Dei pesci molto diffusi in commercio hanno dei nuovi nomi scientifici, in seguito a uno studio recente. Ecco una guida pratica ai cambiamenti.

Tratto e tradotto dall'articolo:
"South Asian barbs ‚Äď a guide to nomenclature"
di Matt Ford
sul sito di Seriouslyfish.com

Sahyadria denisonii: Il genere Puntius ha subito alcuni cambiamenti importanti. © Hristo Hristov

I fan dei Barbus attendono; una vasta revisione delle specie del genere Puntius del Sudest asiatico pubblicata nell'ultimo volume di "Ichthyological Exploration of Freshwaters" ha comportato la divisione di una grande parte del genere e la collocazione di molte specie in generi diversi.

Sebbene fosse attesa da molto tempo nei circoli ittiologici, è probabile che per gli acquariofili generi un certo grado di confusione, dal momento che molti dei pesci colpiti sono popolari in acquariofilia.

√ą tutto un po' complesso, quindi abbiamo messo insieme questa pratica mini guida per aiutare a spiegare i nuovi raggruppamenti.

Che cosa è successo e perché tutti questi cambiamenti?

Fondamentalmente, le ex specie di Puntius provenienti dall'Asia meridionale sub-himalayana sono state riorganizzate in cinque generi diverai, tre dei quali sono nuovi, il che significa che la maggior parte di loro ora ha nomi diversi.

Ciò era necessario perché Puntius è stato considerato un raggruppamento polifiletico, cioè era composto da diverse linee genetiche distinte che erano state inizialmente raggruppate insieme a causa di caratteristiche morfologiche simili. Ora si sa che non discendono da un unico antenato comune, quindi era necessaria una riorganizzazione.

Come sono state raggiunte queste conclusioni?

E' stata usata una combinazione di dettagliati metodi morfologici, osteologici e genetici per confrontare 30 specie putative di Puntius l'una con l'altra, e 9 specie da 6 altri generi di ciprinidi. Le nuove classificazioni si basano sui risultati di queste analisi.

Quali sono i nuovi generi e come vengono distinti?

Puntius

La specie Puntius chola è stato mantenuta nel genere Puntius sensu stricto - Foto © Nonn Panitvong

Puntius sensu stricto è ora limitato a quelle specie prive di barbigli rostrali, con l'ultimo raggio della pinna dorsale non ramificato debole o forte ma sempre liscio, e una linea laterale completa con 22-28 squame a pori.

Le specie incluse sono:

  1. Puntius chola (Hamilton, 1822),
  2. Puntius dorsalis (Jerdon, 1849),
  3. Puntius kelumi Pethiyagoda, Silva, Maduwage & Meegaskumbura, 2008,
  4. Puntius layardi (G√ľnther, 1868),
  5. Puntius mahecola (Valenciennes, in Cuvier e Valenciennes, 1844),
  6. Puntius pugio Kullander, 2008,
  7. Puntius sophore (Hamilton, 1822),
  8. Puntius terio (Hamilton, 1822),
  9. Puntius thermalis (Valenciennes, in Cuvier e Valenciennes, 1844).

Inclusi su una base provvisoria sono un certo numero di altre specie dell'Asia meridionale che condividono i caratteri diagnostici (esterni) di base, anche se solo uno, Puntius sahyadriensis Silas 1953, è ben noto nell'hobby dell'acquariofilia.

Anche il barbo a due macchie, Puntius bimaculatus (Bleeker, 1863) e il barbo ciliegia, Puntius titteya Deraniyagala, 1929 condividono questi caratteri e sono conservati nel genere Puntius, nonostante differiscano da tutti gli altri Puntius per la mancanza di una fontanella postpifisaria e posseggano solo 7 raggi ramificati nella pinna dorsale.

Puntius denisonii e Puntius chalakkudiensis saranno probabilmente collocati in un genere distinto in seguito, ma per ora sono mantenuti nel genere, anche perché nello studio non ne è stato esaminato nessun esemplare.

Systomus

Systomus orphoides è l'unica specie presente nel sud-est asiatico inserita nel genere Systomus - Foto © H-J Chen

Nel 1996 Walter Rainboth propose che alcune specie di Puntius del Sud-est asiatico dovessero essere riferite al genere Systomus, un raggruppamento eretto per la prima volta nel XIX secolo di cui i membri erano caratterizzati dal possesso di una spina dorsale dentellata, la presenza di 2 o 4 barbigli e meno di 12 rastrelli branchiali. Sebbene non ampiamente accettato nella letteratura dell'acquario, il suo uso √® diventato sempre pi√Ļ frequente nell'ittiologia con un certo numero di specie abitualmente citate con quel nome e alcuni taxa recentemente descritti assegnati direttamente al genere.

Nel nuovo studio Systomus viene applicato alle specie che posseggono sia barbigli mascellari che rostrali, l'ultimo raggio ddella pinna dorsale non ramificato irrigidito (osseo), e una linea laterale completa con 27-34 squame.

Le specie qui incluse sono:

  1. Systomus asoka (Kottelat & Pethiyagoda, 1989),
  2. Systomus compressiformis (Cockerell, 1913),
  3. Systomus ayarami (Vishwanath e Tombi Singh, 1986),
  4. Systomus martenstyni (Kottelat & Pethiyagoda, 1991),
  5. Systomus orphoides Valenciennes, a Cuvier e Valenciennes 1842,
  6. Systomus pleurotaenia (Bleeker, 1863),
  7. Systomus sarana (Hamilton, 1822),
  8. Systomus spilurus (G√ľnther, 1868) e
  9. Systomus timbiri (Deraniyagala, 1963),
  10. pi√Ļ un pesce non descritto di cui come "Puntius sp. Richmondi‚Äô.

Haludaria (Dravidia)

Il pesce precedentemente noto come Puntius fasciatus è passato a Dravidia fasciata e quindi a Haludaria fasciata - Foto © Hayath

Il nuovo genere Dravidia (iventato poi Haludaria perchè il nome Dravidia era già utilizzato per un genere di mosche) prende il nome dal popolo dravidico dell'India meridionale e viene diagnosticato in possesso di entrambi i barbigli rostrali e mascellari, una linea laterale completa con 18-26 squame a pori e una pinna dorsale con 4 raggi non ramificati e 8 ramificati, di cui il l'ultimo raggio non ramificato è liscio. L'infraorbitale 3 è profondo, in parte sovrapposto al preopercolo, e la fontanella libera uroneurale e postepifisaria è assente.

Le specie nominali incluse in Haludaria sono:

  1. Haludaria afasciata (Jayaram, 1990),
  2. Haludaria fasciata (Jerdon, 1849),
  3. Haludaria kannikattiensis (Arunachalam & Johnson, 2003),
  4. Haludaria melanampyx (Giorno, 1865),
  5. Haludaria pradhani (Tilak , 1973),

sebbene solo Haludaria fasciata e Haludaria kannikattiensis siano ufficialmente valide al momento.

Dawkinsia

Il genere Dawkinsia prende il nome da Richard Dawkins. La foto mostra Dawkinsia rohani - Foto © Hayath

Dawkinsia prende il nome dal famoso biologo evoluzionista Richard Dawkins. I membri mancano di barbigli rostrali, possiedono una linea laterale completa con scaglie a 18-22 pori e uno schema giovanile composto da tre barre nere sul corpo.

Comprende quelle specie precedentemente riferite al gruppo Puntius filamentosus che sono ora conosciute come:

  1. Dawkinsia arulius (Jerdon, 1849),
  2. Dawkinsia assimilis (Jerdon, 1849),
  3. Dawkinsia esclamatio (Pethiyagoda & Kottelat, 2005),
  4. Dawkinsia filamentosa (Valenciennes, in Cuvier e Valenciennes, 1844),
  5. Dawkinsia rohani (Rema Devi, Indra e Marcus Knight, 2010),
  6. Dawkinsia rubrotinctus (Jerdon, 1849),
  7. Dawkinsia singhala (Duncker, 1912),
  8. Dawkinsia srilankensis (Senanayake, 1985),
  9. Dawkinsia tambraparniei (Silas, 1954).

Pethia

Il popolare black ruby barb, barbo nero rubino, è ribattezzato Pethia nigrofasciata - Foto © Chor Kiat Yeo

Il terzo nuovo genere è così chiamato perché è il nome volgare per i piccoli ciprinidi in lingua Sinhala. Le specie del genere Pethia non hanno i barbigli rostrali, non hanno o sono minuscoli i barbigli mascellari, possiedono l'ultimo raggio non ramificato della pinna dorsale rigido, serrato, presentano una macchia nera sul peduncolo caudale e frequentemente macchie nere, puntini o barre sui fianchi del corpo. L'infraorbitale 3 è profondo e si sovrappone parzialmente al preopercolo.

Ci sono 23 membri tra cui alcuni diffusi negli acquari come:

  1. Pethia conchonius (Hamilton, 1822),
  2. Pethia cumingii (G√ľnther, 1868),
  3. Pethia gelius (Hamilton, 1822),
  4. Pethia nigrofasciata (G√ľnther, 1868),
  5. Pethia padamya (Kullander & Britz, 2008),
  6. Pethia stoliczkana (Day, 1871) e
  7. Pethia ticto (Hamilton, 1822),

il resto comprende

  1. Pethia atra (Linthoingambi & Vishwanath, 2007),
  2. Pethia bandula (Kottelat & Pethiyagoda, 1991) ,
  3. Pethia didi (Kullander & Fang, 2005),
  4. Pethia erythromycter (Kullander, 2008),
  5. Pethia khugae (Linthoingambi & Vishwanath, 2007),
  6. Pethia macrogramma (Kullander, 2008),
  7. Pethia manipurensis (Menon, Rema Devi & Viswanath, 2000),
  8. Pethia melanomaculata (Deraniyagala, 1956),
  9. Pethia nankyweensis (Kullander, 2008),
  10. Pethia nigripinnis Knight, Rema Devi e Arunachalam, 2012,
  11. Pethia phutunio (Hamilton, 1822),
  12. Pethia pookodensis (Misericordia e Jacob, 2007),
  13. Pethia punctata (Day, 1865),
  14. Pethia reval (Meegaskumbura, Silva, Maduwage & Pethiyagoda, 2008),
  15. Pethia shalynius (Yazdani & Talukdar, 1975),
  16. Pethia thelys (Kullander, 2008), e
  17. Pethia tiantian (Kullander & Fang, 2005).

Inoltre potrebbero essere inseriti in questo genere anche:

  1. 'Puntius' meingangbii Arunkumar & Tombi Singh, 2003,
  2. 'Puntius' muvattupuzhaensis Jameela Beevi & Ramachandran, 2005,
  3. 'Puntius' narayani (Hora, 1937),
  4. 'Puntius' ornatus Vishwanath & Laisram, 2004,
  5. 'Puntius' setnai Chhapgar & Sane, 1992, e
  6. 'Puntius' yuensis Arunkumar & Tombi Singh, 2003.

Ci sono specie di Puntius non toccate dalla revisione?

Puntius semifasciolatus (ora Barbodes semifasciolatus) è una delle numerose specie attualmente di incerta collocazione generica - Foto © H-J Chen

Sì, la maggior parte di quelli originari del Sud-Est asiatico di cui solo uno, Puntius brevis (Bleeker, 1849), è un membro del genere Puntius come inteso ora. Delle varie specie precedentemente collocate in Systomus solo Systomus orphoides è un membro di quel genere sotto la sua nuova diagnosi. Il resto richiede di essere riposizionato altrove, e attualmente è classificato come incertae sedis, cioè di incerta collocazione tassonomica.

Per il momento, è forse meglio indicarli come 'Puntius', in cui il nome del genere è racchiuso tra virgolette, per indicare il suo discutibile utilizzo, e questa è la convenzione usata su SeriouslyFish.com. Alcuni di questi come 'Puntius' tetrazona, 'Puntius' oligolepis e 'Puntius' lateristriga sono pesci d'acquario ben noti.

Come sarà risolto?

Una revisione delle specie di 'Puntius' del sud-est asiatico è in preparazione ed è stata citata brevemente da Kottelat e Tan 2011 nella descrizione di di Systomus xoutos (attualmente 'Puntius').

Quindi cosa dovrei chiamare il mio pesce se è stato colpito da questi cambiamenti e come posso trovarlo nella Knowledge Base di SeriouslyFish?

SeriouslyFish incoraggia l'uso della nomenclatura scientifica corrente, quindi raccomanda l'utilizzo dei nuovi nomi. Sta anche aggiornando i profili delle specie presenti nella Knowledge Base per riflettere i cambiamenti, e questo processo dovrebbe essere completato a breve.

Detto questo, è probabile che queste novità non saranno ampiamente accettate nel commercio dei pesci d'acquario, e sospettiamo che molti pescatori continueranno a riferirsi all'intero gruppo come Puntius, sia perché appariranno ancora in quel modo nei libri e nelle riviste sia online che cartacee pubblicate prima della revisione, sia perché i cambiamenti tassonomici radicali possono essere difficile da accettare quando i nomi precedenti sono così familiari.

Altri semplicemente non sono a conoscenza dei cambiamenti, o magari preferiscono continuare l'uso (errato) di Barbus o Capoeta, entrambi nomi validi ma ora applicati ad altri gruppi di pesci. Inoltre, le nuove combinazioni scientifiche vengono raramente prese in considerazione negli elenchi commerciali.

Gli utenti di SeriouslyFish possono ancora cercarli usando Puntius sia sul sito stesso che tramite i motori di ricerca, e grazie ad alcune tecniche magiche dovrebbero essere restituiti gli stessi risultati.

Testo originale in inglese © Matt Ford (Seriouslyfish)

Per approfondire:

Piccolo compendio di quello che bisogna sapere prima di comprare Barbus, Puntius, & C., per allevarli al meglio, o per non comprarli affatto :-)

Sahyadria denisonii (ex Puntius denisonii) è una splendida specie di barbus - Foto © Hristo Hristov

Il Barbo tigre Puntigrus tetrazona apparteneva in passato al genere Puntius/Barbus - Foto © Robert Beke (Beke.co.nz)

Si dice spesso che una tigre non perde mai le sue strisce, ma per quanto riguarda il suo nome? Matt Ford indaga sul mistero dell'identità del barbo tigre onnipresente nel commercio acquariofilo - tratto e tradotto da un articolo di Matt Ford

Carrellata delle varie specie di barbus pi√Ļ diffuse in acquariofilia, con accennate le loro migliori caratteristiche, e l'avviso di non farsi sviare dall'aspetto scialbo che mostrano in negozio... - tratto e tradotto da un articolo di Terry Ranson

Aggiungi un commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Taxa

Clown Barb

Bella specie di barbus che in natura è in pericolo di estinzione

Dimensioni max: 12 cm
Aspettativa di vita: 5 - 7 anni
Clown barb

Una bella specie, ex genere Puntius, non facile da trovare in commercio

Dimensioni max: 15 cm TL
Aspettativa di vita: 5 - 7 anni
Temperatura: 24 - 30¬įC
Chinese barb

La forma dorata di questa specie √® tra i pi√Ļ popolari pesci d'acquario d'acqua dolce, ed √® cos√¨ onnipresente che molti appassionati non sono neanche consapevoli del fatto che non √® la forma naturale, praticamente inesistente in commercio.

Dimensioni max: 7 cm TL
Aspettativa di vita: 5 - 7 anni
Temperatura: 18 - 24¬įC
Tinfoil barb, Barbo stagnola

Sono abbastanza diffusi in commercio, ma in genere offerti da giovanissimi, da piccoli, con poche o nessuna informazione per quanto riguarda le loro dimensioni da adulti.

Dimensioni max: 35.0 cm SL
Aspettativa di vita: 10 - 12 anni
Temperatura: 22 - 25¬įC

Una specie non molto conosciuta, in quanto sembra che tutti i pesci venduti come 'Puntius arulius' siano in realtà Dawkinsia (Puntius) tambraparniei...

Dimensioni max: 12.0 cm TL
Temperatura: 19 - 25¬įC
Mascara Barb

E' una specie di barbus dalla bella colorazione, in particolare la forma 'red', che diventa abbastanza grande, va allevata in gruppo ed ha bisogno di spazio, oltre che di acqua con corrente e ben ossigenata.

Dimensioni max: 12.0 cm SL
Aspettativa di vita: 5 - 10 anni
Blackspot barb

Barbus facile da allevare, ma che diventa abbastanza grande, va allevato in gruppo ed ha bisogno di spazio, oltre che di acqua con corrente e ben ossigenata.

Dimensioni max: 18 cm TL secondo Fishbase.org; solo 12 cm SL secondo Seriouslyfish.com
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Temperatura: 20 - 24¬įC

Una bella specie prima compresa nel genere Puntius, non facile da trovare in commercio

Dimensioni max: 9.5 cm SL
Arulius Barb

Sembra che la sua diffusione in acquario sia maggiore di quanto si pensi perché sarebbero Dawkinsia tambraparniei tutti i pesci venduti come 'Arulius barb'

Dimensioni max: 12.8 cm SL

Posta nel nuovo genere Desmopuntius da Kottelat nel 2013, nel commercio acquariofilo viene in genere confusa con la specie strettamente connessa di Desmopuntius pentazona (ex Systomus pentazona)

Dimensioni max: 5.5 cm TL
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Temperatura: 20 - 26¬įC
Striped barb

Un'insolita specie di barbus, a strisce orizzontali invece che a barre verticali.

Dimensioni max: 12 cm TL
Temperatura: 23 - 25¬įC
Fiveband barb, Barbo pentazona

E' una specie rara nel commercio acquariofilo, in quanto la maggior parte dei pesci venduti con il loro nome in realtà sono i strettamente correlati Desmopuntius hexazona

Dimensioni max: 8.8 cm TL
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Temperatura: 26 - 29¬įC

Anche questa specie è stata separata dai Puntius/Barbus per essere spostata nel nuovo genere Desmopuntius

Dimensioni max: 8.8 cm TL
Temperatura: 23 - 28¬įC

Un'insolita specie di barbus, a strisce orizzontali invece che a barre verticali.

Dimensioni max: 9.6 cm SL
African banded barb

Piccolo pesce eccezionalmente attraente quando è in buone condizioni, ma esportato raramente.

Dimensioni max: 6 cm SL
Temperatura: 20 - 26¬įC
Melon barb, Ember barb

Uno dei piccoli ciprinidi pi√Ļ sottovalutati in acquariofilia, in quanto √® relativamente tranquillo, resistente, colorato e con un comportamento interessante

Dimensioni max: 7.5 cm TL
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni

Specie difficile da trovare in commercio, che ama le acque correnti

Dimensioni max: 15.0 cm TL

Specie difficile da trovare in commercio, che ama le acque correnti

Dimensioni max: 20.0 cm TL
 
Temperatura: 22¬†- 27¬įC
Checkered barb

Ex appartenente al genere Puntius, ora ha un genere dedicato solo a lui...

Dimensioni max: 5.0 cm TL
Temperatura: 20 - 24¬įC
Rosy barb, Barbo rosa

Considerato uno dei piccoli ciprinidi pi√Ļ resistenti disponibili in acquariofilia, Pethia conchonius √® una scelta eccellente per chi √® da poco che ha deciso di allestire un acquario

Dimensioni max: 14.0 cm TL
Aspettativa di vita: 4 - 5 anni
Temperatura: 16¬į - 22¬įC
Golden Dwarf Barb, Barbo dorato

Piccoli pesci timidi e pacifici, non adatti ai comuni acquari di comunità proprio per le loro ridotte dimensioni e il carattere schivo.

Dimensioni max: 5.1 cm TL
Aspettativa di vita: 2 - 5 anni
Temperatura: 18 - 22¬įC
Black ruby barb, Barbo rubino

Una specie dell'ex genere Barbus dalla livrea nuziale inconfondibile e bellissima, robusta e poco esigente, adatta agli acquari di comunità ben pensati.

Dimensioni max: 6.0 cm TL
Aspettativa di vita: 4 - 6 anni
Temperatura: 22 - 26¬įC
Odessa barb

Un piccolo barbus dalla livrea stupefacente, talmente definita nella colorazione che quando apparve in commercio si pensava fosse colorato artificialmente...

Dimensioni max: 4.6 cm SL
Temperatura: 16 - 25¬įC

Una specie di barbus non molto diffusa in commercio

Dimensioni max: 5.7 cm TL

Specie molto simile a Puntigrus tetrazona, il barbo tigre; si trova occasionalmente in commercio, spesso mescolato e confuso con questi ultimi.

Dimensioni max: 6.6 cm TL
Sumatra barb, Barbo tigre

E' la specie di 'barbo tigre' pi√Ļ diffusa nel commercio acquariofilo, e negli ultimi anni ha cambiato nome scientifico molto spesso

Dimensioni max: 7.0 cm TL
Aspettativa di vita: 6 - 7 anni
Temperatura: 20 - 26¬įC
Redside barb

Bella specie vivace, con i maschi particolarmente colorati, che ama avere spazio per nuotare e una certa corrente in vasca, ma soprattutto vivere in branco

Dimensioni max: 7.0 cm TL
Temperatura: 22 - 24¬įC
Barbo ciliegia, Cherry barb

Specie molto robusta, √® un'ottima scelta per i principianti ed √® tra i pi√Ļ diffusi piccoli ciprinidi in acquariofilia, anche per la bella livrea dei maschi in riproduzione.

Dimensioni max: 5.0 cm TL
Aspettativa di vita: 5 - 7 anni
Temperatura: 23 - 27¬įC

In precendenza nel genere Puntius, e confusa inizialmente con la specie congenere Sahyadria denisonii, in realt√† ha i colori meno brillanti ed √® pi√Ļ aggressiva.

Dimensioni max: 12.5 cm TL
Denison barb

Da quando è stato commercializzato la prima volta, questo bel pesce ha subito un'impennata delle vendite, che ha portato ad un eccessivo prelievo in natura, tanto che ha rischiato di sparire per sempre dai luoghi d'origine

Dimensioni max: 15 cm TL
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Temperatura: 15 - 25¬įC.

Offerte di Amazon