Attenzione

Raccolta di pesci in India

Viaggio esplorativo in un fiume indiano vicino a Bangalore, alla ricerca di pesci e piante da prelevare in natura e provare a far riprodurre in acquario.

Tratto e tradotto dall''articolo
"Fish collection in India"
di Hayath
su Aquarticles (non più online).

India, uno splendido loto - Foto © Hayath (IndianAquariumHobbyist.com)

Dopo molte discussioni, noi acquariofili di Bangalore abbiamo deciso un venerdì di dirigerci alla diga di Krishnagiri e a Kaveripatnam per raccogliere qualche pesce e per visitare i biotopi.

La lista di circa 8 persone si è ridotta a 5, con Raghu (RGG) e Ravi (Oscar-lover) che hanno rinunciato a causa di alcuni impegni.

Noi (Uday, Suby ed io) ci siamo incontrati a casa mia alle 7:30 per aspettare l’arrivo di Navaneeth. Fino alle 8:00 abbiamo chiamato parecchie volte Navaneeth senza ottenere risposta; infine abbiamo ricevuto un suo messaggio: non si sentiva bene e quindi rinunciava anche lui.

Così, eravamo là, noi tre, che ci guardavamo in faccia per scovare un programma alternativo.

In tre eravamo un gruppo troppo piccolo per dirigerci verso Krishnagiri, tuttavia la nostra eccitazione era così alta che non potevamo abbandonare del tutto i nostri programmi.

Ho suggerito di dirigerci verso Kanakapura o verso la Pearl valley, ed è stata scelta Kanakapura.

E così siamo usciti con molta eccitazione. La prima tappa è stato un lago che abbiamo scorto dalla strada principale, e che sembrava promettere qualcosa di buono.

In queste acque particolari non abbiamo trovato molte specie di pesci - Foto © Hayath
In queste acque particolari non abbiamo trovato molte specie di pesci - Foto © Hayath (IHA)

Gli argini erano abbastanza fangosi, senza segni di piante, vi erano alcuni pescatori che lanciavano le reti per le carpe. Domandando a loro, abbiamo scoperto che c’erano soltanto carpe e non avevano mai visto altri tipi di pesce.

Alcuni pescatori locali che mettono alla prova la fortuna - Foto © Hayath
Alcuni pescatori locali che mettono alla prova la fortuna - Foto © Hayath (IHA)

Uday ha provato a a vederne qualcuna, ma ne è stato in grado. I pesci c’erano, altrimenti non ci sarebbero stati gli uccelli! Purtroppo però erano evasivi.

Non riuscendo a trovarne, ci siamo mossi verso un piccolo ruscello dove l'ultima volta avevamo raccolto qualche Oryzias dancena.

Un punto popolare dove i locali lavano i vestiti - Foto © Hayath
Un punto popolare dove i locali lavano i vestiti - Foto © Hayath (IHA)

Pochi passi a valle del ruscello, abbiamo visto alcune donne lavare vestiti ed utensili. Qui crescevano in abbondanza alghe filamentose, probabilmente a causa dell’eccesso di azoto per il detersivo e per la luce solare.

Una sorgente inquinata - la sospensione bianca è detersivo - Foto © Hayath
Una sorgente inquinata - la sospensione bianca è detersivo - Foto © Hayath (IHA)
Uday ha scorto una pianta in una pozza, ha bisogno di identificarla - Foto © Hayath
Uday ha scorto una pianta in una pozza, ha bisogno di identificarla - Foto © Hayath (IHA)

Spostandoci ulteriormente abbiamo scorto alcuni Oryzias dancena nuotare con i loro occhi luminescenti. Questi sono stati i primi che abbiamo catturato.

Suby ha scoperto della Salvinia che galleggiava sulla superficie. Queste piante hanno una bella struttura, con radici pendenti.

Una splendida pianta galleggiante - Foto © Hayath
Una splendida pianta galleggiante - l'identificazione non è certa - Foto © Hayath (IHA)
Ancora un’altra bellissima pianta galleggiante - Foto © Hayath
Ancora un’altra bellissima pianta galleggiante - notate quanto è piccola! - Foto © Hayath (IHA)

Abbiamo allora scoperto delle Rasbora che nuotavano insieme. Riuscire a catturarle è stato molto più difficile di quello che ci aspettavamo! Tutto quello che riuscivamo ad ottenere erano le reti piene di alghe. Era tempo di cambiare tattica, così abbiamo deciso di abbassare le reti nell'acqua ed aspettare che il banco di rasbore ci finisse dentro. Questa volta il trucco ha funzionato e ne abbiamo tenuto una coppia. Hanno una bella linea che scorre per tutta la lunghezza del corpo.

Il trattore bloccato! - Foto © Hayath
Il trattore bloccato! - Foto © Hayath (IHA)

Dirigendoci di nuovo alla strada principale, abbiamo visto un trattore che tirava su la sabbia dagli argini. In queste manovre, è riuscito a far slittare il trattore nell'acqua e stava lottando per tirarlo indietro a riva.

Una volta tornati indietro dall'automobile, il nostro signor-imballatore Suby ha imballato Oryzias dancena e Rasbora.

Verso Harohalli abbiamo visto una pozza a bordo strada carica di piante e qualche ninfea. Ci sono quasi caduto dentro cercando di scattare una macro ad una ninfea, potete vedere la foto qui sotto.

India, uno splendido loto - Foto © Hayath (IndianAquariumHobbyist.com)

Pozza formata da un piccolo corso d'acqua ricca di vegetazione acquatica e di ninfeee in India, habitat di Oryzias dancena e Rasbora - Foto © Hayath (IndianAquariumHobbyist.com)

Suby ha trovato una farfalla ferita e l’ha aiutata posandola su un vicino arbusto.

In seguito siamo arrivati ad un grande lago che Uday aveva scorto prima guidando. Il lago aveva un buon sviluppo d’erba ed era PIENO di avannotti di Tilapia. Siamo riusciti a catturare qualche gambero con le reti. Inoltre abbiamo visto quello che Suby chiama “scorpione d’acqua”.

Abbiamo catturato alcuni gamberi vicino a queste canne - Foto © Hayath
Abbiamo catturato alcuni gamberi vicino a queste canne - Foto © Hayath (IHA)

Usate le reti, stavamo già cominciando a stancarci ed eravamo tutti affamati. Abbiamo guidato oltre il piccolo ponte sopra Arkavati e ci siamo fermati all’ombra per mangiare qualcosa (bene, era già ora di pranzo).

Mia madre aveva fatto per noi una variante del Puliyogre con le uova sode, che abbiamo divorato in un lampo.
Con lo stomaco pieno, abbiamo guidato oltre Kanakapura verso un posto in cui ero solito pescare quando ero bambino.

Le distese di sabbia - Foto © Hayath
Le distese di sabbia - Foto © Hayath (IHA)

L'acqua era abbastanza torbida e non c’era troppa corrente, abbiamo deciso che avremmo fatto una camminata sulla riva per vedere se potevamo trovare qualcosa. Non importa dove andavamo, tutto quello che potevamo vedere era sabbia.

Un punto tranquillo per fare una pausa - Foto © Hayath
Un punto tranquillo per fare una pausa - Foto © Hayath (IHA)

Stanchi per la camminata e con il morale a terra poichè non avevamo scoperto niente di interessante, ci siamo seduti sotto un albero per un po’ di tranquillità. Essendo abituati alla vita della città e al suo caotico trambusto, stare seduti lì ci ha fatto sentire bene.

Su un vicino albero, una coppia di uccelli coloratissimi stava sfoggiando il rituale d’accoppiamento, e stavano cacciando insetti insieme. Questo ci ha dato un po’ di intrattenimento.

Un pezzo meraviglioso di legno trovato in acqua! - Foto © Hayath
Un pezzo meraviglioso di legno trovato in acqua! - Foto © Hayath (IHA)

E quello che ho visto dopo, mi ha fatto saltare dalla gioia!!!!
Davanti a me c’era uno dei più grandi pezzi di legno trasportato dalla corrente che io avessi mai tenuto in mano.

Decisi lì per lì che questo sarebbe stato il pezzo principale per il mio imminente progetto d’acquario.
Era abbastanza pesante, in qualche modo sono riuscito a portarlo dall'automobile di Uday. Ora serpeggiava di nuovo in noi un senso d'eccitazione.

Siamo tornati di nuovo al ponte di Arkavati ed abbiamo raccolto alcune rocce, Suby ne ha trovato di forme molto interessanti.

Suby ed Uday sono stati chiamati da casa per avere notizie, ed essendo entrambi sposati desideravano tornare indietro.

Non fino a che non ci fossimo fermati di nuovo vicino al primo ponte in cui avevamo raccolto Oryzias dancena e Rasbora. Questa volta avevamo deciso di andare a valle.
Qui con la rete ho catturato qualcosa che sembrava diverso e dopo un controllo ravvicinato ho visto che aveva la forma del corpo tipica dei Barbus. Alla fine stavo mettendo le mani su qualche barbus selvatico.

Uday ed io tenevamo la rete, mentre Suby spingeva il banco verso di essa. Ne abbiamo raccolto qualcuno. Ed ora che avevamo trovato quello che cercavamo, abbiamo fatto molte e molte volte “l’ultimo tentativo”
Fermarsi qui e trovare questi barbus ha reso il viaggio molto più utile.

Siamo ritornati a casa alle 5:45 PM circa, Uday ci ha fatto scendere ed è andato dritto a casa.

Suby ed io abbiamo spacchettato i pesci e li abbiamo fotografati in una piccola vasca.

Oryzias dancena - Foto © Hayath
Oryzias dancena - Foto © Hayath (IHA)
Sembrano quasi Rosy Barb, senza il colore rosa, forse Puntius conchonius - Foto © Hayath
Sembrano quasi Rosy Barb, senza il colore rosa, forse Puntius conchonius - Foto © Hayath (IHA)
Sembrano quasi Rosy Barb, senza il colore rosa, forse Puntius conchonius - Foto © Hayath
Sembrano quasi Rosy Barb, senza il colore rosa, forse Puntius conchonius - Foto © Hayath (IHA)
Sembrano quasi Rosy Barb, senza il colore rosa, forse Puntius conchonius - Foto © Hayath
Sembrano quasi Rosy Barb, senza il colore rosa, forse Puntius conchonius - Foto © Hayath (IHA)
Io (Hayath), Suby (Suby7272) e Uday (Udaya) da L-R - Foto © Hayath
Io (Hayath), Suby (Suby7272) e Uday (Udaya) da L-R - Foto © Hayath (IHA)

Considerato che era un programma alternativo, è risultato molto buono. Per me la migliore cattura del giorno era l’ENORME pezzo di legno. Ho apprezzato realmente la compagnia di Uday e Suby, grazie ragazzi!

Spero che il nostro viaggio vi sia piaciuto!

Testo originale in inglese e foto © Hayath - indianaquariumhobbyist.com

Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Per approfondire:

Un gruppo di acquariofili da Chennai risalgono un torrente collinare d'acqua chiara ed incontrano una grande varietà di pesci e piante, e scattano con moltissime foto - tratto e tradotto da un articolo di R.R. Sriram

Viaggio sul fiume Ichamati, in India, di un gruppo di amici alla ricerca di pesci, piante e materiale con cui arredare l'acquario - tratto e tradotto da un articolo di Ravi Chandran

Un gruppo di acquariofili indiani trascorre un lungo weekend sul Ghats occidentale osservandone gli ecosistemi, con particolare attenzione alle piante acquatiche - tratto e tradotto da un articolo di R. R. Sriram

Beta deve recarsi a Bangalore, città nel centro dell'India meridionale tropicale, per il matrimonio di un amico. Ne approfitta per passare una giornata a catturare i pesci nativi con i membri della locale associazione acquariofila. Un sacco di grandi foto - tratto e tradotto da un articolo di Beta Mahatvaraj

Madan e i suoi amici in un'estenuante viaggio nel weekend alla ricerca dell'inafferrabile Sahyadria denisonii (ex Puntius denisonii), una splendida specie del cui habitat si conosce pochissimo. La descrizione particolareggiata del loro ambiente e le belle foto sono tra le pochissime, forse uniche, che si trovano in rete su questa specie - tratto e tradotto da un articolo di Madan Subramanian

Il biotopo d'origine dei Badis badis, con informazioni, notizie, foto e video degli habitat naturali da cui provengono

Il biotopo d'origine dei Dario dario, con informazioni, notizie, foto e video degli habitat naturali da cui provengono

Indicazioni per cercare di ricostruire idealmente in acquario un biotopo simile a quello che si ritrova in un fiume indo/birmano, con l'indicazione di tutte le specie di piante e pesci nativi di quelle zone, e belle foto degli habitat acquatici naturali dell'India e del Myanmar - tratto e tradotto da un articolo di Rhett A. Butler

Racconto di un viaggio in India, alla ricerca di Etroplus canarensis, il ciclide indiano più raro e difficile da trovare. La ricerca del canarensis rimane infruttuosa, ma vengono descritti gli ambienti e le abitudini delle altre due specie del genere Etroplus e dei pesci che ne condividono l'habitat indiano - tratto e tradotto da un articolo di Vinny Kutty

Descrizione di un viaggio presso il fiume Cauverypattnam, in India, alla ricerca e alla cattura delle specie autoctone, allo scopo di studiarne gli ambienti naturali d'origine - tratto e tradotto da un articolo di R. R. Sriram

Reportage fotografico della ricerca, dell'avvistamento e infine della cattura di Etroplus canarensis, il ciclide più raro delle tre specie presenti in India. Belle foto e descrizioni degli ambienti naturali in cui vive - tratto e tradotto da un articolo di Ravi Chandran

Descrizione ed immagini dell'habitat naturale da cui provengono le tre specie appartenenti al genere Etroplus, distribuite nelle zone costiere salmastre di India e Sri Lanka, ad eccezione di Etroplus canarensis, il cui areale è ristretto alla zona del Karnataka nell'India meridionale.

Descrizione, notizie e immagini degli habitat in natura in cui vivono i Botia almorhae/lohachata

Descrizione, informazioni e immagini degli habitat in cui vivono in natura i pesci palla nani d'acqua dolce del genere Carinotetraodon, distribuiti nell'Asia meridionale dove vivono lungo fitti banchi di vegetazione sommersa in fiumi da grandi a medi.

Descrizione, informazioni e immagini degli habitat in cui vivono in natura i Danio