Attenzione

Rasboroides vaterifloris

(Deraniyagala, 1930)

Piccolo ciprinide timido e ritroso, non è adatto ai comuni acquari di comunità

Splendidi Rasboroides vaterifloris - Foto © Peter Maguire (Flickr)

Nome comune
Pearly rasbora
Sinonimi
Rasbora nigromarginata; Rasbora vaterifloris pallida; Rasbora vaterifloris ruber; Rasbora vaterifloris rubioculis; Rasbora vaterifloris typica
Aspettativa di vita
5 - 10 anni
Dimensioni massime in natura

4.0 cm TL

La specie Rasboroides vaterifloris (Deraniyagala, 1930) comprende pesci d'acqua dolce della famiglia dei Danionidae, mentre in passato apparteneva alla sottofamiglia Danioninae della famiglia Cyprinidae, elevata al rango di famiglia a partire dalla 5^ edizione di Fishes of the World. E' endemica dello Sri Lanka e può anche essere vista in vendita come ‘pearly rasbora’, ‘vateria flower rasbora’, ‘orange-finned barb’, or ‘Singhalese fire barb‘ e non è una specie comune da trovare in commercio. Per quanto si sa non è ancora riprodotta commercialmente in gran numero, e la sua natura piuttosto delicata fa sì che spesso sorgano problemi durante la spedizione. Anche le restrizioni alle esportazioni di pesci selvatici dal nativo Sri Lanka hanno limitato la sua disponibilità.

I pesci variano di colore a seconda della località, ad oggi sono note forme con pinne rosse, arancioni e gialle, mentre il colore del corpo può andare dal rosso o arancio al bluastro. Negli anni '50 erano descritte quattro sottospecie (a quel tempo erano considerate membri del genere Rasbora) in base a queste variazioni di colorazione; Rasbora vaterifloris vaterifloris dal fiume Kalu, Rasbora vaterifloris ruber dal fiume Bentota, Rasbora vaterifloris pallida dal fiume Gin e Rasbora vaterifloris rubriculis dal fiume Nilwala.
Queste sottospecie sono ancora considerate valide da alcune autorità, sebbene sia ampiamente accettato che rappresentino varianti di Rasboroides vaterifloris, a causa della mancanza di materiale tipografico che ostacola lo studio conclusivo. E' stato anche usato il nome Rasboroides nigromarginata (Meinken, 1956) per riferirsi a una forma rossastra in cui i maschi differiscono dalle altre popolazioni per il possesso di margini scuri delle pinne, ma il nome è attualmente considerato sinonimo di Rasboroides vaterifloris dalla maggior parte delle fonti, nonostante il pesce sia stato riscoperto nel 2010.

Brittan ha eretto il sottogenere Rasboroides nel 1954, ma è stato solo nel 1993 che Maurice Kottelat l'ha elevato a pieno livello di genere. Questo cambiamento non è stato ancora riconosciuto da tutte le autorità e la specie è ancora ampiamente indicata come Rasbora vaterifloris in acquariofilia.
Uno studio filogenetico del 2007 ha confermato che dovrebbe essere inclusa in un genere separato, in quanto mostra un grado sufficientemente ampio di divergenza genetica dalle altre Rasbora dello Sri Lanka, come Rasbora caverii e Rasbora wilpita, per essere considerata come tale: si è separata dal lignaggio 8,6 milioni di anni fa mentre le altre due specie condividevano un antenato comune fino a 1,6 milioni di anni fa.

Sono state avviate diverse iniziative di riproduzione in cattività affinché Rasboroides vaterifloris possa essere riprodotto commercialmente per il commercio acquariofilo, anche perché purtroppo ci sono dei rapporti che indicano che i pesci più colorati stanno diventando più scarsi, e c'è una chiara possibilità che raccolte selettive per il commercio acquariofilo abbiano alterato la struttura delle popolazioni selvatiche della specie.
Inoltre tendono ad essere raccolti solo gli adulti, molti dei quali muoiono prima ancora di raggiungere un negozio di acquariofilia, a causa delle scarse tecniche di manipolazione. Secondo Pethiyagoda (1991) solo il 10% circa dei pesci raccolti finisce nelle vasche degli acquariofili.

Rasboroides vaterifloris - Foto © Chris Lukhaup (Fishipedia)

  • Specie timida e ritrosa, non adatta ai comuni acquari di comunità
  • Specie che deve vivere in gruppo
  • Specie non riprodotta in cattività ai fini commerciali, gli esemplari in commercio provengono in genere dalla cattura in natura. Chiedete sempre al negoziante se i pesci che state per prendere sono di cattura o d'allevamento.
Distribuzione

Asia: ristretto al bacino del fiume Kalu, Sri Lanka.

La specie Rasboroides vaterifloris è endemica dello Sri Lanka sud-occidentale, dove è limitata ai bacini fluviali Kalu, Bentota, Gin e Nilwala nella 'zona umida' sud-occidentale dell'isola, con località tipo indicata come 'fiume Kaluganga, vicino al traghetto Illukvattai sulla strada da Ratnapura a Gilimalé, Provincia di Sabaragamuwa'.

Attualmente della copertura forestale del paese rimane molto poco, a causa delle attività umane, con il risultato che l'habitat e la qualità dell'acqua sono stati fortemente degradati e numerose specie ittiche autoctone sono ora considerate a rischio di estinzione.

ENDANGERED

STATO NELLA LISTA ROSSA IUCN:
ENDANGERED (in pericolo)

  • Vateria flower rasbora: la distribuzione e lo stato della specie in natura, sul sito della IUCN Red List, il più ampio database di informazioni sullo stato di conservazione delle specie animali e vegetali di tutto il mondo.
Habitat

Ambiente: bentopelagico, acqua dolce. Clima tropicale.

Rasboroides vaterifloris si trova in corsi d'acqua poco profondi, freschi, limpidi, tranquilli e ombreggiati, solitamente con un substrato limoso e spesso in aree con una grande quantità di detriti di foglie nell'acqua. Si nutre di insetti terrestri (ditteri e coleotteri) e detriti.

La "zona umida" del sud-ovest dello Sri Lanka è un'area che riceve piogge annuali di 2000-3000 mm, gran parte delle quali arriva durante i monsoni di sud-ovest tra marzo e agosto. È un ambiente tropicale senza periodi di siccità o cambiamenti climatici significativi, e la temperatura dell'aria è abbastanza costante durante tutto l'anno, compresa tra 25 e 27 ° C. Tali condizioni favoriscono lo sviluppo della foresta pluviale tropicale di pianura ad altitudini inferiori a 1000 m slm.

In Sri Lanka queste foreste si trovano solo nella zona umida e sono abitate da una percentuale significativa della flora e della fauna endemiche del paese; qui il clima umido e caldo e un lungo periodo di isolamento geografico ha portato a un'eccezionale biodiversità localizzata. La stragrande maggioranza purtroppo oggi è stata cancellata dall'espandersi dell'agricoltura delle piantagioni, in gran parte quando il paese era sotto il dominio coloniale britannico, anche se una parte significativa è stata rimossa durante la più recente guerra civile, con oltre il 35% della copertura originale persa tra 1990 e 2005.
Nel 2006 era rimasto solo il 4,6% della vecchia foresta, il resto esisteva o meglio resisteva, solo in piccole aree altamente frammentate, la maggior parte delle quali con aree inferiori a 10 km², di cui alcune sono ora riserve ufficialmente protette. La foresta di Kottawa è una di queste e comprende solo 15-20 ettari di giungla umida e sempreverde, sebbene la foresta combinata di Kottawa-Kombala copra circa 1600 ettari. Un certo numero di torrenti minori e incontaminati contenenti acque chiare o leggermente colorate e poco profonde attraversano la riserva, questi rappresentano habitat tipici di Rasboroides vaterifloris e Pethia nigrifasciata in tutto il suo areale.

Poco sole è in grado di penetrare fino al suolo della foresta, a causa della copertura degli alberi, quindi gli habitat acquatici sono ombreggiati e la temperatura dell'acqua può essere relativamente fresca, mentre la conduttività e la durezza sono generalmente basse e il pH leggermente acido. Le macrofite sono rare anche se può esserci una fitta vegetazione marginale, a volte sovrastante l'intera larghezza del torrente, le cui radici possono penetrare sott'acqua negli argini. I substrati tipici sono sabbiosi ma coperti da uno strato di lettiera di foglie con ramoscelli e rami caduti.

Le specie di pesci simpatriche includono Pethia nigrifasciata, Puntius bimaculatus, Puntius kelumi, Puntius titteya, Dawkinsia singhala, Schistura notostigma, Mystus vittatus, Aplocheilus werneri, Channa orientalis, Malpulutta kretseri, Mastacembelus armatus.

Temperatura in natura

25 - 29°C

Valore pH in natura

6.0 - 6.5

Valori acqua in natura
dH range: 5 - 8
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 60x30x30h cm La scelta del decoro non è particolarmente critica anche se tende a mostrare una migliore colorazione in un allestimento fortemente piantumato con un substrato scuro. Anche l'aggiunta di alcune piante galleggianti, radici o rami di legno che creino ripari e zone ombreggiate è apprezzata (se non si riesce a trovare legni della forma desiderata, si possono usare tranquillamente pezzi di rami di faggio o di quercia, completamente essiccato e privato della corteccia).

L'aggiunta di un po' di lettiera di foglie secche (sono adatte foglie di faggio, quercia o mandorlo indiano Ketapang, Terminalia catappa; si può usare anche una miscela di tutte e tre) enfatizza ulteriormente la sensazione naturale e, oltre a offrire dei ripari aggiuntivi per i pesci, induce la crescita di benefiche colonie microbiche mano a mano che avviene la decomposizione. Questa microfauna può fornire una preziosa fonte di cibo secondario per gli avannotti, mentre si ritiene che i tannini e altre sostanze chimiche rilasciate dalle foglie in decomposizione siano utili per le specie di pesci d'acqua nera e non.
Le foglie possono essere lasciate nella vasca fino a che non si decompongono completamente o rimosse e sostituite ogni qualche settimana.
Per acidificare e scurire ulteriormente l'acqua si possono usare anche le pignette di ontano, che hanno ulteriori effetti battericidi e antimicotici, non è necessario utilizzare la torba naturale, la cui raccolta è sia insostenibile che dannosa per l'ambiente.
Molto simile alla fibra di torba è la fibra di cocco, che è essenzialmente un sottoprodotto industriale e soprattutto una risorsa rinnovabile; se ne può lasciar cadere qualche manciata nella vasca. Dopo pochi giorni diventerà completamente satura d'acqua e affonderà sul fondo, dove può sembrare davvero efficace. A condizione che venga praticata una buona routine di mantenimento dell'acqua, non dovrebbero verificarsi effetti negativi utilizzando torba o foglie in acquario.

La filtrazione non deve essere particolarmente forte, poiché Rasboroides vaterifloris proviene principalmente da acque lente e può avere difficoltà se c'è troppa corrente nella vasca.
Può essere difficile da acclimatare in acquario, poiché spesso arriva in cattive condizioni ed è sensibile alle oscillazioni della chimica dell'acqua. Di conseguenza non dovrebbe essere introdotta in acquari biologicamente immaturi, e l'ideale in termini di manutenzione sono piccoli e regolari cambi d'acqua di circa il 10% del volume della vasca.

Comportamento e compatibilità: Non è adatto a molti acquari di comunità, in quanto ha una natura timida e ritrosa, e può essere intimidito o battuto nella competizione per il cibo da compagni di vasca più grandi o più turbolenti. Rappresentano compagni di vasca ideali piccoli ciprinidi come Trigonostigma, Boraras, le Rasbora più piccole, alcune specie di Pethia e Puntius così come i cobitidi pacifici di generi come Pangio.

È una specie da banco per natura, e ne dovrebbero essere acquistati almeno 6-10 esemplari. Allevarli in tali numeri non solo renderà i pesci meno ombrosi, ma si tradurrà in una visualizzazione più efficace e dall'aspetto naturale, e i maschi svilupperanno colori migliori in presenza di rivali conspecifici.

Alimentazione

Le analisi dello stomaco di esemplari selvatici hanno rivelato che si tratta principalmente di un micropredatore che si nutre di invertebrati e detriti organici.
In acquario si alimenta facilmente, ma le migliori condizioni e colori si ottengono offrendo pasti regolari di piccolo cibo vivo e congelato come Chironomus, Daphnia e Artemia, insieme a mangime secco in fiocchi e granuli di buona qualità.

Dimorfismo sessuale

I maschi adulti sono notevolmente più piccoli, più magri e più colorati delle femmine, specialmente quando sono in condizioni di deposizione delle uova.

Maschio di una forma molto colorata di Rasboroides vaterifloris - Foto © Nonn Panitvong

Femmina di una forma molto colorata di Rasboroides vaterifloris - Foto © Nonn Panitvong

Riproduzione

Rasboroides vaterifloris è un tipico ciprinide che depone le uova spargendole in acqua e non mostra cure parentali. In natura è una specie molto prolifica. Il rituale del corteggiamento è frenetico; diversi gruppi di uova vengono deposti tra la vegetazione sommersa degli argini, nel corso di circa mezz'ora. Le uova affondano e si schiudono in circa 36 ore. Gli avannotti sono molto delicati e sensibili alle condizioni dell'acqua.

In acquario, quando gli adulti sono in buone condizioni depongono le uova spesso e in un acquario maturo e ben piantumato è possibile che un piccolo numero di avannotti possa iniziare a comparire senza intervento.
Tuttavia, se si desidera aumentare il numero di avannotti, è necessario un approccio leggermente più controllato, pertanto è necessario allestire una vasca da riproduzione dedicata. Uno o due ciuffi di Taxiphyllum sp. o una pianta simile a foglia fine fornirà riparo e sicurezza per i pesci, nonché un mezzo alternativo per la deposizione delle uova. La filtrazione dovrebbe essere molto delicata, la cosa migliore è un piccolo filtro a spugna, in quanto non aspira uova o avannotti.

Secondo la maggior parte dei rapporti, è meglio farli riprodurre in gruppo, 5-6 coppie di adulti ben condizionate. Vanno inseriti nella vasca da riproduzione e lasciati deporre le uova in situ per 4 o 5 giorni prima di essere rimossi. Le uova vengono solitamente deposte in piccoli lotti di circa 20 e normalmente si verificano diversi eventi di deposizione prima che una femmina le deponga tutte. Gli avannotti possono quindi essere allevati nella stessa vasca e alcuni allevatori consigliano a questo punto di ridurre il livello dell'acqua a circa 10 cm.

L'incubazione dipende in una certa misura dalla temperatura, ma di solito richiede tra le 24 e le 48 ore, e gli avannotti nuotano liberamente dopo 3-5 giorni. Il cibo iniziale dovrebbe essere costituito da Parameci o simili, con l'introduzione di naupli di artemia, microworm, ecc. una volta che gli avannotti sono abbastanza grandi da accettarli.
Si dice che crescano lentamente e impieghino diversi mesi per raggiungere la maturità.

Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Splendidi Rasboroides vaterifloris - Foto © Peter Maguire (Flickr)