3=0 Gh=10 Kh=15 Ph=7.2 Temp=26° Per far scendere i valori Gh e Kh sto facendo cambi con acqua di osmosi (10 lt ogni settimana da 2 settimane) ma stentano a scendere.
Secondo voi i miei guppy sono colpiti da malattia colonnare o da qualche altra forma di batteriosi? Che medicinale dovrei utilizzare? il mio negoziante dice che secondo lui dovrei prima migliorare le condizioni dell'acqua e poi ,se i miei guppy continuano a morire, utilizzare qualche medicinale. In un acquario "misto" come il mio quali sono le caratteristiche che dovrebbe avere l'acqua?Per raggiungerle continuo a provare con l'acqua di osmosi? Un'altra cosa che mi incuriosisce è che SOLO i guppy vengono colpiti mentre i portaspada ,non solo sembra che stiano benissimo, ma si riproducono anche!!! Perchè?
Nuzzo Gennaro
allora il fatto che vengano colpiti solo i Guppy è dovuto al fatto che la malattia è specifica per quella specie !!! Di solito introdotta in acquario da pesci di recente acquisto !!!! Anche diversi da quelli malati !! Curare malattie batteriche in vasca arredata non è molto consigliato, se si usano antibiotici !!! Si cerca sempre di migliorare le condizioni e usare medicinali diversi !!! La cosa migliore è acquistare pesci sani !!!! facile a dirsi ovviamente !!!! Ma di solito non si fa molta attenzione o non si ha esperienza!!!! Fidarsi del negoziante non se ne parla neanche !!!! Tanto vale prendere pesci a caso!!!! Rimane solo far esperienza sulla propria pelle !!! E purtroppo anche su quella dei nostri beniamini !!! :-( PS: è ovvio che non tutti i negozi sono cosi, ma di sicuro lo sono, dove pagate i pesci la metà del loro valore !!!! Meditate gente !!! E' meglio pagare il doppio un pesce sano che non 4 al prezzo di uno !!!!
ZioMaury
>Secondo voi i miei guppy sono colpiti da malattia colonnare o da >qualche altra forma di batteriosi?
Sicuramente: chiazze bianche e pinne che si sfrangiano sono sintomi abbastanza chiari di batteriosi. Al momento mi viene da dire: evita di ricercare valori "ottimali" prova invece a cambiare anche tutti i giorni un po' di acqua per diminuire la carica batterica presente in vasca. Un aiutino te lo può anche dare il sale: empiricamente un cucchiaino ogni 5 L. Si possono anche utilizzare degli appositi rimedi antibatterici reperibili nei negozi, o meglio, acquistare solo guppy made in Italy:-)))) Purtroppo le continue selezione esasperate hanno indebolito incredibilmente questi pesci a livello genetico e i risultati sono sotto gli occhi di tutti noi.
>Che medicinale dovrei utilizzare?
Prodotti specifici antibatterici per acquariologia.
>mio negoziante dice che secondo lui dovrei prima migliorare le condizioni dell'acqua
Sicuramente qualche cambio in più non fa male.
>utilizzare qualche medicinale. In un acquario "misto" come il mio quali sono le caratteristiche che dovrebbe avere l'acqua?
Evitare durezze troppo basse, ma non è il tuo caso.
> Per raggiungerle continuo a provare con l'acqua di osmosi?
Evita l'osmosi al momento. Quando i pesci staranno bene allora ci permetteremo di fare i pignoli.
>Un'altra cosa che mi incuriosisce è che SOLO i guppy vengono colpiti mentre i portaspada, non solo sembra che stiano benissimo, ma si riproducono anche!!! Perchè?
Per i motivi di selezione genetica prima spiegati.
>Chiedo scusa per la lunghezza della lettera e ringrazio in anticipo tutti tutti quelli che mi risponderanno!!!
Se i tuoi guppy continuano a morire: NON COMPRARNE PIU'!!! Cerca di fartene regalare qualcuno italiano, vedrai che avrai meno problemi. Ciao
MarcoIGC
Salviamo il GUPPY! (campagna di sensibilizzazione)
Molti avranno sorriso, ma vorrei trattare questo argomento in modo serio. Mi sono stufato di leggere messaggi di guppy malati, di frasi che dicono che il guppy non è resistente ecc. ecc. Ho scritto allora un articolo per far capire una volta per tutti i motivi per i quali si leggono spesso questi messaggi. Ho fatto un po' di ricerche in rete ed è venuto fuori quello che trovate qui: http://www.acquaportal.com/varie/articoli/articolomarco_rosetti2.htm Adesso invito Maurizio ad inserire questo articolo nella FAQ e tutti quelli che hanno un sito a copiarlo e a farne l'uso che meglio ritengono. L'articolo può sembrare molto polemico, ma è la pura verità, quindi spero di non offendere nessuno (negozianti in particolare). Grazie per l'attenzione. S A L V I A M O I L G U P P Y!!!!!!!!
Alessandro Cellerino
Ciao Marco, se leggi l'ultima versione delle FAQ troverai qualcosa a riguardo. Cmq il tuo articolo spiega due cose importanti
1. Perchè i guppy muoiono
2. Perchè la gente se ne frega (io dico sempre che li comprano come fiori)
Comunque per quel che ne so io esistono anche allevamenti italiani. Forse varrebbe la pena di chiedersi perchè si comprano i pesci da Singapore quando sicuramente si potrebbero allevare guppy (e platy) in Italia in quantità sufficienti da soddisfare il mercato.
MarcoIGC
> Comunque per quel che ne so io esistono anche allevamenti italiani. Forse varrebbe la pena di chiedersi perchè si comprano i pesci da Singapore quando sicuramente si potrebbero allevare guppy (e platy) in Italia in quantità sufficienti da soddisfare il mercato.
Si, lo so. I guppy che vendono sono sani, ma c'è un altro problema che si ricollega allo SCHIFOSISSIMO discorso commerciale, e cioè "sono brutti"! Non hanno colori come quelli asiatici e quindi vendono meno. Nuzzo Gennaro, ma anche io stesso, quando diamo via dei guppy commerciali, la cosa che ci sentivamo dire spesso è che erano poco colorati! Infatti si cerca sempre (almeno io) di trovare tonalità molto rosse per incrociare questi guppy non di razza per farli sembrare più appariscenti!
Tempo fa vidi i guppy non di razza di Gennaro ed erano a mio avviso bellissimi e nonostante questo mi disse che i negozianti pretendevano colori ancora più sgargianti (figuriamoci!!!!) I miei e quelli di Gennaro, ma anche quelli della Panaque sono pesci sani, ma ancora faticano ad imporsi a causa dello stereotipo sui colori;-(( E' anche vero che i guppy che vengono da singapore dopo un po' perdono la loro brillantezza, dovuta all'acqua salmastra, ma vaglielo un po' a spiegare a chi li compra e a chi li vende!
Rusty
> Hai sicuramente ragione, ma se ho capito bene tu affermi che la delicatezza dei Guppy sia dovuta solo alla durezza e all'acidità?? Mi permetti di credere che sia un pò restrittivo??? :))
Concordo , l'acqua ha la sua parte rilevante , ma io credo che in asia si faccia uso sia di ormoni per aumentare la colorazione, sia di quantità massicce di antibiotico per diminuire la mortalità , se in più ci mettiamo i reincroci abbiamo un quadro disarmante della situazione :-(
Io per esempio comprai dei guppy all'apparenza sani (magari non ero super smaliziato) una femmina morì poco dopo, il maschio durò qualche mese, poi ebbe un attacco di idropisia fulminante l'altra femmina durò poco di più, però fecero in tempo a fare svariate nidiate, ebbene i figli non si rivelarono meglio dei genitori, e generazione su generazione peggiorarono sempre, dopo un picco di popolazione di parecchie decine ora sono ridotto con due maschi adulti, un maschio giovane ma tutto sciancato, una femmina sciancata, ora ho aggiunto una femmina sana avuta da un amico e ne acquisterò un paio di nuove per i maschietti rimasti, in più andando avanti nelle generazioni ho notato sempre più esemplari sterili nei due sessi, ora potrete anche dire che è colpa mia, ma non ci credo troppo, detto che i platy sono andati molto meglio, e nessun altro ospite di quella vasca ha mai avuto problemi, adesso ho isolato i poecilidi, in una vasca dedicata, quindi mi preoccupo meno dell'espansione demografica, ma è più di un mese che non ho nuove nascite boh!.-)))
Alessandro Cellerino
> ma io credo che in asia si faccia uso sia di ormoni
Forse, però non so se abbiano effetto solo sulle femmine o anche sui maschi
> sia di quantità massicce di antibiotico per diminuire la mortalità
Questa l'ho sentita anche io
> se in più ci mettiamo i reincroci abbiamo un quadro disarmante della situazione :-(
I reincroci non credo che contino molto perchè i figli scegli statti pesci se nati nelle nostre vasche sono molto robusti. Credo che sia fondamentalmente un problema di condizioni d'allevamento intensivo.
> ebbene i figli non si rivelarono meglio dei genitori, e generazione su generazione peggiorarono sempre, dopo un picco di popolazione di parecchie decine ora sono ridotto con due maschi adulti, un maschio giovane ma tutto sciancato, una femmina sciancata, ora ho aggiunto una femmina sana avuta da un amico e ne acquisterò un paio di nuove per i maschietti rimasti, in più andando avanti nelle generazioni ho notato sempre più esemplari sterili nei due sessi,
In molti casi però non è così
> detto che i platy sono andati molto meglio
La mia impressione è che i platy siano ancora più adattabili dei guppy, ma può essere un'impressione.
MarcoIGC
Il discorso sugli ormoni e sugli antibiotici è un altro tema, molto più ampio e sicuramente non confinato solo all'allevamento del guppy. Hai parlato anche di guppy sterili, ma non credo sia una cosa esatta. Sono rarissimi (almeno a me non è mai capitato) casi di guppy sterili. Forse più che sterili i tuoi e forse quelli di chi crede la stessa cosa sono malati, o la sterilità può essere una conseguenza di qualche malattia. I guppy che nascono sterili credo siano una percentuale bassissimissima :-)
MarcoIGC
> Hai sicuramente ragione, ma se ho capito bene tu affermi che la delicatezza dei Guppy sia dovuta solo alla durezza e all'acidità?? Mi permetti di credere che sia un pò restrittivo??? :))
Ma perchè si capisce questo dal testo? La delicatezza sta nel fatto che i pesci asiatici subiscono stress impressionanti passando da acque salmastre a dolci e soprattutto alla poca curanza da parte del neofita e dei venditori nel gestirli, reputandoli pesci "facili". Il ph e la durezza sono fattori che si aggiungono, ma non i principali. Come mai hai evinto questo?
MarcoIGC
> Io ho capito che manca un adeguato adattamento dei pesci da acque salmastre ad acque totalmente dolci!!
Giusto:-)
> Mi riaggancio e continuo quello che ha detto il caporale, chiedendo se qualcuno sa con cosa vengono nutriti i pesci negli allevamenti, se l'acqua è priva di inquinanti etc... P.S. anzi io ho capito che gli allevamenti asiatici svolgono un buon lavoro, mentre quelli europei...:(( Forse ho capito male!!
Non ho parlato di allevamenti europei. Da quello che ho letto e che posso dedurre, visto i soldi che fanno e i pesci che vendono, i guppy sono allevati molto bene, in vasche di cemento di tre metri per uno per uno e adottano tutti i particolari del caso. Il cibo oltre a quello che gli forniranno loro, sicuramente è fondamentale l'apporto di quello naturale visto che sono allevamenti all'aria aperta. :))
> Ma non ho capito il significato di: "Va aggiunto, inoltre, i valori del pH e GH che da noi raramente troviamo nell'acqua che sgorga dal nostro rubinetto." Cioè, raramente troviamo i valori di pH e GH nell'acqua dei nostri rubinetti??
Non so com'è l'acqua della tua zona, ma in linea di massima l'acqua che sgorga dal nostro rubinetto ha un ph intorno ad 8 e durezze più elevate di 10dgh, capito adesso??:-))

... VARIE

Solelibero (25.03.2004)
Ma come mai, tutti i Guppini che le mie tre femmine partoriscono, sono a loro volta femminucce???
Possibile che su 12 "sopravvissuti" (non li separo) non ci sia nemmeno un maschio?
EC
Hai il pH basso?
> Possibile che su 12 "sopravvissuti" (non li separo) non ci sia nemmeno un maschio?
Allora non fa testo. Magari la ventina di piccoli che e' morta erano tutti maschi. Dovresti vedere sull'intera popolazione di nascituri. A me succede l'estate sul terrazzo che nascano solo femmine e penso dipenda dal pH basso dell'acqua piovana.
Renato Zamboni
Potrebbe essere il valore del pH inadeguato o la temperatura dell'acqua.
A pH superiori ad 8 e con una temperatura oscillante dai 21 ai 28 gradi la popolazione e' equamente suddivisa tra maschi e femmine. C'e' da dire che le femmine crescono molto piu' velocemente e che i maschi potrebbero soffrire della competizione alimentare
Enrico il Pentolaio (20.03.2004)
ma il nome scientifico non era Poecilia reticulata? quindi lebistes non c'entra proprio un piffero...
Aragorn
se non sbaglio è il nome vecchio con cui erano stati classificati
Dainese
Più o meno è così, pare che nel 1859 un certo Peters di Berlino classificò una femmina di questi "guppy" con il nome di Poecilia reticulata. Sempre nel 1859 l'italiano de Filippi, che disponeva anche di maschi, notò differenze nella struttura del gonopodio rispetto alle Poecilia conosciute all'epoca e scelse il nome di Lebistes poeciloides, che più o meno significa Lebistes simili a Poecilia. Più di cento anni dopo si decise che Lebistes è un sottogenere dei Poecilia.
Liberamente tratto da "Tutto Guppy" di Dieter Vogt

Riferimenti & Link

Articoli Correlati

Platy: Tutto Quello Che...

Xiphophorus maculatus - Foto © Bjarne Saetrang (Aquadigital.net)

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere sull'allevamento e la riproduzione degli Xiphophorus maculatus, i Platy, grazie ai messaggi più interessanti di it.hobby.acquari

Allevamento in acquario di Poecilia spp. "molly"

Black Molly, femmina - Foto di Hristo Hristov

Tra i più noti pesci d'acquario, il molly si presta bene alla vita in cattività a causa della sua elevata prolificità ed alla sua spiccata tolleranza alle più diverse condizioni ambientali. Anche se spesso si tende a considerarlo un pesce "da principianti", esso può riservare grandi soddisfazioni anche all'acquariofilo esperto - articolo di Serafino Teseo

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario siete pregati di rivolgervi dove ci sono delle persone più esperte in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, ma ce ne sono molti altri :)

Aggiungi un commento

  • No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette