Attenzione

Variazioni nella livrea del Chromobotia macracanthus

Articolo che spiega le variazioni regionali nella livrea dei Chromobotia macracanthus, le ragioni dei cambiamenti nella colorazione e delle variazioni nel disegno delle bande.

Tratto e tradotto dall'articolo:
"Clown Loach Coloration & Marking Variations"
di Martin Thoene
dal sito Loaches Online

Chromobotia macracanthus con disegno della livrea insolita - Foto © Bob Darnell

Nel Web Forum di Loaches On-Line, ci sono state ripetute discussioni riguardanti la colorazione e il disegno delle bande del Chromobotia macracanthus (ex Botia macracantha). Ho cercato di unificare tutte queste informazioni, affinché le persone possano capire meglio le differenze discusse.

Un’immagine parla più di mille parole, così ho cercato di illustrare le variazioni regionali di colore osservate nella specie, in più c’è un esempio di pesce con l’“ingrigimento” così come chiamo questo particolare aspetto. Le uniche limitazioni all’esattezza sono i miei colori e quanto accuratamente il disegno viene scannerizzato. Comunque questa dovrebbe essere una guida utile.

Alcuni pesci esibiscono disegni delle bande che sono molto differenti da quella che si considera la “normalità”, ed ho cercato di illustrare le differenze tra i “patterns” di striature di base.

Variazioni di colore regionali

Variazioni nella livrea del Chromobotia macracanthus (ex Botia macracantha) - Disegno © Martin Thoene (Loaches Online)

I Chromobotia macracanthus sono stati ritrovati in Borneo e a Sumatra. Siccome i due gruppi di individui sono nati e cresciuti in regioni diverse e separate, l’indubbia bio-diversità dei due ambienti ha portato a notevoli differenze, che possono non essere particolarmente evidenti fino a quando non si dispongono due pesci provenienti da due zone diverse uno vicino all’altro.

I pesci del Borneo, in tutti gli esemplari che ho visto, tendono ad essere in generale meno colorati dei pesci provenienti da Sumatra. I pesci di Sumatra hanno una colorazione che sembra “incandescente”.
Direi che l’identificazione più rapida potrebbe essere fatta guardando il colore delle pinne pelviche. I pesci provenienti dal Borneo hanno una zona nera alla base e al centro della pinna, e generalmente il raggio (duro) anteriore è rosso/arancione, con l’estremità della pinna più chiara, fumosa, o un po’ rossa, mentre nei pesci di Sumatra la pinna è tutta rosso/arancione.

Altre differenze sono che nei pesci di Sumatra le pinne anale e dorsale sono prive di giallo nel loro margine anteriore. Inoltre la banda nera posteriore si estende sopra al peduncolo caudale nei pesci provenienti dal Borneo, ma non in quelli di Sumatra. Questi ultimi tendono ad essere rossi dalla pinna caudale al peduncolo caudale.

I Chromobotia macracanthus provengono anche da Kalimantan, ed i pesci che ne vengono da qui sono più o meno come quelli provenienti da Sumatra, ma hanno una colorazione rossa più intensa. L’articolo che è fonte di queste informazioni dice che i pesci di Sumatra hanno un certo splendore argenteo nel corpo che non si osserva nei pesci di Kalimantan.

“Ingrigimento”

Questo è un termine che abbiamo iniziato ad usare per definire un tipo particolare di colore osservato nei nostri pesci. I neo-proprietari di Chromobotia macracanthus inviano sempre messaggi presi dal panico, supponendo che ci sia qualcosa di terribilmente sbagliato nei loro nuovi pesci. Solitamente non c’è nessun problema.

I Chromobotia macracanthus possono cambiare la loro colorazione nei limiti di determinati parametri. Questi cambiamenti possono essere causati dall’umore, dalle aggressioni, da possibile stress e da altri fattori.

La prima illustrazione in alto mostra un pesce in una posizione con la coda leggermente bassa e con le pinne distese. Questa posizione spesso sarà accompagnata dall’ingrigimento durante le finte lotte tra i botia. Queste lotte spesso sono definite come “allenamenti” e sono usate per determinare il naturale ordine gerarchico nel gruppo. Molti hanno teorizzato che i pesci “grigi” siano sub-dominanti quando rimangono di questo colore per periodi prolungati, ma ho notato che il mio pesce Dominante (Alpha) spesso è il solo che mostra questo colore.

I botia possono cambiare abbastanza rapidamente la loro colorazione da normale a “grigia”, specialmente al momento del pasto, quando scoppiano molti litigi.
A seconda dell’illuminazione della vasca, questo cambiamento di colore può mostrare una sorta di lucentezza verdastra, metallica, sull’intero corpo, più evidente sulle bande. I bordi delle bande tendono ad avere una specie di zona più pallida rispetto al resto della banda.

Questo è un tipico tono di "ingrigimento" di un Chromobotia macracanthus. Si noti il bordo più chiaro nelle bande, normalmente nere. Il cambiamento di colore si estende anche alle pinne - Foto © Martin Thoene (Loaches Online)

Qi sotto c'è una serie di fotografie scattate durante un alterco tra due Chromobotia macracanthus. Notate la variazione del colore durante la lotta e i vari graffi visibili sui loro corpi.

Variazioni delle bande

La grande maggioranza di Chromobotia macracanthus che abbiamo osservato ha un disegno “classico” delle bande, come nelle illustrazioni soprastanti. Tuttavia occasionalmente sono state osservate alcune variazioni veramente curiose. Queste sono vere e proprie variazioni genetiche, che formano disegni inusuali. Ho illustrato le variazioni più comuni che ho visto. Tali variazioni sembrano appartenere a 6 categorie fondamentali, ma si presenteranno quasi certamente sia variazioni nella dimensione delle bande, sia combinazioni fra i disegni mostrati. Questi pesci danno al loro proprietario la possibilità di avere un pesce immediatamente identificabile, che dalla sua unicità può avere soltanto un aumento della sua qualità di animale prediletto.

Mi sono permesso di dare un nome alle variazioni, così tutte le conversazioni future su di un disegno particolare potranno essere più chiare, una volta che tutti li avranno memorizzati. Comunque, se qualcuno ha suggerimenti migliori per il nome di un qualunque disegno, si può cambiare.

chromobotia-macracanthus-markings1-thoene.gif

"Puzzle" – Ho chiamato questo disegno Jigsaw, in quanto la seconda banda assomiglia ad un pezzo di puzzle.

chromobotia-macracanthus-markings2-thoene.gif

"Frammentazione della terza banda" - Ho visto questo pattern l'altro giorno… bizzarro.

chromobotia-macracanthus-markings3-thoene.gif

"Seconda banda, spot alto & basso" - Spot (macchia puntiforme nera) sulla schiena e sulla pancia.

chromobotia-macracanthus-markings4-thoene.gif

"Sella" - La seconda banda è presente soltanto sopra la schiena, come una sella.

chromobotia-macracanthus-markings5-thoene.gif

"Punto laterale" - Si spiega da solo.

chromobotia-macracanthus-markings6-thoene.gif

"Congiunzione 1-2" - La prima & la seconda banda sono unite in alto. Steve Burton ha un botia come questo.

Testo originale in inglese e foto © Martin Thoene - Loaches Online

Foto di Chromobotia con disegni insoliti:

Riferimenti & Link
it.hobby.acquari

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Taxa principali

Chromobotia macracanthus, Clown loach: i botia pagliaccio da giovani e da adulti
Clown Loach, Botia Pagliaccio

Del tutto inadatti ai comuni acquari domestici, nonostante siano praticamente onnipresenti nei negozi, che vendono i Chromobotia senza fornire quelle che dovrebbe essere considerate informazioni essenziali riguardanti la loro cura a lungo termine

Dimensioni max: 30.5 cm TL
Aspettativa di vita: 30 - 40 anni
Temperatura: 24 - 30°C