Attenzione

Baryancistrus beggini

Lujan, Arce & Armbruster, 2009

Piccolo loricaride abbastanza delicato, non adatto a tutte le vasche

Baryancistrus beggini - Foto © Robert Beke (Beke.co.nz)

Nome comune
L239, Blue Panaque
Aspettativa di vita

5 - 8 anni

Dimensioni massime in natura

8.1 cm SL

La specie Baryancistrus beggini comprende pesci gatto della famiglia Loricariidae, ordine Siluriformes. Prima della descrizione scientifica, la specie era commercializzata con il numero L239. E' la specie più piccola del genere Baryancistrus, le sue dimensioni massime non superano i 10 cm. Come corporatura è abbastanza larga e tozza, di forma appiattita in modo da aderire meglio alle rocce del fondale, nonostante la corrente d'acqua. La livrea di Baryancistrus beggini è completamente azzurra, la cui tonalità cambia in base al fondale in cui si trova: su un fondo scuro anche la livrea scurisce, mentre su un substrato chiaro la livrea diventa di un azzurro molto più chiaro.

La specie Baryancistrus beggini può essere distinta dalle altre specie del genere e dalle altre specie della sottofamiglia Hypostominae (vedi sotto per la definizione di questo raggruppamento) per il corpo uniformemente da nero a brunastro e la colorazione della pinna con una lucentezza da turchese a bluastra, e la forma acutamente piegata delle placche del corpo medio-ventrale 3- 5 che formano una caratteristica chiglia che corre lungo il corpo, al di sopra delle pinne pettorali.

Il posizionamento nel genere Baryancistrus potrebbe essere considerato solo provvisorio, poiché la specie mostra differenze notevoli rispetto ad altri membri del raggruppamento. La cosa è stata notata da Lujan et al. nella sua descrizione, per cui la specie potrebbe essere spostata altrove in futuro, in attesa dei risultati di studi comparativi più dettagliati tra specie affini.

Il genere Baryancistrus può essere distinto da tutti gli altri loricaridi per il possesso di una membrana allargata situata posteriormente all'ultimo raggio ramificato della pinna dorsale. Questa membrana può raggiungere o meno la struttura portante della pinna adiposa (come succede in Baryancistrus beggini) ed è la caratteristica che lo fa distinguere dai generi Oligancistrus, Parancistrus e Spectracanthicus, in cui la pinna dorsale e la pinna adiposa sono completamente connesse, e dal genere Hemiancistrus, in cui la membrana non è ben sviluppata.

La famiglia Loricariidae è la più grande tra i pesci gatto, con oltre 700 specie descritte fino ad oggi e molte in attesa di descrizione. A queste ultime viene tipicamente assegnato un numero "L" specifico sia dagli acquariofili che dagli studiosi, per fornire un mezzo di identificazione di base, sebbene in alcuni casi siano state indicate diverse specie con lo stesso numero, o siano stati utilizzati più numeri per diverse popolazioni di un unico taxon. Tutti i loricaridi sono anche comunemente indicati come "pleco", "plecostomus" o "pesci gatto corazzati con bocca a ventosa".
Le relazioni più strette tra i generi membri della famiglia sono state studiate a lungo dagli ittiologi, ma in numerosi casi rimangono irrisolte. Isbrücker (1980) è stato il primo a proporre un arrangiamento di sei sottofamiglie, vale a dire Lithogeneinae, Neoplecostominae, Hypostominae, Ancistrinae, Hypoptopomatinae e Loricariinae, e questo modello è stato generalmente seguito fino alla pubblicazione dell'analisi morfologica di Armbruster nel 2004. Anche la sua filogenesi conteneva sei sottofamiglie, con Ancistrinae di Isbrücker (1980) inclusa come una delle cinque tribù che compongono Hypostominae. Questo è stato successivamente modificato leggermente da Reis et al. (2006), di seguito una versione adattata della loro chiave:

  • 1a. Assenza di placche laterali e dorsali anteriori alla pinna dorsale: Lithogeneinae
  • 1b. Possesso di placche laterali anteriori alla pinna dorsale (tranne Pareioraphis nudulus): 2
  • 2a. Superficie ventrale della cintura pettorale esposta (cioè odontodi di supporto) verso il centro del puntone coracoideo: Hypoptopomatinae
  • 2b. Superficie ventrale della cintura pettorale ricoperta di pelle o placche verso il centro del puntone coracoideo (odontodi supportati dalle placche anziché dalla cintura): 3
  • 3a. peduncolo caudale appiattito dorsoventralmente; senza pinna adiposa: Loricariinae
  • 3b. peduncolo caudale ovale, rotondo o triangolare in sezione trasversale; pinna adiposa solitamente presente: 4
  • 4a. Cresta postdorsale formata da diverse placche preadipose disposte singolarmente. Denti quasi simmetricamente bifidi (divisi in due parti uguali): Delturine
  • 4b. Di solito nessuna cresta postdorsale. Denti asimmetrici o unicuspidi: 5
  • 5a. Spinetta della pinna dorsale La spina dorsale della pinna dorsale a forma di V può essere bloccata: Hypostominae
  • 5b. Spinetta della pinna dorsale rettangolare o assente, la spina della pinna dorsale non può essere bloccata: Neoplecostominae

Articoli successivi che tentano di risolvere le relazioni all'interno di Hypoptopomatinae e Neoplecostominae di Cramer et al. (2008, 2011) hanno rivelato che entrambe le sottofamiglie sono disposizioni polifiletiche insieme a diversi generi, ad esempio Pareiorhaphis, Pareiorhina, Hionotus e Parotocinclus, quindi evidentemente c'è ancora molto lavoro da fare. Ad ogni modo il genere Baryancistrus è attualmente considerato un membro della tribù Ancistrini all'interno di Hypostominae e raggruppato nel clade Panaque di quella tribù, vicino a Parancistrus e Hemiancistrus. Il disco di aspirazione formato dall'apparato boccale è comune a tutti i rappresentanti, ma sia la morfologia orale che quella dentale sono molto variabili a seconda dell'adattamento ecologico di una data specie. e alcuni addirittura praticano la xilofagia (mangiano il legno). Molti sono anche respiratori d'aria facoltativi, cioè hanno la capacità di respirare l'aria atmosferica se necessario.

Baryancistrus beggini - Foto © Enrico Richter

Distribuzione

Sud America: Venezuela e Colombia.

A quanto si sa, Baryancistrus beggini è stato registrato solo nell'area intorno alla confluenza del río Ventauri con il río Orinoco nello stato di Amazonas, in Venezuela, e nel corso inferiore del río Guaviare, in Colombia, che sfocia nell'Orinoco un po' più a sud.

NOT EVALUATED
Habitat

Ambiente: pelagico, acqua dolce; clima tropicale.

La serie tipo è stata raccolta negli interstizi tra il substrato roccioso di granito e massi. L’habitat ideale dei Baryancistrus beggini L239 è infatti rappresentato dalle numerose fessure e insenature sul fondale roccioso dei fiumi, è certamente una specie reofila (che ama la corrente) che vive in condizioni di forte corrente ed acqua riccamente ossigenata. L'Orinoco  e suoi affluenti sono fiumi con acqua scura, per la presenza di un’alta quantità di materiale organico proveniente dalla foresta equatoriale circostante in decomposizione, che forma uno strato di torbiera sul letto dei fiumi e rilascia in acqua un’alta percentuale di tannini e acidi umici.
L’acqua è molto tenera, non ci sono rocce calcaree, e gli acidi umici contribuiscono a stabilizzare il pH, che rimane a valori acidi durante tutto l’anno. In base alla stagionalità il pH varia fra 5-6.5, mentre la temperatura si mantiene fra i 24-30 gradi.

Altre specie di loricaridi che abitano l'area intorno alla confluenza del Ventauri e dell'Orinoco includono Acanthicus hystrix, Ancistrus macrophthalmus, Baryancistrus demantoides, Hemiancistrus subviridis, Hemiancistrus guahiborum, Hypancistrus contradens, Hypancistrus debilittera, Hypancistrus furunculus, Hypancistrus lunaorum, Lasiancistrus schomburgkii, Leporacanthicus galaxias, Leporacanthicus triactis, Panaque nigrolineatus, Peckoltia vittata, Pseudancistrus orinoco, Pseudancistrus pectegenitor, Pseudancistrus sidereus, Pseudolithoxus anthrax, Pseudolithoxus dumus, Pseudolithoxus tigris.

Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 80x40x40h cm è il minimo da considerare per l'allevamento di un gruppo di 5-6 esemplari a lungo termine.
I Baryancistrus beggini L239 non sono difficili da allevare nelle corrette condizioni, ma non sono adatti ai "comuni" acquari di comunità. L'allestimento ideale dovrebbe essere progettato per assomigliare a un fiume che scorre, tipo fiume-acquario, con un substrato di rocce di dimensioni variabili, ghiaia e alcuni grandi massi consumati dall'acqua. Si possono poi utilizzare con rami, legni, radici e piante acquatiche resistenti come Microsorum, Bolbitis o Anubias spp., che possono essere coltivate attaccate agli arredi. Mettere delle piante può rilevarsi però una scelta azzardata, infatti ci sono buone possibilità che i Baryancistrus beggini vadano a rosicchiarne le foglie, cosa che capita anche con piante coriacee come le Anubias. Molto più utili sono le piante di superficie a crescita rapida, come Salvinia natans, Pistia stratiotes, Limnobium laevigatum, Lemna minor, che servono sia per schermare la luce sul fondo, sia per tenere bassi gli inquinanti in vasca. E' utile anche lasciare crescere l'aufwuchs su tutte le superfici disponibili, su cui i pesci pascoleranno.
Creare nascondigli e zone di riparo è molto importante, perché i Baryancistrus beggini sono tendenzialmente loricaridi timidi ed hanno bisogno di una certa tranquillità per farsi vedere anche di giorno.
Come molte specie che abitano naturalmente le acque correnti, sono intolleranti all'accumulo di rifiuti organici e necessitano di acqua pulitissima in ogni momento per prosperare; infatti riuscire a tenere bassi nitrati e fosfati incide molto sulla salute dei pesci e favorisce una loro crescita ottimale.

Una delle loro necessità fondamentali è infatti di acqua ben ossigenata e con tanto movimento: stanno meglio e decisamente più in salute se allevati in un acquario con una certa corrente dell'acqua, mentre tendono ad avere problemi per carenza di ossigeno se quest'ultimo non è abbondante. Seppur la loro morfologia non è specializzata come quella degli Hillstream loach asiatici, hanno comunque bisogno, se non di un vero e proprio fiume-acquario, almeno di una o due pompe supplementari che diano movimento e ossigenino l'acqua.

Questo è vero particolarmente se l'obiettivo è che il pesce si riproduca. Anche cambi d'acqua settimanali del 40-70% dovrebbero essere considerati obbligatori.

Comportamento e compatibilità: i Baryancistrus beggini sono pesci relativamente tranquilli ma non sono adatti ai comuni acquari di comunità a causa della loro natura alquanto delicata. E' meglio allevarli da soli, o con piccoli caracidi che non facciano loro concorrenza per il cibo o per il territorio.
Sono territoriali sia con i conspecifici che con specie dall'aspetto simile, e questo comportamento è particolarmente pronunciato tra i maschi, ma grazie alle loro piccole dimensioni in molti casi possono essere allevati insieme senza troppi problemi, allestendo l’acquario in modo adeguato, cioè suddividendo la vasca con vari territori ben delineati.

Temperatura in acquario

26 – 30°C

Valori acqua in acquario
pH: 5.5 – 7.5
Durezza: 18 – 179 ppm
Alimentazione

Le analisi dell'intestino di esemplari selvatici di Baryancistrus beggini hanno rivelato che la loro dieta in natura è composta principalmente da periphyton e microrganismi associati, il che significa che questa specie non è erbivora come altri membri del genere. In acquario bisognerebbe promuovere la crescita di aufwuchs su tutte le superfici, tranne il vetro frontale, in modo che i pesci possano brucare naturalmente, anche se la loro dieta dovrebbe ovviamente essere integrata con mangime secco di alta qualità (preferibilmente con aggiunta di contenuto vegetale), chironomus vivi o congelati, larve di zanzara e simili, oltre a gamberi o gamberetti scongelati, occasionalmente.
Anche i pastoni fatti in casa legati con gelatina e contenenti una miscela di purè di pesce, crostacei, frutta e verdura hanno dimostrato di funzionare bene e rappresentano per molti versi la dieta base ideale, poiché gli ingredienti possono essere modificati a piacimento. Se ben preparati, tali pastoni contengono una maggiore concentrazione e diversità di nutrienti rispetto a qualsiasi altra opzione.

I Baryancistrus spp. sono spesso denutriti e/o soffrono di problemi di salute dopo l'importazione e possono richiedere un lungo periodo di quarantena e acclimatamento.
Hanno anche un tasso metabolico relativamente alto e possono richiedere diversi pasti al giorno durante il periodo iniziale.

Dimorfismo sessuale

I maschi adulti sviluppano odontidi relativamente più lunghi sugli opercoli e sulle spine delle pinne pettorali e sembra che mostrino un grado di pigmentazione blu maggiore rispetto alle femmine. Le femmine sessualmente mature hanno un corpo leggermente più largo dei maschi, che è più evidente quando gravide.

Riproduzione

I Baryancistrus beggini depongono in caverne. La loro riproduzione non è un traguardo semplice da ottenere, ma sono già stati riprodotti in acquario. Innanzitutto bisogna fornire loro tane cave, strette e lunghe, con un diametro di 4 cm e lunghezza di 8/10 cm. Uno degli aspetti principali per indurre la riproduzione è mantenere un’ossigenazione molto alta e alimentarli molto bene, con una dieta molto più proteica, in modo da favorire la produzione di uova nella femmina. In natura il periodo riproduttivo coincide con l’arrivo della stagione delle piogge, quando i fiumi del bacino amazzonico aumentano il volume di acqua, si ha un incremento della corrente e dell’ossigenazione, insieme alla riduzione della durezza e al conseguente abbassamento di pH, e un aumento della disponibilità di microfauna. Per indurre i loricaridi alla riproduzione si può simulare in acquario il cambio di stagione, effettuando una serie di cambi ravvicinati con acqua ad osmosi fresca, in modo da abbassare di 2-3 gradi la temperatura in vasca.

Il metodo di riproduzione dei Baryancistrus beggini L239 è molto simile a quello dei più comuni Ancistrus: quando la femmina è gonfia di uova, si avvicina alla tana ed il maschio la spinge al suo interno, con il corpo la blocca all'interno fino a che abbia deposto tutte le sue uova, in genere 20-30. Una volta deposto, la femmina ha esaurito il suo compito e viene allontanata, a questo punto è il maschio che si occupa di tutto: prima le feconda, poi resta a curarle e ventilarle fino alla schiusa.
Le uova impiegano circa 5-6 giorni per schiudersi, i piccoli rimangono quindi nella tana per altri 8 giorni circa ad assorbire il loro sacco vitellino, e durante questa fase non hanno bisogno di alimentarsi. Una volta esaurito il sacco vitellino, il padre un po' per volta li fa uscire dalla tana, e sono già in grado di vivere autonomamente e di auto-alimentarsi.
Per favorire la la crescita degli avannotti sarebbe utile far sviluppare una buona copertura algale in vasca.

Taxa principali

L239, Blue Panaque

Piccolo loricaride abbastanza delicato, non adatto a tutte le vasche

Dimensioni max: 8.1 cm SL
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Magnum pleco
Dimensioni max: 29.6 cm TL
Queen gold nugget
Dimensioni max: 29.7 cm TL
Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Descrizione con belle foto delle varie specie di Baryancistrus diffuse e conosciute in acquariofilia, con indicazioni per l'allevamento e il riconoscimento - tratto e tradotto da un articolo di Darren Stevens