• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Dichotomyctere nigroviridis

(Marion de Procè, 1822)

Meglio conosciuto con il vecchio nome di Tetraodon nigroviridis, è uno dei pesci palla d'acqua salmastra più diffusi in commercio, grazie alla bella colorazione e all'aspetto simpatico, ma non è certamente un pesce per gli acquari di comunità in generale, anche se purtroppo è spesso venduto come tale; inoltre la bella colorazione si perde con l'età.

Dichotomyctere nigroviridis (ex Tetraodon nigroviridis) - Foto © Guérin Nicolas (Wikipedia)

nome comune
Green puffer, Pesce palla
sinonimi
Tetraodon nigroviridis, Tetraodon potamophilus; Chelonodon nigroviridis; Tetraodon simulans
dimensioni massime in natura
17.0 cm TL
aspettativa di vita
15 - 20 anni

I Tetraodon nigroviridis (ora diventati Dichotomyctere nigroviridis) adulti abitano torrenti e fiumi d’acqua dolce, ma sono ritrovati spesso negli ambienti salmastri/marini delle mangrovie. In natura la loro alimentazione è basata su molluschi, crostacei e altri invertebrati, come pure una certa quantità di vegetali. Possono mangiare le squame e le pinne di altri pesci.

Sono tra i pesci palla d’acqua salmastra più diffusi in commercio. Sono molto belli ed hanno un comportamento relativamente pacifico, e possono essere allevati facilmente e con successo, però non è possibile mantenerli sani a lungo termine in acqua dolce. Invece, in acqua salmastra o marina l’allevamento non presenta nessun problema, i pesci sono robusti, non si ammalano facilmente, e vivono a lungo (la loro aspettativa di vita va dai 15 ai 20 anni). Gli esemplari allevati in acqua salmastra o marina sono molto più vivaci, e crescono molto più rapidamente. E’ possibile allevare in acqua dolce con successo i pesci provenienti da acque dolci, tuttavia un esemplare di Tetraodon nigroviridis allevato per nove anni in acqua dolce, nonostante il 'record' d'età, in realtà non aveva che la metà delle dimensioni che raggiungono in pochi anni gli esemplari allevati in acque salmastre o marine.

Raggiungono i 17 cm di lunghezza e sono molto aggressivi con i compagni di vasca, e con l'età la loro aggressività aumenta, per cui appare chiaro che non sono pesci da acquario di comunità. Una vasca a loro dedicata deve essere di almeno 120-150 litri, con acqua fortemente salmastra (densità circa 1.015) o addirittura marina quando i pesci saranno adulti; temperatura 23–26°C; pH 7.0 - 8.3.

Sono chiamati in inglese "spotted green puffer" per la bella colorazione verde chiaro luminoso, che però purtroppo scurisce e ingrigisce mano a mano che i pesci crescono e diventano adulti.
Occasionalmente si possono trovare esemplari molto aggressivi, che danneggiano le pinne degli altri pesci e che sono molto aggressivi verso i conspecifici, fortunatamente questi due comportamenti sono solo eccezioni alla regola.

Per quanto riguarda la riproduzione, Dichotomyctere nigroviridis (ex Tetraodon nigroviridis) depone le uova su substrato; il maschio sorveglia la covata fino a che le uova non schiudono.


Nel 2013, il dott. Maurice Kottelat ha spostato questa ed altre specie dal genere Tetraodon al genere Dichotomyctere:


Dalle due foto sottostanti si può capire come si possa creare confusione nell'identificazione delle varie specie di pesci palla: I due esemplari appartengono alla stessa specie, Dichotomyctere nigroviridis (ex Tetraodon nigroviridis), solo che il primo ha la livrea giovanile, mentre il secondo è adulto.

Tetraodon nigroviridis, esemplare giovane - Foto di Emiliano Spada

Giovane Dichotomyctere nigroviridis (ex Tetraodon nigroviridis) - Foto di Emiliano Spada

Tetraodon nigroviridis, esemplare adulto - Foto di Emiliano Spada

Dichotomyctere nigroviridis (ex Tetraodon nigroviridis) adulto - Foto di Emiliano Spada

Dichotomyctere nigroviridis (ex Tetraodon nigroviridis) è spesso confuso con due dei suoi parenti molto simili, Dichotomyctere fluviatilis (ex Tetraodon fluviatilis) e Tetraodon schoutedeni. Si distingue per la sua forma più arrotondata rispetto al Tetraodon fluviatilis e per la mancanza di spine sulla sua pancia presenti invece in Tetraodon schoutedeni. Cercate di essere sicuri di quale specie state acquistando, in quanto solo Tetraodon schoutedeni è una specie d'acqua dolce.
Il nigroviridis è un pesce palla adatto per i principianti, ma non è certamente un pesce per gli acquari di comunità in generale, anche se purtroppo è spesso venduto come tale. Quando allevato correttamente è una specie curiosa e interessante che può esibire tratti di vera personalità.

I Tetraodontidae sono spesso indicati collettivamente come "Pesci palla" in riferimento alla loro capacità di gonfiare rapidamente i loro stomaci elastici con acqua o aria. Questa è di solito una risposta ad un qualche tipo di minaccia, anche se in acquario molti esemplari sembrano gonfiarsi per nessun motivo apparente. Il pesce diventa due o tre volte la sua dimensione normale, grande abbastanza per spaventare molti potenziali predatori, o per sembrare troppo difficile da ingoiare. I pesci palla sono anche uno dei pochi pesci che può effettivamente ammiccare o chiudere gli occhi.

Diverse specie sono tra i vertebrati più velenosi al mondo, in quanto i loro organi interni, in particolare fegato e gonadi, contengono quantità letali di una sostanza nota come tetrodotossina, un veleno potenzialmente mortale che in alcuni casi può accumularsi nelle gonadi durante la stagione riproduttiva. La tossina non è prodotta dai pesci stessi, ma da batteri simbiotici che abitano i visceri, che sono stati registrati anche in un certo numero di altri animali, tra cui tritoni, stelle marine e polpi. E' la stessa neurotossina trovata anche nel famigerato polpo ad anelli blu. Quando ingerita in quantità sufficiente può causare la paralisi e la morte. E' circa 100 volte più potente del cianuro di potassio, l'ingestione di circa 25 mg è sufficiente ad uccidere un uomo di 75 kg, e non esiste attualmente alcun antidoto. Grottescamente, la vittima di solito rimane cosciente mentre viene paralizzata. La carne dei pesci palla è considerata una prelibatezza in Giappone, dove è conosciuta come fugu. E' preparato solo da chef altamente qualificati, e anche con questo un certo numero di persone sono morte dopo averlo mangiato. Questo non deve preoccuparvi, ma se avete bisogno di sbarazzarvi del vostro pesce palla, rivendetelo, non è consigliabile usarlo per il barbecue!

I pesci palla hanno anche diversi altri adattamenti interessanti. Sono uno dei pochi pesci che possono effettivamente ammiccare o chiudere gli occhi, il che aggiunge ulteriore fascino a quello che è già un pesce con molto carattere. Hanno anche una bocca simile ad un becco, formato dalla fusione di 2 denti da ciascuna mascella (da cui Tetraodon, quattro denti, nome ora riservato ai pesci palla d'acqua dolce). Viene usato per schiacciare invertebrati con il guscio, il cibo preferito della maggior parte dei pesci palla.

distribuzione

Asia: dallo Sri Lanka all'Indonesia e alla Cina settentrionale.

habitat

Ambiente: demerso; acqua dolce e acqua salmastra. Clima: tropicale.
Gli adulti abitano torrenti e fiumi d'acqua dolce, ma sono ritrovati spesso negli ambienti delle mangrovie.

temperatura in natura
24 - 28°C
valore pH in natura
7.5 - 8.0
valori acqua in natura
dH range: 9.0 - 19.0
allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 120 cm di lunghezza per un solo esemplare.
L'ideale sarebbe quello di allevarlo in un allestimento fortemente piantumato, con radici contorte e rami per fornire copertura supplementare, anche se le foglie più tenere delle piante possono essere morsicate dai pesci. Lasciare alcuni spazi aperti in mezzo per il nuoto, in quanto è una specie molto attiva. Si raccomanda inoltre l'uso di un substrato di sabbia e piante galleggianti per schermare la luce. Come tutti i pesci palla è molto sensibile al deterioramento delle condizioni dell'acqua, per cui sono obbligatori regolari cambi d'acqua parziali. Anche se è spesso considerata una specie d'acqua dolce, è molto più longeva se allevata in acqua salmastra, ad una densità di circa 1.005 in acquario.

Comportamento e compatibilità: Dichotomyctere nigroviridis (ex Tetraodon nigroviridis) è uno dei pesci palla d'acqua salmastra più diffusi in commercio. E' molto bello ed ha un comportamento abbastanza pacifico, anche se rimane come tutti i palla tendenzialmente mangiatore di pinne e squame degli altri pesci, specie se con pinne lunghe. Può essere allevato facilmente e con successo, anche se a lungo termine non è possibile mantenerlo sano in acqua dolce, mentre in acqua salmastra o marina l'allevamento non presenta nessun problema, e i pesci non si ammalano e vivono a lungo. Gli esemplari allevati in acqua salmastra o marina sono molto più vivaci, e crescono molto più rapidamente. E' possibile allevare in acqua dolce con successo i pesci provenienti da acque dolci, tuttavia un esemplare di Tetraodon nigroviridis allevato per nove anni in acqua dolce era circa la metà delle dimensioni che raggiungono in pochi anni gli esemplari allevati in acque salmastre o marine. Purtroppo però la loro bella colorazione scurisce e ingrisce mano a mano che i pesci crescono e diventano adulti.
Occasionalmente si possono trovare esemplari molto aggressivi, che danneggiano le pinne degli altri pesci e aggrediscono i conspecifici, e anche gli individui pacifici tendono con gli anni a diventare sempre più aggressivi verso eventuali compagni di vasca, per cui i compagni di vasca vanno scelti con attenzione solo se l'acquario è abbastanza grande. Può vivere in gruppo di conspecifici eventualmente solo da giovane, con l'età l'aggressività intraspecifica diventa sempre più forte.

alimentazione

La loro alimentazione è basata su molluschi, crostacei e altri invertebrati, come pure una certa quantità di vegetali. Possono mangiare le squame e le pinne di altri pesci.
Come per gli altri pesci palla, in acquario è necessario integrare la loro dieta con lumache e molluschi con il guscio, per prevenire un'eccessiva crescita dei denti.

  • Specie talvolta aggressiva, territoriale, mangiatrice di squame
  • Specie che diventa grande: fino a 17 cm
  • Specie d'acqua salmastra
  • Specie non riprodotta in cattività, gli esemplari in commercio provengono dalla cattura in natura.
comportamento riproduttivo
Specie che depone su substrato
dimorfismo sessuale
Sconosciuto, sembra che sia impossibile da individuare da caratteristiche esterne.
riproduzione

Non è facile, ma è già stato riprodotto in acquario. I Tetraodon nigroviridis si riproducono solo in acqua salmastra, e dovrebbero anche essere fornite alcune pietre piatte che agiscono come potenziali siti di riproduzione. Le uova vengono deposte direttamente sul substrato o su una roccia piatta, e sono custodite dal maschio. Si schiudono in circa 7 giorni, e quindi, in un modo molto simile a quello di molti ciclidi, gli avannotti vengono spostati in una fossa scavata precedentemente nel substrato dove continuano a essere custodite dal maschio. Gli avannotti sono presumibilmente molto impegnativi da far crescere, in quanto sembra che non accettino la maggior parte dei cibi offerti. Qualche successo è stato dovuto grazie all'uso di naupli di Cyclops.

Esperienze personali

GSP Breeding
di kookydave - il Nov 16, 2009
discussione su come riconoscere il sesso dei nigroviridis
Large GSP commercial breeding! Must read!
by define999 on Wed Feb 18, 2009
viene riportato un articolo che spiega come l'Università della Florida abbia ideato un metodo per la riproduzione commerciale dei Tetraodon nigroviridis
 

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

SL (Standard Lenght)
Lunghezza standard, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso al peduncolo caudale (esclusa quindi la coda)
TL (Total Lenght)
Lunghezza totale, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso alla punta della coda (quindi coda compresa)
Demerso
specie che vive in prossimità del fondo del mare. I pesci demersi si dividono principalmente in due tipi: Bentonici e Bentopelagici
Bentonica
specie che vive e che è legata al fondo
Bentopelagica
specie che vive sia sul fondo o vicino ad esso, sia nel livello medio dell'acqua
Pelagica
specie che vive lontano dal fondo, in acque aperte
Diadroma
specie che migrano tra acque salate e acque dolci
Anadroma
specie che che vive per la maggior parte del tempo in acque salate e si riproduce in acque dolci
Catadroma
specie che vive in acque dolci e si riproduce in acque salate
Anfidroma
specie che si muove indifferentemente da acque dolci ad acque salate
Potamodroma
specie che migra all'interno di acque dolci
Oceanodroma
specie che migra all'interno di acque salate

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.

Allevare correttamente Dichotomyctere (Tetraodon) nigroviridis (A. Degl'Innocenti)

Tra i più celebri pesci palla in acquariofilia, il green-spotted puffer (ora Dichotomyctere nigroviridis), per il suo aspetto peculiare ed attraente, cattura spesso l'attenzione dei neofiti; in realtà si tratta di un pesce difficile, riservato agli acquariofili più esperti e motivati. Classificazione e metodo di allevamento sono da lungo tempo, almeno tra semplici appassionati, aspramente dibattuti - articolo di Andrea Degl'Innocenti

Allevare lumache (non e' uno scherzo!) per allevatori di pesci palla e di altri mangiatori di molluschi (R.T. Ricketts)

Piccolo manuale che aiuta gli allevatori di pesci palla (e di altri pesci lumachivori) a realizzare un'efficente coltura di lumache da fornire come alimentazione ai pesci, cosa indispensabile per mantenerli in buona salute - traduzione in italiano di un articolo di Robert T. Ricketts