Attenzione

Nutrire i pleco

Articolo sull'alimentazione dei pesci della famiglia Loricariidae, suddivisi in base ai diversi cibi che devono mangiare, non sono infatti tutti vegetariani o mangia-alghe  come molti pensano.

Tratto e tradotto dall'articolo:
"Feeding Plecos"
di Mats Petersson
sul sito di Planetcatfish.com

Ancistrus sp. a pranzo - Foto © Mr Gory (Thetropicaltank.co.uk)

Tipi di cibo

In questo articolo di Mats Petersson si parla di come nutrire i pesci gatto della famiglia dei Loricaridi, alias Pleco. Questi pesci sono in commercio come "mangia-alghe", e molti sono ancora acquistati per mantenere puliti i vetri dell'acquario in cui vivono, mentre altre specie, più esotiche, vengono acquistate esclusivamente per il piacere di osservare un pesce dalla livrea sorprendente. Sono disponibili in tutte le dimensioni, da pochi centimetri a oltre mezzo metro. Mangiano di tutto, dalle alghe alla carne, alcuni utilizzano il legno come fonte di cibo. Nel prossimo articolo, viene spiegato quali gruppi di pesci mangiano quale tipo di cibo, in modo da poter capire cosa gradirà mangiare ogni genere.

Feeding Plecos

Un errore comune è il ritenere che questi pesci abbiano una bocca a forma di ventosa, al fine di aspirare meglio le alghe. In realtà, la bocca a ventosa è uno sviluppo basato sull'ambiente in cui vivono, tipicamente acqua corrente a vari gradi di velocità, nelle diverse aree del Sud America. La bocca ventosa è un ottimo modo per rimanere fermi al proprio posto in acqua con il minimo sforzo. Non dice nulla, in realtà, sulle abitudini di alimentazione specifiche dei pesci; per farlo si deve guardare più da vicino, ma ne riparleremo più avanti.

Una domanda fatta comunemente è cosa e come mangiano questi pesci. In questo articolo, cercherò di spiegare come preparare i vari tipi di cibo. In primo luogo, cerchiamo di classificare i pesci in base ai diversi tipi di diete:

Erbivori:
Verdure e materiale vegetale, tra cui alghe.
Carnivori:
Carne di pesci, invertebrati (crostacei, larve di insetti), carogne e persino uova.
Insettivori:
Insetti e larve di insetti.
Onnivori:
Questi pesci mangiano qualsiasi cosa, cioè una miscela tra dieta erbivora insettivora e carnivora. Pensate a una buona dieta per un umano, togliete la maggior parte dei prodotti a base di cereali, e avrete una buona dieta onnivora.
Limnivori:
Conosciuti anche come "bruca-biofilm". Questi pesci mangiano alghe, microrganismi e altro, che riescono a trovare sul fondale del loro habitat. Questo è quello che si intende con il termine tedesco "aufwuchs" che si è guadagnato un uso popolare.
Mangia-legno:
Ci sono alcuni tipi di pleco che possono digerire il legno. Contrariamente a precedenti credenze popolari, i pesci non hanno "batteri buoni" nell'intestino che digeriscono il legno, ma invece raschiano via il legno che è in procinto di degradarsi, ed estraggono i nutrienti dai microrganismi che stanno degradando il legno.

Questo non significa necessariamente che dei chironomus non vengano consumati da una specie erbivora, per esempio. Tuttavia, proprio come gli esseri umani che mangiano le cose sbagliate per troppo tempo, i pesci vivranno una vita più lunga e più felice se alimentati con la dieta corretta.
Quasi tutti i loricaridi sono alimentatori opportunistici, per cui mangiano ad esempio gli avanzi del cibo che viene dato agli altri pesci. Ci sono tre fonti di cibo che l'acquariofilo può utilizzare:

Alimenti naturali / coltivati in casa
Sarebbero le alghe o altro che crescono nel loro ambiente naturale o nell’acquario in cui vivono. Se il vostro pleco mangia le alghe come fonte di cibo principale, allora è possibile "coltivare le alghe" in una vasca da qualche parte. Posizionare un acquario con un paio di pesci rossi, guppy o simili sotto una forte luce o in posizione soleggiata, e mettervi all’interno alcune pietre delle dimensioni di un pugno o piccoli pezzi di legno. Siccome i pesci rossi fertilizzano l'acqua, le alghe cresceranno bene su tutte le superfici. Una volta che pietre/legni sono coperti di alghe, possono essere spostati nell’acquario dove vivono i pleco. Allo stesso modo, per i pesci che mangiano lumache, è possibile allevare lumache in una vasca a parte, non sono difficili da far riprodurre, e si può dar loro da mangiare molti tipi diversi di sostanze vegetali.
Cibo fatto in casa
Questo gruppo contiene il cibo che si prepara in casa, con quello che si può acquistare in qualsiasi supermercato.
Cibo preparato
Alimenti che si possono acquistare nei negozi di pesci: granuli, compresse o wafer che sono adatti per questi pesci.

Quindi, spero che quanto sopra vi dia delle buone idee e vi incoraggi anche alla sperimentazione. Nella prossima parte di questa serie vedremo quali gruppi di specie mangiano quali gruppi di alimenti.

La maggior parte dei supermercati nel mondo occidentale sono ricchi di prodotti alimentari che possono essere utilizzati come cibo adatto per i pleco, solo con un po' di preparazione. Ecco alcuni suggerimenti, in base alla dieta che i vostri pesci possono avere. In generale, ci vuole un po' di tempo ai pesci per capire che quel qualcosa inserito in acquario è in realtà cibo, per cui non rinunciate se i pesci non hanno toccato il cibo dopo una giornata. Basta provare di nuovo con un nuovo pezzo. Se ai pesci non piace, dopo qualche tentativo provate qualcosa di diverso.

Erbivori

Feeding Plecos

Vanno bene in questo caso quasi qualsiasi verdura e molta della frutta che si possono trovare al supermercato, ma alcune sono più adatte di altre. Ci sono esempi di pesci che mangiano le arance, ma sono cibi eccellenti le verdure della famiglia delle Cucurbitacee, come le zucchine, i comuni cetrioli e vari tipi di melone. Altri prodotti alimentari comunemente usati sono le patate dolci, i piselli e le taccole. I pesci amano i broccoli, e, anche se popolari, le varietà di cavolo possono fa puzzare l'acqua, il che potrebbe essere un inconveniente. Il cavolo verza in particolare è va bene per questo gruppo, anche per nutrire i loro piccoli.

Per i pleco più grandi, queste verdure possono essere solo tagliate in porzioni adeguate e date direttamente ai pesci da mangiare. Per gli esemplari più piccoli, è preferibile sbollentare leggermente la verdura prima di offrirla come alimentazione. Sbollentare o sbiancare, per quelli di noi che non sono Delia Smith, significa bollire per un breve periodo. È importante non cuocere troppo le verdure. Cuocerle troppo può facilmente significare che l’acqua della vasca diventerà torbida.

La maggior parte delle verdure tenderà a galleggiare nella parte superiore dell’acquario, e i pleco tendono a mangiare in fondo o sui lati della vasca, quindi è necessario assicurarsi che il cibo finisca in un luogo dove i pesci possano essere in grado di mangiarlo facilmente. Ci sono due modi principali per farlo: clip e pesi. Le clip con ventose per aderire al vetro sono disponibili presso la maggior parte dei negozi di acquari, la ventosa può attaccarsi un po’ meno dopo un paio di mesi. Tutto ciò che è un po' più pesante dell'acqua può essere usato come peso, come un cucchiaino o delle pietre. Con un cucchiaino si può perforare il cibo, lasciandocelo infilzato, e le verdure possono essere collegate a pietre con un elastico o un pezzo di spago. Probabilmente il modo migliore per affondare le verdure è un nuovo prodotto chiamato screwcumber.

Per tutti gli alimenti vegetali, tutto ciò che non è stato mangiato dopo 24 ore deve essere rimosso, altrimenti diventa molle, la maggior parte dei pesci non lo mangerà più e la qualità dell'acqua cadrà in picchiata.

Pleco diversi sembrano apprezzare diverse parti delle verdure. Per esempio i Panaque maccus mangiano la scorza di una zucchina prima di attaccare il centro, mentre gli Ancistrus sp. mangiano il centro e spesso lasciano la pelle intatta. Finché non sapete se il pesce ama una parte o l'altra, non siate tentati di sbucciare la "pelle brutta" solo perché voi non la vorreste mangiare!

Carnivori

Feeding Plecos

Bianchetti, cozze, gamberi/gamberetti, vongole. Questi tipi di alimenti devono essere cotti prima di offrirli come alimentazione, per eliminare indesiderabili pericoli, e per la maggior parte sono disponibili precotti e sono facili da usare. Per esempio le cozze sono disponibili in scatola, il che le rende un alimento ideale perché sono anche facilmente disponibili.

Qualsiasi cibo con cui può essere alimentato un pleco ha bisogno di essere delle dimensioni giuste perché i pesci possano nutrirsi. La maggior parte dei pleco non saranno in grado di mordere pezzi ad esempio di cozza o di gambero, quindi questi avranno bisogno di essere tagliati ad una dimensione adatta. In caso di dubbio, tagliateli un po' più piccoli del necessario, ma ovviamente frullare le cozze nel frullatore fino a che non assomiglino ad un frullato non è l'approccio giusto.

Se avete acquistato una quantità di cibo maggiore rispetto a quello che i pesci possono mangiare in una sola volta, è possibile creare facilmente del cibo surgelato fatto in casa, mettendo il resto in una vaschetta del ghiaccio, diciamo l’equivalente di un cucchiaino in ogni compartimento. Aggiungere un po' di acqua del rubinetto per ogni compartimento, per sigillare un po' meglio i bocconi. Una volta congelati, è possibile ovviamente rimuovere i cubetti dalla vaschetta e metterli in qualsiasi contenitore o sacchetto, a patto che si tengano nel congelatore. Quando arriverà il momento del pasto, basta prendere un cubetto e metterlo in acqua .

Insettivori

Insetti e larve di insetti. Non si possono di solito trovare nei supermercati, ma a parte gli alimenti dedicati (di solito congelati) che si possono trovare nei negozi di animali, si può essere in grado di ottenere cibo adatto allevandoli in proprio. Sono adatte e divertenti da provare le colture di vermi bianchi e di microworm, davvero apprezzati da questi tipi di pesce. Un'altra opzione è quella di allevare i moscerini della frutta. Sono abbastanza facili da allevare, e si può acquistarne una coltura starter. Ecco un articolo su come allevarli: http://www.easyinsects.co.uk/livefood/fruitflies/. L'articolo si rivolge agli insetti carnivori e agli anfibi, ma anche i pesci apprezzeranno queste larve. Per i pleco, è meglio nutrirli con le larve dei moscerini, in quanto non sono bravi a catturare creature fluttuanti.

Onnivori

Questi pesci mangiano qualsiasi cosa, quindi un misto di verdure, larve di insetti e dieta carnivora. Per la preparazione, vedete sopra.

Limnivori

Anche questi pesci mangiano molte cose diverse. Integrare qualsiasi crescita delle alghe con una dieta prevalentemente erbivora, con una piccola quantità di cibo proteico come dalla precedente sezione carnivori.

Mangia-legno

Oltre ad avere il legno nella vasca, a questi pesci piace anche un po' di verdura, in particolare mangiano con gusto la scorza di alcuni ortaggi come cetrioli e zucchine. Preparazione come per gli erbivori.

Il legno adatto può essere trovato nei negozi d’acquari, ma è possibile utilizzare anche il legno da giardino, o trovato sulle rive del fiume. Il legno deve essere pulito correttamente con acqua bollente e poi messo a bagno per almeno 24 ore prima di essere inserito nell’acquario. Non è adatto per l’utilizzo il legno con molta resina, come il pino e l’abete. Le scelte migliori sono i legni medio-duri, come ciliegio, melo, betulla e faggio.

Quanto dare da mangiare?

I pleco sono erbivori. Non nel senso che mangiano erba, ma nel senso che, nel loro habitat naturale, si alimentano più o meno continuamente. Questo significa che vogliono avere almeno un po' di cibo a disposizione per tutto il tempo.

Tuttavia, con i pleco come per molti altri pesci ed esseri umani, la sovralimentazione è molto più un problema rispetto alla sottoalimentazione, e, a parte questo, il cibo che si deteriora in acqua influenzerà la qualità della stessa in modo negativo. L'obiettivo è quello di dare cibo sufficiente, senza sovralimentare. Il miglior consiglio è quello di iniziare con una piccola porzione. Se viene consumata tutta durante la notte, è probabilmente ok alimentarli un po' di più la prossima volta.

Per i più avventurosi, si potrebbe provare le alghe a crescita rapida. Sperimentate aggiungendo una piccola quantità di fertilizzante in una vasca senza pesci, con alcune pietre delle dimensioni adatte o simili per farci crescere sopra le alghe. In un ambiente luminoso, come una serra, si formerà presto uno spesso strato di alghe verdi con cui possono essere alimentati i pesci.

Vorrei potermi prendere tutto il merito, ma devo levarmi il cappello di fronte a Norbert Flaugger di Casa Maria, in Venezuela, che in una conversazione con Shane Linder mi ha parlato di questo metodo che fa miracoli per far crescere gli avannotti più difficili e per acclimatare i loricaridi più schizzinosi:

  1. Triturate il vostro cibo per pesci preferito in pezzettini. È possibile aggiungere qualsiasi tipo di cibo per pesci e anche verdure e legumi secchi.
  2. Separare un albume d’uovo dal tuorlo.
  3. Mescolare l’albume con il mangime per pesci.
  4. Spalmate la miscela risultante su una roccia piatta o su un legno.
  5. Lasciate che la roccia asciughi bene.

Mettete la roccia nella vasca. Il bianco d’uovo secco si scioglie nell’acqua solo molto lentamente. I vostri loricaridi lo mangeranno con gioia, dal momento che imita i loro alimenti "naturali". Gli avannotti beneficeranno anche delle proteine del bianco d'uovo.

Avannotti di Ancistrus sp. L144 a pranzo - Foto © Knut Kjesbu (Scotcat.com)

Chi mangia cosa?

Come facciamo a sapere cosa mangiano i diversi gruppi di pleco? La risposta breve è che, con una specie che ci è nuova, non lo sappiamo con certezza. Ma possiamo fare delle buone ipotesi, basate su una varietà di fonti, anche se tutte hanno qualche problema. In questo articolo daremo uno sguardo alle diverse fonti di informazione, e discuteremo quindi di quali sono le loro possibili fonti di errore.

Tecniche per identificare quello che mangia un pleco

Prima di tutto, abbiamo esperienza come acquariofili. Noi tutti osserviamo (o dovremmo) i nostri pesci, e vediamo quello che i nostri pesci amano mangiare. Ci sono un paio di problemi a questo punto: in primo luogo, quello che ai pesci piace davvero e quello che dovrebbero mangiare non sono la stessa cosa. Tutti i genitori sanno che i bambini spesso mangiano dolci e cibo "spazzatura" molto più volentieri di quanto mangino "buone" verdure e carne. Questo naturalmente non significa che ai bambini faccia bene mangiare solo dolci. Allo stesso modo, un pesce vegetariano potrebbe buttarsi freneticamente su un alimento carnoso. Questo non lo rende un cibo giusto per un periodo di tempo più lungo. Come i dolci per un bambino, questi alimenti devono essere considerati uno snack o uno spuntino.

All'altra estremità della scala, abbiamo pesci denutriti che si alimentano per la disperazione. Sono sicuro che siamo stati tutti nella situazione in cui non abbiamo voglia di un cibo particolare, ma lo mangiamo lo stesso, essenzialmente perché è l'unica cosa che possiamo mangiare in quel momento. Un pesce normalmente carnivoro può mangiare anche cibo vegetariano con un certo entusiasmo, se è abbastanza affamato.

Nutrire i Pleco; gli acquariofili devono osservare l’alimentazione dei pesci nella vasca

Così, anche se l'acquariofilo ha la capacità di osservare che cosa mangiano i pesci, questo non è necessariamente un modo accurato per determinare le corrette esigenze dietetiche di una particolare specie.

In secondo luogo, abbiamo le osservazioni sul campo. Osservare i pesci in natura è in qualche modo un ottimo modo per determinare quello che i pesci mangiano in modo naturale. Tuttavia, ci sono non pochi problemi. Il problema principale è il tempo - l'osservatore dovrebbe probabilmente trascorrere mesi, se non anni a studiare la stessa specie in tutto il cambio delle stagioni.
Questo non è l'unico problema. Il livello dell’acqua ad esempio, nella regione amazzonica del Sud America variano così tanto che quando è asciutto, i pesci non sono molto difficili da trovare, mentre nella stagione delle piogge vaste aree sono allagate, e i pesce si spargono su una zona molto più grande. Questo rende molto più difficile seguirli - e permette loro di mangiare cose completamente diverse, in quanto l'area disponibile per la ricerca di cibo è molto più grande, e gli elementi che prima erano ben al di sopra del livello dell'acqua sono ora sott'acqua e quindi disponibili ai pesci. Così, mentre non è troppo difficile osservare i pesci nella stagione secca, è tutta un’altra storia nella stagione delle piogge, quando i pesci hanno davvero una buona scelta di cibi diversi.
Così, ancora una volta, potremmo non avere un quadro completo, a meno che non venga messo un bel po' di sforzo nello studio.

In terzo luogo, abbiamo "l’analisi intestinale post mortem". Questo significa prendere il contenuto nell'intestino dei pesci raccolti per gli studi scientifici, e analizzare in che cosa consiste. Si potrebbe pensare che questo è un metodo quasi perfetto, ma ci sono problemi anche qui. Prima di tutto, quasi tutte le catture avvengono nella stagione secca, quando i pesci sono facili da trovare - ma questa è anche la stagione in cui c’è meno cibo disponibile, quindi il contenuto intestinale dei pesci potrebbe essere più un "tutto quello che avevamo" piuttosto che "quello che avremmo scelto di mangiare".
Un secondo problema è che si tratta di un’istantanea. Certo, se analizziamo abbastanza contenuti dell’intestino diversi, otterremo un quadro più completo che se ne analizzassimo solo uno. Ma il più delle volte, i pesci vengono catturati insieme in uno o pochi luoghi. Ancora una volta, questo riduce la quantità di variazioni che si ottengono.
Un terzo problema è che per quasi tutti i pleco, il cibo non rimane nell'intestino per molto tempo - alcuni studi hanno dimostrato che il tempo tra "l’entrata e l’uscita" può essere anche di soli 40 minuti. Sappiamo anche che molti di questi pesci pascolano quasi continuamente (almeno durante il periodo attivo, di solito la notte), e ci sono alcune prove che suggeriscono che variano la loro dieta a seconda di ciò di cui hanno bisogno in quel momento.

Un quarto metodo sono le analisi basate sulle caratteristiche del corpo, come i denti e la forma e le dimensioni dell'intestino. Per una conoscenza di base del fabbisogno alimentare dei pesci, questo funziona bene – un intestino lungo indica una dieta in gran parte vegetariana, mentre un intestino più corto indica una dieta più carnosa. Anche i denti raccontano una parte della storia. Molti denti, piuttosto smussati, sono utilizzati per raschiare contro una superficie, per raschiare via lo strato di biofilm da tutte o da particolari superfici sommerse. Pochi denti aguzzi indicano più lo scopo di mordere o di tagliare, e nei pesci mangia-legno si trovano denti a forma di scalpello.
Il problema è quello di trovare i dati - in particolare per i pesci per cui abbiamo pochi dati scientifici, come quelli che non sono stati scientificamente descritti o sono stati descritti molto tempo fa. In particolare, trovare la lunghezza dell'intestino di questi pesci è impossibile senza ucciderli.

Ovviamente, se uniamo parecchie di queste fonti di informazione, possiamo ottenere un quadro più completo. La tabella in questo documento vuole essere una sintesi delle migliori conoscenze disponibili su quale tipo di cibo vada bene per nutrire ogni genere di Loricariidae.
E' molto probabile che quando troveremo ulteriori prove, alcune delle informazioni elencate di seguito cambieranno. Sono offerte come una linea guida e, in alcuni generi, le variazioni nella dieta possono essere molto grandi, quindi non prendete la tabella sottostante come "questo è garantito". Leggete le informazioni sulle specie per la particolare specie che state allevando o desiderate allevare e vedete anche cosa dice l’altra letteratura.

Va inoltre notato che, quando si vuole condizionare per la riproduzione, vi è un beneficio nell'offrire alimenti leggermente più carnosi a pesci altrimenti vegetariani. Questo deve essere fatto con moderazione e con un buon mix di fibre vegetali mescolate al cibo. E come sempre, la chiave per una buona alimentazione è, come per gli esseri umani, una varietà di buon cibo - una cosa che di per se stessa non farà una buona dieta, perché un cibo non è per se stesso buono o cattivo. Un paio di cose "cattive" d’altronde non rovineranno l'intera dieta, per cui dare ai pesci qualche spuntino ogni tanto va bene.

Combinare pesci con la dieta diversa

Un soggetto che molto spesso si trova su PlanetCatfish (e su altri forum di discussione) è la saggezza (o meno) di mettere insieme diverse specie ittiche nello stesso acquario. Questo è un argomento complesso che richiederebbe molto più scritto di quello che la maggior parte delle persone che leggeranno questo articolo vorrebbero leggere. Io comunque lo concluderei con due semplici aspetti.
Innanzitutto l'aspetto del cibo stesso. Se i pesci non sono strettamente correlati, è probabile che abbiano diete diverse. Se questo è il caso, a volte può essere difficile garantire che le rispettive specie ottengano la giusta dieta. Un pesce carnivoro ospitato con un pesce vegetariano per esempio, porterà il vegetariano a rubare un po’ del cibo carnoso, e il carnivoro finirà con cibo insufficiente - e mangiare cibi più carnosi non farà bene nemmeno al vegetariano.

L'altro aspetto è molto importante, ma non ha a che fare con il cibo o con la dieta: si tratta di ospitare specie strettamente correlate (stesso genere) nella stessa vasca. Se le due specie non si trovano naturalmente nelle stesse zone, è probabile che possano incrociarsi, il che porterà all’ibridazione, cioè una specie che si riproduce con un'altra specie diversa. E' universalmente accettato che non vogliamo diffondere ibridi in acquariofilia.

La tavola

Questo è quello per cui siete venuti qui, no? Di seguito è elencata la dieta per ogni genere. Le diete sono definite come:

Vegetariano
una dieta a base di vegetali e detriti.
Veg-Onnivoro
Un mix con una dieta prevalentemente vegetariana, ma con mescolati alcuni alimenti carnosi.
Onni-Carnivoro
Una dieta in gran parte carnivora, con un certo contenuto vegetariano.
Carnivoro
quasi tutti alimenti carnosi.
Mangia-legno
mastica la superficie del legno per il cibo. Non è ancora del tutto chiaro se questi pesci effettivamente digeriscano il legno stesso, o se ottengono la loro energia dalla combinazione di legno già in parte digerito e i microrganismi che vivono sul legno stesso.
Genere Categoria
Acanthicus Veg-Onnivoro
Acestridium Vegetariano
Ancistrini Omnivore, tuttavia potrebbe essere qualsiasi categoria
Ancistrus Vegetariano
Aphanotorulus Vegetariano
Aposturisoma Veg-Onnivoro
Baryancistrus Vegetariano
Brochiloricaria Onnivoro
Chaetostoma Vegetariano
Cordylancistrus Onnivoro
Corumbataia Onnivoro
Corymbophanes Onnivoro
Crossoloricaria Onnivoro
Cteniloricaria Onnivoro
Dekeyseria Vegetariano
Delturus Vegetariano
Dolichancistrus Veg-Onnivoro
Epactionotus Vegetariano
Exastilithoxus Carnivoro
Farlowella Vegetariano
Guyanancistrus Veg-Onnivoro
Gymnotocinclus Vegetariano
Harttia Veg-Onnivoro
Hemiancistrus omnivore
Hemiodontichthys Veg-Onnivoro
Hemipsilichthys Veg-Onnivoro
Hisonotus Vegetariano
Hopliancistrus Carnivoro
Hypancistrus Carnivoro
Hypoptopoma Vegetariano
Hypostomus Veg-Onnivoro
Hypostomus (cochliodon) Mangia-legno
Isbrueckerichthys Veg-Onnivoro
Isorineloricaria Veg-Onnivoro
Kronichthys Vegetariano
Lamontichthys Veg-Onnivoro
Lampiella Veg-Onnivoro
Lasiancistrus Veg-Onnivoro
Leporacanthicus Carnivoro
Leptoancistrus Veg-Onnivoro
Limatulichthys Onnivoro
Lithogenes Veg-Onnivoro
Lithoxus Carnivoro
Loricaria Onnivoro
Loricarichthys Onnivoro
Megalancistrus Onnivoro
Metaloricaria Veg-Onnivoro
Nannoptopoma Vegetariano
Neblinichthys Onnivoro
Neoplecostomus Vegetariano
Niobichthys Onnivoro
Oligancistrus Carnivoro
Otocinclus Vegetariano
Otothyris Vegetariano
Oxyropsis Vegetariano
Panaque Mangia-legno
Paraloricaria Veg-Onnivoro
Parancistrus Onnivoro
Pareiorhaphis Vegetariano
Pareiorhina Onnivoro
Parotocinclus Vegetariano
Peckoltia Onni-Carnivoro
Planiloricaria Veg-Onnivoro
Pogonopoma Veg-Onnivoro
Pseudacanthicus Onni-Carnivoro
Pseudancistrus Carnivoro
Pseudohemiodon Onnivoro
Pseudolithoxus Onni-Carnivoro
Pseudoloricaria Veg-Omnivore
Pseudorinelepis Vegetariano
Pseudotothyris Vegetariano
Pterosturisoma Veg-Onnivoro
Pterygoplichthys Vegetariano
Pyxiloricaria Veg-Onnivoro
Rhadinoloricaria Veg-Onnivoro
Rhinelepis Vegetariano
Rineloricaria Veg-Onnivoro
Schizolecis Vegetariano
Scobinancistrus Onnivoro
Spatuloricaria Carnivoro
Spectracanthicus Onni-Carnivoro
Squaliforma Veg-Onnivoro
Sturisoma Veg-Onnivoro
Sturisomatichthys Veg-Onnivoro

Testo originale in inglese © Mats Petersson)

Per approfondire:

Primo piano del muso di un Ancistrus sp. - Foto © Hristo Hristov

Consigli e suggerimenti per allevarli nella maniera più adatta

Sturisomatichthys aureus - Foto © Frank Panis

Consigli e suggerimenti generali per allevarli nella maniera più adatta, rispettando le loro esigenze

Otocinclus macrospilus nel mio acquario

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere sull'allevamento e la riproduzione degli Otocinclus, grazie ai messaggi più interessanti di it.hobby.acquari

Otocinclus sp. in acquario

Consigli e suggerimenti generali per allevare gli Otocinclus nella maniera più adatta, rispettando le loro esigenze

Farlowella vittata - Foto © Per Gunnar Stenersaeter (Akvaforum.no)

Consigli e suggerimenti generali per allevarli nella maniera più adatta, rispettando le loro esigenze

Hypostomus emarginatus - Foto © M.H. Sabaj

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere sull'allevamento e la riproduzione dei Loricaridi, grazie ai messaggi più interessanti di it.hobby.acquari

Otocinclus sp. - Foto © Bjarne Saetrang

Allevamento in acquario dei piccoli Otocinclus, che hanno bisogno di acquari ben maturi, con acqua pulita e ben ossigenata - tratto e tradotto da un articolo di Lynn McMullen

Panaqolus albivermis, Flash pleco, uno dei 'mangia-canoe' - Foto © Darren Stevens (FNZAS)

Presentazione con belle foto delle specie di Panaque e Panaqolus diffuse in ambito acquariofilo, con indicazioni per il loro allevamento in acquario ed il riconoscimento - tratto e tradotto da un articolo di Darren Stevens

Baryancistrus xanthellus - Foto © Rabbit

Descrizione con belle foto delle varie specie di Baryancistrus diffuse e conosciute in acquariofilia, con indicazioni per l'allevamento e il riconoscimento - tratto e tradotto da un articolo di Darren Stevens

Ancistrus sp. - Foto © Geoff Haglund

Elenco con foto delle specie di Ancistrus più diffuse in ambito acquariofilo, con un tentativo di identificazione di queste specie, molto simili le une alle altre - tratto e tradotto da un articolo di Darren Stevens

Hypancistrus zebra - Foto © Firenzenz

Descrizione e bellissime foto delle specie di Hypancistrus più diffuse e conosciute in acquariofila, con indicazioni per distinguerle dalle altre specie - tratto e tradotto da un articolo di Darren Stevens e Firenzenz

Peckoltia sp. L288 - Foto © Darren Stevens

Descrizione e foto delle specie di Hemiancistrus e di Peckoltia più comunemente in commercio, con indicazioni per allevamento e riconoscimento - tratto e tradotto da un articolo di Darren Stevens

Maschio di Leopard cactus pleco (Pseudacanthicus cf. leopardus L114, LDA07) di 13 cm di lunghezza, è un pleco carnivoro - Foto © Darren Stevens (FNZAS)

Per chi è convinto che i "pesci-ventosa" siano sempre e solo dei mangia-alghe, in questo articolo vengono presentati e descritti due splendidi loricaridi che sono prettamente carnivori, contrariamente a quanto si pensa comunemente - tratto e tradotto da un articolo di Darren Stevens

Pterygoplichthys pardalis, Common pleco - Foto © Mike Gopperth (FNZAS)

Descrizione e foto delle specie di Pterygoplichthys più comunemente in commercio, con indicazioni per allevamento e riconoscimento - tratto e tradotto da un articolo di Darren Stevens

Hypostomus cf. cochliodon 'Spotted cochliodon' - Foto © Darren Stevens (FNZAS)

Descrizione e foto dei vari tipi di Hypostomus in commercio, con tentativo di identificazione e indicazioni per l'allevamento - tratto e tradotto da un articolo di Darren Stevens

Panaque sp. - Foto © Paul Petry

Consigli e suggerimenti generali per allevare i Loricaridi nella maniera più adatta, rispettando le loro esigenze

Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Taxa principali

Ancistrus sp. a pranzo - Foto © Bjarne Sætrang (Aquadigital.net)

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Aspettativa di vita: 15 - 20 anni
Baryancistrus demantoides L200 - Foto © Enrico Richter

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Chaetostoma sp. Tiger L455 - Foto © Enrico Richter

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Farlowella sp. nel suo habitat naturale - Foto © Ivan Mikolji (Mikolji.com)

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Hemiancistrus subviridis, Green Phantom pleco - Foto © 5snake5 (Wikimedia)

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Hisonotus leucofrenatus, si trova in commercio come 'Otocinclus niger' - Foto © Bhushandalvi

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Hypancistrus zebra - Foto © Jacek Klonowicz

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Hypoptopoma inexspectatum - Foto © Fajoe (Wikimedia)

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Hypostomus plecostomus, o pleco comune... davvero lo vorresti nella tua vasca? (Foto tratta da Oscarfish.com)

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Aspettativa di vita: In natura è stato registrato un Hypostomus punctatus di 18 anni (da AnAge)
Leporacanthicus galaxias - Foto © Hristo Hristov

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere Leporacanthicus

Otocinclus affinis - Foto © David Sands (Planetcatfish.com)

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Otocinclus sp. Zebra Yarapa - Foto © Jerome Picard

Conosciamo meglio gli Otocinclus, piccoli pesci tranquilli e timidi, che si nutrono prevalentemente di alghe e degli organismi che le colonizzano

Esemplare adulto di Panaqolus claustellifer L306 - Foto © Ralf Heidemann (L-welse.com)

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Panaque nigrolineatus - Foto © Robert Beke

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Parancistrus nudiventris - Foto © Gabriel Lelis Togni

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Parotocinclus sp. 'Perù' - Foto © Benny Ng

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Peckoltia braueri - Foto © Enrico Richter

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nella famiglia, pesci pacifici, relativamente poco esigenti, grandi mangiatori di alghe

Planiloricaria cryptodon - Foto © Enrico Richter

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Pseudacanthicus sp. L273 catturato in natura

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Pseudancistrus orinoco L126 - Foto © Hristo Hristov

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Pseudohemiodon laticeps, un insolito loricaride che raggiunge i 30 cm di lunghezza da adulto - Foto © Enrico Richter

Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere