• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

I pesci pulitori NON ESISTONO!

I pesci non vanno comprati per la loro presunta funzione di pulitori, ma perché piacciono e perché sono interessanti da osservare. Dobbiamo essere noi a rispettare le loro esigenze, non loro a dover svolgere un lavoro in vece nostra: i pesci non sono attrezzi, e non possono sopravvivere solo con gli scarti degli altri...

Tempo di lettura
8 minuti
Letto finora

Nutrire i pleco, parte 1 - Tipi di cibo (M. Petersson)

Dom, 01/15/2017 - 21:34
Posted in:
0 comments

Prima parte di un articolo sull'alimentazione dei pesci della famiglia Loricariidae, suddivisi in base ai diversi cibi che devono mangiare, non sono infatti tutti vegetariani come molti pensano.

Traduzione dell'articolo
"Feeding Plecos, Part 1 • Types of food" di Mats Petersson
sul sito di Planetcatfish.com che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese.

Ancistrus sp. a pranzo - Foto © Mr Gory (Thetropicaltank.co.uk)

Questa è la prima parte di un articolo in due parti su come nutrire i pesci gatto della famiglia dei Loricaridi, alias Pleco. Questi pesci sono entrati nel commercio acquariofilo come "mangia-alghe", e molti sono ancora acquistati per mantenere puliti i vetri dell'acquario in cui vivono, mentre altre specie, più esotiche, vengono acquistate esclusivamente per compiacere i proprietari per l'avere una livrea sorprendente. Sono disponibili in tutte le dimensioni, da pochi centimetri a oltre mezzo metro. Mangiano di tutto, dalle alghe alla carne, alcuni utilizzano il legno come fonte di cibo. Nel prossimo articolo, viene spiegato quali gruppi di pesci mangiano quale tipo di cibo, in modo da poter capire cosa gradirà mangiare ogni genere.

feeding-plecos-1.jpg

Un errore comune è il ritenere che questi pesci abbiano una bocca a forma di ventosa, al fine di aspirare meglio le alghe. In realtà, la bocca a ventosa è uno sviluppo basato sull'ambiente in cui vivono, tipicamente acqua corrente a vari gradi di velocità, nelle diverse aree del Sud America. La bocca ventosa è un ottimo modo per rimanere fermi al proprio posto in acqua con il minimo sforzo. Non dice nulla, in realtà, sulle abitudini di alimentazione specifiche dei pesci; per farlo si deve guardare più da vicino, ma ne riparleremo più avanti.

Una domanda fatta comunemente è cosa e come mangiano questi pesci. In questo articolo, cercherò di spiegare come preparare i vari tipi di cibo. In primo luogo, cerchiamo di classificare i pesci in base ai diversi tipi di diete:

Erbivori:
Verdure e materiale vegetale, tra cui alghe.
Carnivori:
Carne di pesci, invertebrati (crostacei, larve di insetti), carogne e persino uova.
Insettivori:
Insetti e larve di insetti.
Onnivori:
Questi pesci mangiano qualsiasi cosa, cioè una miscela tra dieta erbivora insettivora e carnivora. Pensate a una buona dieta per un umano, togliete la maggior parte dei prodotti a base di cereali, e avrete una buona dieta onnivora.
Limnivori:
Conosciuti anche come "bruca-biofilm". Questi pesci mangiano alghe, microrganismi e altro, che riescono a trovare sul fondale del loro habitat. Questo è quello che si intende con il termine tedesco "aufwuchs" che si è guadagnato un uso popolare.
Mangia-legno:
Ci sono alcuni tipi di pleco che possono digerire il legno. Contrariamente a precedenti credenze popolari, i pesci non hanno "batteri buoni" nell'intestino che digeriscono il legno, ma invece raschiano via il legno che è in procinto di degradarsi, ed estraggono i nutrienti dai microrganismi che stanno degradando il legno.

Questo non significa necessariamente che dei chironomus non vengano consumati da una specie erbivora, per esempio. Tuttavia, proprio come gli esseri umani che mangiano le cose sbagliate per troppo tempo, i pesci vivranno una vita più lunga e più felice se alimentati con la dieta corretta.
Quasi tutti i loricaridi sono alimentatori opportunistici, per cui mangiano ad esempio gli avanzi del cibo che viene dato agli altri pesci. Ci sono tre fonti di cibo che l'acquariofilo può utilizzare:

Alimenti naturali / coltivati in casa
Sarebbero le alghe o altro che crescono nel loro ambiente naturale o nell’acquario in cui vivono. Se il vostro pleco mangia le alghe come fonte di cibo principale, allora è possibile "coltivare le alghe" in una vasca da qualche parte. Posizionare un acquario con un paio di pesci rossi, guppy o simili sotto una forte luce o in posizione soleggiata, e mettervi all’interno alcune pietre delle dimensioni di un pugno o piccoli pezzi di legno. Siccome i pesci rossi fertilizzano l'acqua, le alghe cresceranno bene su tutte le superfici. Una volta che pietre/legni sono coperti di alghe, possono essere spostati nell’acquario dove vivono i pleco. Allo stesso modo, per i pesci che mangiano lumache, è possibile allevare lumache in una vasca a parte, non sono difficili da far riprodurre, e si può dar loro da mangiare molti tipi diversi di sostanze vegetali.
Cibo fatto in casa
Questo gruppo contiene il cibo che si prepara in casa, con quello che si può acquistare in qualsiasi supermercato.
Cibo preparato
Alimenti che si possono acquistare nei negozi di pesci: granuli, compresse o wafer che sono adatti per questi pesci.

Quindi, spero che quanto sopra vi dia delle buone idee e vi incoraggi anche alla sperimentazione. Nella prossima parte di questa serie vedremo quali gruppi di specie mangiano quali gruppi di alimenti.

La maggior parte dei supermercati nel mondo occidentale sono ricchi di prodotti alimentari che possono essere utilizzati come cibo adatto per i pleco, solo con un po' di preparazione. Ecco alcuni suggerimenti, in base alla dieta che i vostri pesci possono avere. In generale, ci vuole un po' di tempo ai pesci per capire che quel qualcosa inserito in acquario è in realtà cibo, per cui non rinunciate se i pesci non hanno toccato il cibo dopo una giornata. Basta provare di nuovo con un nuovo pezzo. Se ai pesci non piace, dopo qualche tentativo provate qualcosa di diverso.

Gli erbivori

feeding-plecos-2.jpg

Vanno bene in questo caso quasi qualsiasi verdura e molta della frutta che si possono trovare al supermercato, ma alcune sono più adatte di altre. Ci sono esempi di pesci che mangiano le arance, ma sono cibi eccellenti le verdure della famiglia delle Cucurbitacee, come le zucchine, i comuni cetrioli e vari tipi di melone. Altri prodotti alimentari comunemente usati sono le patate dolci, i piselli e le taccole. I pesci amano i broccoli, e, anche se popolari, le varietà di cavolo possono fa puzzare l'acqua, il che potrebbe essere un inconveniente. Il cavolo verza in particolare è va bene per questo gruppo, anche per nutrire i loro piccoli.

Per i pleco più grandi, queste verdure possono essere solo tagliate in porzioni adeguate e date direttamente ai pesci da mangiare. Per gli esemplari più piccoli, è preferibile sbollentare leggermente la verdura prima di offrirla come alimentazione. Sbollentare o sbiancare, per quelli di noi che non sono Delia Smith, significa bollire per un breve periodo. È importante non cuocere troppo le verdure. Cuocerle troppo può facilmente significare che l’acqua della vasca diventerà torbida.

La maggior parte delle verdure tenderà a galleggiare nella parte superiore dell’acquario, e i pleco tendono a mangiare in fondo o sui lati della vasca, quindi è necessario assicurarsi che il cibo finisca in un luogo dove i pesci possano essere in grado di mangiarlo facilmente. Ci sono due modi principali per farlo: clip e pesi. Le clip con ventose per aderire al vetro sono disponibili presso la maggior parte dei negozi di acquari, la ventosa può attaccarsi un po’ meno dopo un paio di mesi. Tutto ciò che è un po' più pesante dell'acqua può essere usato come peso, come un cucchiaino o delle pietre. Con un cucchiaino si può perforare il cibo, lasciandocelo infilzato, e le verdure possono essere collegate a pietre con un elastico o un pezzo di spago. Probabilmente il modo migliore per affondare le verdure è un nuovo prodotto chiamato screwcumber.

Per tutti gli alimenti vegetali, tutto ciò che non è stato mangiato dopo 24 ore deve essere rimosso, altrimenti diventa molle, la maggior parte dei pesci non lo mangerà più e la qualità dell'acqua cadrà in picchiata.

Pleco diversi sembrano apprezzare diverse parti delle verdure. Per esempio i Panaque maccus mangiano la scorza di una zucchina prima di attaccare il centro, mentre gli Ancistrus sp. mangiano il centro e spesso lasciano la pelle intatta. Finché non sapete se il pesce ama una parte o l'altra, non siate tentati di sbucciare la "pelle brutta" solo perché voi non la vorreste mangiare!

Carnivori

feeding-plecos-3.jpg

Bianchetti, cozze, gamberi/gamberetti, vongole. Questi tipi di alimenti devono essere cotti prima di offrirli come alimentazione, per eliminare indesiderabili pericoli, e per la maggior parte sono disponibili precotti e sono facili da usare. Per esempio le cozze sono disponibili in scatola, il che le rende un alimento ideale perché sono anche facilmente disponibili.

Qualsiasi cibo con cui può essere alimentato un pleco ha bisogno di essere delle dimensioni giuste perché i pesci possano nutrirsi. La maggior parte dei pleco non saranno in grado di mordere pezzi ad esempio di cozza o di gambero, quindi questi avranno bisogno di essere tagliati ad una dimensione adatta. In caso di dubbio, tagliateli un po' più piccoli del necessario, ma ovviamente frullare le cozze nel frullatore fino a che non assomiglino ad un frullato non è l'approccio giusto.

Se avete acquistato una quantità di cibo maggiore rispetto a quello che i pesci possono mangiare in una sola volta, è possibile creare facilmente del cibo surgelato fatto in casa, mettendo il resto in una vaschetta del ghiaccio, diciamo l’equivalente di un cucchiaino in ogni compartimento. Aggiungere un po' di acqua del rubinetto per ogni compartimento, per sigillare un po' meglio i bocconi. Una volta congelati, è possibile ovviamente rimuovere i cubetti dalla vaschetta e metterli in qualsiasi contenitore o sacchetto, a patto che si tengano nel congelatore. Quando arriverà il momento del pasto, basta prendere un cubetto e metterlo in acqua [ndt: magari facendolo prima scongelare, la prudenza non è mai troppa :)].

Insettivori

Insetti e larve di insetti. Non si possono di solito trovare nei supermercati, ma a parte gli alimenti dedicati (di solito congelati) che si possono trovare nei negozi di animali, si può essere in grado di ottenere cibo adatto allevandoli in proprio. Sono adatte e divertenti da provare le colture di vermi bianchi e di microworm, davvero apprezzati da questi tipi di pesce. Un'altra opzione è quella di allevare i moscerini della frutta. Sono abbastanza facili da allevare, e si può acquistarne una coltura starter. Ecco un articolo su come allevarli: http://www.easyinsects.co.uk/livefood/fruitflies/. L'articolo si rivolge agli insetti carnivori e agli anfibi, ma anche i pesci apprezzeranno queste larve. Per i pleco, è meglio nutrirli con le larve dei moscerini, in quanto non sono bravi a catturare creature fluttuanti.

Onnivori

Questi pesci mangiano qualsiasi cosa, quindi un misto di verdure, larve di insetti e dieta carnivora. Per la preparazione, vedete sopra.

Limnivori

Anche questi pesci mangiano molte cose diverse. Integrare qualsiasi crescita delle alghe con una dieta prevalentemente erbivora, con una piccola quantità di cibo proteico come dalla precedente sezione carnivori.

Mangia-legno

Oltre ad avere il legno nella vasca, a questi pesci piace anche un po' di verdura, in particolare mangiano con gusto la scorza di alcuni ortaggi come cetrioli e zucchine. Preparazione come per gli erbivori.

Il legno adatto può essere trovato nei negozi d’acquari, ma è possibile utilizzare anche il legno da giardino, o trovato sulle rive del fiume. Il legno deve essere pulito correttamente con acqua bollente e poi messo a bagno per almeno 24 ore prima di essere inserito nell’acquario. Non è adatto per l’utilizzo il legno con molta resina, come il pino e l’abete. Le scelte migliori sono i legni medio-duri, come ciliegio, melo, betulla e faggio.

Quanto alimentare?

I pleco sono erbivori. Non nel senso che mangiano erba, ma nel senso che, nel loro habitat naturale, si alimentano più o meno continuamente. Questo significa che vogliono avere almeno un po' di cibo a disposizione per tutto il tempo.

Tuttavia, con i pleco come per molti altri pesci ed esseri umani, la sovralimentazione è molto più un problema rispetto alla sottoalimentazione, e, a parte questo, il cibo che si deteriora in acqua influenzerà la qualità della stessa in modo negativo. L'obiettivo è quello di dare cibo sufficiente, senza sovralimentare. Il miglior consiglio è quello di iniziare con una piccola porzione. Se viene consumata tutta durante la notte, è probabilmente ok alimentarli un po' di più la prossima volta.

Per i più avventurosi, si potrebbe provare le alghe a crescita rapida. Sperimentate aggiungendo una piccola quantità di fertilizzante in una vasca senza pesci, con alcune pietre delle dimensioni adatte o simili per farci crescere sopra le alghe. In un ambiente luminoso, come una serra, si formerà presto uno spesso strato di alghe verdi con cui possono essere alimentati i pesci.

Vorrei potermi prendere tutto il merito, ma devo levarmi il cappello di fronte a Norbert Flaugger di Casa Maria, in Venezuela, che in una conversazione con Shane Linder mi ha parlato di questo metodo che fa miracoli per far crescere gli avannotti più difficili e per acclimatare i loricaridi più schizzinosi:

  1. Triturate il vostro cibo per pesci preferito in pezzettini. È possibile aggiungere qualsiasi tipo di cibo per pesci e anche verdure e legumi secchi.
  2. Separare un albume d’uovo dal tuorlo.
  3. Mescolare l’albume con il mangime per pesci.
  4. Spalmate la miscela risultante su una roccia piatta o su un legno.
  5. Lasciate che la roccia asciughi bene.

Mettete la roccia nella vasca. Il bianco d’uovo secco si scioglie nell’acqua solo molto lentamente. I vostri loricaridi lo mangeranno con gioia, dal momento che imita i loro alimenti "naturali". Gli avannotti beneficeranno anche delle proteine del bianco d'uovo.

© Mats Petersson (Planetcatfish.com)

Vai alla seconda parte dell'articolo

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.