Attenzione

I Biotopi Naturali d'Acqua Salmastra

Informazioni e notizie sugli ecosistemi naturali d'acqua salmastra che si trovano in tutto il mondo, con descrizione e foto dei vari habitat

Mangrovie sulla costa giapponese, sono visibili le radici ritorte verso l'alto, i pneumatofori - Foto © Eric Guinther

Gli ecosistemi d'acqua salmastra si trovano in tutto il mondo, caratterizzando le zone costiere dove le acque dolci dei fiumi e dei torrenti incontrano quelle salate del mare, creando un ambiente di transizione, dove vi sono ampie variazioni di salinità sia locali che temporali, in particolar modo negli ambienti soggetti al flusso e riflusso delle maree, dove si formano degli ecosistemi del tutto particolari e dalla vasta biodiversità, a volte troppo semplicisticamente definiti a metà strada tra dolce e marino, ma in realtà con caratteristiche del tutto peculiari e non ritrovabili da nessun'altra parte.

Mangrovie Rosse - Foto © TopTropicals.com

Una delle caratteristiche principali di questi biotopi è di essere costantemente soggetti a variazioni. Non c'è niente di costante in questi ambienti. Il parametro più importante è indubbiamente il contenuto di sale dell'acqua, anche se sarebbe riduttivo pensare ad esso come l'unica cosa variabile nel tempo. In ogni momento, in ogni luogo, può esserci una preponderanza dell'acqua dolce o dell'acqua marina, in relazione soprattutto all'alternarsi di alta e bassa marea, ma non solo, in quanto anche le zone non influenzate dalle maree sono soggette ad una miriade di variabili non costanti nel tempo, come il variare stagionale della portata dei fiumi, le maggiori o minori precipitazioni, il vento, ecc. ecc.

Biotopo Estuario di Mangrovie nel Refugio de Vida Silvestre Cuero y Salado, in Honduras, America centrale - Foto © Rhett Butler (Mongabay.com)

Inoltre, le zone d'acqua salmastra subiscono anche le caratteristiche fisiche dell'acqua salata/dolce, in quanto il peso specifico dell'acqua salata è più grande di quello dell'acqua dolce, per cui, se non viene agitata vigorosamente, l'acqua salata tende a stare sul fondo, mentre quella dolce tenderà a stare sulla superficie, per cui si avranno variazioni di salinità all'interno stesso della colonna dell'acqua.

Per tutti questi motivi, definire l'acqua salmastra in base alla salinità è estremamente difficile, e non lo si può fare con esattezza; tuttavia si può in senso lato suddividere gli estuari in tre regioni: la zona interna d'acqua dolce (endozona) con salinità da 0 a 0,5 ‰; la zona media (mesozona), dai contenuti si salinità variabile (suddivisa anch'essa in tre zone, oligosalina da 0,5 a 5‰; mesosalina da 5 a 18‰ e polisalina da 18 a 30‰), e la zona esterna (ectozona) d'acqua marina con salinità > 30 ‰.

Le variazioni di salinità, quando un fiume sfocia in mare, in genere non sono mai degradanti dolcemente, ma spesso si formano correnti in basso di pura acqua di mare, sovrastate da correnti di pura acqua dolce, per cui un pesce che nuota attraverso l'estuario può passare all'improvviso da acqua dolce ad acqua marina, e viceversa. Solo un numero relativamente basso di specie può sopportare questi stress.

Vai alle pagine sugli Ecosistemi delle Mangrovie

Gli organismi che abitano queste zone hanno la notevole capacità di adattarsi rapidamente alle variazioni sia della salinità che degli altri parametri fisico-chimici dell'acqua, variazioni che possono essere anche molto ampie e repentine, e che li rendono in grado di sopravvivere sia in acqua completamente dolce che in acqua completamente marina, siano essi pesci, piante, o altri organismi ancora. Tali organismi vengono detti, per questa loro capacità, eurialini, parola che significa appunto "organismi acquatici in grado di sopportare ampie variazioni di salinità" e che deriva dal greco eurys = ampio + háls, halós = sale, mare.

Biotopo Estuario di Mangrovie con acque bianche - Refugio de Vida Silvestre Cuero y Salado, Honduras - Foto © Rhett Butler (Mongabay.com)

Perché questi pesci si sottopongono a questi stress? Semplicemente, perché le regioni d'acqua salmastra sono un paradiso perfetto per le creature che sono in grado di sopravvivere, in quanto abbondano di nutrienti, e spesso il cibo è addirittura in eccesso. L'inquinamento organico nelle zone d'acqua salmastra è rivelato dal colore marrone fangoso che predomina nell'acqua. L'immensa ricchezza di nutrienti attira in massa non solo pesci e crostacei ma anche i loro predatori, primi tra tutti gli uccelli.

Per approfondire:

Mangrovie in acquario - Toptropicals.com

Tutto quello che c'è da sapere sulla coltivazione delle mangrovie in acquario, con molte foto illustrative e tabelle dei risultati ottenuti in termini di assorbimento dall'acqua delle sostanze azotate - tratto e tradotto da un articolo di Mike e Pauk

Acquario salmastro © Jeff & Mike Senske of Aquarium Design Group in Houston, Texas

Consigli ed avvertenze per allestire un acquario salmastro, consigliato dal team di esperti del ThePufferForum come fondamentale compendio di ciò che occorre sapere per la sua gestione - tratto e tradotto da un articolo di Cody Soup

Foresta di mangrovie a Sumatra - Foto © Ulet Ifansasti

Le foreste di mangrovie sono un vero e proprio ecosistema, che sta scomparendo in tutto il mondo, a causa dell'espandersi delle attività umane, e come al solito si cerca di correre ai ripari quando ormai i danni sono irreparabili...

Halocaridina rubra, un gamberetto d'acqua salmastra - Foto © Lebushrimp.com

Studio sulle caridine d'acqua salmastra delle Hawaii, del loro ambiente naturale e delle minacce a cui è sottoposto - traduzione in italiano di Marina dell'articolo: "Strategia di conservazione dell'ampia fauna selvatica delle Hawaii 10/6/2005"

America Centrale, biotopo Estuario di Mangrovie in Honduras - Foto © Rhett A. Butler (Mongabay.com)

Descrizione e foto dei biotopi salmastri dei mangrovieti, uno degli ambienti d'acqua salmastra più conosciuti ed interessanti, diffusi lungo tutta la fascia dei tropici, in corrispondenza prevalentemente delle grandi foci dei fiumi, che forniscono grandi quantitativi di sedimento, sabbia e fango.

Estuario di mangrovie nella foresta Jozani a Zanzibar, Asia - Foto © Fanny Schertzer (Wikimedia)

Articolo che descrive il biotopo dei mangrovieti nel sud est asiatico e come riprodurlo in acquario. L'ambiente delle mangrovie è presente in tutte le zone tropicali del mondo, dove i fiumi d'acqua dolce incontrano l'oceano - tratto e tradotto da un articolo di Rhett A. Butler

Vista dall'alto del Refugio de Vida Silvestre Cuero y Salado, in Honduras, America centrale - Foto © Rhett Butler (Mongabay.com)

Articolo che descrive il biotopo dei mangrovieti nelle paludi del Centro-America e come riprodurlo in acquario. L'ambiente delle mangrovie è presente in tutte le zone tropicali del mondo, dove i fiumi d'acqua dolce incontrano l'oceano - tratto e tradotto da un articolo di Rhett A. Butler

Etroplus maculatus in India - Foto © Streamlined Sparkles

Descrizione ed immagini dell'habitat naturale da cui provengono le tre specie appartenenti al genere Etroplus, distribuite nelle zone costiere salmastre di India e Sri Lanka, ad eccezione di Etroplus canarensis, il cui areale è ristretto alla zona del Karnataka nell'India meridionale.

Riferimenti & Link
it.hobby.acquari

Tutto Quello Che Avreste Sempre Voluto Sapere Ma Non Avete Mai Osato Chiedere...
i messaggi più interessanti tratti da it.hobby.acquari

AMAZON
AMAZON
Il contenuto di questo campo è privato e non verrà mostrato pubblicamente.

Testo semplice

  • Nessun tag HTML consentito.
  • Linee e paragrafi vanno a capo automaticamente.
  • Indirizzi web ed indirizzi e-mail diventano automaticamente dei link.