• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
12 minuti
Letto finora

Cosa fare se hai gia' una tartaruga in casa

Mar, 01/31/2012 - 17:02
Posted in:
14 comments

Articolo tratto dal sito dell'A.R.F. Associazione Recupero Fauna - No profit, che si occupa della sensibilizzazione sulle esigenze delle tartarughe acquatiche, le testuggini.
adozioni testuggini palustri
trasporto testuggini palustri presso centri recupero specializzati

Si tratta di un "vademecum" per la cura e la gestione delle tartarughe.
Non si pensi che, seguendolo, la vita di una tartaruga in casa diventi accettabile. Si tratta solo del lenimento di una sofferenza cominciata con l'olocausto del trasporto, che porta alla moria, entro il primo anno, dell'80-90% degli esemplari allevati.

Piccola tartaruga

No! alle tartarughe nelle mini-vaschette

Se il danno e' stato fatto, e avete gia' una tartaruga d'acqua dolce in casa, e' essenziale che sappiate come fare in modo che non muoia. Questa e', infatti, la cosa piu' probabile che le possa succedere entro pochissimi anni (se non mesi) dal suo ingresso nel vostro habitat.

Le tartarughe più comuni in casa al momento sono:

Tartaruga orecchie rosse (Trachemys scripta elegans)

Tartaruga orecchie rosse
(Trachemys scripta elegans)

Tartaruga orecchie gialle (Trachemys scripta scripta)

Tartaruga orecchie gialle
(Trachemys scripta scripta)

Tartaruga carta geografica (Graptemys kohni)

Tartaruga carta geografica
(Graptemys kohni)

 

Allevamento e cura in cattivita'

locandina per l'allevamento delle tartarughe acquatiche

Se la tartaruga e' ormai in casa, bisogna partire con l'idea che piu' spazio c'e', meglio e'.

Si pensi alle dimensioni che raggiungera' la tartaruga una volta diventata adulta, specie se femmina.
Si dimentichino, percio', le vaschette "lager" con la palma di plastica e 2 cm d'acqua che si vendono abitualmente nei negozi. (tra l'altro divenute illegali a Roma secondo l'ultimo Regolamento Comunale). Le tartarughe hanno bisogno di una vasca adeguata in cui possano nuotare, di una zona asciutta dove muoversi, di sole (ma anche della possibilita' di stare all'ombra), di una giusta alimentazione e di amore.

Laghetto artificiale

L'habitat ideale per tenere al meglio una tartaruga d'acqua dolce è un laghetto all'aperto, realizzabile in giardino. In commercio si trovano vasche che possono essere interrate per costruire laghetti artificiali.

Cercate di sistemare la vasca in una zona dove ci siano sia sole che ombra: il primo è imprtante per mantenere l'acqua a una temperatura idonea alla testuggine ma anche per favorire lo sviluppo di piante acquatiche; la seconda serve per non causare surriscaldamento corporeo. L'animale deve pero' potersi esporre al sole, indispensabile per la sua sopravvivenza. Il rammollimento del carapace causato dalla carenza di esposizione al sole porterebbe la tartaruga alla morte.

Se e' importante che la tartaruga possa uscire dall'acqua, e' importante anche una recinzione per evitare che si trovi in pericolo (le tartarughe non hanno cognizione del vuoto. Ci si buttano dentro, credendo che si tratti di uno specchio d'acqua e quindi possono ruzzolare giù da scale e muretti).

Chi ha una terrazza puo' usare una vasca di plastica rigida [es: piscine per bambini], allestita con una zona asciutta all'interno,come un grosso sasso, dove la tartaruga si sistemera' per prendere il sole.
Si faccia attenzione alla temperatura invernale. Le tartarughe adulte si adattano bene al clima italiano. Tuttavia, e' indispensabile dotarsi di un termoriscaldatore (e' molto economico), che tenga la temperatura del laghetto a livelli accettabili (minimo 20 gradi centigradi). Il termoriscaldatore e' indispensabile per le tartarughe non adulte.

Acquaterrario, o Terracquario

terracquario

Per chi non ha il giardino, la soluzione migliore consiste nell'utilizzare un acquario di vetro o plexiglass, materiale facilmente lavabile e disinfettabile. Se la tartaruga e' sotto i 10 cm di lunghezza, si puo' usare un acquario delle dimensioni minime di 60 x 30 x 30 cm. Naturalmente, man mano che crescera', la vasca dovra' essere sostituita da una piu' grande.

Si eviti di usare, come fondo dell'acquario, ghiaia troppo piccola. Se ingoiata, potrebbe causare una costipazione intestinale. Meglio non mettere nulla, facilitando così il mantenimento della pulizia della vasca, oppure scegliere ciottoli delle dimensioni adeguate.

L'acquario dovra' essere fornito di una zona asciutta e facilmente raggiungibile dalla tartaruga, che potrà essere costituita da un pezzo di legno, sughero o da rocce.

Attenzione alle piante di plastica, che possono ferire l'animale. Meglio piante vere e commestibili, come la Salvinia natans o la Lemna minor (entrambe chiamate lenticchia d'acqua), che ossigenano l'acqua e rendono l'ambiente più naturale.

Si eviti, inoltre, il sovraffollamento, perché le tartarughe sono animali molto aggressivi. Possono arrivare a ferirsi gravemente fra loro.

Temperatura dell'acqua e illuminazione

La temperatura ideale dell'acqua e' di 24-26°C di giorno, con una (non indispensabile) riduzione di circa 5°C di notte. Questo si ottiene con riscaldatori collegati a un termostato (termoriscaldatori acquistabili in qualsiasi negozio di animali, con spesa modica).

Come e' stato gia' detto, di vitale importanza per la salute della tartaruga e' l'esposizione al sole. Durante le giornate calde e soleggiate, e' un'ottima pratica permettere alle tartarughe di esporsi alla luce solare diretta, fornendo sempre la possibilità di ripararsi all'ombra.

Si tenga presente che la luce solare filtrata da un vetro o dal plexiglas non apporta raggi ultravioletti ed e' perciò inutile.

Se quest'esposizione non e' possibile, si possono utilizzare lampade che emettano lo spettro completo di radiazioni, compresi i raggi ultravioletti. Anche queste lampade sono acquistabili presso negozi di animali. Sono specifiche per i rettili e non vanno confuse con le lampade per i pesci.
La lampada sostituira' la luce solare. La luce va lasciata accesa per 12-14 ore al giorno. La lampada va sostituita ogni 9-12 mesi, anche se sembra ancora funzionante (perde presto il potere di emettere raggi UVB).

Pulizia dell'ambiente

Per evitare problemi di salute alla nostra tartaruga, e' molto importante tenere pulito il suo ambiente. Se la tartaruga e' in un laghetto artificiale o in una piscina, si procedera' a cambiare l'acqua togliendo con un secchio quella sporca, per poi aggiungerne di pulita (possibilmente lasciata decantare almeno 12 ore in modo che sia a temperatura ambiente e sia evaporato il cloro).

Nell'acquaterrario e' necessario installare un potente filtro, possibilmente esterno così da risparmiare spazio nella vasca, per eliminare gli odori sgradevoli e l'imputridimento dell'acqua. Vanno effettuati poi cambi regolari d'acqua ogni 10-15 giorni, a seconda di quanto si sporca. Ci sono in commercio ottimi filtri esterni anche a basso prezzo

La primavera e l'estate sono le stagioni piu' critiche. Infatti, in quel periodo, le tartarughe mangiano e sporcano molto. Quindi, e' necessario cambiare una parte d'acqua piu' spesso.

Da notare che la presenza di MOLTA acqua rende piu' improbabile uno shock termico allorquando si cambia parte dell'acqua stessa (ad esempio cambiare 30 litri di una vasca da 100 piuttosto che in una da 50 rende meno probabile che la tartaruga contragga una polmonite e muoia in una settimana, a causa dell'improvvisa diminuzione della temperatura).

L'alimentazione ideale

Trachemys scripta scripta

Le testuggini d'acqua hanno una dieta prevalentemente carnivora fino al compimento del 2° anno di età, mentre durante la vita adulta la dieta diventa decisamente onnivora. Alcune specie restano più carnivore di altre, quindi informatevi sempre sulla specie a cui appartiene il vostro animale.

La maggior parte delle testuggini acquatiche in natura preda una grande varietà di animali: pesci, molluschi, crostacei, lumache, insetti acquatici, piccoli di uccelli acquatici. Queste prede gli forniscono non solo proteine, ma anche il calcio in quantità bilanciate (viene mangiato l'intero animale, ossa incluse, non solo le parti carnose).

Nutrire l'animale solo con cibi confezionati (come i comuni gamberetti essiccati) è un errore gravissimo che porta alla morte dell'animale entro poco tempo. Questi alimenti sono infatti molto poveri dal punto di vista nutrizionale e privi di fibre, vitamine e minerali.
Non si dovrebbe neppure somministrare una dieta basata su pesciolini secchi (whitebait fish), poiché troppo ricchi di olii che porterebbero a delle steatiti o a delle infiltrazioni di grasso nel fegato.

In cattività è essenziale fornire alla nostra tartaruga tutti gli elementi di cui ha bisogno, nutrendola con un'alimentazione varitata e bilanciata, simile a quella che avrebbe in natura.

Dieta suggerita:

  • Pesce crudo (intero), meglio se d'acqua dolce (alborelle, trote, rovelle)
  • Verdure a foglia (cicoria, bieta, tarassaco, radicchio)
  • Gamberi (non in salamoia!), seppie, calamari
  • Lombrichi
  • Lumache e altri molluschi
  • Cibi secchi in pellet

Saltuariamente:

  • Carne di pollo
  • Crocchette per cani e gatti
  • Frutta

Le diete ricche di carne sono errate perché la carne è ricca di fosfati e povera di calcio. Questo può causare gravi problemi alle tartarughe, che necessitano di notevoli quantità di calcio per un'ossatura forte e lo sviluppo del carapace.

In natura la maggior parte delle testuggini acquatiche si nutre di chiocciole e crostacei, che hanno un guscio o un esoscheletro ricco di calcio. In cattività questa risorsa è raramente disponibile e quindi diventa essenziale il ricorso ad integratori di calcio. Le tavolette di calcio possono essere mischiate alla carne e i cibi vanno polverizzati con un integratore di calcio e minerali. Si raccomanda di fornire anche degli ossi di seppia che all'occorrenza vengano rosicchiati.

Non somministrate troppo cibo. Una testuggine piccola va nutrita 1 volta al giorno, una testuggine adulta a giorni alterni.

NB: L'alimentazione non deve essere esagerata, dato che una delle cause più frequenti di morte di tartarughe "domestiche" e' l'eccesso di grasso contro il carapace. Non farsi traviare dal fatto che le tartarughe appaiono sempre affamate. In natura, tale appetito e' giustificato dalla scarsità di cibo. In cattività, non deve ingannare il "proprietario".

Sovralimentando le vostre testuggini, non solo le renderete obese e sonnolente, ma avrete rapidamente problemi d'igiene della vasca con la conseguenza di una maggiore incidenza delle malattie infettive.

Spesso le tartarughe rifiutano di assumere vegetali, importanti nella dieta degli esemplari adulti. Si puo' provare quindi a mescolare della verdura a pezzetti con un alimento particolarmente gradito alla tartaruga. Un'altra possibilità e' di costringere la tartaruga a un ragionevole (non esagerato!) digiuno, finché non si adattera' a mangiare anche verdura.

Per eventuali problemi di salute della vostra tartaruga, si consiglia una visita da un veterinario ESPERTO IN ANIMALI ESOTICI (un veterinario non esperto in rettili dara', con probabilita', consigli errati.)

Errori piu' comuni, che possono portare le tartarughe alla morte:

  1. Tenere le tartarughe nell'acqua fredda (un termoriscaldatore e' indispensabile di inverno)
  2. Tenere le tartarughe nell'acqua sporca
  3. Alimentare eccessivamente le tartarughe
  4. Alimentare le tartarughe in maniera poco variata
  5. Privare le tartarughe della luce del sole, o della lampada per rettili (N.B.: La lampada per rettili ha un "potere" che dura 9 mesi. Va cambiata anche se sembra ancora funzionante)
  6. Tenere le tartarughe in posizione precaria (Le tartarughe non hanno concezione del vuoto, e ci si buttano pensando si tratti di uno specchio d'acqua)

A cura di Cinzia Sona e Riccardo Moschetti

Scarica il Vademecum in formato pdf

Commenti

Io sto cercando a tutti i costi di aggiustare quel che ho fatto... praticamente tutti glli errori elencati! Me l'aveva detto il negoziante, ma non ne sapevo niente di acquariofilia.

buona sera, possiedo da tanti anni una tartaruga che ormai è cresciuta tantissimo, avendo a disposizione un bel giardino volevo finalmente allestirgli un bel laghetto fuori ma ho letto che essendo abituata dentro dovrei prima farla ambietare ma non ho idea di come fare mi potete aiutare? ho letto i vostri articoli e sono terrorizata vive con me da piu di 10 anni e con vergogna devo dire che nn ho mai variato molto la sua alimentazione vedendo che stava bene non mi sono mai posta il problema. COme dovrei comportarmi? se le do ora qualcosa di nuovo da mangiare che non ha mai mangiato potrebbe farle male? qual è il modo piu corrette per trasferirla fuori considerando che d inverno fa cmq freddo? grazie

in un laghetto ben avviato (anche se molti sono contrari) puoi mettere ,oltre alla tartaruga, gamberi, pesci, rane, gamberetti, papere, oche, piante acquatiche e non ortaggi, bonsai tutto anche il cane ed il gatto (tanto sara la tartaruga a comandare io ne avevo una di 17 anni e figurati che potevo mettermi in piedi sopra di lei) cosi facendo creerai un ecosistema autonomo e gli animali davvero saranno animali i pesci saranno predatori di insetti e predati dalle tartarughe avrai gli ortaggi i vermi le lumache tutte cose che saranno sia prede sia predatori (molti non approvano questo sistema io trovo che sia il più giusto e naturale) puo sembrare sadico ma la tartaruga è un predatore e vedere una tartaruga che sta cacciando è davvero emozionante (è 9 anni che possiedo un laghetto totalmente naturale (un buco fatto nella terra e cosparso di argilla e sabbia) ho la fortuna di abitare a fianco ad un pozzo per l'irrigazione dove quindi ho un riciclo costante di acqua) è 9 anni che non do da mangiare ne alle tartarughe ne ai pesci ne ai gamberi e nemmeno ai granchi e neppure alla rane (queste ultime vanno e vengono). quindi trovo che sia il metodo migliore e meno impegnativo (il laghetto del'essere recintato con una doppia rete in acciaio inossidabile e va trattata ogni anno contro la ruggine anche la minima ruggine puo' sterminare il tutto) la recinzione deve andare almeno mezzo metro sotto la terra le maglie della rete non devono essere ne troppo fini ne troppo larghe (si arrampica la tartaruga) attento alle faine e alle volpi anche agli airioni e falchi. auguri! =)

ciao,ti consiglierei di iniziare a mischiare il cibo che già mangiava con quello"nuovo" a poco a poco per poi lasciare quello vecchio. per quanto riguarda l'adattamento al laghetto(non ne so molto) ma potresti sistemare una lampada termoriscaldante in un punto vicino al laghetto e magari un posticino coperto, poi deciderà lei se usarli o no CIAO SPERO DI ESSERTI STATA D'AIUTO!!!

Ciao io ho due tartarughe da circa quattro anni..purtroppo l'ho sempre tenute in quelle vasche che ti consigliano di prendere... mi è sempre sembrato stessero bene fino a che adesso anno gli occhi gonfi e chiusi. Le ho portate dal veterinario che mi ha dato delle goccine ma non hanno fatto niente. .. come posso fare per farle guarire ?

Non si tratta di un danno alla vista causato dalla vaschetta. Il problema delle piccole tartarughe è dovuto alla congiuntivite, che hanno contratto a causa della dieta monogamberetto. Prima di tutto, bisogna somministrare loro gocce di vitamina A e, una volta guarite, cambiare radicalmente l'alimentazione: i gamberetti devono essere l'eccezione, non la regola, a favore di: latterini, carne bianca (poca), pesce fresco. Se le gocce che ti ha dato il vet sono vitamina A, non mi spiego come mai abbiano fallito. Hai provveduto a comprare un acquaterrario più grande? Hanno abbastanza luce naturale? Controlli la temperatura dell'acqua? La pulizia è regolare? La cura per la congiuntivite dovrebbe durare all'incirca una settimana, ma dipende. Fammi sapere, e buona fortuna con le tue tarte! :D Fonti: allevo tartarughe da 12 anni

Ciao anche ho due tartarughe però da un mese .Questo problema degli occhi gli è venuto perché nelle vaschette di plastica si rovinano la vista. Anche io le tengo in queste qua di plastica però la mia è enorme. Però per questo motivo della vista compreró immediatamente un acquario di vetro.La cosa che ti posso consigliare è comprarle un acquario di vetro con depuratore termoriscaldatore e come cibo dagli non solo i gamberetti perché contengono poche vitamine ma anche dei pesci surgelati che vendono apposta per loro negli ipermercati ma anche nei negozi di animali ciao

Salve, avrei delle domande da fare riguardo le tartarughe d'acqua: 1) una delle mie 3 (una acquistata ieri) non mangia più niente. Sta tutto il giorno ferma con gli occhi chiusi fuori dall'acqua, o in acqua, ma sempre ferma, muovendosi pochissimo, perché? Un negoziante mi ha parlato di "letargo", ma è mai possibile che il 6 settembre già vada in letargo? E' vero che dalle mie parti (Napoli) si stanno alternando giorni di pioggia e giorni caldi, ma penso non sia questo il motivo. 2) è probabile che la più grande delle 3 tartarughe (mangerebbe ogni minuto) impedisca alle altre 2 di mangiare? Mi sembra un po' assurdo pensare ad una sorta di "prepotenza", o è possibile? 3) Letargo. Avrei allestito un terrario (grande un 60 cm per 40 cm (le tartarughe sono grandi : 8 cm, 5 cm, 2 cm approssimando ad occhio le cifre)... L'ho riempito di sabbia umida, e messo una vaschetta del gelato (tagliata a metà, ed ho limato i bordi) riempita d'acqua. Va bene per il letargo?

Ciao, qui non ci sono esperti sulle tartarughe, come già detto è solo un sito amatoriale, che cerca di dare spunti d'approfondimento. Puoi aspettare che passi qualcuno per caso che sappia rispondere, ma per queste cose è meglio rivolgersi ai forum dedicati, dove potranno risponderti con maggiore competenza, ce ne sono molti dedicati proprio alle tartarughe: http://www.tartaportal.it/, http://www.tartarugando.it/forum/, http://www.tartaweb.it/forum/ ...

Buongiorno a tutti! Ho una tartaruga d'acqua da circa vent'anni e qualche giorno fa, per la prima volta, ha fatto delle uova (5 esattamente); oggi ne ha fatte altre 3. Il problema è che lei è l'unica tartaruga che ho quindi è impossibile che sia stata fecondata. Come devo comportarmi? Le uova le ha fatte dentro l'acqua e io (vedendo i documentari) le ho prese e sotterrate fuori dall'acqua in della sabbia, ho fatto bene? Aspetto un vostro consiglio, grazie anticipatamente

Buona sera,ho una tartaruga dalle orecchie gialle da 9 anni,quest'anno però non vuole andare in letargo nell'acqua,e'possibile fargli fare il letargo in una scatola con una coperta?

C'e da dire che e'piu il tempo che rimane fuori dall'acqua che quella che rimane in dentro.

Cosa posso fare?

Grazie per l'aiuto

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.