Attenzione

Pelvicachromis taeniatus 'Nigerian Green': c'è chi viene e c'è chi va

Articolo su questa varietà dai colori più delicati di Pelvicachromis taeniatus, con notizie sul loro allevamento e le modalità di riproduzione

Tratto e tradotto dall'articolo:
"Pelvicachromis taeniatus 'Nigerian Green': Easy Come, Easy Go"
di Erik Olson
sul sito della Greater Seattle Aquarium Society

Pelvicachromis taeniatus 'Nigerian Green' - Foto © Erik Olson

Mi è stata data in regalo una coppia della forma 'Nigerian green', verde nigeriana, di Pelvicachromis taeniatus (vedere l'articolo 'Kienke') lo scorso agosto, mentre ero fuori a Houston. Veramente non avevo nessuno spazio per i nuovi pesci, ma quando mai abbiamo abbastanza spazio? Effettivamente, la domanda veramente è quando mai abbiamo abbastanza vasche? E poiché questa coppia stava vivendo in un acquario di circa 40 litri in un negozio da un po' di tempo (beh, una settimana, prima che la mia fidanzata occhio d'aquila li prendesse al volo) abbiamo calcolato che probabilmente sarebbero stati bene in un altro acquario da 40 litri. Così i pesci sono usciti dalla prigione di Igloo(TM) e sono entrati in una nuova vasca.

Dovrei probabilmente dire qualcosa circa l'allestimento dell'acquario per i Ciclidi nani. Ho acquari piantumati di medie dimensioni da circa 5 anni e mi piace applicare la stessa sorta di design per uniformare i miei nuovi allestimenti da 40 litri: buona illuminazione e moltissime piante. Ho una plafoniera industriale completa a 2 bulbi sopra quattro vasche da 40 litri, il che è approssimativamente equivalente a 2 bulbi normali sopra ognuno (il doppio dell'illuminazione tipica).
Per le piante, tendo ad andare con specie che si accontentano di luce bassa, quali Anubias, Vesicularia dubyana (muschio di Giava), Microsorum pteropus (felce di Java) e Ceratopteris sp. (Water Sprite). Diversamente dalle vasche piantumate più grandi, potrei avere bisogno di eliminare le decorazioni in qualsiasi momento quando devo rimuovere gli avannotti dalla vasca, così le piante sono lasciate galleggiare (Ceratopteris, Hydrocharis, ecc.), fatte crescere in vaso (alcune Anubias, Ceratopteris), affondate liberamente (muschio di Giava), o radicate a pezzi di legno (felce di Giava, Anubias).

Oltre alle piante, metto alcuni vasi da fiori d'argilla capovolti, a volte con fori supplementari fatti sui lati. Le femmine depongono le loro uova sul lato superiore all'interno del vaso. A volte scelgono una collocazione più naturale, come nascondigli tra i legni, ma voglio dare loro una scelta.
A seconda della specie, un singolo piccolo foro può servire come protezione, impedendo al maschio più grande d'entrare. Con altre specie, come il Pelvicachromis taeniatus 'verde nigeriano', la femmina allarga letteralmente l'entrata anteriore scavando e buttando fuori della ghiaia da sotto di esso. Oh si, ghiaia... ho messo un piccolo strato di ghiaia in questo acquario, abbastanza da coprire il vetro inferiore, ma non di più. Infine, faccio funzionare un filtro a spugne (Hydro, per essere preciso. Amo proprio quelle basi pesanti!) e un riscaldatore da 50-watt Ebo-Jäger (ho provato abbastanza riscaldatori difettosi da non tornare più indietro).

Pelvicachromis taeniatus 'Nigerian green', maschio - Disegno © Erik Olson

OK, stavamo parlando dei 'verdi nigeriani', giusto? Sono in definitiva una forma di colore più tenue degli altri Pelvicachromis taeniatus che ho visto; infatti, per la prima settimana all'incirca, non hanno mostrato per niente colore. Il maschio era quasi bianco! La femmina ha cominciato a rilassarsi per prima; la sua pancia è diventata di un marrone - viola scuro e lei è divenuta quasi come un Pelvicachromis pulcher, con le macchie laterali nere molto marcate (vedi l'illustrazione). C'era uno sporadico accenno di verde fra la linea laterale e la pancia, ma a parte questo non sono sicuro da dove provenga il loro nome. Quando anche il maschio si è calmato, tendeva ad avere dei punti leggermente rossi e porpora sul suo colore altrimenti grigio uniforme. Certamente delicato.

Il primo shock con questi pesci mi è venuto a meno di una settimana dopo che li avevo ambientati nella loro vasca, quando sono andato a pulire e aggiustare l'allestimento della vasca. Quando ho tirato su uno dei vasi d'argilla, la femmina si è precipitata fuori e mi sono accorto di un gruppetto di uova sulla parete interna. Ragazzi, come sono stati veloci! Ho rimesso rapidamente il vaso al suo posto. Alcuni giorni più tardi, tuttavia, la coppia non ha mostrato più nessun interesse verso il vaso e ho visto che tutte le uova erano sparite. Non ho visto nessun avannotto ed i genitori non sembravano avere per nulla colori che rassomigliassero a quelli della riproduzione, così con delusione ci ho segnato su la "sindrome del genitore per prima volta" e ho calcolato che avrebbero dovuto provarci di nuovo il mese dopo. Immaginate la mia enorme sorpresa quando, due giorni dopo averci messo una croce sopra, entrambi i genitori hanno cominciato a pavoneggiarsi con i loro "non sono così morti come ti aspettavi, eh?" avannotti intorno. Erano graziosi come lo sono i Pelvicachromis pulcher, forse genitori ancora migliori. Gli avannotti sono rimasti sempre in un gruppo compatto vicino ad uno dei genitori. Interrompevano le cure parentali proprio come avevo osservato con i Pelvicachromis pulcher; un genitore sorvegliava gli avannotti mentre l'altro si precipitava a mangiare. Come la volta scorsa, i piccoli si sono sviluppati molto velocemente e non hanno avuto più bisogno di rimanere in formazione così stretta intorno ai genitori.

Gli avannotti mangiavano volentieri e subito naupli d'artemia salina e hanno perfino cominciato a mangiare il mangime in fiocchi in meno di un mese. Posso dare loro anche occasionali supplementi di Dafnia.

Pelvicachromis taeniatus 'Nigerian green', femmina - Disegno © Erik Olson

Purtroppo, mentre questi Pelvicachromis taeniatus depongono le uova facilmente quanto i Pelvicachromis pulcher, ne condividono anche alcune delle caratteristiche più sgradevoli. Non ho costruito un'altra vasca per alloggiare gli avannotti, calcolando di lasciarli con i genitori per guardarli per un momento. Il tempo si è prolungato fino a due mesi, più a lungo di quanto mi ero aspettato. Finalmente i genitori erano pronti a deporre le uova di nuovo ed hanno cominciato ad uccidere tutti i giovani che gli capitavano a tiro. Ho potuto salvarne soltanto cinque della prima covata in una vasca d'emergenza (travasandoli fuori con un sifone mentre cambiavo l'acqua!) ma l'incidente mi ha scosso abbastanza per costruire alcune vasche d'allevamento per la prossima volta ... benché non sembra che ci sarà una prossima volta. La femmina è morta inaspettatamente (vecchia? Non abbiamo mai saputo che età avessero i pesci quando li abbiamo avuti) dopo la sua seconda deposizione, ed i piccoli sono spariti il giorno seguente.
Tutto ciò che ci è rimasto sono i pochi giovani ed il maschio scapolo.
Queste cose accadono in acquariofilia. Sigh.

Testo originale in inglese e illustrazioni © Erik Olson

Per approfondire:

Cosa si intende per pesci rassicuranti (dither fish), perchè sono di grande beneficio negli acquari dedicati ai ciclidi e differenza tra pesci rassicuranti e pesci bersaglio (target fish) - tratto e tradotto da un articolo di Paul V. Loiselle

Esperienza di riproduzione di questi interessanti Ciclidi nani - tratto e tradotto da un articolo di Joe Solge

L'esperienza di riproduzione di questi Ciclidi nani bellissimi e "di carattere" - articolo di U. Ugolini

"Giornale di bordo" dei tentativi di Erik di riprodurre i Pelvicachromis pulcher, coronati alla fine dal tanto sospirato successo... Dagli errori, propri ed altrui, si può sempre imparare qualcosa - tratto e tradotto da un articolo di Erik Olson

Descrizione molto particolareggiata di un'esperienza d'allevamento e riproduzione del Pelvicachromis pulcher, con notizie utili ed interessanti a carattere generale - tratto e tradotto da un articolo di Grant Gussie

Descrizione del luogo d'origine e delle varie caratteristiche degli appartenenti al genere Pelvicachromis, che elenca e descrive anche le diverse varietà di colorazione - tratto e tradotto da un articolo di Grant Gussie

Descrizione di allevamento e riproduzione della forma nigeriana del Pelvicachromis taeniatus, con le principali differenze con Pelvicachromis pulcher - tratto e tradotto da un articolo di Kurt Zadnik

Esperienza d'allevamento e riproduzione del Pelvicachromis pulcher - tratto e tradotto da un articolo di Bob Berdoulay

Descrizione particolareggiata delle caratteristiche, dell'allevamento e della riproduzione di Pelvicachromis subocellatus e Pelvicachromis sp. aff. subocellatus (che verrà poi descritta come specie separata, Pelvicachromis silviae), anche in relazione alle differenze e somiglianze con Pelvicachromis pulcher - tratto e tradotto da un articolo di Kurt Zadnik

Anche per le interessanti modalità di cura della prole, i ciclidi sono oggetto di diffuse attenzioni da parte degli appassionati - in particolare, Pelvicachromis pulcher gode di notevole popolarità, complice la relativa facilità con cui può essere allevato unita ad un'attraente livrea. In questa sede saranno analizzati alcuni dettagli del comportamento riproduttivo della specie - articolo di Serafino Teseo

Racconto di una esperienza di allevamento e di riproduzione del Pelvicachromis pulcher, che viene consigliato vivamente ai neofiti dell'acquariofilia che si vogliono "impegnare" un po' di più - tratto e tradotto da un articolo di Lynn McMullen

L'ultima covata della mia coppia di Pelvicachromis, foto degli avannotti fino all'età semi-adulta

Come avviene la riproduzione in acquario dei Pelvicachromis pulcher e come riuscire a far crescere gli avannotti con successo

Galleria di foto dello sviluppo degli avannotti dalla nascita (cioè dal giorno in cui sono usciti per la prima volta dalla noce di cocco) all'età di 3 mesi

Resoconto di un'esperienza di allevamento e di riproduzione di questi ciclidi nani, che quando entrano nel periodo riproduttivo diventano molto territoriali e aggressivi.

Riferimenti & Link

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Taxa principali

In seguito ad un nuovo studio tassonomico, la forma del Camerun, precedentemente nota come Pelvicachromis taeniatus "Wouri" è ora descritta come Pelvicachromis drachenfelsi.

Dimensioni max: 6.0 cm SL
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni

Splendida specie che è stata riconfermata da una recente revisione tassonomica, anche se l'appellativo 'kribensis' o 'krib' era in passato riservato a Pelvicachromis pulcher.

Dimensioni max: 6.5 cm TL
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Kribensis, Rainbow krib

E' una delle specie di ciclide più comune e popolare in acquariofilia; la stragrande maggioranza di quelli in vendita oggi sono allevati in cattività ed hanno in genere un carattere meno aggressivo (in genere, ci sono sempre le eccezioni)...

Dimensioni max: 10 cm SL i maschi, 7.5 cm le femmine
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Temperatura: 24 - 25°C

Non ha la colorazione vivace dei congeneri, ed è anche difficile da trovare, ma è sempre un ciclide che si riproduce facilmente.

Dimensioni max: 8.0 cm TL
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Temperatura: 24 - 26°C
Giant krib

Considerata un sinonimo di Pelvicachromis pulcher, nel 2012 è stata riconosciuta come specie distinta da Anton Lamboj

Dimensioni max: 7.8 cm SL
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni

Già molto conosciuta in ambito acquariofilo come Pelvicachromis sp. aff. subocellatus, è stata descritta solo nel 2013 da Anton Lamboj, che l'ha dedicata alla moglie.

Dimensioni max: 4.8 cm SL
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Ocellated Kribensis

E' una delle specie di Pelvicachromis meno diffuse; ne esistono diverse forme di colore, ma la femmina in livrea riproduttiva non è confondibile con nessun'altra femmina di Pelvicachromis.

Dimensioni max: 5.3 cm SL
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Temperatura: 22 - 26°C
Striped Kribensis

E' una specie dalla bella colorazione, attualmente molto più facilmente disponibile di un tempo. Dopo una recente revisione tassonomica, appartengono a questa specie solo le forme provenienti dalla Nigeria e dal Benin.

Dimensioni max: 8 cm SL i maschi, 6 cm le femmine
Aspettativa di vita: 5 - 8 anni
Temperatura: 22 - 25°C