Habib, Neogi, Oh, Lee & Kim, 2018

Chelonodontops bengalensis (Bengal Reticulated Puffer) è una grande specie di pesce palla che si trova in habitat marini e salmastri, descritto da esemplari trovati nel Golfo del Bengala nel 2018. Sono mordi-pinne, quindi è meglio allevarli  da soli, possono essere nutriti con gamberi, granchi o vongole - Foto © Beta Mahatvaraj (Meenkaran)

Bengal reticulated puffer

31.2 cm SL

La specie Chelonodontops bengalensis, nota anche come Bengal reticulated puffer, è una specie di pesce palla della famiglia dei Tetraodontidae che si trova nel Golfo del Bengala settentrionale in Bangladesh e India. Chelonodontops bengalensis è strettamente imparentato con Chelonodontops patoca, ma si tratta di due specie distinte, anche se nel commercio acquariofilo spesso i Chelonodontops bengalensis venivano venduti con il nome di Chelonodontops patoca.

√ą stato scoperto per la prima volta ad Alor Kol a Dublar Char nel Bangladesh. Un gruppo di ricercatori provenienti dal Bangladesh e dalla Corea del Sud ha condotto una ricerca scientifica da maggio 2016 a dicembre 2017 a Sundarban e ha scoperto la nuova specie di pesce palla, descritta scientificamente nel 2018. Il colore della specie √® nerastro e presenta un disegno a rete. Pu√≤ raggiungere una lunghezza standard di 32 cm.

La famiglia Tetraodontidae √® il gruppo pi√Ļ specioso tra i Tetraodontiformes e i suoi membri popolano le acque costiere di Sud America, Africa Centrale e Sud-Est asiatico. E' l'unica famiglia dei Tetraodontiformes in cui √® presente un certo numero di membri che vivono e si riproducono esclusivamente in acqua dolce, e prove genetiche confermano che i tempi della loro espansione nelle zone di distribuzione differiscono, si verificarono in tutto 0-10 milioni di anni fa in America del Sud, 17-38 milioni di anni fa in Africa Centrale e 48-78 milioni di anni fa nel Sud-Est asiatico.

I Tetraodontidae sono spesso indicati collettivamente come "pesci palla" in riferimento alla loro capacità di gonfiare rapidamente i loro corpi con acqua o aria quando si sentono minacciati. Altri caratteri distintivi dei tetraodontidi includono una pelle dura, solitamente ricoperta da piccole spine, una placca dentale a forma di becco divisa da una sutura mediana, un'apertura branchiale anteriore ridotta alla base della pinna pettorale, nessun raggio nella pinna pelvica o raggi spinosi, base delle pinne dorsale e anale tipicamente corta, e senza costole.

Nel 2013, nel suo lavoro The Fishes of the Inland Waters of Southeast Asia: A Catalogue and Core Bibliography of the Fishes Known to Occur in Freshwaters, Mangroves and Estuaries il dott. Maurice Kottelat ha revisionato la già contrastata tassonomia della famiglia Tetraodontidae. Studiando nel dettaglio la posizione nomenclaturale dei Tetraodontidae del sud-est asiatico, ha stabilito il nuovo genere Pao (specie tipo Tetraodon leiurus Bleeker 1850) che include 13 specie comprese in precedenza nei generi Tetraodon e Monotrete, e che si differenziano dagli altri pesci palla per il loro unico disegno della livrea e per un peduncolo premascellare molto allungato che crea uno spazio aperto notevolmente ampliato tra i bordi dorsomediali. Quindi il nome generico Tetraodon viene ora applicato solo a sei specie di pesci palla africani d'acqua dolce.

Kottelat (2013) ha anche riconosciuto Leiodon Swainson 1839 come genere valido, che comprende Tetrodon cutcutia Hamilton 1822, distribuito nelle acque dolci dell'Asia meridionale, ed ha riconosciuto valido il genere Dichotomyctere Duméril 1855 per sei specie: Dichotomyctere erythrotaenia (Bleeker 1853), Dichotomyctere fluviatilis (Hamilton 1822), Dichotomyctere kretamensis (Inger 1953), Dichotomyctere nigroviridis (Marion de Proce 1822), Dichotomyctere ocellatus (Steindachner 1870) e Dichotomyctere sabahensis (Dekkers 1975).

Saenjudaeng et al. (2013) descrissero Tetraodon palustris come una nuova specie dal bacino del Mekong in Thailandia. Alla data della pubblicazione, luglio 2013, gli autori non erano a conoscenza del lavoro di Kottelat (2013), che proponeva genere Pao, però è chiaro dalla descrizione originale di Tetraodon palustris, che è una specie di Pao, il che porta il numero totale di specie in quel genere a 14.

Oceano Indiano orientale: Bangladesh.

NOT EVALUATED

Ambiente: demerso, acqua marina e acqua salmastra.

Vai alle pagine sui biotopi naturali dei Tetraodontidae

I Chelonodontops bengalensis superano i 30 cm di lunghezza, per cui hanno bisogno di acquari adeguatamente grandi. Sono pesci d'acqua marina, che si possono adattare ad essere allevati in acqua salmastra, specialmente da giovani. L'acqua dolce è tollerata solo per brevi periodi.

Comportamento e compatibilit√†: comparato ad altri tetraodontidi, Chelonodontops bengalensis non √® particolarmente aggressivo, ma √® un accanito mordi-pinne e squame degli altri pesci, per cui va allevato da solo. Ci sono individui pi√Ļ tranquilli, i pesci palla hanno tutti un loro carattere, a volte molto diverso l'uno dall'altro, ma √® sempre un rischio abbinarli a qualcosa.¬†
Non sono pesci molto attivi, è facile vederli sostare molto tempo sul fondo della vasca.

Vai alle pagine sull'allevamento dei Tetraodontidae

I Tetraodontidi non hanno veri denti, ma hanno un apparato boccale simile a un becco, formato dalla fusione di 2 strutture simili a denti su ciascuna mascella (da cui Tetraodon, che significa quattro denti) che sono usati per schiacciare gli invertebrati sgusciati, il cibo preferito della maggior parte dei pesci palla. Il becco, o i denti che dir si voglia, crescono continuamente ad una velocità sorprendente, per cui bisogna offrire pasti regolari costituiti da invertebrati con il guscio, come lumache, piccole chele di granchio, vongole, ecc, per cercare di mantenerli ad una lunghezza ragionevole. 
Ci sono alcune prove che indicano che l'aufwuchs costituisce una parte significativa della loro dieta naturale, per cui può valere la pena di permettere o addirittura incoraggiare la crescita delle alghe sugli arredi dell'acquario. 
Altri alimenti possono includere crostacei tritati, piccoli lombrichi, e chironomus, artemia, ecc. vivi e/o congelati. Il mangime secco non dovrebbe costituire la componente principale della loro dieta, anche se può essere utile fornire del pellet con una consistenza molto dura.

Taxa principali

Bengal reticulated puffer
Dimensioni max: 31.2 cm SL
Milkspotted puffer, Gangetic pufferfish

E' un pesce palla d'acqua marina, abbastanza aggressivo e mordi-pinne

Dimensioni max: 38 cm SL
Temperatura: 23 - 28¬įC
Riferimenti & Link
Collegamenti taxa

Aggiungi un commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Offerte di Amazon