Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Satanoperca leucosticta - Foto © Enrico Richter

Il genere Satanoperca è un piccolo genere di ciclidi del Sud America, dove vivono nei bacini dei fiumi Orinoco, Essequibo, Nickerie, Rio delle Amazzoni e Paraná-Paraguay. Si trovano principalmente in aree con acque a movimento lento, ma alcune specie sono state registrate anche nelle rapide.

Fanno parte di un gruppo popolarmente noto come "Eartheater", mangia-terra, e si nutrono raccogliendo bocconi di sabbia per setacciare alimenti come invertebrati, materiale vegetale e detriti (l'unica eccezione è l'alimentazione a mezz'acqua di Satanoperca acuticeps). Spesso si nutrono in piccoli gruppi e un individuo a turno può fungere da guardiano.

Qui sotto l'elenco delle 8 specie attualmente comprese nel genere, con i link alle schede di Fishbase, da cui è tratta la tabella:

AnnoNome ScientificoNome IngleseDistribuzioneLunghezza Max (cm)
1840Satanoperca acuticepsSharphead eartheaterSouth America17 SL
1840Satanoperca daemonThreespot eartheaterSouth America17 SL
1840Satanoperca jurupariDemon eartheaterSouth America18.5 SL
1849Satanoperca leucosticta South America15 SL
1988Satanoperca lilith South America25.5 SL
1950Satanoperca mapiritensis South America14 SL
1840Satanoperca pappaterraPantanal eartheaterSouth America27.5 TL
2012Satanoperca rhynchitis South America14.1 SL

Il genere Satanoperca per diversi decenni √® stato considerato sinonimo di Geophagus, prima di essere riconvalidato da Kullander (1986). Si pu√≤ distinguere da tutti gli altri membri della sottofamiglia di ciclidi Geophaginae dalla presenza di una piccola macchia ocellata alla base della pinna caudale superiore, e dai membri del genere Geophagus dai seguenti caratteri morfologici: numero uguale di vertebre addominali e caudali o una vertebra addominale in pi√Ļ (vs. pi√Ļ vertebre caudali che addominali in Geophagus); nessuna costola sulle vertebre caudali e nessuna estensione postaddominale della vescica natatoria (rispetto alla presenza di entrambi nei Geophagus); guancia squamata rostralmente al centro (rispetto a nuda sulla met√† anteriore); pinne dorsale e anale nude (rispetto a squamate); rastrelliere branchiali esterne sul ramo inferiore del primo arco branchiale attaccato alla pelle che ricopre i filamenti branchiali (vs. attaccato alla pelle ceratobranchiale); dentatura mandibolare ridotta a una o due brevi serie in ciascuna mascella (vs. pluriseriata con ampia fascia di denti interni); assenza (vs. presenza) delle placche dentali sul 4¬į ceratobranchiale; presenza (vs. assenza) di un ocello sulla base della pinna caudale; entrambe o solo la piega del labbro superiore continua (vs. entrambe interrotte anteriormente); preopercolo e sopracleitro frequentemente seghettati (vs. interi); assenza (vs. presenza) di cartilagine ipurale mediana, 3 (vs. 4) infraorbitali.¬†

√ą probabile che il genere contenga specie aggiuntive, ed √® stato diviso in tre gruppi con morfologia distintiva:

  1. Gruppo Satanoperca jurupari
     I membri di questo gruppo sono caratterizzati da una livrea comprendente una striscia laterale scura o una fila di macchie lungo il lato del corpo, normalmente XV.10 (XIV-XVII.8-11) raggi della pinna dorsale, normalmente 27 (26-28) squame E1 (la fila longitudinale immediatamente sopra la linea laterale inferiore, esclusa la cintura pettorale), e 12-18 rastrelli sul primo arco branchiale.
  2. Gruppo Satanoperca daemon
    I membri di questo gruppo diventano pi√Ļ grandi degli altri congeneri, possiedono una o due grandi macchie scure sul lato del corpo e un ocello prominente alla base della pinna caudale superiore, solitamente XIX.13 (XII-XIV.12-14) raggi della pinna dorsale, 29-31 squame E1 e 18-22 rastrelli branchiali.
  3. Gruppo monotipico Satanoperca acuticeps
    L'appartenente al gruppo, Satanoperca acuticeps, √® unico in quanto ha una bocca relativamente pi√Ļ terminale rispetto a tutti gli altri membri del genere, normalmente XIII.12 (XIII.11-12) raggi della pinna dorsale, 27-28 squame E1 e 17-20 rastrelli branchiali.

I tre gruppi differiscono anche nella strategia riproduttiva, il primo e il terzo sono riproduttori su substrato, mentre e il secondo gruppo comprende gli incubatori orali. La monofilia sia del gruppo Satanoperca daemon che dello stesso Satanoperca daemon sono ben supportate negli studi filogenetici, sebbene Satanoperca lilith abbia dimostrato di mostrare una maggiore diversit√† genetica, con un grado di separazione tra le popolazioni del rio Negro e quelle dell'Amazzonia affluenti pi√Ļ a valle.

Il genere Satanoperca e un certo numero di generi correlati sono spesso inclusi nella presunta sottofamiglia Geophaginae.

La posizione tassonomica attuale della sottofamiglia Geophaginae si basa in gran parte su Kullander (1998), che ha condotto uno studio filogenetico basato sulla morfologia in cui i ciclidi neotropicali sono stati suddivisi in sei sottofamiglie, di cui la sottofamiglia Geophaginae conteneva 16 generi divisi in tre "trib√Ļ":

  1. Acarichthyini ‚Äď Acarichthys e Guianacara.
  2. Crenicaratini ‚Äď Biotoecus, Crenicara, Dicrossus e Mazarunia.
  3. Geophagini ‚Äď Geophagus, Mikrogeophagus, gruppo di Geophagus brasiliensis, gruppo di Geophagus steindachneri, Gymnogeophagus, Satanoperca, Biotodoma, Apistogramma, Apistogrammoides e Taeniacara.

Studi molecolari successivi di Farias et al. (1999, 2000, 2001) hanno portato all'aggiunta di Crenicichla e Teleocichla ai Geophaginae, risultato supportato da L√≥pez-Fern√°ndez et al. (2005) che hanno condotto l'analisi molecolare pi√Ļ dettagliata del raggruppamento fino ad oggi, includendo 16 dei 18 generi e 30 specie. Tuttavia le loro conclusioni riguardanti le interrelazioni tra i generi variavano un po' rispetto alle ipotesi precedenti e possono essere riassunte dai seguenti gruppi vagamente definiti:¬†

Nello studio non è stato incluso nessun rappresentante dei generi Teleocichla o Mazarunia, ma il primo è ben noto come gruppo gemello di Crenicichla mentre il secondo è raggruppato strettamente con Crenicara e Dicrossus in lavori precedenti. 
Le altre principali conclusioni del documento sono la conferma che quello dei Geophaginae è un gruppo monofiletico che mostra forti segni di aver subito una rapida radiazione adattativa (diversificazione di una specie o di un singolo tipo ancestrale in diverse forme, ciascuna adattativamente specializzata in una specifica nicchia ambientale).

Satanoperca jurupari in un Igarapé, habitat d'acqua chiara nel sistema del Rio delle Amazzoni - Foto © Pro-Igarapés

Taxa principali

Sharphead eartheater

Specie di mangia-terra molto meno legata al fondo dei suoi congeneri, ha simili necessità di acqua pulitissima per non ammalarsi

Dimensioni max: 25.0 cm SL
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Temperatura: 24 - 26¬įC
Threespot eartheater

Specie di mangia-terra non facile da allevare, per le sue necessità di spazio, dieta, parametri dell'acqua

Dimensioni max: 30.0 cm SL
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Temperatura: 27 - 30¬įC
Demon Eartheater

Specie di mangia-terra la cui identità non è ancora del tutto chiara, ma le cui esigenze sono paragonabili a quelle degli altri Satanoperca

Dimensioni max: 26.0 cm SL
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Temperatura: 24 - 26¬įC
Whitespot Eartheater

Bella specie di mangia-terra, come le altre del genere ha bisogno di un'ottima qualità dell'acqua per non ammalarsi

Dimensioni max: 15.0 cm SL
Aspettativa di vita: 8 - 10 anni
Temperatura: 27 - 30¬įC
Riferimenti & Link
Collegamenti taxa

Aggiungi un commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Per saperne di pi√Ļ...

Quali sono i ciclidi definiti mangia-terra (e no, non si nutrono di terra), quali sono le loro esigenze d'allevamento, e indicazioni su come sceglierli in base alle proprie disponibilità di vasca e tempo da dedicare loro.

Igarapé, habitat d'acqua chiara nella regione del Rio delle Amazzoni inferiore - Foto © Pro-Igarapés

Offerte di Amazon