• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Cynops ensicauda

(Hallowell, 1861)

E' una tra le specie di Cynops più commercializzate, anche se non come il cugino Cynops orientalis, è adattabile e resistente, ma come tutti i tritoni non va allevato insieme ai pesci.

Cynops ensicauda - Foto © Henk Wallays (Calphotos)

nome comune
Sword-tailed Newt
dimensioni massime in natura
12,7 cm i maschi, 18 cm le femmine
aspettativa di vita
20 anni
aspettativa di vita in acquario
17,9 anni (registrato da AnAge)

In base a quanto letto su Caudata.org, la specie Cynops ensicauda è suddivisa in due sottospecie, Cynops ensicauda ensicauda (la cosiddetta forma nominale) e Cynops ensicauda popei. Le due sottospecie abitano isole giapponesi diverse nell'arcipelago Ryukyu. Cynops ensicauda è anche la più grande specie ancora esistente all'interno del genere Cynops (Cynops wolterstorffi, un'altra grande specie che, viveva nel lago Kunming in Cina, è ormai da tempo ritenuta estinta).
Normalmente gli adulti raggiungono lunghezze da 11 a 14 cm. Le lunghezze massime documentate sono 12,7 cm per i maschi e 18 cm per le femmine. In cattività sono stati segnalati per questa specie esemplari che hanno superato i 20 anni d'età, con le femmine che a questa età spesso ancora depongono le uova.

E' una specie strettamente legata al tritone giapponese Cynops pyrrhogaster, che è la seconda specie di questo genere in Giappone. Le due specie sono simili nell'aspetto generale, ma Cynops ensicauda ha una testa più ampia, le ghiandole parotidi sono meno importanti, e la pelle è più liscia. Questi tritoni possiedono una cresta vertebrale prominente, ma senza scanalature laterali. La coda è compresso lateralmente con una punta arrotondata. Le dita sono più brevi rispetto a Cynops pyrrhogaster.

Hanno una colorazione del dorso da marrone al quasi nero. I tritoni della sottospecie popei generalmente tendono ad essere un po' più scuri sulla parte superiore rispetto alla forma nominale. La cresta dorsale può differire nel colore e apparire dal rossastro al marrone. Alcuni individui di entrambe le sottospecie hanno una striscia dorso-laterale di lunghezza variabile giallo-arancio, che a volte va dall'occhio alla base della coda. Questa striscia può essere interrotta in più punti o essere frammentaria. Il ventre è da giallo ad arancione, a volte rosso, con un numero variabile di punti o disegni neri che possono essere disposti in file o disposti irregolarmente attraverso la pancia. Il colore del ventre si estende fino al bordo inferiore della coda.
La sottospecie popei possiede spot chiari (spesso descritti come bianchi, gialli o dorati) di varie gradazioni sulla dorsale e sui fianchi. In alcuni individui questi punti si condensano in strisce e sono stati segnalati anche esemplari completamente "dorati". Queste macchie sono assenti nella forma nominale. Può essere difficile assegnare individui all'una o all'altra sottospecie solo sulla base della colorazione, senza dati sulla località di raccolta, in quanto alcuni animali possono visualizzare tratti transitori.

Nella Red List è segnalato come EN (Endangered), cioè IN PERICOLO, perchè l’estensione delle aree in cui è distribuito è inferiore ai 5,000km2 e l’area che occupa è inferiore ai 500km2, la sua distribuzione è estremamente frammentata, l’estensione, la qualità dei suoi habitat ed il numero di individui maturi sono in continuo declino.

La degradazione del loro habitat, in particolare per il disboscamento, è continua, e questo conduce alla frammentazione degli habitat e delle popolazioni. Altre forme di perdita degli habitat sono costituite dalla bonifica degli stagni e dalla costruzione di fosse e canali artificiali.

distribuzione

Asia - Specie endemica del Giappone, la sua distribuzione è ristretta a dodici isole dell’arcipelago di Amami - Okinawa

habitat

Ambiente: Vive sul terreno di foreste paludose e nei pascoli umidi.
Cynops ensicauda abita tutti i tipi di corpi idrici con acqua stagnante o ferma, inclusi stagni e corsi d'acqua naturali, così come strutture artificiali, come risaie, canali a bordo strada, pozze d'acqua per il bestiame. Sono molto abbondanti in questi corpi idrici durante la stagione riproduttiva. Sia gli adulti che i giovani possono trascorrere lunghi periodi vivendo sulla terraferma in habitat boschivi.
Molte informazioni sull'habitat dei Cynops ensicauda, compresa una tabella con le variazioni mese per mese della temperatura, le potete trovare in questo articolo su Caudata.org.

temperatura in natura
13 - 28°C
allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 60 cm di lunghezza per due-tre esemplari adulti.
Sono animali resistenti e robusti che possono accompagnare i loro custodi per almeno 2 decenni, se vengono rispettati alcuni principi di base. Anche se le osservazioni in natura indicano che gli adulti possano vivere in modo terrestre per lunghi periodi, è meglio allevarli in un allestimento completamente acquatico e fittamente piantumato, o in un allestimento semiacquatico con una grande area d'acqua. Gli animali devono avere la possibilità di riposare all'asciutto con una piccola superficie, che può essere costituita da piante galleggianti, sughero, legni, ecc. Alcune aree del fondo della vasca dovrebbero essere lasciate libere dalle piante, in modo che possano essere utilizzate come arre per l'alimentazione o per il corteggiamento.

Quando sono tenuti al chiuso nelle zone temperate, soprattutto in appartamenti con riscaldamento centralizzato, in genere non serve il termoriscaldatore. Anche se tollerano temperature dell'acqua fino a 30°C durante l'estate, la temperatura migliore per loro durante la maggior parte dell'anno è tra i 20 e i 24°C. Durante i mesi invernali, invece, si consiglia di temperature dell'acqua più basse per almeno 8 settimane, dai 12 ai 16ºC, per stimolare il comportamento riproduttivo. Non è necessario un periodo di raffreddamento al di sotto di questo intervallo. Le larve e giovani stanno meglio a temperature superiori a 20ºC.

Come con altre specie di tritoni, l'acqua dovrebbe essere filtrata e dovrebbero essere fatti cambi d'acqua regolari. Si dovrebbe anche evitare di creare una forte corrente, perchè preferiscono acque tranquille.

alimentazione

Gli esemplari adulti si nutrono in natura soprattutto di invertebrati, tra cui lombrichi, lumache, larve di insetti, crostacei, a volte anche giovani e uova della loro specie. In cattività, sono disposti ad accettare il cibo adatto ai comuni tritoni, come lombrichi vivi (tritati se necessario), blackworms, vermi bianchi, e anche cibo morto come chironomus congelati, artemia, mysis, o anche strisce di cuore di manzo magro o pesce. Essendo in genere provenienti dalla cattura in natura, possono avere difficoltà soprattutto iniziali ad accettare cibo morto, soprattutto quello secco.

  • Specie d'acqua fredda
  • Specie che va allevata in gruppo in acquario monospecifico
  • Specie che spesso non accetta mangime secco, solo vivo o congelato (chironomus)
  • Specie talvolta riprodotta in cattività, ma gli esemplari in commercio provengono quasi sempre dalla cattura in natura. Chiedete al vostro negoziante se gli esemplari che state per comprare sono d'allevamento o di cattura.
riproduzione

Raggiungono la maturità sessuale all'età di 2 o 3 anni, e i maschi possono maturare fino a 1 anno prima delle femmine. Secondo alcune fonti, la stagione riproduttiva negli habitat naturali inizia a marzo e termina in luglio/agosto. Ci sono però indicazioni che invece la riproduzione possa iniziare già a novembre in alcune zone di distribuzione di questo tritone. Gli esemplari in cattività, tuttavia, mostrano una tendenza generale ad estendere la stagione riproduttiva, sviluppando una seconda stagione riproduttiva in autunno, o anche rimanendo fertili per l'intero anno. Gli allevatori di questa specie riportano che la deposizione delle uova avviene durante tutto l'anno, con un picco da ottobre a fine giugno.

Molte informazioni sul comportamento riproduttivo dei Cynops ensicauda, sulla deposizione e sulla crescita di uova e avannotti le potete trovare in questo articolo su Caudata.org.

SL (Standard Lenght)
Lunghezza standard, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso al peduncolo caudale (esclusa quindi la coda)
TL (Total Lenght)
Lunghezza totale, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso alla punta della coda (quindi coda compresa)
Demerso
specie che vive in prossimità del fondo del mare. I pesci demersi si dividono principalmente in due tipi: Bentonici e Bentopelagici
Bentonica
specie che vive e che è legata al fondo
Bentopelagica
specie che vive sia sul fondo o vicino ad esso, sia nel livello medio dell'acqua
Pelagica
specie che vive lontano dal fondo, in acque aperte
Diadroma
specie che migrano tra acque salate e acque dolci
Anadroma
specie che che vive per la maggior parte del tempo in acque salate e si riproduce in acque dolci
Catadroma
specie che vive in acque dolci e si riproduce in acque salate
Anfidroma
specie che si muove indifferentemente da acque dolci ad acque salate
Potamodroma
specie che migra all'interno di acque dolci
Oceanodroma
specie che migra all'interno di acque salate

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.