Pianta dal colore verde fresco, compatta e resistente, adatta al primo piano dell'acquario.

Staurogyne repens in acquario

Ebermaiera repens

3 - 10+ cm

La Staurogyne repens è una pianta della famiglia delle Acanthaceae, originaria del Brasile e della Guyana. In passato era conosciuta come Staurogyne spec., o Staurogyne sp. "Rio Cristallo". Nel 2010 il Dr. Dieter C. Wasshausen (Smithsonian Institution, Washington) ha identificato le piante da fiore erbarizzate da Christel Kasselmann come Staurogyne repens (Nees) Kuntze. Le piante da acquario di questa specie provengono dal Rio Cristalino nello stato federale del Mato Grosso in Brasile. La pianta è stata trovata mentre cresceva sopra e tra le rocce sulla riva del fiume dalla corrente veloce, principalmente al di sopra della linea di galleggiamento e in pieno sole. Nel maggio 2008, Staurogyne repens è stata presentata come nuova pianta da acquario (allora come Staurogyne spec.) durante la fiera Interzoo di Tropica

Recentemente, questa pianta è stata anche offerta erroneamente come Staurogyne sp. 'Porto Velho'. In realtà 'Porto Velho' è sicuramente un'altra forma di Staurogyne, finora coltivata solo raramente in Europa. Staurogyne repens non è nemmeno identica a Staurogyne sp. 'Low Grow', varietà che non è stata ancora del tutto identificata. È ben nota negli Stati Uniti, ma potrebbe non essere ancora coltivata in Europa. La sua forma fogliare è più allungata di quella di Staurogyne repens, e diventa nettamente più grande sia di Staurogyne repens che di Staurogyne sp. 'Porto Velho' se coltivata nelle stesse condizioni.

Coltivazione

Staurogyne repens si è rivelata una pianta da acquario eccellente, moderatamente esigente e altamente versatile poco dopo la sua introduzione. Forma tappeti a fitti cespugli ed è diventata una pianta spesso utilizzata come pianta da aquascaping negli acquari tropicali, dove cresce come un tappeto verde brillante. Staurogyne repens è una pianta dal colore verde fresco, compatta e resistente, adatta al primo piano dell'acquario. La sua parente più vicina è l'Hygrophila, ma Staurogyne se ne differenzia per le dimensioni compatte, per l'essere più bassa e cespugliosa (5-10 cm d'altezza). Ha una crescita relativamente lenta, ma  per il commercio viene prodotta in gran numero mediante propagazione in vitro. 

I fusti della forma emersa di Staurogyne repens sono di colore bruno-rossastro, solidi e ricoperti da una fitta peluria. Quelli della forma sommersa sono principalmente verdi e hanno solo pochi peli. I germogli possono crescere con un aspetto strisciante o eretto, e fortemente ramificati. Le foglie alterne sembrano abbastanza simili a quelle di Hygrophila polysperma. La loro forma emersa è di colore verde medio, quella sommersa di colore da verde chiaro a giallastro.  
La forma delle foglie può variare notevolmente su una singola pianta: ovale, ovale o lanceolata. Le foglie sommate possono raggiungere una lunghezza fino a 4,5 cm e una larghezza di poco superiore a 1 cm. 

Si consigliano una luce piuttosto forte, l'aggiunta di CO2 e un'acqua da tenera a mediamente dura, così come temperature comprese tra 20 e 30°C e un substrato ricco di sostanze nutritive, dove la pianta può sviluppare un fitto apparato radicale. In condizioni di luce troppo scarsa, la pianta tende a eziolare, cioè gli steli formano internodi più lunghi e sviluppano un portamento piuttosto eretto. La coltivazione emersa è piuttosto facile su un substrato umido, e sotto molta luce e con temperature calde Staurogyne repens forma presto fiori con brattee densamente irsute e fiori bianchi.  
Staurogyne repens si annida letteralmente nelle fessure delle formazioni rocciose o si insinua verso il basso da luoghi più alti, il che ricorda allo spettatore l'abitudine di crescita delle piante a cuscino in montagna. La sua idoneità è possibile grazie al fatto che questa è esattamente la sua naturale abitudine di crescita nelle rocce sulle sponde dei fiumi brasiliani.

Staurogyne repens viene solitamente venduta nella sua forma emersa, con steli sia eretti che striscianti. Per favorire una crescita bassa, simile a un tappeto e strisciante, vanno tagliati tutti i gambi lunghi e verticali ad un'altezza massima di 5 cm prima di piantarla in acquario. Si possono utilizzare gli steli recisi per propagare la pianta, facendo talee che possono essere piantate nel substrato a brevi distanze. Staurogyne repens si forma bene per potatura, e la sua crescita compatta e i suoi fusti solidi ramificati alla base la fanno sembrare un arbusto che si allarga. 
I germogli appena piantati crescono principalmente in modo strisciante e simile a un tappeto all'inizio, ma possono anche formare steli eretti, specialmente se il gruppo diventa più fitto nel tempo. Per far sì che Staurogyne repens continui a crescere bassa e simile a un tappeto, vanno tagliati selettivamente gli steli più lunghi. Questo metodo favorisce anche la ramificazione. E' anche possibile comunque tagliare l'intero gruppo se è cresciuto più in alto di quanto originariamente desiderato. La pianta lancerà molti germogli laterali dai restanti ceppi di stelo senza foglie. Se si vuole che formi un cespuglio più alto e denso, si possono semplicemente lasciare crescere gli steli eretti. Questo cespuglio può essere potato a piacere come una siepe. 

Staurogyne repens è una grande pianta tappezzante, che ricopre il suolo con foglie verde chiaro, relativamente grandi, o forma ampi cespugli a crescita bassa nella parte anteriore e intermedia, ed è una buona pianta vicina per altre piante a crescita bassa che contrastano nella tessitura e colore. Mostra il suo pieno potenziale negli aquascaping se combinata con il corrispondente hardscape, come ad es. nei layout in stile Iwagumi. È ideale per chiudere varchi tra grandi rocce con un fresco tappeto vegetale verde, o per formare un cespuglio appoggiato su rocce o legni. 

Watch Staurogyne repens on YouTube.

In questo video di Tropica.com si mostra come togliere la pianta acquatica Staurogyne repens dal vasetto in cui viene venduta e come piantumarla e curarla in acquario - Video © Tropica Aquarium Plants

L'areale nativo di questa specie va dal Brasile alla Guyana. È un arbusto secondario e cresce principalmente nel bioma tropicale umido.

Staurogyne repens nel suo habitat naturale, il fiume Rio Cristalino nel Mato Grosso, nell'Amazzonia meridionale - Foto © Tropica Aquarium Plants

Tipo: stelo
Origine: Sud America
Tasso di crescita: medio
Altezza: 3 - 10+
Richiesta di luce: bassa
CO2: bassa
Riferimenti & Link

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...  
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

Aggiungi un commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Per saperne di più...

Staurogyne repens è una pianta compatta e resistente per il primo piano dell'acquario. E' una stretta parente dell'Hygrophila, se ne differenzia per la struttura compatta, bassa e folta e per le piccole foglie verdi - tratto e tradotto da un articolo di Tropica Aquarium Plants

Staurogyne repens, una pianta verde fresca, compatta e resistente per il primo piano dell'acquario - Foto © Tropica Aquarium Plants

Smaltiamo responsabilmente le potature

Spesso sentiamo parlare di pesci e piante che sono sfuggiti in natura e che stanno soffocando le specie autoctone, cambiando le dinamiche e in alcuni casi distruggendo gli ecosistemi naturali. Sono molte purtroppo le piante acquatiche che si sono rivelate infestanti per sistemi che non contemplavano la loro presenza, e fanno danni tali da essere finite nelle liste nere di vari stati, che ne hanno vietato vendita e importazione.

Siamo sicuri come acquariofili di non essere responsabili dell'introduzione di piante in un ambiente che non è il loro? Che fine fanno le potature delle piante nei nostri acquari?

Smaltiamo responsabilmente le potature, cercando di evitare il più possibile che possano contaminare l'ambiente circostante, mettendole ad esempio in un contenitore e aspettare che siano completamente secche prima di buttarle nell'umido, dove dovrebbero poi essere correttamente smaltite. Si possono utilizzare vari altri metodi, l'importante è pensarci, tenere sempre presente che stiamo allevando pesci e coltivando piante che potrebbero provocare gravi danni se riuscissero a propagarsi nel nostro ambiente.

Offerte di Amazon