• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
5 minuti
Letto finora

Le Piante Nell'Acquario Salmastro

Mer, 03/Nov/2004 - 00:00
Posted in:
0 comments

Ci sono molte piante d'acqua dolce, coltivate comunemente in acquario, che si adattano molto bene alla coltivazione in acqua salmastra, grazie alla loro robustezza ed adattabilità.

Acquario salmastro con piante - Foto © Emiliano Spada

Trovare in commercio piante alofile (termine che significa "piante che crescono spontaneamente in prossimità di terreni ricchi di sale", dal greco háls, halós = sale, mare + filéo = amare) oltre alle rappresentative mangrovie, che del resto sono quasi introvabili, e impegnative nella coltivazione, è praticamente impossibile.

Ci sono comunque molte piante d'acqua dolce, coltivate comunemente in acquario e che in genere si trovano facilmente, che si adattano molto bene alla coltivazione in acqua salmastra, grazie alla loro robustezza ed adattabilità. Anche in natura è abbastanza frequente trovarle in ambienti d'acqua salmastra, colonizzando zone costiere soggette al flusso delle maree, o spingendosi lungo i fiumi fino alla loro foce.

Coltivazione

Samolus valerandi nell'acquario salmastro - Foto © Emiliano Spada

Samolus valerandi nell'acquario salmastro - Foto © Emiliano Spada

La coltivazione delle piante in acqua salmastra non si discosta molto da quella in acqua dolce: per ottenere buoni risultati, ed avere un acquario simil "olandese", occorre avere un impianto luci ben fornito, e seguire un programma di fertilizzazione completo; si può usare anche l'impianto per la CO2, erogandola naturalmente in modo da non provocare un calo eccessivo del pH.

Se invece ci si accontenta di piante poco esigenti e robuste, si può avere lo stesso un bell'acquario piantumato anche con luce non eccessiva e poca fertilizzazione: come sempre, ogni cosa deve essere proporzionata a tutte le altre, per avere quell'equilibrio che consente all'acquario di "funzionare".

Comunque sia, è sempre meglio allestire l'acquario con le piante usando all'inizio acqua completamente dolce, dare loro il tempo di ambientarsi dopo il trapianto e di crescere un po', e solo quando il nostro piccolo "biotopo" si sarà stabilizzato e colonizzato allora si potrà procedere ad aumentare, molto molto gradatamente, la salinità dell'acqua.
Anche per quello che riguarda i pesci bisogna considerare il caso se sia meglio procedere allo stesso modo, informandosi su come vengono mantenuti i pesci nel negozio dove andrete a comprarli: ad esempio, i pesci che inserirò nel mio acquario saranno probabilmente molly e Brachygobius, e parlando con il mio negoziante di fiducia sono venuta a sapere che non li tiene in acqua salmastra, ma in acqua dolce, in quanto dice di avere meno problemi con l'ambientamento quando gli arrivano; per cui prima di incominciare a "salare" l'acqua dovrò non solo inserire le piante, ma anche i pesci, per rendere loro il passaggio all'acqua salmastra il meno traumatico possibile.

Per procedere in modo graduale, è consigliabile procedere sostituendo settimanalmente una piccola quantità dell'acqua dell'acquario, ad esempio il 5% del volume totale, con acqua mediamente salmastra, dalla densità di 1004-1005, ottenuta sciogliendo in acqua ad osmosi inversa una quantità adeguata di sale marino sintetico di buona marca, e lasciata riposare almeno 48 ore (il sale sintetico ci mette tantissimo a sciogliersi bene!).

In tal modo le piante (e i pesci) avranno modo di adattarsi gradatamente all'aumento di salinità, senza gravi conseguenze per il loro sviluppo; tutt'al più potrà verificarsi un ingiallimento delle foglie più vecchie.
La densità da raggiungere non dovrebbe discostarsi molto da 1,007 a 25°C, anche se vi sono piante che sopportano densità anche maggiori; se al contrario si notano segni di sofferenza è sempre meglio abbassarla lievemente, per non provocare danni difficili da recuperare.

Anche nell'acquario salmastro è necessario tenere sotto controllo i valori di nitrati e fosfati, provvedendo a frequenti e regolari cambi d'acqua ed alimentando con parsimonia i pesci, per non incorrere nel pericolo alghe, che possono proliferare senza problema anche in acqua salmastra.

Marosatherina (Telmatherina) ladigesi - Foto di Emiliano Spada

Marosatherina ladigesi (ex Telmatherina ladigesi)- Foto © Emiliano Spada

Nel caso, anche nell'acquario salmastro si possono inserire pesci che aiutano a tenere sotto controllo le alghe, sempre che non si abituino al più sostanzioso e "facile" mangime secco: ad esempio Black molly e Velifere, che sono compagnia ideale per pesci come gli insoliti e bellissimi Pseudomugil signifer, Pseudomugil mellis, Pseudomugil gertrudae e Marosatherina ladigesi (nota anche col sinonimo di Telmatherina ladigesi), nonché per i piccoli pesci ape del genere Brachygobius. Come "mangia-alghe" si possono inserire anche, compatibilmente con gli altri ospiti dell'acquario, molte specie di Caridina, tra cui le japonica, che, anche se in genere preferiscono acque dolci, si adattano sorprendentemente bene anche all'acqua salmastra, anche perché per loro è il naturale ambiente di riproduzione.

Le piante adatte al salmastro

Per il primo piano, possiamo scegliere piante basse come Lilaeopsis carolinensis, Samolus valerandi, Sagittaria subulata, Nymphoides aquatica, Cryptocoryne lingua e le Anubias che rimangono più piccole.

Per la zona centrale e posteriore tutte le piante a stelo e a foglia lunga, ideali le Cryptocoryne più grandi, come Cryptocoryne pontederiifolia, Cryptocoryne moehlmannii, Cryptocoryne ciliata, ma anche Hygrophila polysperma, Bacopa monnieri, Egeria densa, Elodea canadensis, Najas marina, Najas indica. Per le zone laterali e posteriori meno illuminate sono adatte Crinum thaianum, Vallisneria spiralis e Vallisneria americana, inoltre si possono collocare legni e radici su cui abbiano radicato piante epifite come Microsorum pteropus, Anubias, Vesicularia dubyana.

Come piante galleggianti, le cosiddette pleustofite, si possono utilizzare Salvinia e Ceratophyllum demersum.

Vai alle foto delle piante, così come si sono sviluppate in un acquario salmastro


Piante coltivabili in acquari salmastri con una densità fino al 10‰:

Piante coltivabili in acquari salmastri con una densità fino al 15‰:

Brachigobius posato su una palla di Aegagropila linnaei (era Cladophora aegagropila)

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:

Più conosciuta con il vecchio nome di Cladophora, attira per la sua forma unica, ma ha una crescita molto lenta e tende a sporcarsi molto facilmente se non curata bene.

Bacopa monnieri - Foto di Marcus Wallinder (green.colorize.net)

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:

Pianta facile e con poche esigenze, si adatta a tutti gli acquari, dove cresce velocemente; è adatta anche agli acquari d'acqua salmastra.

Ceratophyllum demersum - Foto di Bernd Haynold (Wikipedia)

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:

La pianta rapida e galleggiante per eccellenza, che non dovrebbe mai mancare nella vasca di un acquariofilo, specie nel momento dell'avvio, perchè è una forte consumatrice di nitrati e fosfati; non necessita neppure di tantissima luce.

L'Hygrophila corimbosa "Compact"

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:

L'Hygrophila corimbosa "Compact" o compatta è una "cultivar", cioè ottenuta attraverso selezioni operate dalle aziende produttrici di piante acquatiche, ed è caratterizzata da internodi molto ravvicinati e da una crescita molto lenta, il che le fa assumere una forma di basso cespuglio.

Hygrophila difformis - Foto di Bjarne Sætrang (aquadigital.net)

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:

Ha una crescita esplosiva anche se non in ottime condizioni, tanto che deve essere tenuta sotto controllo perché non diventi invasiva. Si adatta anche all'acqua salmastra, ed ha la caratteristica di avere un notevole dimorfismo delle foglie tra la forma emersa e quella sommersa.

Mangrovie in America Centrale - Foto © Mongabay.com

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:

Con il termine Mangrovia si indica tutta una serie di piante/alberi che hanno la caratteristica di formare delle vere e proprie foreste, le foreste di mangrovie, lungo i litorali delle coste marine tropicali. Avendo una crescita abbastanza lenta c'è chi sfrutta la sua adattabilità alle acque salmastre e la sua capacità di assorbire

Microsorum pteropus in acquario salmastro - Foto di Emiliano Spada

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:

Pianta resistente e molto adattabile ad ogni valore dell'acqua, cresce anche con scarsa illuminazione. Forma dei bei cespuglioni che possono diventare enormi, ed offrono rifugio tra le foglie e le radici ai pesci più piccoli.

Samolus valerandi - Foto © Emiliano Spada

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:
Piccola pianta adatta al primo pianto dell'acquario, non è di facile coltivazione perché teme molto gli sbalzi nei valori dell'acqua.
Muschio di Giava in acquario

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:

Più conosciuto come muschio di Giava, è una pianta molto robusta, che si adatta alla quasi totalità dei valori dell'acqua, e cresce bene anche con scarsa illuminazione. Attecchisce su qualsiasi superficie, dai tronchi ai sassi, formando un bel tappeto molto utile.

Muschio in acquario

Aspettativa di vita:
Dimensioni massime:

Chiamato muschio di Singapore, è comunemente confuso con il muschio di Giava, dal quale è molto difficilmente distinguibile. E' una pianta robusta, adattabile alla quasi totalità dei valori dell'acqua, e cresce bene anche con scarsa illuminazione. Attecchisce su qualsiasi superficie, dai tronchi ai sassi, formando un bel tappeto molto utile.

 

    Aggiungi un commento

    Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

    By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.