Attenzione

I pesci comunicano tra loro come i mammiferi

All'Università di Auckland, in Nuova Zelanda, hanno dimostrato che alcuni pesci comunicano tra di loro esattamente come i mammiferi, chiamandosi per mezzo di segnali sonori, allo scopo di stare insieme e riunirsi.

All'Università di Auckland, in Nuova Zelanda, hanno dimostrato che alcuni pesci comunicano tra di loro esattamente come i mammiferi, chiamandosi per mezzo di segnali sonori, allo scopo di stare insieme e riunirsi.

E' stata svolta infatti un'accurata ricerca, guidata dalla studente master Lucy van Oosterom, con il Dr Craig Radford e i Prof. John Montgomery e Andrew Jeffs, utilizzando come caso di studio i pesci della specie Pempheris adspersa, detti anche 'Bigeyes', grandi occhi, che sono molto comuni lungo le coste nord-orientali della Nuova Zelanda.

Questi pesci erano già noti per emettere dei suoni simili a scoppiettii, dei 'pop' sonori, e secondo gli studiosi di Auckland usano questa loro vocalizzazione come mezzo per mantenersi all'interno di un gruppo, o per tenersi in contatto l'uno con l'altro quando si muovono, al di là dei segnali visivi.

Ci sono già stati studi che hanno messo in chiaro che i messaggi sonori sono utilizzati consapevolmente dai pesci per diversi fini, dall'accoppiamento alla difesa del territorio, ma questa ricerca è la prima a dimostrare che i pesci usano il contatto sonoro per mettersi al sicuro, come i mammiferi.

Il comportamento dei pesci di stare in banchi o in branchi sciolti è abbastanza importante per il successo nel foraggiamento, quindi se uno dei pesci trova del cibo, gli altri hanno una possibilità in più di trovarlo, e si sentono anche più al sicuro dai predatori: in un grande gruppo ci sono meno probabilità di essere predati. Secondo quanto riferisce Lucy van Oosterom, i Bigeyes hanno dei muscoli speciali, chiamati muscoli sonori, che usano per far vibrare la vescica natatoria, che è come un sacco riempito d'aria all'interno del corpo, e tale vibrazione dà poi luogo al piccolo rumore di scoppio che sentiamo.

...potremmo non essere così diversi dai nostri amici pinnuti, dopo tutto...

Anche se hanno un modo diverso di comunicare da noi, è un passo importante nella nostra comprensione del comportamento evolutivo dei pesci. Sempre secondo Lucy van Oosterom, i pesci si sono evoluti molto presto nei vertebrati, e questa è la prima prova evidente di pesci con contatto sonoro, che si chiamano per stare insieme, e anche questo comportamento potrebbe essersi evoluto molto presto. Il che significa che potremmo non essere così diversi dai nostri amici pinnuti, dopo tutto.

Per saperne di più: Research finds fish communicate like mammals

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Per approfondire:

La linea laterale, il sistema sensoriale che corre lungo il fianco dei pesci, serve come una sorta di sesto senso, e può insegnarci come rendere la vita in vasca più confortevole e felice, non solo più sana - tratto e tradotto da un articolo di Brandon Keim

Studio che vuole rispondere ad una domanda in sospeso nella biologia animale: se i pesci siano capaci di comportamenti complessi, come il gioco

Un nuovo studio ha scoperto che i pesci possono sperimentare la 'febbre emotiva' da sempre usata come base per dimostrare la sensibilità o la coscienza in altre specie animali come mammiferi o uccelli.

I pesci hanno la reputazione di essere ottusi e smemorati, mentre in realtà possono 'contare', navigare in un labirinto e ricordare anche i volti, come molti studi possono facilmente confermare - traduzione in italiano di un articolo di Sarah Griffiths

Sembra una cosa ovvia, ma per tanti non lo è: i pesci allevati in ambienti spogli e noiosi sono meno intelligenti di quelli allevati in ambienti più stimolanti.

I pesci non sono il ramo stupido dell'albero genealogico degli animali. Più li studiamo, più scopriamo che essi sono in grado di apprendere procedure complesse e mostrano un discreto grado di successo nella risoluzione di problemi.

Le immersioni di ricerca di un team di scienziati sulla Cernia dei coralli (Cephalopholis miniata), hanno rivelato che quest'ultima è in grado di comunicare non solo con i conspecifici, ma anche con altre specie, utilizzando un particolare linguaggio dei segni.