Attenzione

Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii

Madan e i suoi amici in un'estenuante viaggio nel weekend alla ricerca dell'inafferrabile Puntius denisonii, una splendida specie del cui habitat si conosce pochissimo. La descrizione particolareggiata del loro ambiente e le belle foto sono tra le pochissime, forse uniche, che si trovano in rete su questa specie.

Tratto e tradotto dall'articolo:
"Collection Trips: Puntius denisonii"
di Madan Subramanian
su Aquarticles (non più online).

Fiume presso le cascate di Kanthanapara, in India, abitato da numerosi Barbus, Danio, Cobitidi, Botidi - Foto © Madan Subramanian (IndianAquariumHobbyist.com)

Volendo trovare ed individuare Puntius denisonii nel suo habitat naturale, dovevo progettare un viaggio più lungo rispetto ad un solo fine settimana. Le informazioni che avevo erano che Puntius denisonii abitava i torrenti e fiumi dello splendido paese di Wynad, nella regione di Kerala. Non c’erano storie di pesca o resoconti di studio dell'habitat a cui appoggiarsi.

Armato di queste scarne informazioni, non ero davvero interessato quest’anno ad imbarcarmi in un viaggio per cercare il "Chorai Kanni" così come è conosciuto in Malesia, nella lingua del Kerala (il nome si traduce letteralmente in "occhi spurganti" - una perfetta descrizione dei pesci, in cui una striatura rossa si estende da appena davanti gli occhi fino alla metà del corpo. Chi ha rinominato il pesce "Red Line Torpedo Fish" ha fatto un buon lavoro per aver trovato una descrizione così bella).

Tuttavia, quando mi sono reso conto che una dei membri del “Ladies' Club” di mia moglie proveniva da Wynad, mi sono messo in contatto con lei per avere informazioni sul Puntius denisonii. Non sapeva nulla di questo pesce, ma dopo ulteriori discussioni ci ha organizzato una sistemazione nella piccola città di Kalpetta, a Wynad.

Così in tutta fretta si è organizzato il viaggio e ci siamo sentiti in sei: Adip, Karthik, Madhu, Trevor, io e mio figlio Siddharth, che partecipa regolarmente ai viaggi di IAH. Il fatto che il monsone di sud-ovest (che normalmente arriva in India il 1 giugno) ritardasse di dieci giorni ci ha spinti a partire subito.

Itinerario del viaggio in India - Foto di Madan Subramanian
Itinerario del viaggio in India - Foto di Madan Subramanian

Abbiamo lasciato Bangalore alle 5:30 di mattina, per passare Mandya (nell’angolo in alto a destra) e dirigerci verso Mysore (vedi la mappa a lato): le linee nere indicano l'itinerario che abbiamo seguito. Dove la linea si interrompe abbiamo fatto bruscamente dietro-front.

Ci siamo fermati per la prima colazione pochi chilometri dopo Mysore, sulla strada per Nanjangud.
Dopo aver finito l’eccellente colazione abbiamo continuato verso Gundulpet e abbiamo svoltato nel Parco Nazionale di Bandipur. Questa parte del percorso era una festa per gli occhi, attraverso la folta giungla. Qui abbiamo visto i cervi macchiati.

Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian
Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian
Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian

Gruppi di bambù scricchiolavano nella brezza, aggiungendosi a tutti gli innumerevoli suoni della giungla.

Ci siamo fermati vicino al primo corpo d'acqua che abbiamo trovato, in cerca di pesci. A causa del pre-monsone della settimana precedente l'acqua era troppo fangosa per vedere qualcosa.

Abbiamo proseguito oltre il parco nazionale di Bandipur, diretti al santuario della fauna selvatica di Wynad.

Santuario della fauna selvatica di Wynad - Foto di Madan Subramanian
Santuario della fauna selvatica di Wynad - Foto di Madan Subramanian
Santuario della fauna selvatica di Wynad - Foto di Madan Subramanian

Qui abbiamo fatto di nuovo una fermata al primo torrente che abbiamo incontrato.

Torrente habitat di barbus, danio, cobitidi - Foto di Madan Subramanian
Torrente habitat di barbus, danio, cobitidi - Foto di Madan Subramanian

Alcune foto più vicino al biotopo.
Abbiamo trovato numerosi barbus, danio, cobitidi e Channa sp., con molti girini...

evacuazioni di elefanti ben piantati... - Foto di Madan Subramanian
...e evacuazioni di elefanti ben piantati... - Foto © Madan Subramanian
graziosi primati. - Foto di Madan Subramanian
...insieme ad alcuni graziosi primati. - Foto © Madan Subramanian
graziosi primati. - Foto di Madan Subramanian
Graziosi primati. - Foto © Madan Subramanian
Qui ci sono un po’ dei barbus che abbiamo raccolto - Foto di Madan Subramanian
Qui ci sono un po’ dei barbus che abbiamo raccolto - Foto © Madan Subramanian

Abbiamo continuato senza altre fermate ed abbiamo raggiunto Kalpetta senza nient’altro da segnalare. Dopo essere passati al nostro hotel e un rapido pranzo abbiamo proseguito sulla strada per Calicut per continuare la nostra ricerca.
Abbiamo lasciato la strada per Calicut verso Meppadi ed abbiamo guidato oltre le piantagioni di tè.

Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian
Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian

Dopo una burrasca siamo approdati  in un posto pittoresco chiamato Cascate di Kanthanapara.
Qui sotto ci sono le foto di questo biotopo, in cui abbiamo trovato gli stessi barbi che abbiamo raccolto al santuario della fauna selvatica di Wynad, insieme a Gambusia (mosquitofish) e danio zebra.

Cascate di Kanthanapara - Foto di Madan Subramanian
Cascate di Kanthanapara - Foto © Madan Subramanian
Cascate di Kanthanapara - Foto di Madan Subramanian
Cascate di Kanthanapara - Foto © Madan Subramanian
Cascate di Kanthanapara - Foto di Madan Subramanian
Cascate di Kanthanapara - Foto © Madan Subramanian
Alcuni dei pesci che abbiamo raccolto - Foto di Madan Subramanian
Alcuni dei pesci che abbiamo raccolto - Foto © Madan Subramanian
Il lago Pookod - Foto di Madan Subramanian
Il lago Pookod - Foto © Madan Subramanian

Non avendo ancora trovato Puntius denisonii, abbiamo svoltato verso Vyithiri e ci siamo diretti verso il lago Pookod.

Altra delusione, abbiamo trovato soltanto pesci katla e rohu (della famiglia delle carpe) e Aplocheilus sp. (killifish). Siamo tornati di nuovo a Kalpetta.

Avevo progettato l'itinerario di ritorno in modo da attraversare Manantavadi e la parte superiore del santuario della fauna selvatica di Wynad/Muthanga per poi tornare a Mysore, ma ricerche fatte a Kalpetta ci hanno rivelato che Puntius denisonii poteva trovarsi intorno a Panamaram ed a Iritty, così c’è stato un cambiamento di programma.

Abbiamo deciso di partire presto il giorno seguente, cercare intorno a Panamaram e di là verso Iritty, tornando poi attraverso il Parco della fauna selvatica di Bramhagiri e il Parco Nazionale di Nagarahole verso Hunsur, quindi ritorno a Mysore.

Siamo partiti alle 6 di mattina e a stomaco vuoto abbiamo raggiunto Panamaram. Abbiamo cercato Puntius denisonii, ma l'acqua era profonda e fangosa. Non abbiamo potuto trovare nulla. Abbiamo catturato con le reti soltanto dei pesci di vetro, che abbiamo liberato.

Torrente prima di Boy's Town - Foto di Madan Subramanian
Torrente prima di Boy's Town - Foto © Madan Subramanian
Torrente prima di Boy's Town - Foto di Madan Subramanian
Torrente prima di Boy's Town - Foto © Madan Subramanian
Torrente prima di Boy's Town - Foto di Madan Subramanian
Torrente prima di Boy's Town - Foto © Madan Subramanian

In seguito ci siamo fermati presso un ponte prima di Boy's Town ed abbiamo trovato Puntius mahecola (Indian tiger barb/black spot barb), Puntius malabaricus, Puntius conchonius (rosy barb), Nemacheilus sp. (loach) ed Aplocheilus sp. (killifish), insieme a  piante di Cryptocoryne sp. e Acorus sp.

Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian
Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian
Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian

Continuando ancora, la strada saliva. Siamo saliti di 300 metri in appena 1 chilometro, entrando in questa valle.

Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian

Dopo aver mangiato una tazza di tè e delle uova sode in questo spaccio abbiamo proseguito.
Siamo entrati a Kotiyoor dove abbiamo cercato e trovato sempre le varietà di pesci dette sopra, ma ancora nessun Puntius denisonii.

Iritty - Foto di Madan Subramanian

Ero esausto quando abbiamo raggiunto Iritty, ma questo era il posto dove avremmo dovuto trovare Puntius denisonii. Non avevamo avuto abbastanza tempo per continuare a cercare.

Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian
Svoltando dalla strada principale ci siamo diretti verso questo percorso... - Foto © Madan Subramanian
Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian
...che ci ha portato qui. - Foto © Madan Subramanian
Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian
Infine abbiamo camminato sotto il sole ardente, a 46°C. - Foto © Madan Subramanian
Viaggio alla ricerca di Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian
Infine abbiamo camminato sotto il sole ardente, a 46°C. - Foto © Madan Subramanian
Abbiamo visto parecchi Puntius sp... - Foto di Madan Subramanian
Abbiamo visto parecchi Puntius sp... - Foto © Madan Subramanian
Abbiamo visto parecchi Puntius sp... - Foto di Madan Subramanian
...ma ancora nessun segnale dell’esasperante Puntius denisonii - Foto © Madan Subramanian

Come spesso accade nell’India rurale, i pescatori locali si sono offerti di aiutarci con le loro reti, ma ci hanno avvertito che a causa degli acquazzoni per il monsone il livello dell'acqua era aumentato e sarebbe stato estremamente difficile catturare dei Puntius denisonii; inoltre a mezzogiorno l'acqua era davvero calda e i pesci si sarebbero mossi verso acque più profonde e più fresche.

Caccia a Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian
Caccia a Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian

I pescatori confermavano che questo era il posto in cui avevano catturato dei Puntius denisonii, perciò abbiamo comunque messo alla prova la nostra fortuna ed abbiamo catturato altri barbus e un pesce simile ad un halfbeak (famiglia Hemiramphidae) di circa 20 cm di lunghezza, con le pinne gialle e corpo blu verdastro.

I parametri dell'acqua qui sul fiume Nerumpoyil, a monte della diga di Pazchi (che durante i monsoni forma il secondo più grande lago artificiale nel mondo) erano:

  • Temperatura - 34.8°C
  • TDS - 30 PPM
  • Conducibilità - 72 microsiemens
  • pH - 6.5
  • Kh - 0 ~ 0.5 gradi
  • Gh - 0 ~ 0.5 gradi
Tellichery - Foto © Madan Subramanian

Ancora non soddisfatti, in quanto non avevamo fisicamente visto Puntius denisonii, abbiamo chiesto ai pescatori altre posizioni. Ci hanno detto di un posto a circa 30 km a monte da dove eravamo. Si sono offerti di mostrarci il percorso e così siamo andati verso Tellichery per un’ultima ricerca:

Tellichery - Foto di Madan Subramanian
Tellichery - Foto di Madan Subramanian
Tellichery - Foto di Madan Subramanian

L'acqua arrivava al ginocchio ed era fangosa. Non sono riuscito a fotografare i pesci sott’acqua, ma ho fatto alcune foto del biotopo e dei nostri tentativi di pescare i pesci.

Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian
Puntius denisonii - Foto © Madan Subramanian
Puntius denisonii - Foto di Madan Subramanian
Puntius denisonii - Foto © Madan Subramanian

Karthik è stato il primo a vedere un Puntius denisonii! Alla fine, dopo aver guidato per 250 km oltre Wynad, lo avevamo trovato!
Ce n’erano molto pochi di Puntius denisonii in questo posto. Vedendo i loro numero limitato li abbiamo lasciati stare e non ne abbiamo portato nessuno a casa, ma tutti eravamo comunque felici per aver trovato Puntius denisonii nel suo habitat naturale.

I parametri dell'acqua erano gli stessi del posto precedente (molto tenera), salvo che la temperatura dell'acqua qui era di circa 24°C. Questi pesci sono solitari e non vivono in branco, ma quando crescono, i giovani possono essere visti in banchi. Abitano i torrenti con il fondo sabbioso/fangoso e raramente si vedono vicino alla superficie.
Per scampare al calore di mezzogiorno cercano le acque più profonde. I pesci depongono le uova all'inizio della stagione dei monsoni, a Giugno/Luglio, e quelli in commercio vengono pescati intorno a Settembre/Ottobre come giovani. Forse depongono le uova una seconda volta in Dicembre/Gennaio quando l'acqua diventa ancora più fredda. L’esemplare giovane nella foto non deve avere più di 3-4 mesi.

...Adesso era abbastanza tardi ed ho anticipato di 8 ore il ritorno a Bangalore. Ero preoccupato e volevo tornare il prima possibile. Non volevo guidare attraverso il Parco Nazionale della fauna selvatica dopo l’oscurità. Così siamo tornati indietro, lasciando i pescatori a Iritty e continuando verso Mysore e Bangalore.

Fra Iritty e Virajpet ho dovuto guidare su una delle più infide strade del Ghat (montagna) che io abbia mai incontrato. Praticamente non c’era una strada ma una serie di buche profonde per circa 5 o 6 chilometri di curve ripide. Ho dovuto concentrarmi ancora di più perché gli altri cinque occupanti dell'automobile si erano rapidamente addormentati. Come riuscissero a dormire con tutto il rollio e gli scrolloni costanti quando l'automobile si tuffava nelle buche io non lo so. Ho fatto voto di non fare mai più questo percorso.
Nel momento in cui siamo arrivati ad una strada decente tutti e cinque si sono svegliati perfettamente - ancora come non lo so. Nel Parco Nazionale di Nagarahole, i miei timori sono stati giustificati quando abbiamo visto questo enorme elefante:

Parco Nazionale di Nagarahole - Foto di Madan Subramanian
Parco Nazionale di Nagarahole - Foto © Madan Subramanian

Eravamo tutti all’erta se avesse fatto qualunque movimento, ma doveva essersi convinto che eravamo inoffensivi amanti della natura ed ha continuato a mangiare, così ho scattato alcune fotografie.

Il nostro viaggio si è concluso quando abbiamo raggiunto Bangalore alle 10 di sera, esausti dopo 800 km di guida.

Questo è il primo rapporto dell'habitat di Puntius denisonii. Ho cercato di essere il più preciso possibile - tutti gli errori sono solamente miei. Spero che tali informazioni aiutino chi vuole riprodurre questo pesce e fermare il suo sfruttamento in natura.

Bisogna fare un altro viaggio per trovare il Puntius denisonii al più presto! Chi si offre?

Testo originale in inglese e foto © Madan Subramanian - indianaquariumhobbyist.com

Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Per approfondire:

Biotopo d'acqua limpida e cristallina, con abbondante crescita di piante acquatiche, a Tada, India - Foto © Sriram, Ravi, Beta (Indian Aquarium Hobbyist)

Il biotopo d'origine dei Badis badis, con informazioni, notizie, foto e video degli habitat naturali da cui provengono

Un habitat di Dario dario e di Danionella dracula nel fiume Jorai a Laskapara, distretto Cooch Behar, Bengala occidentale, India - Foto © Peter Cottle (SeriouslyFish.com)

Il biotopo d'origine dei Dario dario, con informazioni, notizie, foto e video degli habitat naturali da cui provengono

Canale d'irrigazione in Myanmar, Asia - Foto © Rhett Butler (Mongabay.com)

Indicazioni per cercare di ricostruire idealmente in acquario un biotopo simile a quello che si ritrova in un fiume indo/birmano, con l'indicazione di tutte le specie di piante e pesci nativi di quelle zone, e belle foto degli habitat acquatici naturali dell'India e del Myanmar - tratto e tradotto da un articolo di Rhett A. Butler

Una rete sospesa (in secondo piano) usata dai pescatori locali sul fiume Ichamati, in India - Foto © Ravi Chandran (Indian Aquarium Hobbyist)

Viaggio sul fiume Ichamati, in India, di un gruppo di amici alla ricerca di pesci, piante e materiale con cui arredare l'acquario - tratto e tradotto da un articolo di Ravi Chandran

Fiume del Kerala, in India - Foto © Vinny Kutty

Racconto di un viaggio in India, alla ricerca di Etroplus canarensis, il ciclide indiano più raro e difficile da trovare. La ricerca del canarensis rimane infruttuosa, ma vengono descritti gli ambienti e le abitudini delle altre due specie del genere Etroplus e dei pesci che ne condividono l'habitat indiano - tratto e tradotto da un articolo di Vinny Kutty

L'Egeria densa prospera nei canali di scolo per l'irrigazione verso Bangalore, in India - Foto © Beta Mahatvaraj (indianaquariumhobbyist.com)

Beta deve recarsi a Bangalore, città nel centro dell'India meridionale tropicale, per il matrimonio di un amico. Ne approfitta per passare una giornata a catturare i pesci nativi con i membri della locale associazione acquariofila. Un sacco di grandi foto - tratto e tradotto da un articolo di Beta Mahatvaraj

Lago a Cauverypattnam, India - Foto © Deepak Brid, Ravi Chandran (IndianAquariumHobbyist.com)

Descrizione di un viaggio presso il fiume Cauverypattnam, in India, alla ricerca e alla cattura delle specie autoctone, allo scopo di studiarne gli ambienti naturali d'origine - tratto e tradotto da un articolo di R. R. Sriram

Etroplus canarensis - Foto © Ravi Chandran

Reportage fotografico della ricerca, dell'avvistamento e infine della cattura di Etroplus canarensis, il ciclide più raro delle tre specie presenti in India. Belle foto e descrizioni degli ambienti naturali in cui vive - tratto e tradotto da un articolo di Ravi Chandran

India, uno splendido loto - Foto © Hayath (IndianAquariumHobbyist.com)

Viaggio esplorativo in un fiume indiano vicino a Bangalore, alla ricerca di pesci e piante da prelevare in natura e provare a far riprodurre in acquario - tratto e tradotto da un articolo di Hayath

Le cascate di Tada, India - Foto © Sriram, Ravi, Beta (Indian Aquarium Hobbyist)

Un gruppo di acquariofili da Chennai risalgono un torrente collinare d'acqua chiara ed incontrano una grande varietà di pesci e piante, e scattano con moltissime foto - tratto e tradotto da un articolo di R.R. Sriram

Sviluppo lussureggiante delle piante acquatiche in uno degli stagni a Bhadra, India - Foto © Beta Mahatvaraj (indianaquariumhobbyist.com)

Un gruppo di acquariofili indiani trascorre un lungo weekend sul Ghats occidentale osservandone gli ecosistemi, con particolare attenzione alle piante acquatiche - tratto e tradotto da un articolo di R. R. Sriram

Etroplus maculatus in India - Foto © Streamlined Sparkles

Descrizione ed immagini dell'habitat naturale da cui provengono le tre specie appartenenti al genere Etroplus, distribuite nelle zone costiere salmastre di India e Sri Lanka, ad eccezione di Etroplus canarensis, il cui areale è ristretto alla zona del Karnataka nell'India meridionale.

Stagno a Chakdaha, Bengala occidentale, India, biotopo di Puntius, Colisa lalia, Badis badis, Pangio kuhlii, labirintidi, Botia lohachata, Danio rerio, Rasbora - Foto © Kaushik Bose (Kaushik's Darpan)

Descrizione, notizie e immagini degli habitat in natura in cui vivono i Botia almorhae/lohachata

Una rete sospesa (in secondo piano) usata dai pescatori locali sul fiume Ichamati, in India - Foto © Ravi Chandran (Indian Aquarium Hobbyist)

Descrizione, informazioni e immagini degli habitat in cui vivono in natura i pesci palla nani d'acqua dolce del genere Carinotetraodon, distribuiti nell'Asia meridionale dove vivono lungo fitti banchi di vegetazione sommersa in fiumi da grandi a medi.

Stagno a Chakdaha, Bengala occidentale, India, biotopo di Puntius, Colisa lalia, Badis badis, Pangio kuhlii, labirintidi, Botia lohachata, Danio rerio, Rasbora - Foto © Kaushik Bose (Kaushik's Darpan)

Descrizione, informazioni e immagini degli habitat in cui vivono in natura i Danio