Attenzione

Puntius bimaculatus

(Bleeker, 1863)

Bella specie vivace, con i maschi particolarmente colorati, che ama avere spazio per nuotare e una certa corrente in vasca, ma soprattutto vivere in branco

Puntius bimaculatus si trova sia nelle parti meridionali dell'India che in Sri Lanka. Sono pesci ideali per vasche piantumate e sono una specie robusta e adattabile - Foto © Beta Mahatvaraj (Meenkaran)

Nome comune
Redside barb
Dimensioni massime in natura

7.0 cm TL

La specie Puntius bimaculatus è a volte indicata con i nomi vernacolari 'two-spotted barb', barbus a due macchie, o ‘redside barb’, barbus dai fianchi rossi. E' una bella specie vivace, con i maschi particolarmente colorati, che ama avere spazio per nuotare e una certa corrente in vasca, ma soprattutto vivere in branco, dove dà il meglio di sé in termini di colorazione e comportamento.

Seguendo Menon e Devi (1992) Puntius bimaculatus si può distinguere dalle altre specie di Puntius indiane. dalla seguente combinazione di caratteri: 7 raggi ramificati nella pinna dorsale (contro 8 in altre specie); una macchia scura rotonda alla base dei raggi 3-7 della pinna dorsale; uno spot alla base della pinna caudale.

Puntius puckelli (Day, 1868) è stato descritto da Bangalore, la capitale dello stato del Karnataka, nell'India meridionale ed è attualmente considerato sinonimo di Puntius bimaculatus. Se le popolazioni indiane e dello Sri Lanka di Puntius bimaculatus dovessero rivelarsi rappresentanti di specie distinte, è probabile che questo nome venga applicato alle prime.

Per diversi anni il genere Puntius è stato visto come polifiletico, contenendo oltre 100 specie di ciprinidi di piccole e medie dimensioni, fino a quando Pethiyagoda et al. (2012) hanno pubblicato una revisione parziale che copre i membri dell'Asia meridionale. La maggior parte delle specie di Puntius sub-himalayane furono riclassificate e furono eretti i nuovi generi Dawkinsia, Dravidia e Pethia per accoglierne alcune, con il resto conservato in Puntius o spostato nell'assemblaggio esistente di Systomus, sebbene ne venisse modificata la definizione, per cui alcune specie del sud-est asiatico precedentemente lì collocate non ne sono più membri.
Successivamente è diventato chiaro che il nome Dravidia era già usato per un genere di mosca carnaria, quindi è stato reso disponibile il nome sostitutivo Haludaria da Pethiyagoda (2013).

Puntius bimaculatus è stato mantenuto in Puntius sensu stricto, i cui membri sono definiti dalla seguente combinazione di caratteri: taglia da adulti solitamente inferiore a 120 mm SL; barbigli mascellari assenti o presenti; barbigli rostrali assenti; 3-4 raggi della pinna dorsale non ramificati e 8 ramificati; 3 raggi anali non ramificati e 5 ramificati; ultimo raggio della pinna dorsale non ramificato debole o forte; linea laterale completa con 22-28 squame con pori; presente uroneurale libero; rastrelliere branchiali semplici e acuminate (non ramificate né laminate); nessun raggio spinoso predorsale antrorso; fontanella post-epifisaria solitamente presente; 4 sopraneurali; infraorbitale 3 snello; 5° ceratobranchiale stretto; denti faringei 5 + 3 + 2; 12-14 vertebre addominali e 14-16 caudali; schema di colore che include una macchia nerastra (a volte debole) sul peduncolo caudale.

Tuttavia Puntius bimaculatus e Puntius titteya differiscono da questa definizione per mancanza di fontanella postepifisaria, possesso di soli 7 raggi ramificati della pinna dorsale, 3½ file di squame (vs. 4½-5½) tra l'origine della pinna dorsale e la fila della linea laterale, laterale linea incompleta e in Puntius bimaculatus, occasionalmente interrotta. Entrambe le specie hanno anche una livrea maschile che include un'ampia striscia rossastra.
Sebbene queste due specie possano quindi essere collocate nel loro genere, farlo renderebbe Puntius parafiletico, e gli autori hanno affermato che è quindi necessaria l'analisi di una gamma più ampia di esemplari prima di poter trarre una conclusione definitiva.

Nessuna specie proveniente dall'Indocina, dalla Cina o dall'Indonesia è stata inclusa nello studio, il che significa che un numero significativo di ex Puntius è attualmente classificato come incertae sedis, cioè in posizione tassonomica incerta, e questo vale anche per un certo numero di specie dell'Asia meridionale di stato non risolto. In molti siti, come Seriouslyfish.com, preferiscono per il momento indicare le specie nel genere come "Puntius", tra virgolette, per sottolinearne l'uso discutibile.

Distribuzione

Asia: India e Sri Lanka.

Puntius bimaculatus è stato descritto dallo Sri Lanka, dove è noto nel drenaggio del fiume Nilwala, ma è anche ampiamente distribuito nei bacini fluviali dell'India meridionale, negli stati di Tamil Nadu, Kerala, Karnataka, Andhra Pradesh e Maharashtra.
In Tamil Nadu esistono registrazioni della sua presenza relative ai corsi d'acqua dei fiumi Thamirabarani, Cauvery e Moyar, oltre all'Indira Gandhi Wildlife Sanctuary e al Parco Nazionale; in Kerala dallo spartiacque Chalakudy; in Karnataka dai sistemi Hemavathi, Ekachi e Bedti; in Andhra Pradesh dai fiumi Kundlakamma e Paleru; nel Maharashtra dal fiume Phansad.

I rapporti dallo Sri Lanka suggeriscono che i pesci dai colori più vivaci stanno diventando sempre più rari, e che esiste la possibilità che la raccolta selettiva per il commercio dei pesci d'acquario abbia alterato la struttura delle popolazioni selvatiche. Detto questo, rimane molto poco della copertura forestale del paese, a causa delle attività umane, con il risultato che gli habitat e la qualità dell'acqua sono stati fortemente degradati e numerose specie ittiche autoctone sono ora considerate a rischio di estinzione.

LEAST CONCERN

STATO NELLA LISTA ROSSA IUCN:
LEAST CONCERN (minima preoccupazione)

  • Red Side Barb: la distribuzione e lo stato della specie in natura, sul sito della IUCN Red List, il più ampio database di informazioni sullo stato di conservazione delle specie animali e vegetali di tutto il mondo.
Habitat

Ambiente: bentopelagico, acqua dolce. Clima tropicale.

Puntius bimaculatus abita una varietà di tipi di habitat, dai torrenti collinari con buona corrente, ai tratti più tranquilli nel corso medio dei fiumi, ma tende ad essere assente negli ambienti di pianura. In Sri Lanka è apparentemente uno dei pochi pesci d'acqua dolce trovati nei torrenti di montagna a oltre 1500 m di altitudine.

Temperatura in natura

22 - 24°C

Valore pH in natura

6.0 - 6.5

Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 60x30x40h cm per un gruppo di minimo 6-8 esemplari.
L'ideale è allevare i Puntius bimaculatus in una vasca fittamente piantumata; questa specie rappresenta una scelta eccellente per un allestimento accuratamente strutturato. Anche l'aggiunta di alcune piante galleggianti per schermare la luce che entra nella vasca sembra essere apprezzata, così come radici o rami di legno, che aggiungono una sensazione più naturale.
Il movimento dell'acqua non deve essere particolarmente forte, in quanto proviene spesso da acque lente, ma andrà bene anche in un ambiente di tipo fiume-acquario, a condizione che si eviti una corrente troppo forte.

Comportamento e compatibilità: Puntius bimaculatus generalmente è molto pacifico, il che lo rende un abitante ideale degli acquari di comunità ben studiati. Poiché non ha requisiti speciali in termini di chimica dell'acqua, può essere combinato con molti dei pesci più popolari nell'acquariofilia, inclusi altri piccoli ciprinidi, tetra, ovovivipari, pesci arcobaleno, anabantoidei, pesci gatto e botia.

È una specie da branco per natura e dovrebbero essere acquistati almeno 6-10 esemplari. Allevarli in tali numeri non solo renderà i pesci meno ombrosi, ma si tradurrà in una visualizzazione più efficace e dall'aspetto naturale, e i maschi svilupperanno colori migliori in presenza di rivali conspecifici.

Alimentazione

I Puntius bimaculatus selvatici si nutrono di diatomee, alghe, detriti organici, piccoli insetti, vermi, crostacei e altro zooplancton.
In acquario si alimentano facilmente, accettando di buon grado il mangime secco, ma le condizioni e i colori migliori si ottengono offrendo pasti regolari di piccolo cibo vivo e congelato come Chironomus, Daphnia e Artemia, insieme a mangime secco in fiocchi e granuli di buona qualità, almeno alcuni dei quali dovrebbero includere un contenuto aggiuntivo di piante o alghe.

Comportamento riproduttivo
Specie che disperde le uova in acqua, senza cure parentali
Dimorfismo sessuale

Le femmine adulte sono più grandi e tozze dei maschi, mentre i maschi sono più colorati.

Maschio di Puntius bimaculatus - Foto © Beta Mahatvaraj (Meenkaran)

Femmina di Puntius bimaculatus - Foto © Beta Mahatvaraj (Meenkaran)

Riproduzione

Come la maggior parte dei piccoli ciprinidi, le specie del genere Puntius sono riproduttori liberi, che spargono le uova senza mostrare alcuna cura parentale. Quando sono in buone condizioni, si riproducono spesso e in un acquario maturo è possibile che un piccolo numero di avannotti possa iniziare a comparire senza alcun intervento.
Tuttavia, se si desidera massimizzare il numero di avannotti, è necessario un approccio più controllato. Il gruppo di adulti può essere condizionato insieme, ma dovrebbe essere allestito anche un acquario più piccolo, riempito con acqua matura. Dovrebbe essere molto poco illuminato e con la base interamente coperta da folti cespugli di piante a foglie fini, come Taxiphyllum sp., oppure con una sorta di rete con le maglie abbastanza grandi da far passare le uova ma abbastanza piccole da non consentire agli adulti di raggiungerle. Sembra che funzioni bene anche la stuoia di plastica tipo "erba" ampiamente disponibile nei brico, così come uno strato di biglie di vetro.
L'acqua dovrebbe avere un pH da leggermente acido a neutro, con una temperatura intorno ai 24°C, e dovrebbe essere incluso anche un piccolo filtro di spugna ad aria o pietra porosa per fornire ossigenazione e movimento dell'acqua.

Quando gli adulti sono ben condizionati e le femmine appaiono gravide, è necessario introdurre una o due coppie in questo acquario così preparato, e la deposizione delle uova dovrebbe avvenire la mattina seguente. Un'alternativa è far deporre le uova ai pesci in gruppo, con una mezza dozzina di esemplari di ogni sesso, anche se è ovviamente necessario un acquario più grande.
In entrambe le situazioni gli adulti probabilmente mangeranno le uova se ne avranno la possibilità, per cui dovrebbero essere rimossi non appena se ne scorge la presenza. Le uova dovrebbero schiudersi in 24-48 ore con gli avannotti che nuotano liberi circa 24 ore dopo. Dovrebbero essere nutriti con cibo molto piccolo, tipo infusori, per i primi giorni, fino a quando non sono abbastanza grandi da accettare microworm, naupli di artemia o simili.

Taxa principali

Redside barb

Bella specie vivace, con i maschi particolarmente colorati, che ama avere spazio per nuotare e una certa corrente in vasca, ma soprattutto vivere in branco

Dimensioni max: 7.0 cm TL
Temperatura: 22 - 24°C

Specie rara nel commercio d'acquario, ma molto popolare tra gli appassionati di specie autoctone in India.

Dimensioni max: 8.9 cm SL
Barbo ciliegia, Cherry barb

Specie molto robusta, è un'ottima scelta per i principianti ed è tra i più diffusi piccoli ciprinidi in acquariofilia, anche per la bella livrea dei maschi in riproduzione.

Dimensioni max: 5.0 cm TL
Aspettativa di vita: 5 - 7 anni
Temperatura: 23 - 27°C
Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.