• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
9 minuti
Letto finora

Pesci tropicali da pensarci due volte (e alcune valide alternative) Injaf

Ven, 02/24/2017 - 19:13
Posted in:
0 comments

Questo articolo ci porta attraverso alcune delle specie più popolari disponibili in commercio e soprattutto offre suggerimenti per alternative che hanno più probabilità di essere allevate con successo nella media degli acquari domestici.

Traduzione dell'articolo
"Tropical fish to think twice about (and some sensible alternatives)" di INJAF
sul sito di INJAF - It's Not Just A Fish che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese.

Hermione e Barney dimostrano il perché gli Ancistrus sono molto più adatti per la media degli acquari rispetto ai pleco comuni.

Quali pesci siano adatti o inadatti ai comuni acquari domestici è un argomento molto soggettivo, che potrebbe essere discusso a lungo da un qualsiasi gruppo di acquariofili senza raggiungere probabilmente una decisione definitiva! Le ragioni per cui qualcuno potrebbe ritenere che sia meglio evitare una particolare specie sono molte e varie, con le dimensioni da adulta che possono essere un serio fattore.

Come per tutti gli animali, fornire condizioni di vita e allevamento adeguate è importante per assicurarsi che la specie scelta prosperi sotto le vostre cure. Si consiglia vivamente di fare ricerche accurate prima di decidere quali specie si vuole, e si sarà in grado, di allevare. Se state considerando una delle specie, o una qualsiasi delle specie alternative, indicate di seguito, siete pregati di assicurarvi di essere in grado di fornire loro le cure appropriate e di aver pienamente ricercato tutte le loro necessità.

L'articolo seguente di Simon Morgan ci porta attraverso alcune delle specie più popolari disponibili in commercio e offre suggerimenti per alternative che hanno più probabilità di successo negli acquari domestici medi.


Ho intenzione di fare un grande presupposto ai fini del presente articolo; voi siete acquariofili relativamente novizi e disponete di un acquario di medie dimensioni. L'acquario di medie dimensioni si è in realtà rimpicciolito nel corso degli ultimi anni. I nano-acquari sono diventati estremamente popolari e non è raro vedere in vendita vasche che vanno dai 20 ai 50 litri. Tuttavia, io continuo a credere che le dimensioni più popolari siano tra 60 e 150 litri, e in genere dai 60 ai 100 cm. Questo articolo si rivolge a persone con acquari di queste dimensioni. Se disponete di un acquario da 300 litri o ancora più grande, non è rivolto a voi.

Pleco comune, Pterygoplichthys pardalis

Sembra che qualsiasi negoziante acquatico voglia vendervi assolutamente qualcosa che mangi le alghe o pulisca il substrato, ma mettiamolo subito in chiaro: questo è il vostro lavoro. Se avete residui di cibo, vuol dire che eccedete con l'alimentazione. Nella maggior parte dei miei acquari raggiunge raramente il fondo. E se avete le alghe, ci sono modi migliori di affrontarle. Siete pregati di consultare il nostro articolo sui mangia-alghe per ulteriori informazioni.

Pterygoplichthys pardalis

Un 'pleco comune' alias Pterygoplichthys pardalis - sono spesso acquistati come mangia-alghe, ma crescono fino a 45 cm. Il pezzo di cetriolo che Hermione sta mangiando è lungo 5 cm, il che dà un'idea delle sue dimensioni.

Il Pleco comune e le specie simili, come il pleco pinna a vela o Gibbiceps (Pterygoplichthys gibbiceps) sono troppo grandi per gli acquari medi. Quindi, non compratene uno, sarà troppo grande per il vostro acquario, nonostante il mito potrebbe che potreste aver sentito sui pesci che crescono in base alle dimensioni della loro vasca.

La cosa sorprendente in questo caso è che c'è un'alternativa davvero ovvia che un sacco di negozi sembrano trascurare; l'Ancistrus sp. In realtà sembrano abbastanza simili a prima vista, ma nel corso del tempo un maschio di Ancistrus sviluppa una bel muso pieno di setole, molto bello se sei un Ancistrus femmina. Inoltre, ci sono diverse varietà di colore e versioni di questa specie anche con pinne lunghe.

Ancistrus

Gli Ancistrus sono ottime alternative alle specie più grandi di Pleco © fishtanksandponds.co.uk

Hermione e Barney

Il pleco comune mostrato qui è un adulto lungo 40 cm, e l'Ancistrus è quasi completamente cresciuto - si può vedere come l'ancistrus ha dimensioni molto più gestibili per la media degli acquari.

Hermione e Barney

Hermione e Barney dimostrano il perché gli Ancistrus sono molto più adatti per la media degli acquari rispetto ai pleco comuni.

Se gli Ancistrus non fanno per voi, ci sono molte specie strettamente correlate che si adattano alle vasche medie, mi vengono in mente il pleco pagliaccio (Panaqolus maccus) e il gruppo degli Hypancistrus. Per cortesia, usate google, sono una scelta molto migliore.

Squalo argentato o Bala Shark, Balantiocheilos melanopterus

Le dimensioni non sono l'unico problema quando si sceglie questo pesce, in realtà si dovrebbe averne anche un bel branco. E se si considera che gli squaletti argentati possono superare i 30 cm, sei di questi pesci non possono stare in 100 litri. Comprarne solo uno non è davvero una scelta possibile, sono una specie molto attiva e hanno bisogno di spazio per nuotare, un esemplare solitario può diventare molto ombroso e perfino aggressivo.

Balantiocheilos melanopterus

Questi piccoli simpatici squali argentati giovanissimi non rimarranno così per sempre, presto supereranno i 30 cm di lunghezza e devono essere tenuti in gruppi © fishtanksandponds.co.uk

Ma se siete alla ricerca di qualcosa di argenteo o lucido che abbia un po' del fattore "wow", considerate un branco di tetra Diamante (Moenkhausia pittieri), di tetra occhi rossi (Moenkhausia sanctaefilomenae), di accetta d'argento (Gasteropelecus levis), o anche di pesci arcobaleno neon (Melanotaenia praecox), o una coppia o trio di Moonlight Gourami (Trichopodus microlepis).

Moenkhausia pittieri

I tetra diamante sono una graziosa specie argentea e una bella alternativa alle specie come gli squali argentati © fishtanksandponds.co.uk

injaf-moonlight-gourami_0.jpg

I Moonlight gourami sono pesci attraenti e più piccoli © fishtanksandponds.co.uk

Quanto sopra vale anche per molte altre grandi specie di pesci da branco argentei, come i dollari d'argento (Metynnis hypsauchen) e i barbus Tinfoil (Barbonymus schwanefeldii).

Botia pagliaccio, Chromobotia macracanthus

OK, devo ammettere che a questi pesci è piuttosto difficile resistere. Carattere impressionante, pieni di colore, relativamente comuni e abbastanza a buon mercato. Cosa c'è che non va? Come gli squaletti argentati, però, i botia pagliaccio diventano davvero grandi e hanno bisogno di essere in branco. Hanno bisogno e meritano un grande acquario.

Chromobotia macracanthus

I Botia pagliaccio sono popolari anche se possono crescere fino a 40 cm, non rimangono piccoli come i giovani ragazzini qui davanti per sempre!

Credo anche che un sacco di negozianti acquatici li offrano come soluzione alle infestazioni di lumache. Questo può essere vero, ma se si hanno infestazioni di lumache probabilmente è necessario ridurre l'alimentazione e aumentare la manutenzione. Inoltre, si possono utilizzare le lumache assassine , così come altri trattamenti disponibili.

Se si desidera un abitante del fondo attraente e con carattere, dare un'occhiata alla famiglia dei Corydoras. Corydoras sterbai è particolarmente piacevole, ma ce ne sono disponibili molti altri. Si potrebbero considerare anche altre specie, inclusi i pangio (Pangio semicincta) e i pesci ape (Brachygobius doriae).

Corydoras sterbai

I Corydoras sterbai sono pieni di carattere, un gruppo di questi pesci sarà una grande alternativa ai Botia pagliaccio © fishtanksandponds.co.uk

Pesci combattenti siamesi, Betta splendens

Sorpresi? Il Betta è un pesce molto popolare, ma onestamente credo che sia uno degli animali più trascurati in cattività. Troppo spesso gli vengono messi assieme compagni di vasca inappropriati, che li molestano e strappano le loro pinne. Analogamente, possono essere loro troppo aggressivi per i compagni di vasca. Il più delle volte sono tenuti in un contenitore che è troppo piccolo e troppo freddo.

In aggiunta a questo, sono spesso incrociati tra consanguinei per produrne molti in tante varietà, per cui si ammalano facilmente, e preferiscono di gran lunga l'acqua tenera.

Date loro un acquario delle dimensioni adatte, con acqua calda e tenera, e potranno prosperare, ma molto più spesso di quanto non si dovrebbe, vivono una vita molto breve.

Betta splendens

I Betta splendens, o Pesci combattenti, sono popolari ma problematici

Alternative? Sono un grande fan dei pesci del paradiso (Macropodus opercularis). Hanno bisogno di un acquario leggermente più grande dei Betta, ma prospereranno in una vasta gamma di condizioni dell'acqua; calda / fredda, dura / tenera, non sono esigenti. Come i Betta, sono più gestibili in un acquario dedicato a loro, ma possono essere miscelati con altri pesci, scelti con cura. Se preferite qualcosa di più tranquillo, ma ugualmente splendido considerate il Gourami perla (Trichopodus leerii).

Macropodus opercularis

I pesci del paradiso sono una colorata alternativa ai pesci combattenti © fishtanksandponds.co.uk

I Ram, Mikrogeophagus ramirezi

Anche questa potrebbe essere una sorpresa. Cosa c'è di sbagliato nei Ram? Anche in questo caso, quando tenuti in condizioni adeguate questi pesci sono mozzafiato e possono premiare la vostra abilità acquariofilia con la riproduzione. Tuttavia questa specie, come quella dei Betta, soffre di una forte quota di incroci tra consanguinei. Ho anche il sospetto che siano fatti nascere e crescere in una zuppa di antibiotici e ormoni. Questo significa che diventano deboli e malaticci nel momento in cui vengono esposti alla normale carica batterica di un tipico rivenditore acquatico. Hanno anche bisogno di acqua tenera e calda. Possono sopravvivere in acqua dura, potrebbero sembrare star bene, ma non è la stessa cosa che prosperare. Quando vedrete un buon esemplare, in buona salute perché allevato in buone condizioni, saprete che aspetto ha. Ci sono anche alcune prove del fatto che non tollerano neanche molto bene i nitrati.

Mikrogeophagus ramirezi

I Ram sono colorati, ma soggetti a problemi © fishtanksandponds.co.uk

Se volete provare un ciclide nano, il ram boliviano (Mikrogeophagus altispinosus) è molto più resistente, preferisce temperature leggermente più fresche e tollera acqua più dura. Altre specie che si potrebbe prendere in considerazione sono il ciclide cacatua (Apistogramma cacatuoides) e Apistogramma macmasteri (spesso erroneamente etichettato come Apistogramma viejita); il ciclide nano bandiera (Laetacara curviceps), il Golden Eye Cichlid, a volte chiamato il ciclide nano dorato (Nannacara anomala) e il ciclide Keyhole (Cleithracara maronii). Tutti i ciclidi diventano aggressivi quando depongono le uova e questo dovrebbe essere preso in considerazione se si prevede di allevarne più di una specie.

Mikrogeophagus altispinosus

I ram boliviani sono una buona alternativa ai 'ramirezi' © fishtanksandponds.co.uk

Oscar, Astronotus ocellatus

Gli Oscar sono molto popolari e il perché non è una sorpresa. Sono ricchi di carattere e di colore, e creano un vero e proprio legame con il loro allevatore; sono in definitiva un vero e proprio animale domestico acquatico. Sono estremamente attraenti nei negozi acquatici, mostrandosi nella parte anteriore della vasca e scodinzolando come piccoli cuccioli. Attenzione però: quegli adorabili cuccioli si trasformeranno in Rottweiler subacquei! Non solo raggiungeranno i 30-40 cm in un attimo, ma mangeranno la maggior parte dei loro compagni di vasca e si metteranno a distruggere il contenuto dell'acquario. Non è insolito per loro distruggere i termoriscaldatori sbattendoli contro il vetro della vasca!

Astronotus ocellatus

Gli Oscar sono grandi in tutto - grande carattere, grandi dimensioni, grandi acquari e talvolta grandi guai! © fishtanksandponds.co.uk

Un'altra cosa da considerare è la loro durata di vita. Questi pesci possono vivere per quindici anni o più, per cui acquistarne uno è un impegno a lungo termine.

Ci sono migliaia di specie di ciclidi e centinaia sono disponibili in commercio, l'allevamento dei ciclidi è quasi un hobby all'interno di un hobby. Se desiderate addentrarvi nell'allevamento dei ciclidi vi consiglio di fare un sacco di ricerche prima di tuffarvi.

Detto questo, specie come l'Acara blu (Andinoacara pulcher), il Kribensis (Pelvicachromis pulcher) e il Convict (Amatitlania nigrofasciata) hanno tutto il carattere e il colore degli Oscar senza la loro natura distruttiva, e rimangono abbastanza piccoli. Attenzione però: i ciclidi non sono pacifici pesci da comunità, e sono particolarmente aggressivi quando vanno in riproduzione.

Amatitlania nigrofasciata

Gli Amatitlania nigrofasciata sono una più gestibile alternativa agli Oscar © fishtanksandponds.co.uk

Pelvicachromis pulcher

I Pelvicachromis sono ciclidi graziosi, con tutta la personalità di un Oscar © fishtanksandponds.co.uk

Pesce coltello fantasma nero, Apteronotus albifrons

Gli Apteronotus crescono fino a 50 cm! Per fortuna hanno un lontano cugino, il pesce coltello nero africano, Xenomystus nigri, che raggiunge solo i 20 cm. Hanno anche loro comunque bisogno di un acquario ragionevolmente grande, circa 120 cm di lunghezza e almeno 200 litri.

Apteronotus albifrons

Il pesce coltello fantasma nero è affascinante ma molto grande e può essere difficile da allevare © fishtanksandponds.co.uk

Se è la colorazione nera e la forma insolita delle pinne che vi attirano nel fantasma nero, potreste prendere in considerazione alcuni tetra vedova nera (Gymnocorymbus ternetzi). Anche loro sono neri, ed hanno una grande e lunga pinna sul fondo, che sembra abbastanza simile a quella di un pesce coltello.

Gymnocorymbus ternetzi

I tetra vedova nera sono molto più piccoli e hanno una pinna come quella dei pesci coltello © fishtanksandponds.co.uk

In breve, pochi altri da evitare:

Pesci schizzinosi nel mangiare, come i pesci elefante, Gnathonemus petersii

Territoriale ma socievole, il pesce elefante è anche ritroso, difficile da nutrire e ha bisogno di un substrato di sabbia morbida. Anche un piccolo gruppo ha bisogno di una grande vasca, ma esemplari solitari di solito si nascondono e non mangiano, quindi lentamente deperiscono. Alcuni individui sono noti per stare bene in cattività, ma purtroppo la maggior parte non sopravvive.

Possibili alternative: lo squaletto codarossa (Epalzeorhynchos bicolor), piccole specie di Synodontis (questo è un link ad un elenco delle specie di Synodontis, controllate i profili per maggiori informazioni e per trovare quello adatto a voi). Anche questi pesci devono comunque essere scelti con cautela, in quanto gli squaletti codarossa e i Synodontis ​​possono non essere adatti agli acquari di comunità.

Pesci palla figura 8, Tetraodon biocellatus

Turbolenti e mordi-pinne, hanno anche bisogno di acqua salmastra e un rifornimento costante di lumache o frutti di mare, al fine di mantenere i loro denti in buone condizioni.

Possibile alternativa: pesce palla amazzonico (Colomesus asellus) o pesce palla nano (Carinotetraodon travancoricus). Entrambi sono veri pesci d'acqua dolce, ma necessitano di cure speciali.

Testa di serpente gigante, Channa micropeltes

L'indizio è nel nome comune, questi pesci sono i giganti del mondo testa di serpente, e come tali sono altamente inadatti per gli acquari domestici medi. Se vi piacciono proprio, ci sono molte specie più adatte a disposizione, come il testa di serpente arcobaleno (Channa bleheri).

Pesce gatto Clarias, Clarias batrachus

Carini quando sono giovanissimi, ma dalle dimensioni mostruose da adulti, non so perché la gente li compra, quando si potrebbe avere invece dei deliziosi pesci gatto "pim" (Pimelodus pictus).

Una nota finale...

Se avete letto fino a qui, vi incoraggio ad andare avanti. Spero che prenderete in considerazione le specie alternative che ho proposto, seguirete i link e farete ulteriori ricerche. Quando scegliete un pesce, prendete in considerazione il loro pH e la durezza che preferiscono, la temperatura alla quale normalmente vivono, il loro comportamento tipico ed eventuale dimensioni. Cercate di tenerli all'interno delle loro preferenze e troverete l'acquariofilia relativamente facile.

Autore: Simon Morgan
Foto per gentile concessione di fishtanksandponds.co.uk, Fishlady e INJAF

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.