Attenzione

Homaloptera parclitella

Tan & Ng, 2005

In passato considerata una forma di Homaloptera orthogoniata, è un'affascinante abitante delle rapide

Aspettativa di vita

8 - 10 anni

Dimensioni massime in natura

10.0 cm SL

In passato la specie Homaloptera parclitella era considerata come una forma di Homaloptera orthogoniata e può essere ancora identificata come tale sia online che nella letteratura pubblicata.
Homaloptera parclitella si può distinguere da tutti i congeneri dalla seguente combinazione unica di caratteri: superficie dorsale del corpo sempre con 2 grandi segni a forma di sella, il primo posteriore alla testa, il secondo che copre la base della pinna dorsale, con i due a volte continui sul fianco, solo raramente una terza macchia tra le pinne dorsale e caudale; base della pinna caudale di colore scuro; 5 raggi pettorali semplici e 12-13 ramificati; 75-77squame nella linea laterali.

Tutte le specie di Homaloptera sono affascinanti abitanti d'acquario e sono spesso indicati come cobiti "lucertola" per il loro comportamento e aspetto. Come tutti i balitoridi hanno morfologia specializzata per la vita in acqua dalla rapida corrente: le pinne accoppiate sono orientate ed estese orizzontalmente, testa e corpo appiattiti, pancia depressa. Queste caratteristiche formano un potente ventosa che consente ai pesci di aderire saldamente alle superfici solide. La capacità di nuotare in acque aperte è notevolmente ridotta e invece sembrano strisciare e saltare su rocce e altre superfici.

Homaloptera confuzona, Homaloptera orthogoniata e Homaloptera parclitella appaiono molto simili a prima vista, ma possono essere distinti da alcuni caratteri, i più utili per gli acquariofili sono i segni scuri che si estendono dal muso sulla superficie dorsale. Questi formano una serie di macchie variabili a forma di sella in tutte e tre le specie, ma ci sono alcune marcate differenze.
Ad esempio in Homaloptera orthogoniata e Homaloptera parclitella le "selle" sono visibilmente più larghe, più regolari e ben definite che in Homaloptera confuzona e di solito si estendono nella metà inferiore del corpo. Inoltre, Homaloptera parclitella ha sempre due selle e Homaloptera orthogoniata tre, mentre in Homaloptera confuzona possono esservi fino a quattro segni di forma irregolare che sono spesso limitati alla metà superiore del corpo. Una caratteristica condivisa è un'ulteriore barra scura sul peduncolo caudale.

Un'altra caratteristica condivisa dai membri del gruppo Homaloptera ocellata sono le squame chigliate; per esempio in Homaloptera bilineata ogni squama ha una sola, ampia chiglia orientata posteriormente. In Homaloptera confuzona le chiglie sono arrotondate e in Homaloptera ogilviei allungate; in entrambi i casi sono posizionate sul bordo posteriore della squama.
In Homaloptera orthogoniata, Homaloptera ocellata e Homaloptera parclitella una chiglia centrale e larga è fiancheggiata da altre due più piccole. Altri caratteri che definiscono Homaloptera parclitella includono 5 raggi ramificati nella pinna anale, 2 raggi semplici nella pinna pelvica e 8-9 ramificati, 5 raggi semplici nella pinna pettorale e 12-13 ramificati; 12-14 file di squame sopra l'origine della pinna pelvica.

Homaloptera van Hasselt, 1823 è stato a lungo considerato un assemblaggio polifiletico (Kottelat, 1998), e in seguito a Randall & Page (2015) la maggior parte dei membri è stata spostata in altri generi, come Homalopteroides Fowler, 1905 con 11 specie, Homalopterula Fowler, 1940 con 6 specie, Balitoropsis Smith, 1945, con 2 specie, Pseudoomalotteri Silas, 1953, con 6 specie, Ghatsa Randall & Page, 2015, con 5 specie.

Il genere Homaloptera van Hasselt, 1823, è composto attualmente da sei specie (Homaloptera ocellata [specie tipo], Homaloptera bilineata, Homaloptera orthogoniata, Homaloptera ogilviei, Homaloptera confuzona e Homaloptera parclitella) presenti in Myanmar, Thailandia, Cambogia, Malaysia peninsulare, Sumatra, Giava e Borneo.

Il genere Homaloptera si distingue per la seguente combinazione di caratteri: tinta rossastra sulle pinne; origine della pinna dorsale anteriore all'origine della pinna pelvica; 7-8½, 8½ (M) raggi ramificati della pinna dorsale; 7 raggi ramificati nella pinna pelvica; pinna caudale biforcuta; squame chigliate; 20-27 squame predorsali; 59-73 squame totali nella linea laterale; nessuna chiglia adiposa sul peduncolo caudale; ano più vicino all'origine delle pinne anali che all'inserzione delle pinne pelviche; grande cappuccio rostrale; 2 barbigli rostrali spessi in stretta vicinanza tra loro; labbro superiore triangolare spesso; cuscinetto carnoso tra le parti laterali del labbro inferiore; assenza di solco centrale all'istmo.

La famiglia Balitoridae, riconosciuta da Kottelat (2012), è ampiamente distribuita in gran parte del subcontinente indiano, nel sud-est asiatico e in Cina.

Distribuzione

Asia: Penisola malese

La specie Homaloptera parclitella è distribuita nella Malesia peninsulare dove è stata registrata nei bacini fluviali Terengganu, Perak, Tahan, Muar, Jelai, Endau, Mersing e Sedili. Si trova anche nei sistemi fluviali Sai Buri, Bang Nara e Kolok, nel sud della Thailandia.
La località tipo di Homaloptera parclitella è "Cascate di Sekayu, piscine rocciose a circa 5 minuti. camminare a monte degli chalet, 4°57.80’N, 102°57.21’E, bacino Terengganu, Malesia ".

LEAST CONCERN

STATO NELLA LISTA ROSSA IUCN:
LEAST CONCERN (minima preoccupazione)

  • Homaloptera parclitella: la distribuzione e lo stato della specie in natura, sul sito della IUCN Red List, il più ampio database di informazioni sullo stato di conservazione delle specie animali e vegetali di tutto il mondo.
Habitat

Ambiente: demerso, acqua dolce. Clima tropicale.

Homaloptera parclitella è un abitante obbligato di corsi d'acqua con forte corrente, che contengono acqua limpida e satura di ossigeno. Abita spesso cateratte e rapide ed è probabile che mostri una preferenza per le zone meno profonde. I substrati sono generalmente composti da ghiaia, rocce, massi ricoperti da un ricco biofilm formato da alghe e altri microrganismi. Le macchie di piante acquatiche sono presenti solo occasionalmente ma la vegetazione ripariale è in genere ben sviluppata.

L'acqua nella località tipo di Homaloptera parclitella è descritta come "chiara e veloce che scorre su un substrato roccioso". Homaloptera parclitella è stata osservata in acque poco profonde tra le rocce e specie simpatriche comprendevano Garra cambodgiensis, Neolissochilus soroides, Poropuntius smedleyi, 'Puntius' binotatus, Homaloptera nebulosa, Amblyceps mangois.
Nel fiume Kahang, parte del drenaggio Endau, è stato registrato insieme a Homaloptera zollingeri, H. nebulosa, H. ogilviei e H. tweediei così come Malayochela maassi, Crossocheilus langei, Cyclocheilichthys apogon, Mystacoleucus marginatus, Rasbora dusonensis, R. elegans , R. paucisqualis, Trigonopoma gracile, Puntius partipentazona, Nemacheilus masyae, N. selangoricus, Neohomaloptera johorensis, Acanthopsoides molobrion, Pangio cuneovirgata, Pangio doriae, Pangio kuhlii, Pangio malayana, Pangio piperata, Pangio shelfordii, Pseudomystus fuscus, Akysis microps, A. hendricksoni Glyptothorax.
Qui
Homaloptera parclitella è stata osservata solo nelle sezioni a corrente più veloce del torrente tra le crescite di Cryptocoryne affinis con Homaloptera ogilviei presente anche tra le piante, ma in zone più lente.

Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 120x40x40h cm per un gruppo di minimo 6-7 esemplari.

Come per le altre specie di Hillstream loach, anche per quelle del genere Homaloptera la cosa più importante ed indispensabile è che l'acqua sia pulita, con molta corrente e ben ossigenata, pertanto se come requisito minimo è consigliabile utilizzare un filtro sovradimensionato con una portata di 10-15 volte all'ora, e altre pompe di movimento per ottenere la corrente e l'ossigenazione desiderati, l'ideale è allestire un vero e proprio fiume-acquario.

Il substrato di base può essere composto da ghiaia, sabbia o una miscela di entrambi, a cui dovrebbe essere aggiunto uno strato di rocce erose dall'acqua e ciottoli di varie dimensioni.
Sono adatti anche radici e rami di legno levigato, e sebbene le piante acquatiche siano raramente una caratteristica del loro habitat naturale, si possono utilizzare piante adattabili come Microsorum, Crinum e Anubias spp. Soprattutto queste ultime sono particolarmente utili, in quanto le specie di Homaloptera sembrano divertirsi a riposare sulle loro foglie.
Poiché ha bisogno di condizioni d'acqua stabili e si nutre di biofilm, questa specie non dovrebbe mai essere inserita in un acquario biologicamente immaturo, ed è necessario un coperchio aderente poiché può letteralmente arrampicarsi sui vetri. Mentre sono essenziali i cambi d'acqua parziali regolari, si può lasciare che l'aufwuchs cresca su tutte le superfici, tranne forse sul vetro frontale della vasca.

Comportamento e compatibilità: Gli Homaloptera parclitella non sono pesci aggressivi, ma le loro particolari esigenze d'allestimento limitano ovviamente la scelta di compagni adatti. Specie che abitano ambienti simili di forte corrente possono essere quelle dei generi Barilius, Discherodontus, Garra, Devario, alcune Rasbora, ghiozzi dei generi Rhinogobius, Sicyopterus, Stiphodon ed altri pesci gatto.
Sono anche adatti molti cobiti della famiglia Nemacheilidae e la maggior parte dei Balitoridae, sebbene con quest'ultimo gruppo in particolare possano verificarsi innocue schermaglie. Fate accurate ricerche prima dell'acquisto per essere sicuri di evitare problemi in futuro.

In natura vive in gruppo, quindi ne vanno comprati 6 o più esemplari per vederli al meglio, perché quando sono allevati singolarmente o in piccoli gruppi sono meno audaci. Anche l'interazione tra gli individui è interessante da osservare, i componenti del gruppo si sistemeranno in genere uno vicino all'altro direttamente nella corrente dell'acqua in determinate ore del giorno.

Alimentazione

Le specie del genere Homaloptera hanno un'alimentazione specializzata, si nutrono di biofilm, piccoli crostacei, larve di insetti e altri invertebrati.
In cattività possono accettare mangime secco affondante (anche se con alcuni esemplari si può avere più difficoltà), ma dovrebbero essere comunque offerti regolarmente cibi vivi e/o congelati come Daphnia, Artemia, Chironomus, ecc. che sono essenziali per il mantenimento di una buona salute. E' inoltre necessario che l'acquario contenga massi levigati e altre superfici solide su cui crescano alghe e altro aufwuchs.
Spesso i balitoridi in vendita sono denutriti ed emaciati, e possono essere difficili da recuperare. Un buon commerciante avrà fatto qualcosa prima della vendita, ma se decidete di dare una possibilità ad esemplari fortemente indeboliti, sarà necessario far loro recuperare le forze fornendo alimenti adatti in modo continuo e facilmente reperibili e senza alcun concorrente alimentare.

Dimorfismo sessuale

Le femmine sessualmente mature sono di solito un po' più grandi e più corpose dei maschi.

Riproduzione

Presumibilmente in natura Homaloptera parclitella depone stagionalmente, ma in acquario non risulta si sia mai riprodotto.

Taxa principali

E' un'affascinante specie da acquario che appare ogni tanto in commercio, anche se non è sempre identificata correttamente.

Dimensioni max: 6.8 cm SL
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni

E' una specie rara da trovare in commercio, e la maggior parte delle immagini che le ritraggono sono invece Homaloptera confuzona o Homaloptera parclitella.

Dimensioni max: 13.0 SL
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Temperatura: 20 - 24°C

In passato considerata una forma di Homaloptera orthogoniata, è un'affascinante abitante delle rapide

Dimensioni max: 10.0 cm SL
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.
anonimo

Gioele

3 anni 6 mesi fa

Sto per allestire un acquario da 240L netti come fiume-acquario e mi sono letteralmente innamorato di questo pesce, il problema è che l'unica letteratura che trovo è in tedesco e non trovo siti di negozi che lo vendono, non è che per caso qualcuno sa indicarmi un negozio?

Realizzazione passo passo di una vasca a forte corrente adatta agli "Hillstream Loaches", i Balitoridi, ma anche a tutti i pesci che provengono da fiumi e torrenti a forte corrente - tratto e tradotto da un articolo Martin Thoene

Piccolo compendio di quello che c'è da sapere prima di comprare questi pesci, per poterli allevare al meglio, o per non comprarli affatto :-)

Spiegazione molto dettagliata ed approfondita delle caratteristiche fisiche e biologiche degli Hillstream loaches, adattate alla vita in acque dalla forte corrente, e delle caratteristiche irrinunciabili che deve avere una vasca a loro dedicata - tratto e tradotto da un articolo di Martin Thoene

Emma Turner ci offre una guida precisa e puntuale sugli Hillstream loaches e i Brook loach (in italiano potrebbero chiamarsi cobiti dei torrenti montani e cobiti dei ruscelli), pesci che devono superare ogni condizione dell'acqua che la natura gli lancia contro - tratto e tradotto da un articolo di Emma Turner

Homaloptera parclitella - Foto © Frank Schäfer (Aquarium Glaser GmbH)

Spiegazione dettagliata e precisa del perche l'ossigeno in acquario è così importante, e soprattutto perché è così importante per alcuni pesci, come botia, cobitidi, balitoridi, gastromizontidi - tratto e tradotto da un articolo di Martin Thoene

Jim descrive una cura effettuata con successo ai suoi cari Hillstream loaches, riuscendo in tal modo a debellare una malattia che sembrava mortale - tratto e tradotto da un articolo di Jim Powers

Descrizione, informazioni e immagini degli habitat in cui vivono in natura i "pesci a ventosa" delle famiglie dei balitoridi, gastromyzontidi e nemacheilidi

Consigli e suggerimenti generali per allevare gli Hillstream loaches (balitoridi, gastromizontidi e nemacheilidi) nella maniera più adatta, rispettandone le esigenze e riducendo lo stress per l'allevamento in cattività

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere suill'allevamento dei Balitoridi, grazie ai messaggi più interessanti di it.hobby.acquari

Come avviene e come favorire in acquario la riproduzione degli hillstream loach e come far crescere gli avannotti con successo