Attenzione

Xenomystus nigri

(Günther, 1868)

E' la più piccola specie di pesce coltello che si possa allevare in acquario, naturalmente dalle dimensioni adeguate, viste le dimensioni da adulta, ed è molto resistente

Xenomystus nigri in acquario

Nome comune
African knifefish, Pesce coltello africano
Aspettativa di vita
10 - 15 anni
Dimensioni massime in natura

30 cm SL

La specie Xenomystus nigri originariamente era classificata nel genere Notopterus ed è stata riclassificata nel genere attuale nel 1984. Attualmente è l'unica specie descritta di Xenomystus e ha diverse caratteristiche interessanti. La vescica natatoria è particolarmente adatta per agire come un organo di respirazione accessorio, in un modo molto simile a quella dei Polypteridae. Deve periodicamente, salire in superficie per prendere una boccata d'aria, spesso emettendo un suono simile ad un campanello quando lo fa.

Xenomystus nigri viene spesso confuso con un'altra specie, simile d'aspetto ma molto più aggressiva, il pesce coltello asiatico Notopterus notopterus. Tuttavia le due specie possono essere distinte facilmente, in quanto a Xenomystus nigri manca la pinna dorsale, che è presente invece nella specie asiatica.
Come altri membri della famiglia Notopteridae, questa specie differisce dai pesci coltello dell'ordine dei Gymnotiformi dal fatto che le pinne anale e caudale sono fuse insieme in una lunga pinna ondulata, che corre lungo la parte inferiore del pesce.

Per quanto riguarda il suo allevamento in acquario, vale la pena ricordare che questa è una specie senza squame, per cui è molto sensibile ad eventuali farmaci che vengano aggiunti all'acquario. Vanno dimezzate la dose di qualsiasi trattamento sia richiesto nell'acquario, e va evitato anche l'uso del sale.

E' un pesce coltello ideale per i principianti, in quanto è la più piccola specie che si possa allevare in acquario (dalle dimensioni adeguate, vedi sotto) ed è molto resistente. Può essere molto timido quando viene introdotto in un acquario nuovo, in quanto è una specie notturna per natura, ma con il tempo, di solito diventa più audace. L'importante è fornirgli moltissimi nascondigli e ripari, dove possa rifugiarsi quando ne sente il bisogno: solo così si sentirà tranquillo ed uscirà allo scoperto.

Compensa la sua mancanza di colori vivaci con il comportamento interessante e il movimento sinusoidale (si, può effettivamente nuotare all'indietro!). Di solito è abbastanza longevo se allevato correttamente.

Distribuzione

Africa: ampiamente distribuito nell'Africa tropicale, nei bacini di Nilo, Ciad, Niger, Congo e Ogowe. Distribuito anche nei fiumi costieri in Sierra Leone, Liberia, Togo, Benin e Camerun, ma non si trovano né in Costa d'Avorio né in Ghana

LEAST CONCERN

STATO NELLA LISTA ROSSA IUCN:
LEAST CONCERN (minima preoccupazione)

  • African Knifefish: la distribuzione e lo stato della specie in natura, sul sito della IUCN Red List, il più ampio database di informazioni sullo stato di conservazione delle specie animali e vegetali di tutto il mondo.
Habitat

Ambiente: demerso, acqua dolce; clima tropicale.

Si dice che Xenomystus nigri si trovi principalmente in acque calme e tranquille, ricoperte da vegetazione. La considerevole distribuzione naturale, i vari adattamenti biologici e la facilità di riproduzione in cattività sembrano indicare che sia in grado di sopravvivere in un'ampia varietà di condizioni.

Temperatura in natura
22 - 28°C
Valore pH in natura
6.0 - 8.0
Valori acqua in natura
dH range: 5 - 19
Allevamento

Dimensioni minime dell'acquario: 120x45x45h cm dovrebbero essere sufficienti ad ospitare un esemplare per tutta la sua vita, considerando che in acquario rimangono purtroppo più piccoli che in natura.
Idealmente l'acquario dovrebbe contenere alcune aree fittamente piantumate, ed è necessario fornire scarsa illuminazione, utilizzando anche tante piante galleggianti per schermare la luce. Possono essere utilizzati vasi di argilla, pietre lisce e pezzi di legno per creare grotte e cavità in cui il pesce può cercare rifugio.
Si potrebbe anche allestire un acquario simile al biotopo naturale, utilizzando specie vegetali africane come le Anubias, attaccate a pezzi di legno, che hanno anche il vantaggio di sopravvivere nelle condizioni di poca luce preferite da questo pesce coltello. Un substrato di sabbia soffice è quello più adatto a questo tipo di allestimento, sul quale possono essere sparse un po' di foglie secche di quercia, faggio o mandorlo indiano, per dare un aspetto davvero autentico.

L'importante è fornire tantissimi ripari e zone d'ombra in cui possa rimanere appartato e nascosto, in quanto è una specie notturna e schiva, in particolare non appena viene inserita in un acquario nuovo. Fornire nascondigli e ripari consentirà al pesce di sentirsi protetto e di uscire più facilmente allo scoperto.

Tenere questi pesci in un acquario spoglio, senza ripari, solo per poterli vedere tutto il tempo, è semplicemente CRUDELE.
I pesci vanno allevati rispettando le loro esigenze, non le nostre, e i pesci che girano spaventati da una parte all'altra dell'acquario in cerca di un rifugio sono sì visibili, ma sono pesci enormemente stressati, destinati ad ammalarsi e a morire molto prima del tempo a causa del malessere e dello stress. Con tanti ripari e nascondigli a disposizione invece i pesci si sentiranno tranquilli e al sicuro, e usciranno allo scoperto molto più spesso, perché avranno la sicurezza che in caso di necessità potranno ripararsi dove vogliono.

Comportamento e compatibilità: Xenomystus nigri non va allevato con nessun pesce così piccolo da essere considerato cibo. Buone scelte come compagni di vasca possono essere i caracidi più grandi, ciclidi pacifici di medie dimensioni, pesci farfalla e pesci gatto, come Synodontis, Brochis e altri grandi loricaridi.
Da giovane può essere allevato in gruppo, ma maturando diventa sempre più territoriale, in particolare verso i conspecifici, per cui per mantenere un gruppo di adulti ci vorrebbe un acquario relativamente più grande.

Temperatura in acquario

23 – 28°C

Valori acqua in acquario
pH: 5.8 – 7.5
Durezza: 1-20°H
Alimentazione

Come tutti i Notopteridi, anche Xenomystus nigri è prevalentemente un predatore piscivoro. In acquario bisogna tenere conto che, mentre si adatta facilmente ad essere alimentato con cibo vivo e/o congelato, in genere si ha meno fortuna con il mangime secco, alcuni esemplari però riescono con pazienza ad essere abituati ad accettarlo. Si consiglia comunque una dieta varia, tra cui chironomus, gamberi, cozze tritate, lombrichi, pellet per pesci carnivori, ecc.

Dimorfismo sessuale

Le femmine hanno il ventre più gonfio quando sono piene di uova, a parte questo sono difficili da sessuare.

Riproduzione

La riproduzione di Xenomystus nigri si è già verificata in acquario, ma raramente e non sono disponibili molti dettagli. Durante il corteggiamento la coppia produce dei caratteristici suoni simili a latrati. Il maschio quindi si mette a guardia della covata composta da 150-200 uova, che vengono deposte sulla superficie di legni o rocce, e le cura ventilandole con le pinne. A quanto pare, le uova si schiudono entro 10 giorni, e a questo punto il maschio dovrebbe essere rimosso. Gli avannotti devono essere alimentati con naupli d'artemia salina o microworm come primi alimenti.

Riferimenti & Link
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.
Hermione e Barney dimostrano il perché gli Ancistrus sono molto più adatti per la media degli acquari rispetto ai pleco comuni, Pterygoplichthys pardalis (Injaf)

Questo articolo ci porta attraverso alcune delle specie più popolari disponibili in commercio e soprattutto offre suggerimenti per alternative che hanno più probabilità di essere allevate con successo nella media degli acquari domestici - tratto e tradotto da un articolo di Injaf