Attenzione

La mia esperienza con il più raro dei Gourami cioccolato

Resoconto accurato e completo di una rara esperienza di riproduzione degli ancor più rari Sphaerichthys selatanensis, i gourami cioccolato fasciati, straordinaria per essere forse la prima ad essere corredata dalle le foto degli avannotti nel loro sviluppo, e che ha dato un contribuito decisivo alla conoscenza del processo riproduttivo di questi pesci, allora ancora quasi sconosciuti.

Tratto e tradotto dall'articolo:
"My experiences with the rarest Chocolate Gourami"
di Ste Chester
sul sito Aqualifeleyland.co.uk

Una coppia di Sphaerichthys selatanensis che sta iniziando il rituale della deposizione - Foto © Ste Chester

A volte si possono trovare nei negozi specializzati dei pesci un po' più interessanti dei comuni pesci da acquario di comunità; questo per una serie di ragioni tra cui il comportamento, la rarità o anche una storia interessante!
Il pesce in questione, Sphaerichthys selatanensis, per me è interessante per le ragioni sopra esposte e anche per qualcun'altra! Sono stato incuriosito dal gruppo dei "Gourami cioccolato" per molti anni.

Sono un grande lettore e collezionista di letteratura acquatica, e questo gruppo di pesci ha una delle storie più confuse tra tutti i pesci tropicali. Vi sono 4 specie descritte di "Gourami cioccolato". La prima e specie e specie tipo è Sphaerichthys osphromenoides 1860, quindi Sphaerichthys vaillanti 1930, Sphaerichthys acrostoma 1979 e infine Sphaerichthys selatanensis 1979.

Nessuno di questi pesci è stato mai commercializzato in numeri "commerciali". Occasionalmente compaiono nei negozi specializzati piccole importazioni di Sphaerichthys osphromenoides e Sphaerichthys vaillanti ma non con regolarità. Le restanti due specie sono ancora più difficili da trovare e vengono importate dai grossisti interessati forse una o due volte ogni qualche anno. Nessuna delle specie è riprodotta commercialmente per cui per i nostri acquari dobbiamo contare esclusivamente sulle importazioni di pesci selvatici.

Una breve storia

Uno sguardo ai libri di storia rivela che questo pesce ha causato molta confusione tra gli acquariofili nel corso degli anni. Nei primi anni si pensava che il Gourami cioccolato fosse un pesce ovoviviparo, infatti nel 1909 fu pubblicato un articolo intitolato "Osphronemus malayanus, Gourami ovoviviparo dalla penisola malese e da Sumatra". In questo articolo l'autore riferiva che nel lungo viaggio in mare per portare questi pesci ad Amburgo da Singapore, le femmine morenti avevano partorito 25-40 avannotti colorati, l'autore non aveva visto nascere i pesci e aveva semplicemente supposto che avesse a che fare con degli ovovivipari.
Altri rapporti nel corso degli anni hanno riferito che questo Gourami era una specie che costruisce nidi di bolle, e più recentemente sono stati fatti e verificati diversi rapporti che è in realtà un incubatore orale.

Il primo articolo accurato e dettagliato, completo di fotografie della riproduzione, è stato scritto dal famoso esperto di riproduzioni Hans Joachim Richter di Lipsia, nell'ex Germania orientale, ed è stato pubblicato da TFH nel 1972. Questo rapporto dimostrava senza dubbio che Sphaerichthys osphromenoides era una specie incubatrice orale. Tuttavia, questo eccellente e innovativo articolo era anche incompleto, in quanto Richter non aveva mai fotografato gli avannotti rilasciati: i suoi adulti si erano mangiati le uova e la storia è rimasta incompleta!
Nonostante ciò, Richter è stato il primo a pubblicare fotografie della riproduzione, con immagini chiare delle grandi uova di colore giallo brillante.

Le successive informazioni dettagliate sulla riproduzione di questo gruppo di pesci si trovano nell'eccellente libro sui pesci labirintidi di Horst Linke (1991), che cita il successo di Richter e continua descrivendo gli avannotti che è riuscito a ottenere dai suoi Sphaerichthys osphromenoides. Tuttavia, ancora una volta non sono state prodotte fotografie per mostrare al mondo che aspetto ha un avannotto di gourami cioccolato!

Sebbene non abbia mai allevato o riprodotto Sphaerichthys osphromenoides, ho esperienza nell'allevare e nel riprodurre Sphaerichthys selatanensis più raro e strettamente correlato, ed è questo pesce che compare nel racconto di riproduzione e nell'articolo qui di seguito.

Allevamento e riproduzione di Sphaerichthys selatanensis 1979

Questo articolo è stato finalmente scritto dopo 2 anni in cui ho posseduto e iniziato a riprodurre questa specie. Le note sulla deposizione sono rimaste appese su una bacheca nella mia stanza dei pesci, aspettando pazientemente che finalmente mi sedessi e mettessi insieme questi scarabocchi in qualcosa di leggibile e utile per i futuri acquariofili. Alla fine, notare che le note scritte in modo approssimativo iniziavano ad essere strappate e danneggiate, mi ha spinto a scrivere questo articolo. Quello che segue è un resoconto accurato e completo di una rara riproduzione di Sphaerichthys selatanensis, noto anche come Gourami cioccolato fasciato.

All'inizio di settembre 2008, stavo gironzolando presso un grande grossista/rivenditore di pesci tropicali a Bolton, nel Regno Unito. Questo grande e scalcinato ipermercato acquatico ha una buona reputazione per l'approvvigionamento di pesci rari e insoliti, la qualità di questi pesci è talvolta in discussione, ma certi pesci è il caso di prenderli al volo quando si può, e questa era il caso degli Sphaerichthys selatanensis che ho trovato! Mi sono imbattuto in una vasca contenente otto piccoli Gourami cioccolato fasciati, quindi li ho acquistati tutti e 8 e li ho portati a casa nella mia piccola stanza dei pesci. Erano in cattive condizioni quando li ho acquistati e necessitavano di cure e cibo molto buono nelle settimane successive!

L'allestimento dell'acquario

Ho messo i pesci in una piccola vasca 45x45x30cm contenente un substrato di sabbia inerte, pezzi di legno di palude, molte foglie di faggio affondate e galleggianti, e anche una coppia di ciclidi nani Pelvicachromis subocellatus che già occupava questa vasca. I Gourami sono stati semplicemente collocati in questo acquario maturo per essere condizionati per un serio tentativo di riproduzione nei mesi seguenti. L'acqua era la mia acqua di rubinetto molto tenera, il pH era circa 6,5, TDS 65 ppm e temperatura di circa 26°C, la vasca era situata sul ripiano inferiore di un rack a tre livelli.

Quasi subito ho perso due dei pesci più emaciati, ma i restanti 6 si sono nutriti bene di cibo vivo come naupli di Artemia salina appena schiusi, Grindal e persino microworm. Presto sono aumentati di peso e dimensioni e hanno iniziato a mostrare comportamenti e colori interessanti. Le differenze sessuali erano difficili da rilevare, anche se il comportamento dei maschi mi permetteva di indovinare quali fossero; i maschi sembravano sempre combattere e discutere sul territorio disponibile, non mostravano paura, neanche quando il grande Pelvicachromis subocellatus interrompeva i loro combattimenti. In molte occasioni ho visto il Gourami maschio inseguire il ciclide più grande.

Le femmine sono rimaste leggermente più piccole, avevano il corpo solo un po' più profondo e mostravano praticamente la stessa colorazione dei maschi. Un precedente rapporto affermava che i maschi mostrano più colore nel bordo anteriore della pinna dorsale. Tuttavia nei miei esemplari di Sphaerichthys selatanensis non ho potuto notare queste differenze, eccetto l'avere i maschi una pinna dorsale più lunga e appuntita. Questo è riconoscibile solo quando le pinne sono tese, ma sfortunatamente ciò accade raramente e la dorsale è generalmente ripiegata, quando sono in questo stato entrambi i sessi sembrano molto simili. I futuri allevatori dovrebbero prenderne atto e acquistarne un gruppo il più ampio possibile per ottenere i migliori risultati e come garanzia di ottenere entrambi i sessi.

La deposizione delle uova

Per me non c'è stato molto tempo da aspettare per la deposizione delle uova, i pesci venivano controllati quotidianamente e venivano effettuati regolari alimentazioni e cambi d'acqua. Le mie note originali del 2008 mostrano che ho effettuato un grande cambio d'acqua mercoledì 1 ottobre, in linea di massima immagino il 75% dell'acquario da 60 litri. Il mio cambio d'acqua di solito è del 20% ogni giorno e quindi un cambio del 75% (grande) ogni mese circa. Questo cambio d'acqua è stato ovviamente un fattore scatenante in questa riproduzione.

Tornando alle note di deposizione che avevo preso, so che ho assistito al comportamento di deposizione nella tarda sera di venerdì 3 ottobre 2008.
Me lo ricordo bene e fortunatamente per me i pesci erano proprio nella parte anteriore della vasca e hanno scelto un punto chiaro sopra un paio di foglie di faggio affondate. Nel corso di diverse ore i pesci nuotavano in circolo tra di loro appena sopra il substrato e più volte si sono abbracciati nel tipico abbraccio degli anabantidi senza produrre uova.

Una coppia di Sphaerichthys selatanensis che sta iniziando il rituale della deposizione - Foto © Ste Chester

Sono riuscito a fotografare questo comportamento e ho guardato attentamente per diverse ore, ma alle 1:00 del mattino di sabato 4 ottobre non era ancora successo nulla, quindi ho posizionato una piccola luce notturna sull'acquario. Dopo essermi addormentato sul pavimento della stanza di fronte alla vasca, sono andato a letto desideroso di svegliarmi e assistere a quello che sarebbe successo, sempre se fosse successo qualcosa.
La mattina del 4 andai dritto all'acquario dei Gourami per trovare la femmina nell'angolo posteriore superiore che teneva in bocca una ovvia covata di uova. Sebbene felice, sono rimasto estremamente deluso da me stesso per essere andato a letto "presto" ed essermi perso questa rara riproduzione. Volevo una serie completa di foto di questo pesce che si riproduce, e questo rimane il mio unico vero rimpianto in 18 anni di allevamento e riproduzione di pesci tropicali!

I parametri dell'acqua registrati nella vasca di deposizione delle uova nella notte della deposizione erano pH 6,4, TDS 64 ppm e temperatura 24,5°C. L'acqua era leggermente influenzata dai tannini delle foglie e aveva una leggera tonalità ambrata.
La coppia riproduttiva maschio/femmina è rimasta nel livello superiore della vasca, dove c'erano alcune foglie di faggio bagnate ma galleggianti, il che ha reso l'habitat naturale ideale e i pesci utilizzavano questa copertura per rimanere lontano dagli altri pesci; il maschio era molto protettivo nei confronti della sua femmina e pattugliava l'angolo, non permettendo a nessun altro pesce di arrivare alla portata della femmina che covava. La femmina era un evidente pesce incubatore, la sua gola era chiaramente estesa e, per questo, le branchie erano visibili, dando alle guance un colore rosso.

Femmina di Sphaerichthys selatanensis che sta incubando le uova in bocca - Foto © Ste Chester

Tempo di decisioni..

A questo punto ero da solo; si diceva che i pesci di Richter mangiassero ogni covata dopo 3 giorni, quindi ero nervoso di vedere se i miei pesci avrebbero fatto lo stesso. Dopo aver raggiunto questo periodo di 3 giorni con la femmina ancora in possesso delle uova, ero dibattuto su cosa fare dopo. Decisi di aspettare ancora qualche giorno, in modo che le uova si fossero schiuse definitivamente, per poi spostarla nel suo spazio. Volevo muoverla dopo che le uova si erano schiuse, poiché pensavo che la femmina avrebbe avuto meno probabilità di mangiare larve che si contorcevano rispetto alle uova inerti, se fosse stata fortemente stressata dallo spostamento!

Il contenitore in cui ho scelto di spostarla era una piccolissima vasca di plastica da 5 litri, riempita con acqua dell'acquario di allevamento, alcune manciate di muschio di Giava che coprivano la metà inferiore e alcune foglie galleggianti che coprivano la superficie. Speravo che la femmina trovasse questo contenitore pacifico e ben coperto di suo gradimento. È stata spostata con molta attenzione il 9 ottobre, mettendole un contenitore di plastica sotto e rimuovendola ancora sott'acqua in questa tazza. In nessun momento è uscita dall'acqua, perché non volevo che soffrisse di stress o subisse danni. Si è nascosta rapidamente tra il muschio di Giava e sembrava contenta della sua nuova casa. È stata lasciata indisturbata a parte alcune fotografie e non è mai stata nutrita in questo contenitore (o nell'acquario!) L'aggiunta di cibo l'avrebbe incoraggiata solo a sputare gli avannotti o a mangiarli, in modo da poter mangiare!

Femmina di Sphaerichthys selatanensis sistemata nell'acquario per la nascita degli avannotti - Foto © Ste Chester

Gli avannotti

La sera di venerdì 17, 14 giorni dopo la deposizione delle uova, la femmina ha iniziato a sputare la prole, ho notato per la prima volta 5 baby gourami alle 19:30 e ho tenuto d'occhio il contenitore. In nessun momento ho visto il rilascio di qualche avannotto, nonostante le regolari osservazioni, e alle 21.10 ho potuto contare 16 avannotti. Entro le 22:00 tutti gli avannotti sono stati rilasciati e ho trovato 27 avannotti sulla superficie dell'acqua. La femmina è stata rimossa la stessa notte e le è stato dato un suo acquario, in modo da poter mangiare in pace e riprendersi dal digiuno di due settimane. Lo ha fatto così in fretta che nel giro di una settimana è stata rimessa nell'acquario dei Crossband Chocolate Gourami Sphaerichthys selatanensis.

Lo sviluppo degli avannotti

La mia attenzione era ora focalizzata sulla registrazione degli avannotti e del loro sviluppo. Purtroppo le mie note su questo sono andate perse e proprio la perdita di queste note mi ha spinto a scrivere questo record di riproduzione, in modo che i dati possano essere registrati in modo più permanente!

Gli avannotti alla nascita sono grandi e molto colorati. Le dimensioni degli avannotti di Sphaerichthys osphromenoides misurate da H.Linke erano comprese tra 6,5 mm e 6,9 mm e sebbene non avessi misurato i miei pesci, sarei d'accordo con questo dimensionamento per i miei pesci. Gli avannotti sono di colore marrone scuro screziato con una fascia color crema sul retro del corpo.

Avannotto di Sphaerichthys selatanensis appena nato - Foto © Ste Chester

Hanno accettato subito cibi vivi e i miei si cibavano di naupli di artemia e microworm appena nati. Sono stati spostati in un contenitore di plastica più piccolo, da 3 litri, poiché mi piace tenere gli avannotti molto vicini al cibo per le prime settimane.

Giovani avannotti di Sphaerichthys selatanensis in nuoto libero - Foto © Ste Chester

Ovviamente in un volume d'acqua così ridotto, sono essenziali un'attenta alimentazione e cambi giornalieri; cambiavo il 95% di acqua ogni giorno e sostituivo con acqua di rubinetto precondizionata e riscaldata. Pulivo anche la base e i lati di questi contenitori di plastica per ridurre lo sporco e l'accumulo di batteri.

Due avannotti di Sphaerichthys selatanensis visti da sopra - Foto © Ste Chester

In queste condizioni gli avannotti sono cresciuti molto rapidamente e nel giro di 3 settimane hanno sviluppato la forma corporea dei Gourami adulti, e li ho spostati in un acquario più grande, con un filtro a spugna, 45x25x25, che conteneva circa 20 litri di acqua. Ancora una volta hanno continuato a crescere e svilupparsi e nel giro di un mese sono diventati versioni in miniatura dei genitori, completi di colorazione e disegno della livrea del corpo.

Avannotti di Sphaerichthys selatanensis ad un mese di età - Foto © Ste Chester

Una brutta "mossa"!

Nel giro di 3 mesi i pesci erano grandi e sani, ma sfortunatamente in questa fase abbiamo cambiato casa, e gli unici pesci che ho perso, durante il lungo giorno del trasloco, sono stati la maggior parte del Gourami cioccolato e i miei Taeniacara candidi, i due pesci più amati nella mia stanza dei pesci!!

Sono riuscito a salvare qualche gourami cioccolato, ma lo stress del trasloco e i problemi associati ad uno spostamento completo di tutta una stanza di pesci erano troppi e ho perso i pesci rimanenti nelle settimane successive!

Un giovane avannotto di Sphaerichthys selatanensis di circa due mesi di età - Foto © Ste Chester

Sommario

Purtroppo non ho mai più visto questa specie importata di nuovo. Non appena li troverò, li comprerò di nuovo e proverò a riprodurli di nuovo.

Spero che questo articolo possa incoraggiare più riproduttori di questa specie. Sono passati 150 anni da quando Sphaerichthys osphromenoides è stato scoperto per la prima volta, ci sono voluti 40 anni per dimostrare al 100% il modo in cui si riproducono e altri 40 anni per avere delle foto degli avannotti.

Testo originale in inglese e foto © Ste Chester

Per approfondire:

Come avviene la riproduzione in acquario dei Betta splendens, i pesci combattenti, e come riuscire a far crescere gli avannotti

Descrizione particolareggiata della riproduzione degli Sphaerichthys osphromenoides, con molte utili indicazioni per riuscire a stimolare la deposizione e a far crescere gli avannotti con successo - tratto e tradotto da un articolo di Xema

Come favorire e ottenere la riproduzione in acquario dei pesci del gruppo dei labirintidi e come far crescere gli avannotti con successo

Esperienza di allevamento e riproduzione di questi gourami, che nonostante siano molto più adatti dei loro cugini Trichogaster lalius all'allevamento in acquario, sono molto rari da trovare in commercio - tratto e tradotto da un articolo di Twyla Lindstrom-Peters

Introduzione all'allevamento dei Betta splendens. Come farli riprodurre e come far crescere gli avannotti - tratto e tradotto da un articolo di Bob Berdoulay

Racconto di un'esperienza personale nell'allevamento e riproduzione dei piccoli Colisa chuna, ora Trichogaster chuna. Consigli e suggerimenti su come far crescere con successo i piccoli avannotti - tratto e tradotto da un articolo di Twyla Lindstrom-Peters

Consigli e suggerimenti su come alimentare e far crescere con successo i piccoli avannotti di Betta e Gourami - tratto e tradotto da un articolo di Kevin Thurston

Racconto di un'esperienza personale della riproduzione dei Gourami nani, Trichogaster lalius ex Colisa lalia, e nella crescita degli avannotti - tratto e tradotto da un articolo di Malakye

Consigli e suggerimenti per l'allevamento e la riproduzione degli ex Colisa lalia

Riferimenti & Link

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Taxa principali

Golden chocolate goaurami

Specie dalle caratteristiche simili al 'gourami cioccolato' ma che è molto difficile da trovare in commercio.

Dimensioni max: 4,6 cm SL
Temperatura: 24 - 26°C
Chocolate gourami

Il 'gourami cioccolato' ha una splendida livrea e comportamenti interessanti, ma non è facile da trovare in commercio e soprattutto non è facile da allevare in acquario, perché ha esigenze e richieste specifiche

Dimensioni max: 6.0 cm TL
Aspettativa di vita: 5 - 6 anni
Temperatura: 24 - 27°C
Crossband Chocolate Gourami

Specie che si trova solo occasionalmente in commercio, ha caratteristiche e difficiltà di allevamento comparabili a quelli del più famoso parente, il gourami ciooccolato Sphaerichthys osphromenoides.

Dimensioni max: 4.0 cm SL
Aspettativa di vita: 5 - 6 anni
Temperatura: 25 - 30°C
Vaillant's Chocolate Gourami

Una splendida specie di gourami cioccolato, che ha esigenze d'allevamento imprescindibili perché rimangano in salute

Dimensioni max: 4 cm SL
Temperatura: 22 - 28°C