Attenzione

Fundulopanchax gardneri

(Clausen, 1963)

Piccolo pesce d'acqua dolce, tra i killi più facili da allevare e da riprodurre

Fundulopanchax gardneri nigerianus 'Makurdi'- Foto © Peter Maguire

Dimensioni massime in natura

6.5 cm TL

La specie Fundulopanchax gardneri comprende piccoli killi d'acqua dolce della famiglia Nothobranchiidae, conosciuti anche come "Gardner's Killi" e "blue lyretail". Le forme d'acquario comunemente disponibili sono forse tra le scelte migliori per chi è nuovo nell'allevamento dei killi, in quanto sono relativamente resistenti, colorati e facili da riprodurre. Me sono stati allevati anche un certo numero di ceppi ornamentali, tra cui "gold" e albino.

I pesci nel circuito acquariofilo provengono solitamente da appassionati, che li distribuiscono riportando la location di origine. Sono però molto diffusi a livello commerciarle anche esemplari selezionati in allevamento intensivo. E' sempre meglio comunque partire con esemplari dalla genealogia sicura.

Esistono popolazioni selvatiche in numerose forme di colore di cui tre, Fundulopanchax gardneri lacustris, Fundulopanchax gardneri mamfensis e Fundulopanchax gardneri nigerianus, in passato sono state descritte come sottospecie nominali, mentre attualmente sembra che siano considerate solo forme di colore di un'unica specie, Fundulopanchax gardneri.

Il genere Fundulopanchax ha una storia tassonomica alquanto confusa. Attualmente si considera come comprendente i precedenti sottogeneri Paraphyosemion, Gularopanchax e Paludopanchax.

Fundulopanchax gardneri 'Gold' - Foto © Enrico Richter

Distribuzione

Africa: Cross River e la parte inferiore del Beno

Fundulopanchax gardneri è originario del sistema del fiume Cross nel sud-est della Nigeria e del Camerun occidentale, oltre al drenaggio del fiume Benue nella Nigeria centrale. Le popolazioni conosciute includono Akaram, Akure, Enugu, Kluge, Lafia, Makurdi, Nsukka, Okwoga e Udi Mountain.
La serie tipo è composta da tre esemplari raccolti da "sorgenti di Cross River, Calabar... Okwoga 7°N, 7°45'E" che corrisponde alla città di Okwoga nello stato di Benue, Nigeria centro-orientale. Della sottospecie nominale, Fundulopanchax gardneri lacustris è conosciuto solo dal lago Ejagham e dal suo affluente nel Camerun occidentale, Fundulopanchax gardneri mamfensis si trova negli affluenti della foresta pluviale dell'alto fiume Cross nelle pianure di Mamfe del Camerun sudoccidentale e Fundulopanchax gardneri nigerianus è distribuito in tutta la Nigeria meridionale, sud-occidentale, centrale, settentrionale e orientale, compresi i fiumi Niger e Benue, oltre a piccoli drenaggi costieri della Nigeria sud-orientale, e nel sistema di Benue è stato registrato anche nel Camerun occidentale.
Le raccolte di pesci selvatici sono generalmente etichettate con una qualche forma di codice in modo che possano essere distinte, limitando così la possibilità di ibridazione.

LEAST CONCERN

STATO NELLA LISTA ROSSA IUCN:
LEAST CONCERN (minima preoccupazione)

  • Blue Lyretail: la distribuzione e lo stato della specie in natura, sul sito della IUCN Red List, il più ampio database di informazioni sullo stato di conservazione delle specie animali e vegetali di tutto il mondo.
CRITICALLY ENDANGERED

STATO NELLA LISTA ROSSA IUCN:
CRITICALLY ENDANGERED (in pericolo critico)

  • Fundulopanchax gardneri ssp. lacustris: la distribuzione e lo stato della specie in natura, sul sito della IUCN Red List, il più ampio database di informazioni sullo stato di conservazione delle specie animali e vegetali di tutto il mondo.
Habitat

Ambiente: bentopelagico, acqua dolce; clima tropicale

La maggior parte delle forme di Fundulopanchax gardneri abitano in torrenti, paludi, ruscelli e stagni nella savana umida, boscosa, degli altipiani e nelle aree della foresta pluviale. Alcuni di questi habitat si prosciugano periodicamente, ma in molti casi questo non è un evento annuale regolare e possono trattenere l'acqua tutto l'anno.

Temperatura in natura

22 - 25°C

Valore pH in natura

6.0 - 7.2

Valori acqua in natura
dH range: 5 - 8
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 60x40x35h cm - un trio può essere ospitato anche in una vasca di 30x30x30h cm, ma la misura minima per allevare correttamente un ceppo in maniera continuativa è di 60x40x35h cm. Un acquario da 80x40x40h cm consente comunque di stare più tranquilli: si salveranno comunque un piccolo di avannotti che permetteranno di allevare il ceppo a lungo senza problemi.

L'acquario deve essere ben chiuso, poiché Fundulopanchax gardneri è un saltatore prodigioso. Vanno forniti abbondanti ripari e zone d'ombra, sotto forma di legni, radici, piante acquatiche, mop di lana, ecc.

L'aggiunta di un po' di lettiera di foglie secche (sono adatte foglie di faggio, quercia o mandorlo indiano Ketapang, Terminalia catappa; si può usare anche una miscela di tutte e tre) enfatizza ulteriormente la sensazione naturale e, oltre a offrire dei ripari aggiuntivi per i pesci, induce la crescita di benefiche colonie microbiche mano a mano che avviene la decomposizione. Questa microfauna può fornire una preziosa fonte di cibo secondario per gli avannotti, mentre si ritiene che i tannini e altre sostanze chimiche rilasciate dalle foglie in decomposizione siano utili per le specie di pesci d'acqua nera e non.
Le foglie possono essere lasciate nella vasca fino a che non si decompongono completamente o rimosse e sostituite ogni qualche settimana.
Per acidificare e scurire ulteriormente l'acqua si possono usare anche le pignette di ontano, che hanno ulteriori effetti battericidi e antimicotici, non è necessario utilizzare la torba naturale, la cui raccolta è sia insostenibile che dannosa per l'ambiente.
Molto simile alla fibra di torba è la fibra di cocco, che è essenzialmente un sottoprodotto industriale e soprattutto una risorsa rinnovabile; se ne può lasciar cadere qualche manciata nella vasca. Dopo pochi giorni diventerà completamente satura d'acqua e affonderà sul fondo, dove può sembrare davvero efficace. A condizione che venga praticata una buona routine di mantenimento dell'acqua, non dovrebbero verificarsi effetti negativi utilizzando torba o foglie in acquario.

Fundulopanchax gardneri non gradisce forti illuminazioni, anche se la luce può essere utile per favorire la crescita di alghe filamentose, che non dovrebbe essere scoraggiata.
Piante galleggianti e piante epifite sono un’ottima scelta per questa specie, mentre l’inserimento di muschi va ben ponderato: se da un lato sono un ottimo substrato di deposizione, schiusa e primo accrescimento, dall’altro diminuiscono le uova deposte sui mop e quindi potenzialmente raccolte per essere scambiate.
La corrente deve essere moderata, quasi assente, se si utilizzano filtri ad aria, quelli a spugna sono i migliori in quanto non danneggiano le uova o gli avannotti; preferiscono un'acqua leggermente ambrata.

Comportamento e compatibilità: Fundulopanchax gardneri è un killi robusto che può essere tenuto con altri pesci, ma non è adatto ai comuni acquari di comunità. I maschi possono essere aggressivi l'uno verso l'altro, ma se l'acquario è allestito con ripari e rifugi sufficienti, normalmente se ne può allevare un gruppo insieme. Bisogna però osservarli attentamente, perché ce ne sono esemplari più aggressivi di altri, anche a seconda della forma e della location di provenienza.
L'ideale è allevare 2-3 femmine per ogni maschio, in modo che nessuna riceva eccessive attenzioni da parte dei maschi.

Fundulopanchax gardneri - Foto © Enrico Richter

Temperatura in acquario

20 – 26°C

Valori acqua in acquario
pH: 6,0 – 7,3
GH: 8-10
KH: 4-6
Temperatura consigliata

Stagionalità: mantenere temperature più basse d’inverno, con pH sul 7,3, mentre in estate con l’alzarsi della temperatura abbassare pH e durezza. Sebbene non mostrino particolari problemi in acque più dure, i pesci presentano colori migliori e una maggior fertilità se allevati in acqua neutra o leggermente acida.

Alimentazione

Principalmente un micropredatore che si nutre di piccoli crostacei acquatici, vermi, larve di insetti e altro zooplancton, sebbene possano nutrirsi  anche di alghe e altro materiale vegetale.
In acquario in genere accettano anche il mangime secco, ma dovrebbero essere offerti anche pasti regolari di piccoli cibi vivi o congelati come Artemia, Daphnia o Chironomus. Assolutamente necessario alimentare con naupli di artemia dopo la schiusa e con congelato e vivo durante l’accrescimento e per mantenerli sani e vivaci. Rispetto alla maggior parte dei pesci d'acquario, necessitano di razioni particolarmente abbondanti, soprattutto durante l’accrescimento. Non va praticato il giorno di digiuno.

Dimorfismo sessuale

I maschi diventano più grandi, sono più colorati e sviluppano pinne più estese rispetto alle femmine.

Riproduzione

Essendo in natura le varie popolazioni trovate in habitat molto diversi, è difficile capire da quale ambienti provengano gli esemplari, e questo ha portato all'evoluzione di quella che viene spesso definita una strategia di allevamento semestrale o semi-annuale, in base alla quale le uova sono in grado di resistere a un periodo di essiccazione, per incubarsi e schiudersi quando immerse permanentemente in acqua.

Se le condizioni sono favorevoli, la maggior parte delle forme di Fundulopanchax gardneri non sono difficili da riprodurre, in genere le uova sono deposte tra piante vive, muschi acquatici, mop sintetici, ecc., mentre alcuni allevatori preferiscono utilizzare un piccolo vassoio di torba che viene rimosso ed essiccato dopo la deposizione.
È meglio rimuovere le uova su base giornaliera, poiché gli adulti mangeranno tutte quelle che trovano. Normalmente le uova sott'acqua si schiudono entro 14-21 giorni a seconda della temperatura, mentre 3-4 settimane tende ad essere il periodo "standard" di essiccazione.

Per schiudere le uova conservate in torba, quest'ultima va posta in una vaschetta in plastica e bagnata con circa 2 cm d’acqua, inserendo nel contempo alcuni naupli di artemia che pare stimolino la schiusa. Gli avannotti nuotano liberamente quasi subito e possono essere offerti come primi alimenti naupli di Artemia, microworm e simili.
Il livello dell’acqua va lentamente alzato di giorno in giorno procedendo a cambi con il sistema goccia a goccia. Dopo circa 7 giorni gli avannotti vanno spostati dalla vaschetta con la torba ad una vaschetta più grande per l'accrescimento, con dei grandi ciuffi di Ceratophyllum o di Riccia. L’alimentazione deve essere abbondante, dopo 2-3 settimane dalla schiusa si può cominciare a provare ad offrire del piccolo cibo surgelato.

Una volta adulti il maschio porta la femmina nel mop o tra i muschi e le piante per farle deporre le uova e fecondarle. Al fine di diminuire l’aggressività tra maschi è bene fornire più mop.

Taxa principali

Fundulopanchax amieti - Foto © Peter Maguire
Dimensioni max: 7.0 TL
Fundulopanchax fallax - Foto © Hristo Hristov
Dimensioni max: 9.0 TL
Fundulopanchax gardneri nigerianus 'Makurdi'- Foto © Peter Maguire

Piccolo pesce d'acqua dolce, tra i killi più facili da allevare e da riprodurre

Dimensioni max: 6.5 cm TL
Temperatura: 22 - 25°C
Fundulopanchax scheeli - Foto © Hristo Hristov
Dimensioni max: 6.0 TL
Fundulopanchax sjostedti - Foto © Peter Maguire (Flickr)
Dimensioni max: 12.0 TL
Fundulopanchax walkeri - Foto © Peter Maguire (Flickr)
Dimensioni max: 6.0 TL
Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.
Fundulopanchax gardneri 'Gold' - Foto © Hristo Hristov

Fundulopanchax gardneri - Foto © Hristo Hristov

Coppia di Nothobranchius sp. 'Kiziko' - Foto © Hristo Hristov

Diverse foto di coloratissime coppia di Killi, immortalate anche nell'atto riproduttivo - Foto © Hristo Hristov