• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette

Red Parrot

I red parrot, o Ciclidi pappagallo, sono ibridi creati in laboratorio creati appositamente per l'allevamento in acquario, ma che nonostante questo non sono adatti alla vita nei comuni acquari domestici, per dimensioni e carattere.

Red Parrot - Foto © Hristo Hristov

dimensioni massime in acquario
25 cm SL
aspettativa di vita in acquario
10 - 15 anni

La cosa che mi colpisce di più tra chi compra i Red Parrot, è che sono pochissimi quelli che li comprano consapevolmente, sapendo quali sono le loro caratteristiche ed esigenze. E' molto più facile comprarli per il loro muso simpatico, lo sguardo intelligente e la colorazione molto appariscente... ed infatti sono stati creati proprio a questo scopo!
Infatti in natura il Red Parrot non esiste, ed è per questo che si chiama così e non con un nome di specie come gli altri pesci. E' stato infatti "inventato" tra il 1989 e il 1990 da alcuni allevatori e biologi cinesi e di Taiwan, che pubblicarono un articolo sulla stampa specializzata informando il mondo accademico della nascita di questa loro "creatura", ottenuta in laboratorio, si dice tramite incroci tra Amphilophus citrinellus e Paraneetroplus synspilus, a cui probabilmente va aggiunto Heros severus e altre specie.

Anche Wikipedia nella pagina dedicata a questo pesce esordisce con questo incipit:

"Il ciclide pappagallo (in inglese parrot cichlid o red parrot) è un ibrido di alcune specie di ciclidi, riprodotto e selezionato in laboratori orientali appositamente per l'allevamento in acquario".

Quello che mi rende perplessa è che, se dovevano creare un pesce appositamente adatto alla vita in acquario, potevano pensare che l'enorme maggioranza degli acquari domestici supera a stento i 100 litri, e crearlo un po' più piccolo...

Infatti i pesci "creati per la vita in acquario" arrivano ad una lunghezza di 20-25 cm, e sono per giunta belli massicci e cicciotti, per cui per il loro allevamento ci vuole una vasca di almeno 250-300 litri, con apparato filtrante preferibilmente sovradimensionato, perchè mangiano molto e sporcano ancora di più.

Inoltre sono molto territoriali, il che a volte li può rendere molto aggressivi, e data la mole se vengono messi insieme a pesci molto più piccoli, come neon e simili, tendono a mangiarseli. Il modo migliore di allevarli è di tenere un gruppetto in una vasca molto grande, e non inserire altri esemplari in seguito, perchè verrebbero trattati da estranei e da invasori del territorio altrui.
Essendo ibridi di specie diverse, in genere sono completamente sterili, per cui in vasca non si può ottenerne la riproduzione, che è la cosa più bella da osservare nei ciclidi,

Un'altra cosa che bisognerebbe sapere prima di comprarli, oltre al fatto che sono ibridi, è di fare attenzione al fatto che spesso sono anche colorati artificialmente. Non basta che grazie ad incroci e a mangimi specifici abbiano già delle colorazioni sgargianti, dal rosso, al giallo, all'arancio, ma vengono colorati artificialmente per dar loro colori ancora più vistosi e innaturali (viola, blu, verde, lilla) o addirittura "disegnati" con motivi più strani, tramite iniezioni sottocutanee o tramite laser, metodi entrambi dolorosi per i pesci, che li stressano talvolta fino a morirne, e soprattutto che li indeboliscono e li espongono a malattie che possono diventare mortali.

Red parrot colorati artificialmente

Red parrot colorati artificialmente

Red parrot colorati artificialmente

Red parrot colorati artificialmente

Red parrot colorati artificialmente

Red parrot colorati artificialmente (Foto tratta da Practical FishKeeping)

Per quanto riguarda le loro necessità, oltre ad un acquario grande hanno bisogno di molti ripari e barriere visive, costituiti da cespugli di piante alte, legni, radici, perchè specialmente da piccoli e appena inseriti in acquario sono molto timidi e ci mettono un po' ad ambientarsi, all'inizio ogni movimento esterno alla vasca li spaventa e li fa correre nel proprio nascondiglio. Solo dopo parecchi giorni (a volte anche settimane) si abituano e ritornano a mangiare con il solito appetito da idrovora. Mi raccomando, non fate l'errore di togliere i nascondigli pensando che così non andranno più a nascondersi: senza riparo saranno ancora più timidi e diffidenti, soltanto con tantissimi ripari si sentiranno abbastanza tranquilli da restare allo scoperto!
In genere non hanno problemi riguardo i valori dell'acqua, sono molto adattabili, le condizioni ideali sono pH intorno a 7.0 - 8.0 e temperatura sui 25 - 29°C, temperature più basse (sotto i 24°C) li rendono poco attivi e più pallidi nella colorazione.
E' meglio non mettere come compagni di vasca pesci troppo piccoli, perchè i Red Parrot una volta adulti li considereranno cibo vivo, si possono affiancare a specie della stessa stazza, ma solo in acquari molto grandi, in genere si preferisce allevarli in vasca monospecifica.

Per il resto, sono pesci simpatici e che "interagiscono" con il loro allevatore e con quello che succede al di là del vetro della vasca, quindi se da una parte non bisogna incentivare il commercio di specie frutto di incroci e selezioni, dall'altro lato per me è meglio comprare un parrot nato per l'allevamento in acquario piuttosto che strappare pesci dal loro habitat naturale, come i vari cobitidi o loricaridi, per farli morire di stenti nella propria vasca per non conoscerne le basilari esigenze.

In genere consiglio sempre di non acquistare pesci non "naturali", e questo vale non solo per gli ibridi o incroci come i Red Parrot, ma anche per le selezioni spinte che modificano pinne, corpo, colore, come i Carassius testa di leone, occhi a bolla, e tutte le loro varietà artefatte, come gli scalari koi o quelli "pinne a velo", i molly "baloon", i ram "gold", e via discorrendo.
Le specie naturali per me sono sempre le più belle e le più interessanti, anche perché spesso i pesci selezionati e incrociati sono più deboli o a volte solo più delicati di quelli normali, e/o a volte possono avere comportamenti incomprensibili, legati a chissà quale "ricordo" ancestrale...
Nonostante questo non ritengo di dover gridare allo scandalo se qualcuno li compra, il problema è che come al solito si vanno a comprare pesci senza informarsi, senza conoscere le loro esigenze, senza sapere quanto diventano grandi da adulti, senza sapere se sono d'allevamento o di cattura, senza sapere nemmeno se sono naturali o incroci di incroci, o se sono colorati artificialmente... ci si fida come al solito del negoziante (ma di quali altri negozianti vi fidate così tanto come di quello del negozio d'acquari???).

 

  • Specie che diventa grande: fino a 25 cm
  • Specie che ha bisogno di acquari di almeno 250-300 litri con filtrazione sovradimensionata
  • Specie che non esiste in natura, è ottenuta tramite incroci e quindi sterile.
riproduzione

Essendo ottenuti tramite incroci i pesci sono sterili, tranne in rarissime eccezioni.

SL (Standard Lenght)
Lunghezza standard, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso al peduncolo caudale (esclusa quindi la coda)
TL (Total Lenght)
Lunghezza totale, è la lunghezza del pesce calcolata dalla punta del muso alla punta della coda (quindi coda compresa)
Demerso
specie che vive in prossimità del fondo del mare. I pesci demersi si dividono principalmente in due tipi: Bentonici e Bentopelagici
Bentonica
specie che vive e che è legata al fondo
Bentopelagica
specie che vive sia sul fondo o vicino ad esso, sia nel livello medio dell'acqua
Pelagica
specie che vive lontano dal fondo, in acque aperte
Diadroma
specie che migrano tra acque salate e acque dolci
Anadroma
specie che che vive per la maggior parte del tempo in acque salate e si riproduce in acque dolci
Catadroma
specie che vive in acque dolci e si riproduce in acque salate
Anfidroma
specie che si muove indifferentemente da acque dolci ad acque salate
Potamodroma
specie che migra all'interno di acque dolci
Oceanodroma
specie che migra all'interno di acque salate

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.

Non Solo Chanda

Purtroppo la barbarie di colorare artificialmente i pesci non è rimasta limitata ai trasparenti Chanda,ma la pratica si è estesa anche ad altre specie, già di per sé colorate e belle, ma che evidentemente vendono di più con una mano di colore fluorescente. Il metodo utilizzato però è sempre quello delle iniezioni sottocutanee, con grave stress e altissima mortalità dei pesci...