• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Parambassis ranga

(Hamilton, 1822)

Bellissimi pesci dal corpo traslucido e trasparente, sono più conosciuti nella versione "Chanda color" colorata artificialmente che in quella naturale. In realtà le iniezioni sottocutanee di colore artificiale sono dolorose e stressano fortemente i pesci, accorciando drasticamente la loro aspettativa di vita.

Parambassis ranga - Foto © Nonn Panitvong

nome comune
Indian glassy fish, Pesce di vetro
dimensioni massime in natura
8 cm TL
aspettativa di vita
5 - 6 anni

Sollecitata da un thread su it.hobby.acquari, ho deciso di rimettere mano a questa pagina. Innanzitutto, pare che nel suo Aqualog dedicato ai pesci d'acqua salmastra, sul quale mi ero basata, l'autore Frank Schäfer abbia preso qualche abbaglio, affermando che tutti i pesci venduti come "Chanda ranga" o "pesci di vetro" siano pesci puramente d'acqua dolce.

In realtà tutte le popolazioni esistenti vivono in lagoni salmastri. Alcune sono in grado per brevi periodi di addentrarsi nei fiumi ma solo occasionalmente, sono casi sporadici, il loro ambiente normale, abituale, è d'acqua salmastra o marina.

Come si spiega che un Aqualog, pubblicazione di tutto rispetto ed autorevolezza, come molti altri siti autorevoli, si considera spesso un "mito" il fatto che siano d'acqua salmastra, e che invece vadano allevati in acqua dolce?
Il problema penso stia tutto nell'enorme difficoltà nel riconoscere una specie dall'altra, in particolar modo alle piccole dimensioni in cui si trovano in negozio, per cui è facilissimo pensare di trovarsi davanti ad una specie, per scoprire una volta adulta che si trattava di tutt'altro.

La confusione che regna in questo campo è tanta, troppa per assicurare a questi poveri pesci un’esistenza dignitosa. Tale confusione è amplificata, oltre che dalle poche informazioni sui luoghi d'origine delle varie specie, anche dalla confusione tassonomica, con le varie revisioni e spostamenti sistematici, non condivisi da tutti gli autori.

Come dico spesso, (anche se nella precedente pagina sui chanda non l'ho fatto, argh!) non bisogna fermarsi ad un'unica fonte quando si cercano informazioni, sia su internet che sulla carta stampata, perché in acquariofilia le leggende tramandate di articolo in articolo sono tantissime, anzi troppe.

I Parambassis (ex Chanda) ranga, sono conosciuti per lo più come “Chanda color” o “pesci colorati artificialmente”, perché essendo pesci dal corpo pressoché trasparente, si prestano bene purtroppo ad essere iniettati con coloranti artificiali, e li troviamo spesso in vendita nelle vasche dei negozi, colorati di fucsia, giallo, arancione ed altri colori fluorescenti.

Il trattamento non è indolore, né per chi lo fa, come potete approfondire nella pagina dedicata, né soprattutto per i pesci, la cui mortalità, durante e dopo il trattamento, è altissima.

Ma il fatto che generalmente osservando attentamente i pesci nella vasca del negoziante si può notare uno stato di generale sofferenza (pinne sfrangiate, con bordo bianco e/o consumato, macchie biancastre sul corpo e sulla bocca, occhi appannati, ecc.) dipende non solo dalle iniezioni di colorante artificiale, ma anche e soprattutto dal fatto che i Parambassis ranga sono pesci d’acqua salmastra, che se tenuti come fanno quasi tutti in acqua dolce soffrono e ne vengono debilitati, al punto di morire molto prima di quella che sarebbe la loro aspettativa di vita in acqua salmastra.

Precedentemente conosciuto come Chanda ranga, il nome comune di questa specie, "glass fish" o pesce di vetro, è nato perché la sua pelle è traslucida e la struttura ossea e gli organi interni sono chiaramente visibili. Per molti anni negli allevamenti in Asia è stato iniettato artificialmente con tinte luminose e poi venduto come pesce di vetro "colorato". Questo atto aberrante consiste nell'iniettare il pesce con il colorante più volte con un grosso ago, e la maggior parte dei pesci non sopravvivono per più di pochi mesi a questo trattamento. Mentre i pesci colorati artificialmente di questa e di altre specie sono ancora disponibili in molti paesi, campagne protratte li hanno visti praticamente sparire dai negozi del Regno Unito.

Un ultimo punto da notare è che ci sono diverse altre specie del genere che sono spesso importate come Parambassis ranga, in quanto sembrano molto simili. I più comuni di questi sono Parambassis lala e Parambassis siamensis. Parambassis lala si distingue da Parambassis ranga perchè ha dimensioni da adulto più piccole (3-4 cm) e presenta tre barre verticali dietro dell'occhio. Parambassis ranga ha una zona scura dietro l'occhio, mentre Parambassis siamensis in quella zona non ha nessun segno. Parambassis siamensis è anche più allungato rispetto alle altre 2 specie.

distribuzione

Asia: Pakistan, India, Bangladesh, Myanmar, Tailandia, e Malesia. Ritrovato anche nel Nepal

habitat

Ambiente: demerso; potamodromo; acqua dolce e acqua salmastra; Clima: tropicale
Trovato in acque tranquille e stagnanti. Una specie comune che prolifera negli acquitrini e nelle paludi. La sua presenza è più abbondante durante la stagione delle piogge.

temperatura in natura
20 - 30°C
valore pH in natura
7-8
valori acqua in natura
dH range: 9 - 19
allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 80 cm di lunghezza per un gruppo di minimo 6-8 esemplari.
Un substrato scuro contribuirà a rendere questa timida specie meno nervosa e la incoraggerà a mostrare i suoi colori migliori. Fornire copertura e ombra piantumando fittamente alcune zone della vasca, insieme a qualche pianta galleggiante. Possono anche essere utilizzate rocce e radici. I pesci possono sopravvivere anche in acqua dolce, ma stanno decisamente meglio e più in salute se allevati in acqua leggermente salmastra.

Comportamento e compatibilità: Parambassis ranga è un pesce tranquillo e timido e non dovrebbe essere abbinato con specie vigorose o aggressive. La scelta dei compagni di vasca è regolata dal tipo di acqua in cui viene allevato. In acqua salmastra, le condizioni in cui vive più a lungo, può essere allevato insieme a Molly, Brachygobius e Etroplus.
Il pesce di vetro indiano è una specie che in natura forma grandi banchi e non starà bene se tenuto singolarmente o in coppia o trii. Come già sottolineato, due o tre pesci non sono mai un gruppo. Vanno allevati in un gruppo di almeno 6-8 esemplari. I maschi diventano un po' territoriali nel momento della deposizione delle uova, ma è molto raro  che le battaglie tra di loro portino a veri danni fisici.

alimentazione

L'alimentazione in natura è basata su invertebrati, vermi e crostacei; in acquario non ha particolari problemi ad accettare mangime secco e congelato.

dimorfismo sessuale
I maschi hanno un bordo blu sulle pinne dorsale e anali e hanno il corpo di un colore giallo un po' più profondo rispetto alle femmine. Queste differenze sono più evidenti quando i pesci sono di allevamento, in quanto i colori diventano più intensi. La vescica natatoria (che è chiaramente visibile) ha un bordo posteriore appuntito nei maschi.
riproduzione

La riproduzione in acquario non è troppo difficile, anche se gli avannotti sono difficili da far crescere.
In un acquario fortemente piantumato di circa 80x30x30 cm inserite 6-8 pesci adulti. È un vantaggio se l'acquario è situato in modo che riceva la luce solare diretta al mattino. Condizionare il gruppo con una dieta di ottima qualità e variata. Durante questo periodo, mantenere una temperatura di circa 21-23°C. Un pH neutro dovrebbe andar bene. Quando i pesci sono nelle condizioni di riprodursi (i maschi intensificano i colori e le pance delle femmine diventano belle rotonde), eseguire una grande cambio d'acqua con acqua più calda (circa 26-28°C) in serata. I pesci dovrebbero deporre le uova la mattina seguente.

Ogni coppia può deporre fino a 200 uova, che verranno trovate tra la vegetazione, attaccate alle foglie delle piante e agli steli. A questo punto i pesci adulti possono essere rimossi. Le uova sono molto sensibili alle fungosi e per evitarle sarebbe meglio usare una soluzione debole di blu di metilene, o simili. Si schiudono in circa 24 ore e si vedranno le larve appese alle piante. Raggiungeranno il nuoto libero in altri 3-4 giorni.

Sono abbastanza difficili da far crescere, in quanto non cercano attivamente il cibo, ma aspettano che passi a portata di bocca del cibo alla deriva. Si suggerisce di alimentarli pesantemente con nauplii di artemia, creando nel contempo una lenta corrente nella vasca. Saranno necessari piccoli cambi d'acqua regolari al fine di mantenere perfette le condizioni dell'acqua.

SL (Standard Lenght)
Lunghezza standard, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso al peduncolo caudale (esclusa quindi la coda)
TL (Total Lenght)
Lunghezza totale, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso alla punta della coda (quindi coda compresa)
Demerso
Organismo che vive in prossimità del fondo del mare. I pesci demersi si dividono principalmente in due tipi: Bentonici e Bentopelagici
Bentonico
specie che vive e che è legata al fondo
Bentopelagico
specie che vive sia sul fondo o vicino ad esso, sia nel livello medio dell'acqua
Pelagico
specie che vive lontano dal fondo, in acque aperte
Potamodromo
specie che compie migrazioni in acque dolci

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.