Attenzione

Torrente nelle foreste della Thailandia meridionale

Descrizione dell'allestimento di un acquario riproducente un biotopo di un torrente delle foreste della Thailandia meridionale, prospettandone tre ambienti tipici (zone soleggiate, ombreggiate e rapide) con abbondanza di foto.

Tratto e tradotto dall'articolo:
"Southern Thailand Forest Creek Biotope"
di Rhett A. Butler
su Mongabay.com

Il soleggiato torrente Khao Sok, in Thailandia meridionale, Asia - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Nel gennaio del 2003 ho fatto un viaggio in Cambogia ed in Tailandia. Ho trascorso del tempo nel parco nazionale di Khao Sok, una sezione della foresta tropicale stagionale nella Tailandia meridionale. Piccoli corsi d'acqua e torrenti con acque limpide in questa regione sono molto abbondanti.
Ci sono parecchi spunti per un acquario biotopo, modellato sugli habitat di questi torrenti, compresi:
(1) stagni assolati,
(2) stagno poco profondo e ombreggiato e
(3) rapide rocciose.

Prima di entrare nello specifico dell'allestimento della vasca, vi sintetizzo brevemente l'ecologia dell'habitat.

La fauna primaria del torrente è costituita da girini di varie dimensioni [comprese enormi], numerosi ciprindi, compresi barbus e danio, pesci palla e cobitidi come abitanti del fondo. Sulla riva del corso d'acqua possono trovarsi delle rane. Gli alimenti disponibili per i pesci includono frutti caduti dagli alberi, piccoli crostacei, rane e insetti [acquatici e volanti]. Gli abitanti acquatici sono predati da uccelli, felini selvatici, serpenti e dai gatti-leopardo.
In alcune aree gli alberi della foresta si sporgono sul fiume, fornendo zone protette e ombreggiate.
Ci sono parecchie piante acquatiche, incluse Vallisneria, canne e Cryptocoryne. Le piante galleggianti si trovano soltanto intorno ai bordi degli stagni soleggiati. Lungo le rive del torrente ci sono delle piante che sembrano in grado di crescere sia emerse che sommerse [ho visto il posto durante la stagione secca].

Questa parte del mio viaggio è stata un po' avventurosa. Una sera mi sono svegliato per trovare uno scorpione gigante sul petto nudo, lo stesso giorno in cui ho pure inciampato su un serpente corallo [Calliophis sp.] mentre camminavo attraverso la foresta. La presenza di vermi sia acquatici che terrestri ha reso ancora più interessante fare queste foto.

ACQUA:

Data la limitata capacità di carico e avendo distrutto 3 pHmetri elettronici nelle avventure in America latina, non ho verificato il pH. Un pH approssimativamente neutro sarebbe un buon punto di partenza per una vasca siffatta. La temperatura dovrebbe essere sui 25-28°C.

VASCA:

Ci sono alcune opzioni di disposizione per la vasca, a seconda del biotopo che l'acquariofilo sta tentando di ricreare. Il substrato varia da fango, a sabbia, ai ciottoli sparsi ed alle rocce di fiume, per cui sono adatti all'uso in acquario la sabbia fino ad arrivare a ghiaia grossolana. In tutti gli allestimento, utilizzate un filtro efficace che mantenga l'acqua pulita e cristallina.

(1) stagno assolato [foto]

Usate un' illuminazione intensa e posizionate le uscite del filtro in modo da ridurre la corrente dell'acqua al minimo.
Piantate della Vallisneria negli angoli della vasca e dei cespugli sparsi di Cryptocoryne amanti della luce. Alcune piante galleggianti possono essere aggiunte se si vuole. Si possono fornire rifugi per le specie più timide utilizzando rocce di fiume.

Il soleggiato torrente Khao Sok, in Thailandia meridionale, Asia - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Asia, Thailandia meridionale: piante lungo il torrente soleggiato Khao Sok - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Asia, Thailandia meridionale: vegetazione acquatica lungo un torrente soleggiato - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Cryptocoryne lungo un torrente in Thailandia - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Khao Sok, torrente soleggiato in Thailandia - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

(2) stagno poco profondo e ombreggiato [foto]

Usate un'illuminazione soffusa e piante [Vallisneria e Cryptocoryne] che tollerino la poca luce.
Disponete radici e/o legni intorno ai bordi della vasca.
La corrente dell'acqua deve essere da lenta a moderata.

Radici acquatiche lungo un torrente ombreggiato nella foresta in Thailandia - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Asia, Thailandia meridionale: torrente ombreggiato nella foresta - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Asia, Thailandia meridionale: torrente ombreggiato nella foresta - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Asia, Thailandia meridionale: torrente ombreggiato nella foresta - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Asia, Thailandia meridionale: torrente ombreggiato nella foresta - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Pianta di banana lungo torrente ombreggiato nella foresta in Thailandia - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

(3) rapide rocciose [foto]

Usate una buona illuminazione e posizionate l'uscita del filtro in modo da generare una corrente d'acqua da moderata a forte. Usate un substrato di sabbia o ghiaino fine e disponete parecchie grandi roccie di fiume sul fondo della vasca.
Se volete mettere delle piante, usate della Vallisneria lungo i bordi della vasca e cespugli di cryptocoryne piccole e robuste nel centro. È importante che le piante siano tolleranti alla forte corrente o siano protette dalla corrente dalle rocce di fiume.

Cryptocoryne e Vallisneria sommerse tra le rapide lungo il torrente Khao Sok, in Thailandia meridionale, Asia - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Rapide rocciose lungo il torrente Khao Sok, in Thailandia meridionale, Asia - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Rapide rocciose lungo il torrente Khao Sok, in Thailandia meridionale, Asia - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Rapide rocciose ricche di vegetazione acquatica lungo il torrente Khao Sok, in Thailandia meridionale, Asia - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

PIANTE

Cryptocoryne, Vallisneria

PESCI

Cobitidi, pesci palla d'acqua dolce, Barbus, Danio, e altri ciprindi.

FOTO

Acque della foresta thailandese

Testo originale in inglese e foto © Rhett A. Butler
Mongabay.com

ACQUARI BIOTOPO

Gli acquari biotopo sono acquari allestiti per simulare un habitat naturale. I pesci, le piante, la chimica dell'acqua e l'arredamento sono simili a quelli che si potrebbero trovare in uno specifico ambiente naturale.
Controllate sempre la compatibilità! Alcune specie provenienti da uno stesso particolare habitat possono non essere compagni di vasca adatti. Per esempio, la spigola mangerà piccoli tetra, poiché sono il loro alimento naturale in natura.
L'acquario biotopo può essere adattato inserendo specie provenienti dalle zone più disparate, ma che abbiano simili requisiti d'acqua.

Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Per approfondire:

Foresta nel Pahang meridionale, Malesia - Foto di Zhou Hang

Descrizione, informazioni e immagini degli habitat in cui vivono in natura le rasbore Trigonostigma heteromorpha

Stagno le cui acque sono ricche di minerali che conferiscono la colorazione azzurro cielo a Mahachai, India - Foto © Zhou Hang

Foto e descrizione di alcuni biotopi thailandesi, della zona di Mahachai, famosa anche per una specie di Betta particolare, il bellissimo Betta sp. Mahachai - tratto e tradotto da un articolo di Zhou Hang

Asia, Thailandia meridionale: piante lungo il torrente Khao Sok - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Descrizione, informazioni e immagini degli habitat in cui vivono in natura gli Epalzeorhynchos, squaletti d'acqua dolce

Habitat di Betta a Tanjung Malim, in Malesia - Foto © Wildbetta

Zhou Hang prende un autobus per lo stato del Perak alla ricerca di Betta e Gourami liquirizia. Molte foto della fruttuosa ricerca - tratto e tradotto da un articolo di Zhou Hang

Stagno dalla particolare colorazione blu turchese nella provincia di Krabi, Thailandia meridionale, la località tipo di Betta simplex - Foto © Nonn Panitvong

Nonostante il Betta simplex sia una delle specie al mondo dall'areale di diffusione più ristretto, Nonn scopre preoccupato che chiunque può recarsi in tale località a fare incetta di questi splendidi pesci, il cui numero sta diminuendo, ed esorta le popolazioni locali a prendersi cura del mantenimento di questa specie - tratto e tradotto da un articolo di Nonn Panitvong

Sotto la superficie, Pogostemon helferi forma cespugli attraenti e compatti nell'acqua che scorre velocemente, in Thailandia - Foto © Tropica.com

Resoconto di un viaggio nel sud est asiatico, alla ricerca del biotopo naturale di Pogostemon helferi, e di nuove piante acquatiche adatte alla coltivazione in acquario. Oltre a descrizione e foto degli ambienti naturali, si espilcitano anche i motivi della ricerca e dei viaggi di raccolta - tratto e tradotto da un articolo di Tropica Aquarium Plants

Una rete sospesa (in secondo piano) usata dai pescatori locali sul fiume Ichamati, in India - Foto © Ravi Chandran (Indian Aquarium Hobbyist)

Descrizione, informazioni e immagini degli habitat in cui vivono in natura i pesci palla nani d'acqua dolce del genere Carinotetraodon, distribuiti nell'Asia meridionale dove vivono lungo fitti banchi di vegetazione sommersa in fiumi da grandi a medi.

In Thailandia fra la Pogostemon helferi la spedizione ha trovato anche Cryptocoryne crispatula, che aveva lamine fogliari insolitamente piccole e strette nella veloce corrente dell'acqua - Foto © Tropica Aquarium Plants

Descrizione, informazioni e immagini degli habitat in cui vivono in natura i Pangio, i serpentelli d'acqua dolce