Attenzione

Nannostomus unifasciatus

Steindachner, 1876

I prmi ad essere chiamati 'pesci matita', sono popolari per le loro dimensioni ridotte, la bellissimo livrea, la postura di nuoto unica e la relativa robustezza

Nannostomus unifasciatus - Foto © Rita Aspevik (Akvaforum.no)

Alcune popolazioni di Nannostomus unifasciatus non hanno l'ocello nella pinna caudale, come questo esemplare - Foto © Jennifer O. Reynolds (Seriouslyfish.com)

Nome comune
Oneline pencilfish
Dimensioni massime in natura

3.8 cm SL

I Nannostomus unifasciatus (dal greco: nanos = piccolo, e dal latino stomus = bocca; dal latino: unifasciatus = una fascia), comunemente noti come one-lined pencilfish, sono pesci d'acqua dolce appartenenti al genere Nannostomus nella famiglia dei Lebiasinidae, ordine Characiformes. Sono popolari nel commercio acquariofilo per le loro dimensioni ridotte, la bellissimo livrea, la postura di nuoto unica e la relativa robustezza.
Con il lungo profilo a forma di matita, la singola striscia nera corvina che ne ricorda il nucleo di grafite e la pinna caudale color gomma, è questa la specie per la quale fu coniato per la prima volta nel 1920 il nome popolare di 'pesce matita', 'pencilfish', che è stato successivamente allargato a tutte le specie del genere Nannostomus.

Questa specie in passato era compresa nei generi Poecilobrycon e Nannobrycon, e in acquariofilia è anche conosciuta come pesce matita ‘oneline’ o ‘red fin’.
È un popolare pesce d'acquario e ha un interessante stile di nuoto obliquo, un tratto comportamentale condiviso solo con Nannostomus eques tra i congeneri.

La diagnosi più recente di Nannostomus unifasciatus risulta essere quella data da Weitzman (1975) che la caratterizzava per il possesso di: banda laterale centrale (primaria) ben sviluppata, strisce superiori ed inferiori (secondaria e terziaria) assenti; barre oblique notturne assenti negli esemplari conservati; pinna adiposa presente; 28-30 squame in serie laterale; 2-5 squame laterali perforate; rastrelliere branchiali 9 + 14; fila di denti interni del dentario assente; 6-7 denti nella fila dentaria esterna; principali raggi della pinna caudale 10/9, ma 8 terminanti nel lobo superiore, 11 nel lobo inferiore; pinna anale nei maschi leggermente modificata, più grande negli esemplari brasiliani e venezuelani, più piccola in quelli della Guyana; la maggior parte delle popolazioni con un ocello caudale.

A causa della posizione di nuoto obliqua Nannostomus unifasciatus è difficile da confondere con altre specie diverse da Nannostomus eques, ed è facilmente distinguibile anche da quest'ultimo, poiché manca degli spot marrone scuro sulle squame del corpo (vs. presenti in Nannostomus eques) e normalmente possiede un ocello nel lobo superiore della pinna caudale (vs. assente in Nannostomus eques).

La maggior parte dei pesci matita possiede due distinte livree, una diurna e una notturna, e Nannostomus unifasciatus non fa eccezione. Durante il giorno, ha tre strisce longitudinali nere che percorrono la lunghezza del corpo. Di notte, tre grandi macchie scure si materializzano sui fianchi del pesce, che si estendono dal dorso alla pancia. Non ci si deve preoccupare quindi se, quando si accendono le luci dell'acquario dopo il tramonto o al mattino, i pesci hanno un aspetto diverso, poiché, come la maggior parte delle specie di Nannostomus, di notte assumono la loro livrea mimetica barrata verticalmente.
Una ricerca ha dimostrato che questo cambiamento di colorazione è dovuto all'azione differenziale dell'ormone pineale melatonina sulle cellule del pigmento in diverse regioni del tegumento. È stato dimostrato che questo ritmo diurno/notturno della livrea si verifica anche in esemplari ciechi, il che fa pensare che si tratti di una risposta automatica che i pesci non possono controllare. La livrea diurna può svolgere una funzione di riconoscimento per gli individui della stessa specie, mentre la livrea notturna può aiutare a nascondersi dai predatori notturni.

Steindachner descrisse per la prima volta la specie nel 1876, rendendola la seconda di quelle che ora sono 20 specie del genere ad essere descritte. La tassonomia dell'intero genere Nannostomus è stata per molti decenni oggetto di accesi dibattiti, che hanno portato a numerose revisioni contrastanti, lasciando il genere per lunghi periodi in uno stato che è stato giustamente descritto come "caotico". Al centro di questa controversia c'era spesso la specie Nannostomus unifasciatus, per diversi motivi.
Nannostomus unifasciatus è ampiamente distribuito in tutto il bacino amazzonico, in Brasile, nello Scudo della Guiana, in Colombia, Venezuela e nel nord della Bolivia. Di conseguenza, la specie è policromatica, con molte popolazioni geografiche che manifestano sottili differenze nella livrea. Nel corso degli anni, alcuni di queste forme di colore sono state erroneamente descritte come specie separate.
Ulteriore confusione tassonomica sorse quando vari autori eressero altri generi per Nannostomus unifasciatus e suoi congeneri, Nannostomus eques e Nannostomus harrisoni.
Confondendo ulteriormente la situazione, il naturalista olandese J. J. Hoedeman pubblicò un articolo su The Amsterdam Naturalist nel 1950 in cui affermava che Nannostomus unifasciatus e Nannostomus eques erano la stessa specie.

Il consenso fu finalmente raggiunto quando, nel suo articolo fondamentale sul genere Nannostomus nel 1975, il dottor Stanley H.Weitzman restaurò la tassonomia di Steindachner e la espanse, riaffermando lo stato di Nannostomus unifasciatus e Nannostomus eques come specie distinte e individuate, e ponendo Nannostomus unifasciatus e tutti i suoi congeneri in un unico genere, Nannostomus. Di conseguenza, Poecilobrycon ocellatus, Nannobrycon unifasciatus ed epiteti simili precedentemente applicati alla specie, sono ora relegati ai sinonimi minori di Nannostomus unifasciatus.

Una popolazione della specie è stata scoperta anche sull'isola di Trinidad, ma si ritiene che sia stata introdotta.

La famiglia Lebiasinidae è inclusa nell'ordine dei Characiformes e talvolta viene divisa in due sottofamiglie nominali, Lebiasininae e Pyrrhulininae, anche se in tempi recenti non c'è stata una profonda revisione del raggruppamento. Tutti i generi della famiglia Lebiasinidae possiedono una forma del corpo relativamente allungata, con 17-33 squame nella linea laterale, e il sistema di canali laterosensoriali assente o ridotto a 7 squame o meno. Alcune specie hanno una pinna adiposa, mentre altre no, e la pinna anale ha una base relativamente breve di di 13 squame o meno. Nella maggior parte delle specie i maschi hanno una pinna anale allargata o comunque ben sviluppata, usata nel corteggiamento e nella deposizione delle uova. La fontanella anteriore / parietale è sempre assente, le guance sono ben coperte dalle ossa orbitali e opercolari, la cresta sopraoccipitale è assente, e le squame dorsali del corpo iniziano sulle ossa parietali.

L'ordine a cui appartengono i lebiasinidi, quello dei Characiformes, è uno tra i più diversificati ordini di pesci d'acqua dolce, e attualmente include quasi 2000 specie valide distribuite tra 19 famiglie. Questo enorme diversità morfologica e tassonomica ha storicamente compromesso la capacità dei ricercatori di risolvere le relazioni genetiche, per cui molti generi sono rimasti in incertae sedis. Un ulteriore fattore limitante è che in molti casi l'unico modo per risolvere tali problemi sarebbe uno studio esaustivo su base individuale.
Le tecniche filogenetiche molecolari moderne hanno permesso alcuni progressi, e un documento di ricerca pubblicato nel 2005 da Calcagnotto et al. ha proposto alcune ipotesi interessanti. I loro risultati suggeriscono che la famiglia Lebiasinidae formi un clade monofiletico a fianco delle famiglie Ctenoluciidae e Hepsetidae, formando un gruppo strettamente correlato agli Alestidae. Altri, come Oliveira et al. (2011) hanno concluso che anche la famiglia Erythrinidae è strettamente legata a questo raggruppamento, con Hepsetidae e Alestidae più distanti.

Distribuzione

Sud America: regioni del bacino amazzonico in Bolivia, Brasile, e probabilmente Colombia; bacino superiore dell'Orinoco in Venezuela e Guyana.

La località tipo di Nannostomus unifasciatus è indicata come 'vicino alla foce del Rio Negro, Brasile', ma è attualmente accettato che questa specie sia distribuita in gran parte dell'alto bacino amazzonico in Brasile, Bolivia e probabilmente Colombia, oltre al sistema superiore dell'Orinoco in Colombia e Venezuela, Essequibo e Demerera in Guyana.
Una popolazione introdotta esiste a Trinidad e Tobago.
Esistono documenti da vari drenaggi affluenti tra cui i rios Negro, Jutaí, in Amazzonia e il Casiquiare, Guaviare, Inírida e Vita nel bacino dell'Orinoco.

NOT EVALUATED
Habitat

Ambiente: bentopelagico, acqua dolce. Clima tropicale.

Nannostomus unifasciatus abita affluenti pigri, piccoli fiumi e aree paludose, in particolare nelle aree con una fitta crescita di vegetazione acquatica o strutture legnose sommerse e lettiera di foglie.
Si trova spesso in aree di foresta allagata e nei laghi alluvionali delle regioni di acque nere.

Caño La Guardia è un torrente d'acqua nera morichales della pianura alluvionale nei Llanos dello stato di Apure, nel sud-ovest del Venezuela. Ha una zona ripariale boscosa ma i prati aperti dominano gran parte del suo bacino idrografico.
Durante la stagione delle pigge annuale (da maggio a ottobre) la foresta ripariale e la savana adiacente vengono allagate e i pesci si disperdono in tutta la pianura alluvionale.
La stagione secca è associata al calo dei livelli dell'acqua, costringendo i pesci a tornare nel canale principale e negli habitat costieri associati.
Nannostomus unifasciatus si trova qui accanto a numerose altre specie ittiche, in particolare in habitat inondati con vegetazione con corrente lenta e in gran parte ricoperti da detriti legnosi derivati ​​da palme moriche e altra vegetazione ripariale, erba e lettiera di foglie.

Altri pesci registrati in questo tipo di habitat e che mostrano una preferenza per questo tipo di habitat includevano il congenere Nannostomus eques, e anche Brittanichthys sp., Charax condei, Gnathocharax steindachneri, Hemigrammus analis, Hemigrammus barrigonae, Hemigrammus elegans, Hemigrammus rhodostomus, Hemigrammus stictus, Hemigrammus vorderwinkleri, Iguanodectes spilurus, Characidium sp., Elachocharax pulcher, Microcharacidium gnomus, Hoplias malabaricus, Hoplerythrinus unitaeniatus, Carnegiella marthae, Copella metae, Copella nattereri, Pyrrhulina lugubris, Fluviphylaxus apicogramma, Fluviphylaxus omosessuale, Acamogramma scudo ., Crenicichla aff. wallacii, Heros aff. severus, Mesonauta insignis, Mikrogeophagus ramirezi, Satanoperca mapiritensi, Corydoras sp., Amblydoras affinis, Amblydoras gonzalezi, Physopyxis ananas, Scorpiodoras heckelii, Panaque maccus, Parotocinclus sp., Microglanis iheringus, Synbranchus marmoratus.

Vai alle pagine sul biotopo dei Nannostomus

Habitat di pesci matita del genere Nannostomus a Daracua. In questa parte del Rio Negro la delicata cattura dei pesci d'acquario guida la conservazione, fornendo mezzi di sussistenza sostenibili - Video © Project Piaba

Nannostomus unifasciatus nel Lago Tracajá nel bacino amazzonico, in Brasile - Video © Fisch-Biotope

Temperatura in natura

25 - 28°C

Valore pH in natura

5.5 - 7.0

Valori acqua in natura
dH range: 1 - 5
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 80x40x40h cm per un gruppo di almeno 10 esemplari con sessi misti, perché i maschi possono essere molto aggressivi l'uno con l'altro.
L'ideale è allevare i Nannostomus unifasciatus in un allestimento fittamente piantumato, preferibilmente con un substrato scuro. Le linee visuali spezzate tipiche di questi allestimenti permettono loro di mostrare un comportamento naturale, contribuiscono a ridurne la timidezza e offrono riparo e rifugio per gli individui sottomessi. E' utile aggiungere anche piante galleggianti, per smorzare la luce, e l'aggiunta di radici contorte, rami e legni (se non si riesce a trovare legni della forma desiderata, si possono usare tranquillamente pezzi di rami di faggio comune, completamente essiccato e privato della corteccia).

L'aggiunta di un po' di lettiera di foglie secche (sono adatte foglie di faggio, quercia o mandorlo indiano Ketapang, Terminalia catappa; si può usare anche una miscela di tutte e tre) enfatizza ulteriormente la sensazione naturale e, oltre a offrire dei ripari aggiuntivi per i pesci, induce la crescita di benefiche colonie microbiche mano a mano che avviene la decomposizione. Questa microfauna può fornire una preziosa fonte di cibo secondario per gli avannotti, mentre si ritiene che i tannini e altre sostanze chimiche rilasciate dalle foglie in decomposizione siano utili per le specie di pesci d'acqua nera e non.
Le foglie possono essere lasciate nella vasca fino a che non si decompongono completamente o rimosse e sostituite ogni qualche settimana.
Per acidificare e scurire ulteriormente l'acqua si possono usare anche le pignette di ontano, che hanno ulteriori effetti battericidi e antimicotici, non è necessario utilizzare la torba naturale, la cui raccolta è sia insostenibile che dannosa per l'ambiente.
Molto simile alla fibra di torba è la fibra di cocco, che è essenzialmente un sottoprodotto industriale e soprattutto una risorsa rinnovabile; se ne può lasciar cadere qualche manciata nella vasca. Dopo pochi giorni diventerà completamente satura d'acqua e affonderà sul fondo, dove può sembrare davvero efficace. A condizione che venga praticata una buona routine di mantenimento dell'acqua, non dovrebbero verificarsi effetti negativi utilizzando torba o foglie in acquario.

Utilizzare una filtrazione dolce; nella maggior parte dei casi basta un filtro a spugna ad aeratore; la corrente del filtro dovrebbe essere ridotta al minimo, perché in natura preferiscono abitare acque calme e tranquille, possono essere allevati anche in un acquario senza filtro.
Questa specie richiede condizioni dell'acqua stabili e non va mai inserita in un acquario immaturo.

Comportamento e compatibilità: i Nannostomus unifasciatus sono molto tranquilli ma non sono pesci ideali per gli acquari di comunità, a causa delle loro piccole dimensioni e della loro natura piuttosto timida. In un acquario di comunità è meglio tenerli con caracidi pacifici di dimensioni simili, e con i corydoras o loricaridi più piccoli, ma è meglio omettere abitanti della superficie calmi come i pesci accetta, specialmente negli acquari più piccoli. Sono anche pesci rassicuranti ideali per le specie di Apistogramma e altri ciclidi nani, in quanto tendono ad abitare la parte medio-superiore dell'acquario, e non predano attivamente gli avannotti.
In una vasca di comunità più generale può essere combinato con rasbora, barbus, piccoli anabantoidi, ecc.

Come per gli altri membri del genere, ne vanno assolutamente acquistati il maggior numero possibile, idealmente 10 o più, in quanto se tenuti in grandi gruppi l'aggressività si disperde tra tutti gli individui, i pesci diventano più audaci e mostrano un comportamento più naturale.
A differenza di altre specie del genere, invece, i maschi rivali raramente si combattono o si fanno del male a vicenda in alcun modo.

Vai alle pagine sull'allevamento dei Nannostomus

Alimentazione

Si tratta di una specie micropredatrice, che si nutre di piccoli invertebrati e altro zooplancton in natura.
In acquario accetta mangime secco di dimensioni adeguate alla piccola bocca, ma dovrebbero essere offerti anche pasti giornalieri costituiti da piccolo cibo vivo e/o congelato, come naupli di artemia, moina, vermi Grindal, etc.

Comportamento riproduttivo
Specie ovipara che disperde le uova in acqua, senza cure parentali
Dimorfismo sessuale

Il dimorfismo sessuale in questa specie è tipico di molte specie del genere Nannostomus. La pinna anale dei maschi è modificata nella forma nella maggior parte delle popolazioni, e le loro pinne sono leggermente allungate. È meno evidente nella popolazione della Guyana. Le punte bianche delle pinne ventrale e anale sono invariabilmente più luminose ed evidenti sui maschi. inoltre i maschi sono generalmente più snelli di profilo.

Riproduzione

Nannostomus unifasciatus è l'unica specie di Nannostomus nel commercio acquariofilo per la quale non vi è alcun resoconto registrato di una riproduzione riuscita in cattività fino ad oggi, nonostante sia una specie d'acquario ampiamente allevata e molto ammirata dagli anni '20. Due rapporti di presunte riproduzioni di successo negli anni '50, pubblicati nella letteratura acquariofila - uno sulla rivista belga "Notre Aquarium" e l'altro sulla rivista americana "The Aquarium" - riguardavano l'errata identificazione della specie, le deposizioni si erano verificate rispettivamente per le specie Nannostomus eques e Nannostomus harrisoni, non per Nannostomus unifasciatus.
Sembra comunque da qualche osservazione che avvenga come quella del congenere Nannostomus eques, che viene riportata qui sotto:

In un acquario maturo e fittamente piantumato è possibile che un piccolo numero di avannotti possa iniziare ad apparire senza alcun intervento. Se però si desidera aumentare il numero degli avannotti, è necessario un approccio leggermente più controllato. Il gruppo di adulti può sempre essere condizionato insieme, ma dovrebbero essere allestiti uno o più contenitori più piccoli, riempiti con acqua invecchiata.

A differenza della maggior parte dei congeneri, questa specie depone le uova in piccoli lotti sul lato inferiore delle foglie delle piante, quindi è necessario aggiungere anche un gruppo o due di piante acquatiche a foglia larga come Anubias, Microsorum o Echinodorus.

Quando i pesci adulti sono ben condizionati, si può introdurre in ciascun contenitore una singola coppia o gruppo comprendente uno o due maschi e diverse femmine, anche se vale la pena notare che più individui sono coinvolti e maggiore è il rischio di predazione delle uova, e questa specie mangia tutte le uova che trova.
Una volta che si nota la presenza delle uova, bisogna rimuovere gli adulti o la pianta stessa, mettendola in un acquario approntato per la schiusa.
I primi avannotti dovrebbero essere visibili dopo circa 24-36 ore, e la maggior parte raggiunge il nuoto libero entro il 5° o 6° giorno.
Il cibo iniziale dovrebbe essere costituito da parameci o da un alimento secco di grado sufficientemente piccolo (5-50 micron), per poi introdurre naupli di artemia, microworm, ecc., una volta che gli avannotti saranno abbastanza grandi da accettarli.

Vai alle pagine sulla riproduzione dei Nannostomus

Taxa principali

E' il membro più piccolo del genere, e si trova raramente, anche se è relativamente comune come contaminazione nelle spedizioni di pesci selvatici da Manaus

Dimensioni max: 1.6 cm SL
Temperatura: 24 - 28°C
Golden Pencilfish, Pesce matita dorato

Abbastanza onnipresente nel commercio acquariofilo, rappresenta una scelta eccellente per i neo-acquariofili, dal momento che è meno impegnativo rispetto alla maggior parte dei congeneri.

Dimensioni max: 6.5 cm SL
Aspettativa di vita: 5 anni
Temperatura: 24 - 26°C
Brown pencilfish

È un popolare pesce d'acquario, e ha un interessante stile di nuoto obliquo, un tratto comportamentale condiviso tra i congeneri solo con Nannostomus unifasciatus.

Dimensioni max: 5 cm TL
Temperatura: 23 - 28°C
Dwarf pencilfish, Pesce matita

Molto popolari in acquariofilia, come tutti i Nannostomus vengono spesso usati come pesci rassicuranti per i ciclidi nani, anche se la loro natura di micropredatori non li rende esenti da rischi

Dimensioni max: 3.5 cm TL
Aspettativa di vita: 3 - 5 anni
Temperatura: 24 - 26°C
Coral Red Pencilfish

Splendidi pesci matita, non per niente chiamati 'rosso corallo', nonostante le ridotte dimensioni hanno bisogno di acquari grandi, perché i maschi mostrano un'alta aggressività intraspecifica.

Dimensioni max: 2.9 cm SL
Aspettativa di vita: 4 - 5 anni
Temperatura: 24 - 28°C
Purple Pencilfish

Uno tra i pesci matita con la livrea nuziale più colorata, ma con i maschi molto territoriali

Dimensioni max: 2.6 cm SL
Threestripe pencilfish

Uno tra i nannostomus più facili da trovare in commercio, va allevato in folti gruppi per mitigare l'aggressività dei maschi verso i conspecifici

Dimensioni max: 3.6 cm SL
Temperatura: 24°C - 28°C
Oneline pencilfish

I prmi ad essere chiamati 'pesci matita', sono popolari per le loro dimensioni ridotte, la bellissimo livrea, la postura di nuoto unica e la relativa robustezza

Dimensioni max: 3.8 cm SL
Temperatura: 25 - 28°C
Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Nannostomus eques e Nannostomus unifasciatus: due pesci matita dallo strano stile di nuoto - Foto © Frank Schäfer (Aquarium Glaser GmbH)