Attenzione

Daphnia e Moina

La Daphnia, o Dafnia, è sicuramente il crostaceo più conosciuto tra gli acquariofili, in quanto è l'alimento naturale per i pesci più antico

Daphnia sp. - Foto © Jerome Picard (Flickr)

La Daphnia, o Dafnia, è sicuramente il crostaceo più conosciuto tra gli acquariofili, in quanto è l'alimento naturale per i pesci più antico, usato dai pionieri dell'acquariofilia quando ancora non esisteva il mangime in fiocchi. In passato si potevano trovare le Dafnie in abbondanza e con facilità in tutti i luoghi dove c'era dell'acqua, e in particolare si rinveniva in abbondanza nelle macere della canapa. Oggi è un pò più difficile trovarla, sia perchè i corsi d'acqua disponobili sono molto diminuiti, sia perchè quelli che ci sono in genere sono inquinati dalla presenza dell'uomo, e le Dafnie purtroppo sono molto sensibili all'inquinamento.

Molto simile alla Dafnia è la Moina, un crostaceo molto meno presente in Italia, di dimensioni un pò più piccole rispetto alla cugina, ma molto usato a Singapore come mangime vivo, dove viene allevato in grosse quantità.

Daphnia magna, femmina adulta - Foto © Hajime Watanabe (Wikimedia)

Taxa

Artemia salina, brine shrimp - Foto © Hans Hillewaert (Wikimedia)

L'artemia salina, o meglio i naupli d'artemia, sono tra i cibi vivi di più facile allevamento, perchè basta comprare le cisti, metterle in uno schiuditoio e aspettare qualche giorno perchè nascano; più difficile è fare un allevamento di artemie.

Bigattini

I Bigattini o cagnotti, larve della mosca carnaria, e le camole della farina, sono vermotti bianchi da fornire come cibo vivo ai pesci più grandi

Larve di Chironomus - Foto © Steve Hopkin (Arkive.org)

I chironomus sono più semplicemente le larve di insetti molto simili alle zanzare, e costituiscono un alimento molto proteico, graditissimo a tutti i pesci onnivori e carnivori.

Cyclops bicuspidatus al microscopio

Cibo vivo molto piccolo, adatto anche agli avannotti troppo piccoli per i naupli d'artemia

Daphnia sp. - Foto © Jerome Picard (Flickr)

La Daphnia, o Dafnia, è sicuramente il crostaceo più conosciuto tra gli acquariofili, in quanto è l'alimento naturale per i pesci più antico

Drosophila - Foto © Michele Mosca

Le Drosophile, o moscerini della frutta, un cibo vivo molto semplice da allevare...

Enchitrei - Foto © Alessio Arbuatti

Gli Enchitrei, o grindal, sono un cibo vivo molto utilizzato per svariate specie di pesci che non accettano il mangime secco, o per avannotti già abbastanza grandi da poterli mangiare.

Fairy shrimps (Eubranchipus) - Arizonafairyshrimp.com

Le Fairy shrimps, in particolare Eubranchipus vernalis, sono simili alle Artemie ma un po' più difficili forse da allevare.

Gammarus roeseli - Foto © Michal Maňas (Wikimedia)

Piccoli crostacei d'acqua dolce, diffusi anche in Italia

Parameci da coltura con infusione di fieno, campo chiaro - Foto © La natura al microscopio

Conosciamo meglio gli infusori, una gamma di piccoli organismi che si possono utilizzare come cibo per gli avannotti appena nati molto piccoli

Lombrico

I comuni lombrichi di terra del genere Lumbricus sono un cibo vivo molto proteico da dare ai pesci più grandi

Mysis relicta, Pungreke - Foto © Per Harald Olsen (Wikimedia)

Piccoli gamberetti usati come cibo per pesci, in modo simile all'Artemia salina

Microworms (Panagrellus redivivus)

I Panagrellus redivivus sono i famosi 'Microworms' utilissimi per riuscire a far crescere avannotti ancora troppo piccoli per accettare i naupli d'artemia.

Planarie - Foto © Hristo Hristov

Gli invertebrati dei generi Planarium e Nematoda

Nella parte anteriore dei Triops emeritensis spicca la presenza di tre occhi (da cui il nome): due laterali compositi e uno semplice centrale - Foto © Miguel Blázquez (Wikimedia)

I Triops sono considerati la più antica specie animale vivente, e chi li alleva lo fa in realtà per vero e proprio piacere personale dell'allevamento, come quando si allevano i pesci, cioè per osservarli e 'studiare' il loro comportamento.

Tubifex - Foto © Christian Westhauser

I Tubifex sono un cibo vivo molto apprezzato dai pesci. ma vanno offerti con molta cautela...

Anguillule dell'aceto

Le anguillole dell'aceto sono dei Nematodi della specie Turbatrix aceti che vivono in ambienti acidi, come appunto l'aceto. Sono un cibo vivo molto piccolo, adatto agli avannotti

Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.