Attenzione

Laubuka laubuca

(Hamilton, 1822)

Il pesce di vetro indiano è spesso confuso con altre specie del genere

Laubuka laubuca proveniente dall'India - Foto © Beta Mahatvaraj (Meenkaran)

Nome comune
Indian glass barb
Dimensioni massime in natura

10.5 cm TL

Il nome del genere è stato scritto 'Laubuca' per un certo numero di anni, ma è stato stabilito che Bleeker ha usato prima 'Laubuka', quindi attualmente questa ortografia ha la priorità.

Il pesce di vetro indiano 'Indian glass barb' Laubuka laubuca è una specie d'acqua dolce che appartiene alla famiglia dei Danionidae (in passato sottofamiglia Danioninae dela famiglia Cyprinidae). Ha diversi nomi vernacolari inglesi, tra cui ‘Indian hatchet fish’ e ‘winged danio’.
Sebbene tradizionalmente considerato presente in tutto il subcontinente indiano e nella maggior parte del sud-est asiatico, sembra che la specie potrebbe essere limitata al sistema fluviale Gange-Brahmaputra. Ad esempio, sono state descritte tre nuove specie di Laubuka provenienti dallo Sri Lanka nel 2008, che in passato potrebbero essere state tutte considerate Laubuka laubuca. Anche il nome Laubuka siamensis è stato riconvalidato ed è attualmente utilizzato per riferirsi alle popolazioni dello spartiacque del Mekong in Thailandia, Laos, Cambogia e Vietnam, oltre al bacino del Chao Phraya e ad altri sistemi fluviali in Thailandia e Malesia peninsulare. Lo status tassonomico delle popolazioni dell'India meridionale e del Myanmar richiede ancora degli approfondimenti.

Data la distribuzione di Laubuka siamensis, sembra probabile che molti dei pesci che entrano nel commercio acquariofilo siano proprio Laubuka siamensis e non Laubuka laubuca. Le due specie possono essere distinte per la livrea. Laubuka siamensis possiede una striscia mediana nera (blu iridescente negli esemplari vivi) sulla porzione posteriore del corpo, che termina con una macchia di forma ovale (vs. tondeggiante in Laubuka laubuca) sul peduncolo caudale. Sono presenti una serie di deboli segni verticali al posto della striscia sulla porzione anteriore del corpo, e la macchia omerale è orientata verticalmente e non ocellata (vs. tondeggiante e ocellata in Laubuka laubuca).
Negli esemplari vivi la striscia posteriore in Laubuka siamensis è vistosamente presente e non interrotta da alcuna macchia verticale (vs. striscia scura meno evidente, molto più sottile e interrotta da marcature verticali irregolari lungo tutto il corpo in Laubuka laubuca). Tuttavia, alcuni esemplari individuati come Laubuka laubuca non sembrano possedere una striscia scura.

Laubuka laubuca si distingue da tutti gli altri membri del genere per i seguenti caratteri: presenza di una macchia omerale scura ed un'altra sul peduncolo caudale, collegata da una sottile striscia scura che sulla porzione anteriore del corpo può essere solo debolmente visibile ; nessuna tubercolazione densa sulla mascella inferiore; profondità del corpo 29-32% SL; 17-19 raggi ramificati della pinna anale; 31-37 squame della linea laterale; 6-9 righe di squame sopra la linea laterale; 15-21 squame predorsali.

Secondo recenti ricerche filogenetiche, tra gli altri Danionidae le specie del genere Laubuka sono strettamente imparentate ai generi Chela, Malayochela e Devario, ricerche che supportano anche la divisione del raggruppamento Chela, formalmente molto più grande, in Chela, Malayochela e Laubuka. C'è anche il sospetto che Laubuka dadiburjori non sia un parente diretto di altre specie di Laubuka e questo possa giustificare in futuro il posizionamento in suo proprio genere.

Laubuka laubuca, indian glass barb - Foto © Beta Mahatvaraj (Meenkaran)

Esemplare di Laubuka laubuca riprodotto commercialmente a Singapore - Foto © Choy Heng Wah

  • Specie in genere non riprodotta in cattività, gli esemplari in commercio provengono dalla cattura in natura. Chiedete sempre al negoziante se i pesci che state per prendere sono di cattura o d'allevamento.
Distribuzione

Asia: Pakistan, India, Bangladesh, Sri Lanka, Myanmar, penisola malese e Indonesia. Segnalato da Nepal e Indocina; Bacini del Mekong e del Chao Phraya.

La località tipo è 'stagni delle parti settentrionali del Bengala'.
Probabilmente Laubuka laubuca è endemica dell'India settentrionale, del Bangladesh e del Nepal. Le registrazioni effettuate in Sri Lanka, India meridionale, Myanmar, Thailandia, Laos, Cambogia, Vietnam, Malesia e Indonesia sembrano rappresentare altre specie.

LEAST CONCERN

STATO NELLA LISTA ROSSA IUCN:
LEAST CONCERN (minima preoccupazione)

  • Laubuka laubuca: la distribuzione e lo stato della specie in natura, sul sito della IUCN Red List, il più ampio database di informazioni sullo stato di conservazione delle specie animali e vegetali di tutto il mondo.
Habitat

Ambiente: pelagico, acqua dolce e acqua salmastra. Clima tropicale.

Laubuka laubuca abita la zona di media profondità di ruscelli, stagni e pozze. Si trova in aree di torrenti poco profonde e relativamente profonde, sia in acque ferme che relativamente veloci. Forma banchi di 15-30 individui.

Temperatura in natura

24 - 26°C

Valore pH in natura

6.5 - 7.0

Valori acqua in natura
dH range: 5 - 10
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 120x40x50h cm per un gruppo di almeno 8-10 esemplari.
Laubuka laubuca starà bene nella maggior parte degli acquari più grandi ben tenuti, ma è meglio allevarla in un allestimento progettato per assomigliare a un fiume o ruscello che scorre lentamente, con un substrato di rocce di dimensioni variabili, ghiaia e alcuni grandi massi consumati dall'acqua.
Si possono disporre rami, radici e piante acquatiche come Microsorum, Bolbitis o Anubias, che possono essere coltivate attaccate agli arredi. In questo tipo di ambiente mostrerà un comportamento più naturale e potrà essere allevata insieme ad altre specie che godono di condizioni simili.
Come molti pesci che abitano in natura le acque correnti, è intollerante all'accumulo di rifiuti organici e necessita di acqua sempre pulitissima per prosperare. L'acquario deve avere anche un coperchio ben aderente poiché Laubuka laubuca è un esperto saltatore.

Comportamento e compatibilità: Non è un pesce aggressivo e può essere allevato con molti ciprinidi, cobitidi, botia, ciclidi, pesci gatto e caracidi, anche se come sempre quando si seleziona una comunità di pesci compatibili è essenziale una ricerca adeguata, è il solo modo per evitare futuri problemi.

È una specie di branco per natura e idealmente dovrebbe essere allevato in un gruppo di almeno 8-10 esemplari, il che non solo renderà i pesci meno nervosi, ma risulterà in una visualizzazione dall'aspetto più efficace e naturale.

Temperatura in acquario

18 - 24 °C

Valori acqua in acquario
pH: 6.0 – 8.0
Durezza: 36 – 215 ppm
Alimentazione

In natura si alimenta in superficie, è un predatore di invertebrati terrestri e acquatici.
In acquario accetta mangime secco di dimensioni adeguate, ma dovrebbero anche essere offerti regolarmente  Daphnia, Artemia, Chironomus, ecc. vivi e/o congelati

Comportamento riproduttivo
Specie ovipara che disperde le uova in acqua, senza cure parentali
Dimorfismo sessuale

Le femmine adulte hanno un corpo notevolmente più profondo e di solito diventano leggermente più grandi dei maschi.

Riproduzione

Si riproduce nel tipico modo dei ciprinidi, spargendo le uova in acqua, e non mostra cure parentali.
Sembra che le uova vengano deposte di preferenza all'alba o al tramonto, in lotti di circa 30 uova alla volta. L'incubazione è di circa 24 ore.

Taxa principali

Laubuka dadiburjori dal Sita River nello Stato del Karnataka, India meridionale, con la livrea a spot sulla linea laterale scura - Foto © Hayath (SeriouslyFish)
Dadio

Piccolo e affascinante ciprinide, è molto difficile da trovare in commercio

Dimensioni max: 2.5 cm SL
Temperatura: 22 - 24°C
Laubuka laubuca proveniente dall'India - Foto © Beta Mahatvaraj (Meenkaran)
Indian glass barb

Il pesce di vetro indiano è spesso confuso con altre specie del genere

Dimensioni max: 10.5 cm TL
Temperatura: 24 - 26°C
Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.
Laubuka fasciata, attivo e colorato, ma incline a saltare, quindi deve essere tenuto in vasche con coperchio - Foto © Beta Mahatvaraj (Meenkaran)

Laubuka - Foto © Beta Mahatvaraj (Meenkaran)