Attenzione

Il mistero del Barbo Tigre

Si dice spesso che una tigre non perde mai le sue strisce, ma per quanto riguarda il suo nome? Matt Ford indaga sul mistero dell'identità del barbo tigre onnipresente nel commercio acquariofilo.

Tratto e tradotto dall'articolo:
"The mystery of the aquarium tiger barb…"
di Matt Ford
sul sito di Seriouslyfish.com

Che tigre è questo? Il Barbo tigre dei nostri acquari sembra avere un'identità discutibile - Foto © Mike McGeoghegan

Casi in cui si è pensato a lungo che un pesce fosse di una certa specie e si è poi scoperto appresentasse qualche altra, non sono particolarmente insoliti in acquariofilia. Esempi degni di nota sono quelli del 'barbo arulius", per molti anni indicato come Puntius arulius (Jerdon 1849), ma attualmente confermato come Dawkinsia tambraparniei (Silas 1954), e il "kuhli loach", normalmente identificato come Pangio kuhlii (Valenciennes 1846), una specie che invece non può mai essere stata in vendita.

Il barbo tigre comune in acquariofilia è indicato come "Puntius tetrazona" nella letteratura d'acquario, ed è senza dubbio tra i pesci più riconoscibili nell'hobby. È stato un popolare pesce ornamentale per decenni e sia le sue forme di colore naturale che artificiale sono allevate su scala enorme, la raccolta di esempi selvatici è praticamente sconosciuta.

Meno noto è che esistono cinque specie di "barbo tigre" riconosciute ufficialmente, che condividono tutte un disegno simile della livrea, che comprende 4 barre verticali scure su di un corpo giallastro. In natura la loro distribuzione si estende in tutta l'Indocina e in alcune parti delle isole della Grande Sonda, dove abitano abitualmente paludi d'acqua dolce, corsi d'acqua e zone marginali di fiumi più grandi.

In passato erano soprannominati il "gruppo di Puntius tetrazona" e sono stati spesso citati nel genere Systomus dopo la revisione di Rainboth (1996), ma attualmente costituiscono il genere Puntigrus Kottelat 2013.

Ciò che è interessante riguardo al barbo tigre "d'acquario" prodotto in commercio è che non sembra essere definito da nessuna delle specie descritte in termini di caratteri diagnostici:

Una delle caratteristiche di Puntigrus anchisporus sono le pinne pelviche di un solido rosso, evidenti in questo esemplare di Sarawak - Foto © Michael Lo (Seriouslyfish.com)

Puntigrus anchisporus (Vaillant 1902)

Linea laterale completa; 14 scale circumpeduncolari; 21-23 + 2 squame nella linea laterale; pinna dorsale nera con fascia esterna rossa; pinne pelviche rosse.

Distribuzione: Borneo occidentale.

Puntigrus navjotsodhii - Foto © Heok Hui Tan

Puntigrus navjotsodhii Tan 2012

Linea laterale completa; 20-21 scale nella fila laterale; pinna dorsale prevalentemente nera con porzione anteriore rossa e banda esterna rossa; pinne pelviche quasi interamente rosse; barre del corpo scure larghe, che coprono fino a 5 squame.

Distribuzione: Borneo centrale.

Puntigrus partipentazona è relativamente facile da identificare - Foto © H-J Chen

Puntigrus partipentazona (Fowler 1934)

Linea laterale incompleta; pinna dorsale prevalentemente nera con porzione anteriore rossa e banda esterna rossa; pinne pelviche da rossastre a giallastre; Macchia scura sulla pinna dorsale che si estende in modo univoco sul corpo, coprendo 3-4 righe di squame, a volte con un'ulteriore marcatura scura sotto.

Distribuzione: Indocina.

Puntigrus pulcher selvatici, con pinne pelviche nere - Foto © Zhou Hang

Puntigrus pulcher (Rendahl 1922)

Linea laterale incompleta; 12 scale circumpeduncolari; 19-21 + 2 scale nella fila laterale; pinna dorsale interamente nera; pinne pelviche interamente nere; barre scure relativamente sottili, che coprono fino a 1,5 squame.

Distribuzione: Borneo orientale.

Esemplare selvatico di Puntigrus tetrazona raccolto a Sumatra - Foto © Neil Woodward

Puntigrus tetrazona (Bleeker 1855)

Linea laterale incompleta; 12 scale circumpeduncolari; 19-21 + 2 scale nella fila laterale; pinna dorsale per lo più nera con margine esterno più chiaro; pinne pelviche nere nel mezzo, ialine alla base e punta; barre scure relativamente larghe, che coprono fino a 2,5 squame.

Distribuzione: Sumatra.

Esemplare di Puntigrus tetrazona come si trova nel commercio dei pesci d'acquario, usato nello studio di Collins et al. (2012) - Foto © Rupert Collins

Il barbo tigre d'acquario presenta caratteri che non corrispondono esattamente a quelli sopra: linea laterale incompleta, pinna dorsale nera con fascia esterna rossa, pinne pelviche rosse. Inoltre, alcuni dei ceppi ornamentali, come le forme "verde" e "platino", possiedono gradi variabili di pigmentazione nera nelle pinne pelviche, accentuando il problema.

In termini di colori della livrea, il pesce d'acquario assomiglia forse più strettamente a Puntigrus anchisporus, in quanto entrambi hanno pinne pelviche rosse solide, ma Puntigrus anchisporus ha una linea laterale completa, che gli individui prodotti commercialmente non hanno.

Collins et al. (2012) hanno notato che Kottelat (1993) riportava 8-9 squame porose nella linea laterale per Puntigrus tetrazona, mentre gli esemplari nel commercio per gli acquari esaminati nel loro studio avevano 6-7 o 10-13 squame porose. Inoltre l'immagine di Kottelat (1993) raffigurante Puntigrus tetrazona mostra chiaramente un pesce con pinne pelviche quasi interamente nere, come per l'immagine di un individuo selvatico descritto qui.

Dato che il disegno della livrea e il numero di squame a pori nella linea laterale sono usati come principali caratteristiche distintive all'interno del genere Puntigrus, appare impossibile dire se il pesce presente nel commercio d'acquario è un taxon non descritto, un ibrido artificiale o se è stato allevato al punto in cui non assomiglia più alla sua forma naturale.

Nella Knowledge Base di Seriouslyfish il barbo tigre è ancora incluso nel nome di specie Puntigrus tetrazona come da Collins et al. (2012), che ha concluso che dovrebbe essere considerato così "per il momento", mentre per gli acquariofili l'identità della tigre che si annida nei nostri acquari continua a rimanere un mistero irrisolto.

Testo originale in inglese © Matt Ford (Seriouslyfish)

Per approfondire:

Carrellata delle varie specie di barbus più diffuse in acquariofilia, con accennate le loro migliori caratteristiche, e l'avviso di non farsi sviare dall'aspetto scialbo che mostrano in negozio... - tratto e tradotto da un articolo di Terry Ranson

Dei pesci molto diffusi in commercio hanno dei nuovi nomi scientifici, in seguito a uno studio recente. Ecco una guida pratica ai cambiamenti - tratto e tradotto da un articolo di Matt Ford

Piccolo compendio di quello che bisogna sapere prima di comprare Barbus, Puntius, & C., per allevarli al meglio, o per non comprarli affatto :-)

Riferimenti & Link

Alfred, E. R., 1963. Some Colourful Fishes of the Genus Puntius Hamilton. Bulletin of the National Museum of Singapore 32: 135-142.

Bleeker, P. 1855. Nalezingen op de vischfauna van Sumatra. Visschen van Lahat en Sibogha. Natuurkundig Tijdschrift voor Nederlandsch Indië v. 9: 257-280

Collins, R., K. F. Armstrong, R. Meier, Y. Yi, S. D. J. Brown, R. H. Cruickshank, S, Keeling, C. Johnston, 2012 – Barcoding and Border Biosecurity: Identifying Cyprinid Fishes in the Aquarium Trade. PLoS ONE 7(1): e28381

Fowler, H. W. 1934. Zoological results of the third De Schauensee Siamese Expedition, Part V–Additional fishes. Proceedings of the Academy of Natural Sciences of Philadelphia v. 86: 335-352.

Kottelat, M., 1992. The identity of Barbus johorensis Duncker, 1904 (Teleostei: Cyprinidae). Raffles Bulletin of Zoology 40(2): 187-192.

Kottelat, M., 2013. The fishes of the inland waters of southeast Asia: a catalogue and core bibiography of the fishes known to occur in freshwaters, mangroves and estuaries. Raffles Bulletin of Zoology Supplement 27: 1-663

Kottelat, M. and H. H. Tan. 2011. Systomus xouthos, a new cyprinid fish from Borneo, and revalidation of Puntius pulcher (Teleostei: Cyprinidae). Ichthyological Exploration of Freshwaters 22(3): 209-214.

Pethiyagoda, R., M. Meegaskumbura and K. Maduwage. 2012. A synopsis of the South Asian fishes referred to Puntius (Pisces: Cyprinidae). Ichthyological Exploration of Freshwaters 23(1): 69-95.

Tan, H-H. 2012. Systomus navjotsodhii, a New Cyprinid Fish from Central Kalimantan, Borneo. Raffles Bulletin of Zoology Supplement 25: 285-289.

Vaillant, L. L. 1902. Résultats zoologiques de l’expédition scientifique Néerlandaise au Bornéo central. Poissons. Notes from the Leyden Museum v. 24 (note 1): 1-166

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Taxa principali

Specie molto simile a Puntigrus tetrazona, il barbo tigre; si trova occasionalmente in commercio, spesso mescolato e confuso con questi ultimi.

Dimensioni max: 6.6 cm TL
Sumatra barb, Barbo tigre

E' la specie di 'barbo tigre' più diffusa nel commercio acquariofilo, e negli ultimi anni ha cambiato nome scientifico molto spesso

Dimensioni max: 7.0 cm TL
Aspettativa di vita: 6 - 7 anni
Temperatura: 20 - 26°C