Attenzione

La Riproduzione dei Badis badis

Come avviene la riproduzione in acquario dei Badis badis e come riuscire a far crescere gli avannotti: descrizione del loro comportamento riproduttivo mettendone in evidenza somiglianze e differenze con quello dei Dario

Giovanissimo Badis badis di circa due mesi d'età - Foto © Massimo Macciò

Il comportamento riproduttivo dei Badis badis e dei Dario dario è molto interessante, e costituisce una fonte di studi da parte degli etologi, per la sua complessità, specie nell'ambito riproduttivo. Nei due diversi generi ci sono sia somiglianze che differenze, a volte molto accentuate, che cercherò di sottolineare.

Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale è molto evidente, la femmina è molto meno colorata del maschio, ha un colore tendente dal grigio al marroncino-beige.
Inoltre nel Badis badis il maschio ha la parte inferiore del corpo, la pancia, che forma una linea concava, mentre la femmina ha in genere la pancia più arrotondata, specialmente con l'avvicinarsi del periodo riproduttivo.

Femmina di Badis badis - Foto © Maurizio Grannonio

Maschio di Badis badis - Foto © Maurizio Grannonio

Maschio di Badis badis in livrea riproduttiva, quasi completamente nera - Foto © Maurizio Grannonio

Accoppiamento

Con l'avvicinarsi del periodo riproduttivo, il maschio di Badis badis inizia ad assumere una colorazione molto più scura, che arriva al nero notte quasi totale, ad eccezione delle pinne, orlate di un blu luminoso.
Inizia ad appartarsi nel luogo che ha scelto e preparato per la deposizione, che in genere è costituito da una caverna, che può essere fornita da gusci di noci di cocco, tronchi, radici, o sassi. L'importante è che sia buio e chiuso, dove possa entrare solo lui e nessun altro. Questo costituisce una differenza importante con i Dario dario, che invece depongono le uova su fitti cespugli di muschio acquatico o tra le foglie delle piante, all'aperto.
Si esibisce quindi in parate spiegando le pinne davanti alla femmina, ed inseguendola per brevi tratti.

La deposizione avviene quindi al riparo della grotta, dopodichè il maschio scaccia la femmina e assume su di sé tutti i compiti di protezione e cura delle uova, scacciando chiunque si avvicini alla grotta, femmina compresa.

Dopo circa una settimana le uova si schiudono, ed è necessario ancora qualche giorno prima che le larve abbiano terminato il sacco vitellino ed inizino ad andare alla ricerca di cibo.

Coppia di Badis badis nei rituali riproduttivi - Foto © Maurizio Grannonio

Coppia di Badis badis nei rituali riproduttivi - Foto © Maurizio Grannonio

Coppia di Badis badis nei rituali riproduttivi - Foto © Maurizio Grannonio

Crescita degli avannotti

In genere le uova schiudono dopo circa tre-cinque giorni, anche in relazione alla temperatura d'allevamento; il problema principale per la crescita degli avannotti è costituito dalle loro microscopiche dimensioni.

Mentre i Dario dario trovano probabilmente un ottimo rifugio tra il muschio di Giava, dove l'ammasso molto folto può anche racchiudere potenziali alimenti per i primi giorni di vita, nei primi giorni di vita i piccoli Badis badis sono accuditi e protetti dal papà, che sempre in livrea scurissima scaccia ogni malintenzionato dalle vicinanze.

Gli avannotti sono molto piccoli, per cui l'alimentazione dei primi giorni deve essere costituita da infusori, parameci, e da tutte le minuscole creaturine che si sviluppano tra il muschio e tra le alghe.
Dopo 5-6 giorni si può passare ai naupli d'artemia appena schiusi e a microworm; dopo un mesetto sono in grado di mangiare piccoli tubifex e chironomus.
Crescono comunque molto lentamente.

Giovanissimo Badis badis di circa due mesi d'età - Foto © Massimo Macciò

Avannotto di Badis badis di circa due mesi d'età - Foto © Massimo Macciò

Per approfondire:

Badis sp. 'Buxar' - Foto © Wilson Lee

Tratto dal sito francese Baillement.com, dedicato allo sbadiglio in tutte le sue forme, vengono qui analizzati e registrati tutti i comportamenti del Badis badis durante il ciclo riproduttivo, dagli sbadigli alla ventilazione delle uova - traduzione in italiano di un articolo di George W. Barlow

Badis badis, femmina - Foto © Vijendra Suryawanshi (kolkata-aquarium.com)

Sintetico articolo sull'allevamento e la riproduzione dei Badis badis. Al contrario di Robin Engelking, l'autore raccomanda di non allevarli con pesci lenti e tranquilli - tratto e tradotto da un articolo di M. J. Parry

Badis badis maschio che sorveglia la tana con le uova - Foto © Vijendra Suryawanshi (kolkata-aquarium.com)

Allevamento dei Badis badis in un acquario ben piantumato, dove sorprendono l'autore quando si accorge che si sono riprodotti - tratto e tradotto da un articolo di Robin Engelkin

Maschio di Badis badis nella scurissima livrea riproduttiva, quasi nera - Foto © Maurizio Grannonio

Racconto di un'esperienza di riproduzione dei Badis badis, avvenuta "casualmente", senza averla cercata appositamente o aver fatto qualcosa per incentivarla - tratto e tradotto da un articolo di Don Kinyon

Coppia di Dario dario, la femmina è a destra, dalla colorazione molto più scialba - Foto © Nonn Panitvong (Siamensis.org)

Come avviene la riproduzione in acquario dei Dario dario e come riuscire a far crescere gli avannotti

Maschio di Badis scarlet (Dario dario) - Foto © Arthit Prasartkul

Articolo esauriente, con belle foto, sull'allevamento e la riproduzione dei Dario dario, ex Badis bengalensis, in un acquario a loro dedicato - tratto e tradotto da un articolo di Arthit Prasartkul

Riferimenti & Link
it.hobby.acquari

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Taxa principali

Badis andrewraoi - Foto © Stefano Valdesalici (Seriouslyfish.com)

Una tra le specie descritte solo recentemente, nel 2015, da Stefano Valdesalici e Stefan Van der Voort.

Dimensioni max: 3.9 cm SL
Aspettativa di vita: 5 - 6 anni
Badis assamensis - Foto © Beta Mahatvaraj (Meenkaran)

Come per la maggior parte delle specie della famiglia Badidae non si ha molta documentazione su questa specie che non è molto popolare in acquariofilia.

Dimensioni max: 6.8 cm SL
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Temperatura: 15 - 25°C
Badis autumnum - Foto © Stefan Van Der Voort (Seriouslyfish.com)

E' una tra le specie descritte più recentemente, nel 2015, da Stefano Valdesalici e Stefan Van der Voort.

Dimensioni max: 3.6 cm SL
Badis badis - Foto © Robert Beke (Beke.co.nz)
Badis, Pesce camaleonte

Chiamato anche pesce camaleonte, grazie alla sua capacità di cambiare rapidamente la colorazione a seconda dell'umore, non è adatto in genere alle comuni vasche di comunità.

Dimensioni max: 7.1 cm TL
Aspettativa di vita: 5 - 6 anni
Temperatura: 15 - 25°C
Badis blosyrus - Foto © Frank Schafer (AquariumGlaser.de)

Come la maggior parte dei Badidae, questa specie è scarsamente documentata e deve ancora trovare significativa popolarità in acquariofilia.

Dimensioni max: 4.2 cm SL
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Temperatura: 15 - 25°C
Badis britzi, una nuova specie di Badis - Foto © Unmesh Katwate

Un nuovo pesce percomorfo (Teleostei: Badidae) dal Gats Occidentale, India

Dimensioni max: 3.3 cm SL
Aspettativa di vita: 5 - 6 anni

Come accade per molte specie della famiglia Badidae, c'è pochissima documentazione relativa a questo pesce

Dimensioni max: 3.5 cm SL
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Badis corycaeus con livrea stressata - Foto © Choy Heng Wah (Seriouslyfish.com)

Raro da trovare, chi ha la fortuna di averne una coppia la dovrebbe allevare in un acquario monospecifico, cercando di favorirne la riproduzione.

Dimensioni max: 3.5 cm SL
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Temperatura: 15 - 25°C

Come per la maggior parte dei Badidae c'è pochissima documentazione su questa specie, che non ha una significativa popolarità nell'hobby acquariofilo.

Dimensioni max: 4,1 cm. SL (coda esclusa)
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Badis ferrarisi, maschi in parata - Foto © Stefan Van Der Voort

Come per la maggior parte dei Badidae c'è pochissima documentazione su questa specie, molto rara da trovare

Dimensioni max: 3.7 cm SL
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Temperatura: 15 - 25°C
Badis juergenschmidti - Foto © Jerome Picard (Flickr)

Specie pressoché sconosciuta in ambito acquariofilo, ha comportamenti ed esigenze paragonabili a quelle del più famoso congenere, Badis badis.

Dimensioni max: 3.5 cm SL
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Badis kanabos - Foto © AqualifeTv

Come per molte altre specie della famiglia, c'è pochissima documentazione su di loro, che comunque hanno esigenze comparabili a quella dei più famosi Badis badis.

Dimensioni max: 3.5 cm SL
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Badis khwae - Foto © Nonn Panitvong (Siamensis.org)

Come per la maggior parte dei Badidae, c'è pochissima documentazione relativa a questa specie, che non ha comunque una presenza significativa in acquariofila

Dimensioni max: 5 cm SL (coda esclusa)
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Temperatura: 22 - 26°C
Badis kyanos - Foto © Stefano Valdesalici (Seriouslyfish.com)

Una tra le specie descritte più recentemente, nel 2015, da Stefano Valdesalici e Stefan Van der Voort.

Dimensioni max: 3.5 cm SL
Aspettativa di vita: 5 - 6 anni
Badis kyar, una specie di Badis molto rara da trovare in commercio

Come molte altre dei Badidae, anche questa è scarsamente documentata nella letteratura acquariofila e non ha ancora una significativa popolarità in acquariofilia

Dimensioni max: 3.8 cm SL
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Temperatura: 15 - 25°C
Maschio adulto di Badis laspiophilus con la livrea del dominante - Foto © Beta Mahatvaraj (Meenkaran)

Specie descritta solo nel 2015, quindi molto recentemente, da Stefano Valdesalici e Stefan Van der Voort.

Dimensioni max: 2.1 cm SL
Badis pyema - Foto © Stefan Van Der Voort

Anche questa specie, come molte dei Badidae, ha una scarsissima documentazione che la riguarda, ma nonostante la sua rarità è stata più volte riprodotta in acquario.

Dimensioni max: 4.1 cm SL
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Temperatura: 15 - 25°C
Badis ruber - Foto © Robert Beke

E' una tra le più note specie del genere Badis nel commercio acquariofilo, noto con vari nomi commerciali, tra cui Burmese badis e red badis

Dimensioni max: 5.0 cm SL
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Temperatura: 15 - 25°C
Badis siamensis - Foto © Nonn Panitvong (Siamensis.org)

Come la maggior parte dei Badidae, questa specie è scarsamente documentata e poco popolare in acquariofilia; fino ad oggi è stata esportata solo in numero molto limitato.

Dimensioni max: 3.9 cm SL
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Temperatura: 22 - 26°C
Badis singenensis - Foto © Beta Mahatvaraj

Un'altra specie della famiglia Badidae di cui c'è scarsissima documentazione, e che difficilmente troveremo in commercio, essendo stato esportato rarissime volte.

Dimensioni max: 3,7 cm. SL
Aspettativa di vita: 5-6 anni
Badis soraya - Foto © Stefano Valdesalici (Seriouslyfish.com)

Una tra le specie descritte più recentemente, nel 2015, da Stefano Valdesalici e Stefan Van der Voort.

Dimensioni max: 3.2 cm SL