(Lour.) H.Hara

Conosciuta anche con il nome errato di Vallisneria asiatica, è una pianta robusta e adatta ai principianti

Vallisneria natans in acquario - Foto © Tropica.com

Vallisneria americana var. biwaensis, Vallisneria asiatica, Vallisneria biwaensis, Vallisneria gigantea, Vallisneria spiraloides, Vallisneria subulispatha

La pianta acquatica Vallisneria natans appartiene alla famiglia Hydrocharitaceae ed è una pianta robusta, adatta ai principianti. Ha foglie fini e strette, larghe 1 cm al massimo, che anche se possono raggiungere i 50-100 cm di lunghezza, non tolgono troppa luce alle altre piante. Si propaga facilmente tramite gli stoloni.

L'azienda Tropica ha commercializzato questa Vallisneria a foglia liscia con il numero 055, originariamente con il nome Vallisneria natans, poi Vallisneria americana (natans), nel 2013 è diventata Vallisneria sp. 'Natans' ed ora semplicemente Vallisneria natans. Secondo le informazioni di Tropica, è originaria del sud-est asiatico e si trova lì in enormi popolazioni sia in acqua stagnante che corrente.

In realtà però le Vallisneria a foglia liscia conosciute in acquariofilia con il nome di Vallisneria natans, potrebbero essere tutta un'altra specie, e la Vallisneria natans non essere mai stata in commercio come pianta d'acquario. 

La specie Vallisneria natans era originariamente stata descritta come Physkium natans, la descrizione originale dà l'Indocina come origine. Lowden, nella sua revisione del 1982 del genere Vallisneria, afferma che il nome è probabilmente un sinonimo di Vallisneria spiralis var. denseserrulata. In realtà nella "Flora della Cina" la Vallisneria natans è trattata come una specie che include la Vallisneria asiatica, conclusione ritenuta valida anche da KEW -Plants Of the World Online. Nel loro lavoro sulla sistematica molecolare, Les & others (2008) distinguono Vallisneria natans e Vallisneria asiatica come specie indipendenti. Con le loro analisi del DNA, hanno anche esaminato varie origini colturali della Vallisneria. Gli autori però non hanno potuto identificare la specie Vallisneria natans tra queste. Hanno identificato una pianta da acquario chiamata "Vallisneria natans" come Vallisneria spiralis. Quindi non ci sono prove che la vera Vallisneria natans sia coltivata come pianta da acquario. 

Comunque quella commercializzata con questo nome come pianta da acquario, può essere coltivata in acquario con la stessa facilità di molte altre Vallisneria. Vallisneria natans è ovviamente una specie molto variabile, perché la lunghezza delle foglie è data da 20 a 200 cm e la larghezza da 0,5 a 2 cm. La punta della foglia è smussata, il bordo della foglia è completamente o poco appariscente ricoperto da piccoli denti. Ci sono da due a quattro nervi longitudinali su entrambi i lati della nervatura centrale della foglia.

L'areale nativo di questa specie va da Iraq, India, Cina, Giappone, all'estremo oriente russo. √ą un idroperenne e cresce principalmente nel bioma subtropicale.

Taxa principali

Originaria del continente americano, √® una delle vallisneria pi√Ļ grandi, con le foglie che possono arrivare a due metri di lunghezza

Tassonomicamente, la specie Vallisneria gigantea è solo un sinonimo di Vallisneria nana, mentre quale sia o quali siano le specie di Vallisneria commercializzate con questo nome è un mistero

Questa Vallisneria originaria dell'Australia ha spesso le foglie pi√Ļ strette delle altre specie, dalla lunghezza variabile a seconda della variet√†

Conosciuta come Vallisneria spiralis 'Tiger', è una bella varietà di Vallisneria con le foglie screziate che sotto luce intansa diventano rossastre

Conosciuta anche con il nome errato di Vallisneria asiatica, è una pianta robusta e adatta ai principianti

Conosciuta come Vallisneria asiatica var. biwaensis o Vallisneria biwaensis, è una bella forma di Vallisneria con le foglie ritorte

Graziosa Vallisneria piccola e contorta, con un tasso di crescita medio, non è ben chiaro a quale specie del genere Vallisneria appartenga

Classica pianta da acquario dalle lunghe foglie fluttuanti nella corrente, si propaga molto velocemente.

Riferimenti & Link

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...    
i messaggi pi√Ļ interessanti tratti da it.hobby.acquari

Collegamenti taxa

Aggiungi un commento

Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.
  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.

Per saperne di pi√Ļ...

Vallisneria natans in acquario - Foto © Tropica.com

Smaltiamo responsabilmente le potature

Spesso sentiamo parlare di pesci e piante che sono sfuggiti in natura e che stanno soffocando le specie autoctone, cambiando le dinamiche e in alcuni casi distruggendo gli ecosistemi naturali. Sono molte purtroppo le piante acquatiche che si sono rivelate infestanti per sistemi che non contemplavano la loro presenza, e fanno danni tali da essere finite nelle liste nere di vari stati, che ne hanno vietato vendita e importazione.

Siamo sicuri come acquariofili di non essere responsabili dell'introduzione di piante in un ambiente che non è il loro? Che fine fanno le potature delle piante nei nostri acquari?

Smaltiamo responsabilmente le potature, cercando di evitare il pi√Ļ possibile che possano contaminare l'ambiente circostante, mettendole ad esempio in un contenitore e aspettare che siano completamente secche prima di buttarle nell'umido, dove dovrebbero poi essere correttamente smaltite. Si possono utilizzare vari altri metodi, l'importante √® pensarci, tenere sempre presente che stiamo allevando pesci e coltivando piante che potrebbero provocare gravi danni se riuscissero a propagarsi nel nostro ambiente.

Offerte di Amazon