Attenzione

Nannostomus

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie appartenenti al genere Nannostomus, i pesci matita

Nannostomus sp. nel loro habitat naturale - Foto © Ivan Mikolji

Il genere Nannostomus, (dal greco: nanos = piccolo, e dal latino stomus = bocca), appartiene alla famiglia Lebiasinidae, ordine Characiformes. Tutte le specie del genere sono conosciute come pesci matita o pencilfish, un nome popolare con cui sono state chiamate per la prima volta negli anni '20 solo due specie, Nannostomus unifasciatus e Nannostomus eques, ma dalla fine degli anni '50 è passato ad indicare tutti i membri del genere.
Molte delle specie sono diventate popolari pesci d'acquario grazie alla loro colorazione attraente, alla forma unica e al comportamento interessante.

Qui sotto l'elenco delle 20 specie attualmente comprese nel genere, con i link alle schede di Fishbase, da cui è tratta la tabella:

Nome Scientifico Nome Inglese Distribuzione Lunghezza Max (cm) Anno
Nannostomus anduzei   South America 1.6 SL 1987
Nannostomus beckfordi Golden pencilfish South America 6.5 SL 1872
Nannostomus bifasciatus Whiteside pencilfish South America 3.4 SL 1954
Nannostomus britskii Spotstripe pencilfish South America 2.4 SL 1978
Nannostomus digrammus Twostripe pencilfish South America 2.8 SL 1913
Nannostomus eques Brown pencilfish South America 5 TL 1876
Nannostomus erythrurus   South America 2.9 SL 1909
Nannostomus espei Barred pencilfish South America 4 TL 1956
Nannostomus grandis   South America 4.6 SL 2011
Nannostomus harrisoni Blackstripe pencilfish South America 4.5 SL 1909
Nannostomus limatus Elegant pencilfish South America 3.6 SL 1978
Nannostomus marginatus   South America 3.5 TL 1909
Nannostomus marilynae Greenstripe pencilfish South America 5 TL 1975
Nannostomus minimus Least pencilfish South America 2.3 SL 1909
Nannostomus mortenthaleri   South America 2.9 SL 2001
Nannostomus nigrotaeniatus   South America 3.3 SL 2013
Nannostomus nitidus Shining pencilfish South America 3.5 SL 1978
Nannostomus rubrocaudatus   South America 2.6 SL 2009
Nannostomus trifasciatus Threestripe pencilfish South America 3.6 SL 1876
Nannostomus unifasciatus Oneline pencilfish South America 3.8 SL 1876

Il genere Nannostomus è stato eretto per la prima volta da Günther nel 1872 con la specie tipo Nannostomus beckfordi. Nel 1876, Steindachner descrisse altre tre specie, Nannostomus unifasciatus, Nannostomus eques e Nannostomus trifasciatus. Nel 1909, Carl H. Eigenmann descrisse Nannostomus marginatus, Nannostomus minimus e Nannostomus harrisoni. Tutte le specie, a parte forse Nannostomus minimus, sono state molto apprezzate dagli acquariofili a partire dall'inizio del XX secolo, sia per gli articoli entusiasti scritti su di loro che per le splendide fotografie scattate da William T. Innes, pubblicati già nel 1933.

Nel corso degli anni, il genere è stato suddiviso da autori successivi in ​​altri generi, tra cui Poecilobrycon e Nannobrycon. Dopo quasi un secolo di dibattito sull'argomento, il Dr. Stanley H. Weitzman e il Dr. J. Stanley Cobb hanno ripristinato la tassonomia precedente e l'hanno ampliata, unificando tutte le specie sotto il genere Nannostomus nel 1975. Questa revisione completa del genere è stata ora ampiamente accettata .
Il Dr. Weitzman è anche responsabile della descrizione di cinque delle specie introdotte più di recente, Nannostomus marilynae, Nannostomus limatus, Nannostomus nitidus, Nannostomus britskii e Nannostomus anduzei. Oggi sono note 20 specie, la maggior parte delle quali sono familiari anche agli acquariofili. Nel corso degli anni sono state importate diverse altre specie di Nannostomus non identificate e probabilmente non ancora descritte, molte delle quali sono state trovate come catture accessorie con altri piccoli caracidi; il loro status tassonomico deve essere ancora determinato.

La famiglia Lebiasinidae è inclusa nell'ordine dei Characiformes e talvolta viene divisa in due sottofamiglie nominali, Lebiasininae e Pyrrhulininae, anche se in tempi recenti non c'è stata una profonda revisione del raggruppamento. Tutti i generi della famiglia Lebiasinidae possiedono una forma del corpo relativamente allungata, con 17-33 squame nella linea laterale, e il sistema di canali laterosensoriali assente o ridotto a 7 squame o meno. Alcune specie hanno una pinna adiposa, mentre altre no, e la pinna anale ha una base relativamente breve di di 13 squame o meno. Nella maggior parte delle specie i maschi hanno una pinna anale allargata o comunque ben sviluppata, usata nel corteggiamento e nella deposizione delle uova. La fontanella anteriore / parietale è sempre assente, le guance sono ben coperte dalle ossa orbitali e opercolari, la cresta sopraoccipitale è assente, e le squame dorsali del corpo iniziano sulle ossa parietali.

L'ordine a cui appartengono i lebiasinidi, quello dei Characiformes, è uno tra i più diversificati ordini di pesci d'acqua dolce, e attualmente include quasi 2000 specie valide distribuite tra 19 famiglie. Questo enorme diversità morfologica e tassonomica ha storicamente compromesso la capacità dei ricercatori di risolvere le relazioni genetiche, per cui molti generi sono rimasti in incertae sedis. Un ulteriore fattore limitante è che in molti casi l'unico modo per risolvere tali problemi sarebbe uno studio esaustivo su base individuale.
Le tecniche filogenetiche molecolari moderne hanno permesso alcuni progressi, e un documento di ricerca pubblicato nel 2005 da Calcagnotto et al. ha proposto alcune ipotesi interessanti. I loro risultati suggeriscono che la famiglia Lebiasinidae formi un clade monofiletico a fianco delle famiglie Ctenoluciidae e Hepsetidae, formando un gruppo strettamente correlato agli Alestidae. Altri, come Oliveira et al. (2011) hanno concluso che anche la famiglia Erythrinidae è strettamente legata a questo raggruppamento, con Hepsetidae e Alestidae più distanti.

Habitat

Habitat di pesci matita del genere Nannostomus a Daracua. In questa parte del Rio Negro la delicata cattura dei pesci d'acquario guida la conservazione, fornendo mezzi di sussistenza sostenibili - Video © Project Piaba

Taxa principali

E' il membro più piccolo del genere, e si trova raramente, anche se è relativamente comune come contaminazione nelle spedizioni di pesci selvatici da Manaus

Dimensioni max: 1.6 cm SL
Temperatura: 24 - 28°C
Golden Pencilfish, Pesce matita dorato

Abbastanza onnipresente nel commercio acquariofilo, rappresenta una scelta eccellente per i neo-acquariofili, dal momento che è meno impegnativo rispetto alla maggior parte dei congeneri.

Dimensioni max: 6.5 cm SL
Aspettativa di vita: 5 anni
Temperatura: 24 - 26°C
Brown pencilfish

È un popolare pesce d'acquario, e ha un interessante stile di nuoto obliquo, un tratto comportamentale condiviso tra i congeneri solo con Nannostomus unifasciatus.

Dimensioni max: 5 cm TL
Temperatura: 23 - 28°C
Dwarf pencilfish, Pesce matita

Molto popolari in acquariofilia, come tutti i Nannostomus vengono spesso usati come pesci rassicuranti per i ciclidi nani, anche se la loro natura di micropredatori non li rende esenti da rischi

Dimensioni max: 3.5 cm TL
Aspettativa di vita: 3 - 5 anni
Temperatura: 24 - 26°C
Coral Red Pencilfish

Splendidi pesci matita, non per niente chiamati 'rosso corallo', nonostante le ridotte dimensioni hanno bisogno di acquari grandi, perché i maschi mostrano un'alta aggressività intraspecifica.

Dimensioni max: 2.9 cm SL
Aspettativa di vita: 4 - 5 anni
Temperatura: 24 - 28°C
Purple Pencilfish

Uno tra i pesci matita con la livrea nuziale più colorata, ma con i maschi molto territoriali

Dimensioni max: 2.6 cm SL
Threestripe pencilfish

Uno tra i nannostomus più facili da trovare in commercio, va allevato in folti gruppi per mitigare l'aggressività dei maschi verso i conspecifici

Dimensioni max: 3.6 cm SL
Temperatura: 24°C - 28°C
Oneline pencilfish

I prmi ad essere chiamati 'pesci matita', sono popolari per le loro dimensioni ridotte, la bellissimo livrea, la postura di nuoto unica e la relativa robustezza

Dimensioni max: 3.8 cm SL
Temperatura: 25 - 28°C
Riferimenti & Link

A revision of the South American fishes of the Genus Nannostomus by Dr. Stanley H. Weitzman and J. Stanley Cobb, Smithsonian Press,1975
(repository.si.edu)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Lungo articolo dedicato alla riproduzione di caracidi e ciprinidi, da cui traspare l'orgoglio e la soddisfazione che si prova quando si riesce a riprodurre questi pesci con successo, perchè non fanno tutto da soli, ma richiedono da parte dell'acquariofilo un impegno attivo, forte e costante, nello stimolare la deposizione prima e nel far sopravvivere e crescere i piccoli avannotti poi - tratto e tradotto da un articolo di Randy Carey

Acquario biotopo: Piccolo affluente del Rio Guapore © Kamil Hazy (Biotope Aquarium Design Contest 2015)

Rio delle Amazzoni superiore, Dipartimento Loreto, Perù - Foto © Ruben Rensink (Biotope Aquarium Design Contest 2015)

I Nannostomus mortenthaleri sono piccoli pesci impegnativi. Se siete disposti a investire in loro un po' di tempo e di risorse, sarete ricompensati da una splendida esposizione di splendidi, vibranti, pesci matita rosso corallo - tratto e tradotto da un articolo di Graham Ramsay

Nannostomus eques in acquario - Foto © Fajoe (Wikimedia)

Video Biotopo: Acque nere e basse nel Rio Negro centrale - Video di Amazonas Magazine

Igarapé, habitat d'acqua chiara nella regione del Rio delle Amazzoni inferiore - Foto © Pro-Igarapés

Foto e descrizione degli acquari di Gerardo

Splendidi e coloratissimi esemplari di Nannostomus rubrocaudatus - Foto © Frank Schäfer (Aquarium Glaser GmbH)

Nannostomus eques e Nannostomus unifasciatus: due pesci matita dallo strano stile di nuoto - Foto © Frank Schäfer (Aquarium Glaser GmbH)

I pesci matita Nannostomus beckfordi - Foto © Peter Maguire

Splendidi Nannostomus mortenthaleri, i pesci matita rosso corallo - Foto © Charles König (Seriouslyfish.com)