Meglio conosciuto con il vecchio nome di Echinodorus cordifolius, è una pianta acquatica e palustre molto grande, non adatta agli acquari piccoli, e che tende a fare uscire le foglie dall'acqua

Aquarius cordifolius 'Fluitans' (ex Echinodorus cordifolius) in acquario - Foto © Tropica.com

Echinodorus cordifolius

Dal 2018 Christenh. & Byng hanno istituito il nuovo genere Aquarius, nella famiglia Alismataceae, che comprende molte delle piante, acquatiche e non, che appartenevano al genere Echinodorus

La pianta acquatica Echinodorus cordifolius si chiama oggi Aquarius cordifolius ed è una specie molto variabile dell'ordine Alismatales originaria del Messico, America centrale, Sud America (fino al Paraguay meridionale) e Stati Uniti sudorientali (dal Texas alla Florida e al nord dello Iowa). Ha una crescita relativamente rapida, ed adatta agli acquari di grandi dimensioni, perché le foglie raggiungono i 20-50 cm e il rosone diventa largo 15-30 cm. La specie fu descritta da Linné nel 1753 come Alisma cordifolium, il nome specifico si riferisce alla forma della foglia (cordifolius = "foglie a cuore"), anche se ci sono molte altre specie di Echinodorus con foglie a forma di cuore. 

Questa grande pianta palustre si trova per lo più a crescere emersa in paludi, stagni, fossi o nelle acque poco profonde delle sponde dei laghi. A seconda dell'autore, Echinodorus ovalis ed Echinodorus fluitans sono considerati sinonimi di Echinodorus cordifolius o ne sono divisi come specie separate. Le forme tipiche di Echinodorus cordifolius trovate negli Stati Uniti meridionali sono piante alte con foglie larghe a forma di cuore. Ma ci sono anche popolazioni con lame fogliari da ovali strette a lanceolate. All'interno del genere Echinodorus, Echinodorus cordifolius è più strettamente correlato a specie diverse come Echinodorus paniculatus, Echinodorus uruguayensis, Echinodorus reptilis e il gruppo di specie Echinodorus grandiflorus.

Echinodorus cordifolius è una delle piante d'acquario "più longeve" ed è anche conosciuta in acquariofilia con il sinonimo Echinodorus radicans. La sua idoneità per gli acquari è limitata dal fatto che tende più o meno a crescere fuori dall'acqua con foglie emerse a picciolo lungo. Apparentemente sono vendute come Echinodorus cordifolius diverse piante. Alcune hanno foglie sommerse più rotonde e cuoriformi, mentre altri hanno foglie sommerse più allungate con una base appena cuoriforme. Alcune piante etichettate come Echinodorus cordifolius sembrano essere Echinodorus floribundus, anch'essa con foglie grandi, larghe, a forma di cuore. Echinodorus cordifolius differisce da Echinodorus floribundus per le infiorescenze che giacciono subito dopo la germinazione e sviluppano sempre piante avventizie (rimangono erette più a lungo in Echinodorus floribundus), per i peduncoli fiorali per lo più più lunghi (fino a circa 8 cm) e per la forma dei segni traslucidi nel tessuto fogliare (linee e punti in Echinodorus cordifolius, punti in Echinodorus floribundus). Non è inoltre da escludere che vengano venduti con l'etichetta Echinodorus cordifolius degli ibridi di Echinodorus. 

Aquarius cordifolius (ex Echinodorus cordifolius) nel giardino botanico di Berlino - Foto © Alorin (Wikimedia)

Coltivazione

Facilmente coltivabile in acque da neutre a tenere e temperature da tropicali a subtropicali. Substrato ricco e buona luce. E' molto comune da trovare nel commercio di piante da acquario. Le piante emerse producono facilmente fiori e semi, ma possono essere coltivate anche sommerse. La maggior parte delle piante vendute viene da coltivazione commerciale, spesso in idroponica, per cui è facile che, una volta sommerse, le foglie presenti muoiano prima che si sviluppino foglie sott'acqua. In acquario può essere coltivata sullo sfondo come pianta solitaria e scenografica.

Diventa presto troppo grande per gli acquari più piccoli, ma rimuovere le foglie galleggianti contribuirà a mantenerla più piccola. Ha bisogno di un acquario grande e profondo per crescere correttamente. Ama molta luce, e l'aggiunta di CO2 aiuta una crescita più forte. Per una crescita ottimale è necessario un substrato ricco di nutrienti, la pianta sviluppa un imponente apparato radicale. Se coltivata emersa è soggetta agli attacchi degli afidi. E' molto adattabile per quanto riguarda i valori dell'acqua, anche se ama temperature da acquario tropicale, può essere coltivata in vasche all'aperto o in laghetto solo nei paesi più caldi, non tollera il gelo.

L'idoneità dell'acquario di Echinodorus cordifolius varia a seconda della popolazione. Sotto luce intensa, illuminazione diurna e abbondante apporto di nutrienti, le piante generalmente tendono a formare foglie aeree galleggianti e sporgenti mentre le foglie sommerse muoiono. In alcune forme di Echinodorus cordifolius ciò avviene molto presto; tali piante sono più adatte per vasche aperte. Altre popolazioni sono più facili da tenere sott'acqua. Per la coltivazione sommersa, si consiglia l'illuminazione diurna breve (oscurità notturna consecutiva superiore a 12 ore) e la rimozione delle foglie a gambo lungo. Le infiorescenze con piante avventizie si sviluppano principalmente su piante emerse.

Fiore di Aquarius cordifolius (ex Echinodorus cordifolius) - Foto © PEAK99 (Wikimedia)

La distribuzione nativa di questa specie va dagli Stati Uniti centrali e sudmeridionali ai Caraibi, dal Messico orientale al Venezuela. È una elofita e cresce principalmente nel bioma subtropicale. Ha usi ambientali.

Aquarius cordifolius (ex Echinodorus cordifolius) si trova in paludi, lagune, fossati e stagni. Fiorisce tra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno.

Aquarius cordifolius (ex Echinodorus cordifolius) in natura, in una palude americana (Wikimedia)

Tipo: rosetta
Origine: Nord America
Tasso di crescita: medio
Altezza: 20 - 30+
Richiesta di luce: Bassa
CO2: Bassa

Taxa principali

Meglio conosciuto con il vecchio nome di Echinodorus cordifolius, è una pianta acquatica e palustre molto grande, non adatta agli acquari piccoli, e che tende a fare uscire le foglie dall'acqua

Conosciuto ancora come Echinodorus grisebachii 'Amazonicus' o Echinodorus amazonicus, è una delle piante più diffuse e di più facile coltivazione in acquario.

Conosciuto come Echinodorus grisebachii 'Bleherae' o Echinodorus bleheri, diventa molto grande, supera i 60 cm di altezza, per cui non è adatto ad acquari piccoli

Conosciuto come Echinodorus grisebachii 'Parviflorus' o Echinodorus parviflorus, è un echinodorus che rimane leggermente più piccolo degli altri, e non richiede un grande acquario per essere coltivato

Meglio conosciuta con il vecchio nome di Echinodorus uruguayensis o Echinodorus osiris, è una grande e scenografica pianta solitaria, adatta agli acquari più grandi

Riferimenti & Link

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...   
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Collegamenti taxa

Aggiungi un commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Per saperne di più...

Aquarius cordifolius 'Fluitans' (ex Echinodorus cordifolius) - Foto © Tropica.com

Smaltiamo responsabilmente le potature

Spesso sentiamo parlare di pesci e piante che sono sfuggiti in natura e che stanno soffocando le specie autoctone, cambiando le dinamiche e in alcuni casi distruggendo gli ecosistemi naturali. Sono molte purtroppo le piante acquatiche che si sono rivelate infestanti per sistemi che non contemplavano la loro presenza, e fanno danni tali da essere finite nelle liste nere di vari stati, che ne hanno vietato vendita e importazione.

Siamo sicuri come acquariofili di non essere responsabili dell'introduzione di piante in un ambiente che non è il loro? Che fine fanno le potature delle piante nei nostri acquari?

Smaltiamo responsabilmente le potature, cercando di evitare il più possibile che possano contaminare l'ambiente circostante, mettendole ad esempio in un contenitore e aspettare che siano completamente secche prima di buttarle nell'umido, dove dovrebbero poi essere correttamente smaltite. Si possono utilizzare vari altri metodi, l'importante è pensarci, tenere sempre presente che stiamo allevando pesci e coltivando piante che potrebbero provocare gravi danni se riuscissero a propagarsi nel nostro ambiente.

Offerte di Amazon