Informazioni e notizie sulla tassonomia e sulle specie comprese nel genere

Acorus gramineus in natura, lungo il percorso del Jinlan Ancient Trail in Cina - Foto © MNXANL (Wikimedia)

Il genere Acorus √® un genere di piante da fiore monocotiledoni. Un tempo collocato all'interno della famiglia Araceae, ma classificazioni pi√Ļ recenti lo collocano come unico genere nella propria famiglia Acoraceae, a sua volta unica famiglia dell'ordine Acorales, rimanendo la pi√Ļ antica linea sopravvissuta di monocotiledoni. Alcuni studi precedenti avevano collocato il genere Acorus in un lignaggio differente, l'ordine Alismatales, che comprende anche le famiglie Araceae, Tofieldiaceae e diverse altre famiglie di monocotiledoni acquatiche come Alismataceae e Posidoniaceae. Tuttavia, i moderni studi filogenetici hanno dimostrato che Acorus √® un gruppo affine a tutte le altre monocotiledoni.

Il nome 'acorus' deriva dalla parola greca 'acoron', nome usato da Dioscoride, che a sua volta derivava da 'coreon', che significa 'pupilla', perché era usato in erboristeria come cura per l'infiammazione del occhio.

Caratteristiche

I fiori poco appariscenti sono disposti su uno spadice laterale (un asse carnoso ispessito). A differenza delle specie della famiglia Araceae, non c'√® spata (grande brattea, che racchiude lo spadice). Lo spadice √® lungo 4-10 cm ed √® racchiuso dal fogliame. La brattea pu√≤ essere dieci volte pi√Ļ lunga dello spadice. Le foglie sono lineari a margine intero.¬†

Tassonomia

Sebbene la famiglia delle Acoraceae sia stata originariamente descritta nel 1820, il genere Acorus era tradizionalmente incluso nelle Araceae nella maggior parte dei sistemi di classificazione, come nel sistema Cronquist. La famiglia Acoraceae è stata recentemente resuscitata poiché studi sistematici molecolari hanno dimostrato che Acorus non è strettamente imparentato con le Araceae o qualsiasi altra famiglia di monocotiledoni, portando i sistematici delle piante a collocare il genere e la famiglia nel proprio ordine. 

Questa collocazione attualmente manca del supporto dei tradizionali studi sulla morfologia delle piante, e alcuni tassonomi la collocano ancora come una sottofamiglia delle Araceae, nell'ordine Alismatales. Il sistema APG III e IV riconosce l'ordine Acorales, distinto dagli Alismatales, e come gruppo gemello di tutti gli altri monocotiledoni. Questa relazione √® confermata da studi filogenetici pi√Ļ recenti.

Nella letteratura pi√Ļ antica e su molti siti web c'√® ancora molta confusione, con il nome Acorus americanus considerato talvolta specie a s√© stante, talvolta una sottospecie di Acorus calamus, Acorus calamus var. americanus). A partire da luglio 2014, la Kew Checklist accetta solo 2 specie, una delle quali ha tre variet√† accettate:

  1. Acorus calamus L.    
    triploide sterile (3n = 36); probabilmente di origine coltivata. √ą originario dell'Europa, dell'India temperata e dell'Himalaya e dell'Asia meridionale, ampiamente coltivato e naturalizzato altrove
    1. Acorus calamus var. angustatus Besser  
      Siberia, Cina, Estremo Oriente russo, Giappone, Corea, Mongolia, Himalaya, Subcontinente indiano, Indocina, Filippine, Indonesia 
    2. Acorus calamus var. calamus  
      Siberia, Estremo Oriente russo, Mongolia, Manciuria, Corea, Himalaya; naturalizzato in Europa, Nord America, Giava e Nuova Guinea 
    3. Acorus calamus var. americanus 
      Canada, Stati Uniti settentrionali, regione russa della Buriazia
  2. Acorus gramineus Sol. ex Aiton  
    diploide fertile (2n = 18); - Cina, Himalaya, Giappone, Corea, Indocina, Filippine, Primorye

 

Il genere Acorus è originario del Nord America e dell'Asia settentrionale e orientale, e si è naturalizzato nell'Asia meridionale e in Europa da antiche coltivazioni. Le popolazioni selvatiche conosciute sono diploidi ad eccezione di alcuni tetraploidi nell'Asia orientale, mentre le piante coltivate sono triploidi sterili, probabilmente di origine ibrida tra le forme diploidi e tetraploidi.

Le piante del genere Acorus si trovano nelle zone umide, in particolare negli acquitrini, dove si diffondono per mezzo di fitti rizomi. Come molte altre piante palustri, dipendono dall'aerenchima per trasportare l'ossigeno alla zona di radicazione. Si trovano frequentemente sulle coste e nelle pianure alluvionali dove i livelli dell'acqua fluttuano stagionalmente. 

La specie Acorus calamus var. americanus, nativa del Nord America, appare in molti studi ecologici. Rispetto ad altre specie di piante delle zone umide, ha una capacit√† competitiva relativamente elevata. Sebbene molte piante palustri accumulino grandi banchi di semi sepolti, i banchi di semi di Acorus potrebbero non accumularsi in alcune zone umide a causa della scarsa produzione di semi. I semi sembrano essere adattati a germinare nelle radure; dopo un periodo di conservazione al freddo, i semi germineranno dopo sette giorni di luce con temperatura variabile, e un po' pi√Ļ a lungo a temperatura costante. Uno studio comparativo dei suoi tratti biologici lo ha classificato come "erba interstiziale", cio√® una specie che ha una forma di crescita fitta e tende ad occupare gli spazi vuoti nella vegetazione palustre, non diversamente dall'Iris versicolor.

Taxa principali

Nonostante venga spesso venduta come pianta per acquario, è una pianta palustre che completamente sommersa muore dopo pochi mesi.

Riferimenti & Link

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere... 
i messaggi pi√Ļ interessanti tratti da it.hobby.acquari

Collegamenti taxa

Aggiungi un commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Per saperne di pi√Ļ...

Madan e i suoi amici in un'estenuante viaggio nel weekend alla ricerca dell'inafferrabile Sahyadria denisonii (ex Puntius denisonii), una splendida specie del cui habitat si conosce pochissimo. La descrizione particolareggiata del loro ambiente e le belle foto sono tra le pochissime, forse uniche, che si trovano in rete su questa specie - tratto e tradotto da un articolo di Madan Subramanian

Smaltiamo responsabilmente le potature

Spesso sentiamo parlare di pesci e piante che sono sfuggiti in natura e che stanno soffocando le specie autoctone, cambiando le dinamiche e in alcuni casi distruggendo gli ecosistemi naturali. Sono molte purtroppo le piante acquatiche che si sono rivelate infestanti per sistemi che non contemplavano la loro presenza, e fanno danni tali da essere finite nelle liste nere di vari stati, che ne hanno vietato vendita e importazione.

Siamo sicuri come acquariofili di non essere responsabili dell'introduzione di piante in un ambiente che non è il loro? Che fine fanno le potature delle piante nei nostri acquari?

Smaltiamo responsabilmente le potature, cercando di evitare il pi√Ļ possibile che possano contaminare l'ambiente circostante, mettendole ad esempio in un contenitore e aspettare che siano completamente secche prima di buttarle nell'umido, dove dovrebbero poi essere correttamente smaltite. Si possono utilizzare vari altri metodi, l'importante √® pensarci, tenere sempre presente che stiamo allevando pesci e coltivando piante che potrebbero provocare gravi danni se riuscissero a propagarsi nel nostro ambiente.

Offerte di Amazon