Una Hygrophila del tutto particolare, con le foglie insolite e che può crescere attaccata a rocce e legni

Hygrophila pinnatifida in acquario - Foto © Aram Schneider (Flowgrow.de)

La Hygrophila pinnatifida è un'insolita specie acquatica endemica dell'India della famiglia Acanthaceae. Abita i corsi d'acqua nella zona costiera occidentale ai piedi dei Ghati occidentali (Maharashtra, Goa, Karnataka, Tamil Nadu), ma è anche registrata nello stato dell'India settentrionale dell'Uttar Pradesh.
Hygrophila pinnatifida è noa alla scienza da oltre 150 anni, la specie è stata descritta da Dalzell come Nomaphila pinnatifida nel 1851 e collocata nel genere Hygrophila da Sreemadhavan nel 1969. E' stata però coltivata come pianta da acquario solo dall'inizio del 2008. Nel 2010 era ancora relativamente rara, ma alcuni grandi vivai di piante acquatiche l'hanno inserita nel loro assortimento e l'hanno presentata come novità all'Interzoo 2010. Ad oggi è in vendita regolarmente come le altre piante da acquario.

Hygrophila pinnatifida è per molti aspetti diversa dalle altre specie del genere Hygrophila coltivate in acquario in precedenza. Le foglie sono da pinnate a lobate sia nella forma terrestre che sommersa e quindi hanno un aspetto estremamente ornamentale. Le foglie sommerse hanno anche una colorazione molto particolare, che ricorda alcune Cryptocoryne: dal marrone cuoio al verde oliva nella parte superiore con segni giallo chiaro sui rami delle nervature laterali dalla nervatura centrale, rosso bordeaux nella parte inferiore.

Hygrophila pinnatifida sviluppa sia germogli eretti sia germogli striscianti sommersi, che possono attaccarsi a pietre o legni con le radici. Alla fine di questi germogli, spesso ramificati, si sviluppano germogli eretti, che possono anche rimanere a lungo tozzi come rosette. Gli steli sono di colore marrone e di consistenza dura. I germogli emersi crescono eretti e sono ricoperti di peli ghiandolari. Le foglie emerse sono di colore verde medio e pi√Ļ larghe e pi√Ļ corte di quelle sommerse, facendo apparire la pianta meno appariscente nella forma terrestre che nella forma subacquea. I fiori si sviluppano ai nodi nella parte superiore dello stelo.

Hygrophila pinnatifida cresce anche con livelli di luce medi, ma una luce pi√Ļ intensa contribuisce a una crescita compatta. Questa pu√≤ anche essere promossa potando le punte dei germogli. Si raccomanda un buon apporto di nutrienti e CO2. Sembra che questa specie di Hygrophila possa sviluppare rapidamente una carenza di potassio, che si manifesta in piccoli fori simili a punture di spillo nelle foglie pi√Ļ vecchie. La scelta del substrato sembra essere di secondaria importanza.
La pianta forma un apparato radicale piuttosto piccolo, non molto profondo. Come si può notare tirandole fuori dal substrato, le radici si attaccano ai granelli di sabbia e ghiaia.

Per la propagazione √® meglio utilizzare i germogli laterali simili a stoloni, √® stato osservato che le talee delle punte dei fusti eretti si sviluppano male. Le piante precoltivate gi√† radicate si insediano pi√Ļ velocemente nell'acquario rispetto alle propaggini senza radici. Come con altre specie di Hygrophila si possono formare germogli avventizi con radici sulle foglie spezzate che galleggiano nell'acqua.

Il tasso di crescita è molto diverso a seconda delle condizioni e dello stadio di sviluppo della pianta. Con un'illuminazione moderata e un apporto limitato di nutrienti e CO2, cresce e si moltiplica piuttosto lentamente, mentre sotto una luce intensa e un ampio apporto di macronutrienti e CO2, i germogli eretti di piante vigorose possono arrivare alla superficie abbastanza rapidamente. Probabilmente in vasche crescerebbero fuori dall'acqua aperte e fiorirebbero. 

Hygrophila pinnatifida può essere anche coltivata emersa, su substrato umido con buona illuminazione e apporto di nutrienti. In questo caso la pianta cresce eretta e ha peli ghiandolari. Se coltivate alla luce del giorno, le piante fioriscono principalmente in primavera.

Questa specie unica di Hygrophila probabilmente sta meglio in piccoli gruppi come punto focale nel mezzo dell'acquario, su uno sfondo calmo dove la sua forma distintiva delle foglie e il suo colore entrino in gioco. Soprattutto con la sua crescita tozza simile a una rosetta, ha un aspetto in qualche modo simile a una felce. Le giovani piante ancora corte possono essere utilizzate come gruppo in primo piano o come trespoli su roccia. Una potatura regolare può mantenere il cespuglio molto basso e compatto.
La sua particolare forma delle foglie offre un ampio ventaglio di possibilità per l'aquascaping, e ci sono opzioni ancora poco esplorate, soprattutto per quanto riguarda la sua capacità di attaccarsi alle rocce e ai legni con le sue radici.

Hygrophila pinnatifida radicata su legno - Foto © Acquarioincasa.it

L'areale nativo di questa specie è l'India. Cresce principalmente nel bioma tropicale umido.

Taxa principali

E' una pianta asiatica facile, con poche esigenze, molto adatta ai principianti. In acquario cresce velocemente buttando foglie verdi, lunghe e larghe, crescendo in altezza molto rapidamente

Una varietà di Hygrophila corymbosa con internodi cortissimi, il che la rende molto bassa e folta

Una delle tante forme di Hygrophila corymbosa, è nota da tempo in acquariofilia per la sua robustezza e adattabilità, cresce velocemente e con mote ramificazioni

Ha una crescita esplosiva anche se non in ottime condizioni, tanto che deve essere tenuta sotto controllo perché non diventi invasiva. Si adatta anche all'acqua salmastra, ed ha la caratteristica di avere un notevole dimorfismo delle foglie tra la forma emersa e quella sommersa.

Una Hygrophila del tutto particolare, con le foglie insolite e che può crescere attaccata a rocce e legni

Di facile reperibilità in tutte le sue innumerevoli varianti, non è molto appariscente ma cresce molto velocemente

Pianta poco impegnativa, √® una delle rosse pi√Ļ facili da coltivare in acquario e dalla crescita pi√Ļ veloce

Riferimenti & Link

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere... 
i messaggi pi√Ļ interessanti tratti da it.hobby.acquari

Collegamenti taxa

Aggiungi un commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Per saperne di pi√Ļ...

Hygrophila pinnatifida in acquario - Foto © Tropica.com

Smaltiamo responsabilmente le potature

Spesso sentiamo parlare di pesci e piante che sono sfuggiti in natura e che stanno soffocando le specie autoctone, cambiando le dinamiche e in alcuni casi distruggendo gli ecosistemi naturali. Sono molte purtroppo le piante acquatiche che si sono rivelate infestanti per sistemi che non contemplavano la loro presenza, e fanno danni tali da essere finite nelle liste nere di vari stati, che ne hanno vietato vendita e importazione.

Siamo sicuri come acquariofili di non essere responsabili dell'introduzione di piante in un ambiente che non è il loro? Che fine fanno le potature delle piante nei nostri acquari?

Smaltiamo responsabilmente le potature, cercando di evitare il pi√Ļ possibile che possano contaminare l'ambiente circostante, mettendole ad esempio in un contenitore e aspettare che siano completamente secche prima di buttarle nell'umido, dove dovrebbero poi essere correttamente smaltite. Si possono utilizzare vari altri metodi, l'importante √® pensarci, tenere sempre presente che stiamo allevando pesci e coltivando piante che potrebbero provocare gravi danni se riuscissero a propagarsi nel nostro ambiente.

Offerte di Amazon