Attenzione

Gambusia affinis

(Baird & Girard, 1853)

Incredibilmente resistente e adattabile, è stata introdotta nelle acque di tutto il mondo per controllare le popolazioni di zanzare, purtroppo facendo più danni che benefici

Gambusia affinis, femmina - Foto © NOZO (Wikimedia)

Gambusia affinis, maschio - Foto © NOZO (Wikimedia)

Nome comune
Western Mosquitofish
Aspettativa di vita
3 anni (registrato da AnAge)
Dimensioni massime in natura

maschi 4.7 cm TL femmine 7.5 cm TL

La specie Gambusia affinis è un piccolo pesce d'acqua dolce ovoviviparo della sottofamiglia Poeciliinae della famiglia Poeciliidae, ordine Cyprinodontiformes. Nativa del Golfo del Messico, è stata diffusa in tutto il mondo per la lotta contro le zanzare, delle cui larve è ghiotta.

Per molti anni si è pensato che Gambusia affinis, il Mosquitofish occidentale, e Gambusia holbrooki, il Mosquitofish orientale, fossero la stessa specie, ma attualmente le due specie hanno ottenuto lo status di specie distinte.
Possono essere distinti in diversi modi. In Gambusia holbrooki il raggio principale del gonopodio dei maschi ha un bordo seghettato, la pinna dorsale di solito ha 7 raggi e anche i maschi hanno generalmente un grado più elevato di macchie scure sul corpo rispetto ai maschi di Gambusia affinis. Inoltre il maschio di Gambusia affinis non ha il bordo seghettato del raggio anteriore del gonopodio e questa specie di solito ha solo 6 raggi dorsali.

Entrambe le specie sono incredibilmente resistenti e adattabili e sono state introdotte nelle acque di tutto il mondo per controllare le popolazioni di zanzare. Purtroppo, questo ha spesso provocato effetti dannosi sugli ecosistemi, poiché sono anche voraci predatrici di piccoli crostacei e di uova e avannotti di altre specie di pesci. Sebbene si nutrano delle forme acquatiche larvali e pupali delle zanzare, ora si pensa che in molti casi non siano più efficaci delle specie autoctone.

Morfologia: Spine dorsali (totale): 0; Raggi molli dorsali (totale): 7-9; Spine anali: 0; Raggi anali molli: 9 - 10. Origine della pinna dorsale opposta al 7° raggio anale. Lunghezza della base anale molto inferiore alla metà della distanza caudale. 8 file di squame orizzontali tra schiena e addome. Le pinne ventrali terminano immediatamente prima della pinna anale. Le pinne pelviche raggiungono le pinne ventrali.

Gambusia affinis - Foto © Glynn Aland (Fishbase)

Distribuzione

Nord e Centro America: Messico e Stati Uniti meridionali.

Bacino del fiume Mississippi dal centro dell'Indiana e dell'Illinois negli Stati Uniti, a sud del Golfo del Messico e drenaggi verso ovest fino al Messico. Una delle specie con la più ampia gamma di introduzioni, che ha acquisito una distribuzione quasi globale. Popolazioni fiorenti esistono in oltre 60 paesi in tutto il mondo, dove di solito è stato introdotto come forma di controllo biologico delle zanzare.
Diversi paesi riportano un impatto ecologico negativo dopo l'introduzione.
Le introduzioni in Europa di Gambusia affinis hanno seriamente minacciato molte specie endemiche. È ormai ampiamente accettato che il loro effetto sia stato minimo e persino possa aver esacerbato il problema a causa del loro vorace appetito anche per gli invertebrati naturali predatori delle larve di zanzara

LEAST CONCERN

STATO NELLA LISTA ROSSA IUCN:
LEAST CONCERN (minima preoccupazione)

  • Western Mosquitofish: la distribuzione e lo stato della specie in natura, sul sito della IUCN Red List, il più ampio database di informazioni sullo stato di conservazione delle specie animali e vegetali di tutto il mondo.
Habitat

Ambiente: bentopelagico, acqua dolce e acqua salmastra. Clima subtropicale.

Nel suo areale naturale, Gambusia affinis di solito si trova in aree marginali poco profonde e fortemente vegetate di corpi d'acqua fermi o pigri. E' più abbondante nei tratti inferiori dei torrenti. Gli adulti vivono in acqua ferma o che scorre lentamente; più comune in stagni e laghi con vegetazione, stagni e tranquille pozze di torrenti. Si trova frequentemente in acque salmastre. Efficace nel controllo delle zanzare e ampiamente introdotto, ma si è visto che compete con i pesci autoctoni e sconvolge l'equilibrio ecologico.

Gambusia affinis, piccolo pesciolino ovoviviparo originario dello stato del Mississippi, nell'ambiente naturale del Ticino, in Italia - Video © Adventure Diegooz

Temperatura in natura

12 - 29°C

Valore pH in natura

6.0 - 8.0

Valori acqua in natura
dH range: 5 - 19
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 40x30x30h cm per un piccolo gruppo di esemplari.
Un allestimento con una filtrazione delicata e fittamente piantumata si adatta al meglio ai Gambusia affinis. Le piante non solo renderanno i pesci meno timidi, ma daranno agli avannotti un posto dove nascondersi dagli adulti. Si possono aggiungere anche rami o radici di legno, per fornire ulteriori ripari.
E' estremamente adattabile in qualsiasi condizione dell'acqua, ma sta al meglio in acqua dura e basica, e anche in condizioni d'acqua salmastra.

Comportamento e compatibilità: Gambusia affinis non è una buona scelta per gli acquari di comunità. È una specie iper-competitiva che ruberà il cibo ai compagni di vasca e intimidirà i pesci più piccoli. È anche una famigerata mordi-pinne. Allevate questi pesci da soli in un acquario di specie, e anche allora aspettatevi di vedere molti battibecchi se viene tenuto più di un maschio.

Alimentazione

Sono pesci pelagici e predatori di superficie, che in natura si nutrono di zooplancton, piccoli insetti e detriti. Sono onnivori e in acquario sono molto adattabili, accettano la maggior parte dei cibi offerti. Apprezzano particolarmente piccolo cibo vivo o congelato come Artemia o Daphnia, di cui la dieta dovrebbe contenerne una buona proporzione.

Comportamento riproduttivo
Specie ovovivipara senza cure parentali
Dimorfismo sessuale

Il maschio possiede un gonopodio ed è molto più piccolo della femmina.

Riproduzione

La riproduzione di Gambusia affinis è molto facile, è quasi impossibile fermarla se entrambi i sessi sono presenti in un acquario. I parametri dell'acqua non sono importanti, a condizione che rientrino negli intervalli sopra indicati. Se volete far crescere un buon numero di avannotti, è meglio usare una vasca separata, poiché i genitori li cacciano e li predano.
Il modo più semplice per farlo è spostare le femmine gravide in una vasca di raccolta separata, riportandole nella vasca principale una volta che hanno partorito. La gestazione dura circa 4 settimane e possono essere prodotti tra 10 e 100 avannotti. Questi sono facili da allevare e possono essere alimentati con naupli di artemia salina, microworm e fiocchi in polvere dalla nascita.

Tenete presente che potreste avere problemi a dare via gli avannotti, poiché la specie non è particolarmente popolare in acquariofilia, ed è anche molto feconda. Le femmine diventano sessualmente attive solo poche settimane dopo la nascita e possono produrre diverse centinaia di avannotti ogni anno.

Taxa principali

Gambusia affinis, femmina - Foto © NOZO (Wikimedia)
Western Mosquitofish

Incredibilmente resistente e adattabile, è stata introdotta nelle acque di tutto il mondo per controllare le popolazioni di zanzare, purtroppo facendo più danni che benefici

Dimensioni max: maschi 4.7 cm TL femmine 7.5 cm TL
Aspettativa di vita: 3 anni (registrato da AnAge)
Temperatura: 12 - 29°C
Gambusia holbrooki - Foto © Gunther Schmida
Eastern mosquitofish

Incredibilmente resistente e adattabile, è stata introdotta nelle acque di tutto il mondo per controllare le popolazioni di zanzare, purtroppo facendo più danni che benefici

Dimensioni max: 3.5 cm TL
Temperatura: 15 - 35°C
Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.
Acquario subtropicale per Macropodus ocellatus - Foto © Ambibetta.it

Indicazioni su come allestire un acquario subtropicale, un tipo di allestimento che sta a metà strada tra acquario tropicale e acquario d'acqua fredda, con indicazione delle specie più adatte e loro caratteristiche - tratto e tradotto da un articolo di Neale Monks