• No ai pesci giganti in acquario
  • No ai pesci rossi nella boccia
  • I pesci pulitori non esistono!
  • No ai pesci colorati artificialmente
  • No ai pesci combattenti nei vasi
  • No alle tartarughe nelle mini vaschette
Tempo di lettura
15 minuti
Letto finora

L'ossigeno in acquario (M.Thoene)

Mer, 19/Apr/2017 - 15:42
Posted in:
0 comments

Spiegazione dettagliata e precisa del perché l'ossigeno in acquario è così importante, e soprattutto perché è così importante per alcuni pesci, come botia, cobitidi, balitoridi, gastromizontidi...

Traduzione dell'articolo:
"Oxygen In The Aquarium" di Martin Thoene
sul sito di Loaches.com che potete leggere al link seguente nella versione originale in inglese.

Agitazione sulla superficie dell'acquario - foto di Martin Thoene

L'ossigeno in acquario - Perché è così importante?

La vita esiste su questo pianeta soprattutto grazie alla presenza dell'ossigeno (O2). La maggior parte delle forme di vita lo usano per alimentare il motore bio-meccanico dei loro corpi. Come questo si ottenga varia da un organismo all'altro, ma in generale la maggior parte dei gruppi di animali a noi familiari condividono lo stesso metodo per usare l'abbondanza di ossigeno presente nell'atmosfera.

Gli esseri umani usano i polmoni, proprio come gli uccelli che sovrastano le nostre teste o le enormi balene negli oceani di tutto il mondo. I pesci che noi alleviamo contano sulle branchie per estrarre questo elemento vitale per la vita. Qualunque sia la forma che può avere un animale, noi tutti condividiamo questo bisogno di ossigeno.

Come allevatori di pesci siamo tutti consapevoli che i nostri pesci hanno bisogno di ossigeno, ma potremmo non essere a conoscenza di quanto sia importante questa necessità è e quanto sia fondamentale per il successo nell'allevamento dei pesci stessi.

Ai tempi in cui vivevo in Inghilterra, ero un Tecnico della Medicina d'Urgenza (come un Paramedico) e lavoravo per l'United States Air Force. Ho preso una qualifica statunitense sul campo e la nostra formazione ci ha insegnato l'importanza dell'ossigeno. Chiunque abbia fatto una formazione anche solo di base di primo soccorso ha probabilmente sentito l'acronimo "ABC". Come ha detto Maria in The Sound of Music, "Start at the very beginning. It's a very good place to start" (Parti dall'inizio. E' un ottimo punto di partenza).

L'ABC è fondamentale per la cura del paziente umano:

  • A - Vie aeree - Le vie respiratorie del paziente sono aperte e può respirare?
  • B - Respiro: il paziente sta davvero respirando?
  • C - C'è circolazione? ad esempio il cuore funziona e sta facendo un buon lavoro?

Queste 3 cose sono fondamentali per la cura del paziente e le prime cose che si devono valutare quando si arriva sulla scena.
Se non ci sono allora il paziente è in grossi guai.

La natura molto strutturata e artificiale della classe viene modificata nella realtà di come si svolge il lavoro nel mondo reale. Se si entra in una situazione e il paziente vi sta parlando, in un istante si sono verificati tutti i punti di cui sopra. Si avrà solo bisogno di valutare la qualità della respirazione e della circolazione... Si sa che stanno accadendo.

Valutare la respirazione in un pesce o nei pesci è più difficile. Non si può mettere il dito al polso e contare i battiti e non si può chiedere loro come si sentono. Con alcune specie dalla respirazione lenta è possibile contare la respirazione dal movimento delle branchie, ma non con le specie a respirazione veloce.

Quali sono i problemi con ossigeno insufficiente?

Nel mio articolo "Hillstream Loaches - specialisti nella vita nella corsia di sorpasso" ho sottolineato l'importanza dell'ossigeno per balitoridi e gastromizontidi in particolare, e ho spiegato esattamente perché è così, ma tutti i loach (1) hanno elevate esigenze di ossigeno a causa del fatto che vivono in acque a volte davvero molto veloci.

Habitat naturale di Syncrossus beauforti - foto di Anuratana Tejavej

Habitat naturale di Syncrossus beauforti - foto di Anuratana Tejavej

Chiunque abbia visto gli hillstream loach (2), balitoridi e gastromizontidi, nelle vasche dei rivenditori si sarà probabilmente fatto una falsa impressione del  comportamento generale di questi pesci, in quanto pochi negozi li tengono in condizioni adeguate. Possono apparire noiosi e inattivi. Chi li alleva usando il mio concetto di collettore fiume-acquario o altri acquari con forte corrente, e alto contenuto di ossigeno, segnalerà che sono creature vivaci e divertenti. Il modo migliore per capire il motivo per cui sono così è quello di esaminare la fisiologia umana e comparare sullo stesso piano quello che sappiamo su come lavorano i nostri corpi rispetto ai pesci. Da ciò si può avere una migliore comprensione delle forze in gioco che non siamo in grado di vedere.

L'ossigeno è il carburante per la macchina bio-meccanica che è il nostro corpo. Senza di esso moriremmo. Con ossigeno insufficiente, in qualche modo siamo compromessi. I nostri corpi hanno diversi sistemi di rilevamento interni che, come i sensori in una vettura moderna, alimentano informazioni computerizzate. Questo regola il funzionamento del motore della macchina e il bio-rilevamento regola le cose anche nel vostro corpo.

Se iniziate a correre, i vostri muscoli richiedono più ossigeno per lavorare. Un messaggio va al vostro sistema nervoso autonomo e cominciano ad accadere delle cose. Il vostro battito cardiaco aumenta, costringendo più sangue in circolo nel corpo e più velocemente, permettendo quindi ai muscoli di accedere a più ossigeno. Questo esaurimento dell'ossigeno richiede una ricarica, per cui aumentate la velocità di respirazione e di solito aprite la bocca, perché così è più facile respirare profondamente. Se uno qualsiasi di questi cambiamenti fisiologici non accade, quanto velocemente e quanto distante potrete correre diventa auto-limitante. Gli atleti aumentano l'efficienza dei loro corpi nell'utilizzo dell'ossigeno attraverso l'allenamento, perché questo e la forza muscolare sono essenziali per le prestazioni.

Un pesce reagisce ad un'attività o a bassi livelli di ossigeno in modo simile. Aumento dei battiti cardiaci e della respirazione. Possiamo vedere che la frequenza della respirazione aumenta, se abbiamo già familiarizzato con le normali modalità di respirazione dei nostri pesci. Come per tutto quello che riguarda l'allevamento dei pesci, l'osservazione è la chiave. I Loach, in particolare le specie della famiglia Botiidae, spesso aprono la bocca più del normale per aumentare la capacità di attingere acqua e il loro tasso di respirazione sarà notevolmente aumentato.

Un fattore che può indurre tali segni visibili è l'emozione e lo stress. Possono essere causati dai combattimenti per il predominio all'interno del gruppo. I Botiidae possono avere una respirazione estremamente veloce nel corso di tali interazioni. Questo non è un segno di scarsa ossigenazione all'interno dell'acquario, ma piuttosto un segno di accelerazione biologica del battito cardiaco e della respirazione a causa della tensione. Noi tutti condividiamo questi rilasci biologici automatici di adrenalina causati dal "lotta o fuggi" che causano questi sintomi.

Una respirazione rapida a lungo termine è qualcosa di cui l'acquariofilo dovrebbe davvero preoccuparsi in quanto è un segnale di qualcosa di sbagliato che può avere effetti negativi sui pesci. Significa che i pesci hanno difficoltà a respirare. Ci possono essere diverse ragioni per questo, così come per gli esseri umani.

  • Ossigeno disponibile insufficiente
    • Non è generalmente un problema per gli esseri umani, a meno che non siano confinati in un piccolo spazio. Per i pesci questo significa un acquario, e l'acquariofilo è colui che determina molti fattori della quantità di ossigeno in acqua.
  • Sovraffollamento dell'acquario
    • vale a dire troppi pesci in acquari troppo piccoli.
  • Incapacità di elaborare l'ossigeno disponibile
    • Ciò può essere causato da problemi fisiologici o malattie.

Ossigeno disponibile insufficiente

L'ossigeno si scioglie in acqua più facilmente se l'acqua è in movimento. Lo scambio di gas avviene nell'interfaccia tra acqua e aria, quindi se l'acqua turbina e vortica attorno alle rocce come in un torrente di montagna il livello di ossigeno può essere molto alto a causa di tutta la miscelazione in corso. Alcuni torrenti hanno anche acqua molto bassa e anche questo aumenta la facilità di arrivare ad una saturazione completa dell'ossigeno. Un acquario statico rappresenta un livello molto diverso di saturazione perché non c'è movimento dell'acqua.

sewellia_lineolata_habitat_miroslav-farkac.jpg

Torrente poco profondo, habitat di Sewellia lineolata - foto di Miroslav Farkac - Saigon Aquarium, Vietnam

Le raccomandazioni sullo stoccaggio (3) dei pesci negli acquari sono state sviluppate molti anni fa e tendevano ad essere basate su tanti cm di pesce per cm quadrato di superficie o cm di pesce per litro di capacità della vasca. Queste raccomandazioni sono state elaborate grazie alle sperimentazioni nei primi tempi dell'allevamento dei pesci ornamentali ed hanno qualche relazione con lo scambio di ossigeno disponibile in una tale impostazione. Si è capito subito che muovendo la superficie dell'acqua e creando una corrente all'interno dell'acquario lo scambio gassoso poteva essere aumentato. I pesci, come noi e gli altri utenti dell'ossigeno, espellono anidride carbonica (CO2) e questa deve essere dispersa nell'atmosfera o utilizzata dalle piante (più avanti).

Tale movimento dell'acqua era spesso ottenuto grazie a dispositivi di pompaggio dell'aria. Ci sono tra molti appassionati alcune idee sbagliate su come funzionano. Poca dell'aria racchiusa nelle bolle diffuse dalle pietre porose effettivamente si dissolve nell'acqua. Il flusso verso l'alto delle bolle crea un effetto di risalita nella colonna d'acqua e questo sposta l'acqua meno satura di ossigeno dal fondo alla superficie, dove può facilmente rilasciare la CO2 e ed assumere ossigeno. L'agitazione della pellicola superficiale da parte delle bolle aiuta ulteriormente lo scambio di gas.

Questo effetto di sollevamento nell'acqua è stato utilizzato in gran parte per incanalare le bolle in un tubo per creare un effetto di risalita. Questo principio è stato utilizzato da vari progetti di filtrazione come mezzo per muovere l'acqua e questo movimento, più l'agitazione superficiale, aumentava l'efficienza dello scambio gassoso in un determinato acquario.

Con l'avvento delle pompe di movimento, la potenziale corrente d'acqua disponibile è aumentata drammaticamente. Sistemi ad aeratore ben progettati possono spostare una notevole quantità di acqua, ma per fare questo necessitano di una grande quantità di aria e corrispondentemente pompe di grandi dimensioni. Purtroppo, le pompe a membrana a prezzo conveniente capaci di tale portata tendono ad essere rumorose e le posizioni domestiche della maggior parte degli acquari impongono un metodo più silenzioso per movimentare l'acqua. Così le pompe di movimento sono diventate la norma in acquariofilia e in generale attualmente i sistemi ad aria compressa vengono utilizzati più in allestimenti per riproduzioni piuttosto che negli acquari decorativi casalinghi.

Una caratteristica delle pompe elettriche è che il flusso in uscita molto concentrato può essere utilizzato per aggiungere aria in acquario. Creando una limitazione nel tubo di deflusso, si crea un 'effetto venturi'. La maggior parte dei progetti introducono aria da questa riduzione di diametro e la bassa pressione attrae l'aria nel flusso dell'acqua. Questo sembra essere più efficace come mezzo per ottenere che l'ossigeno si dissolva nell'acqua in quanto le bolle prodotte sono spesso più piccole di quelle prodotte dalla maggior parte degli aeratori.

Le pompe di movimento sono state originariamente progettate per essere poste in cima ai tubi di aspirazione per i filtri sottosabbia. L'effetto venturi funziona bene quando una pompa è vicina alla superficie dell'acqua. Negli acquari di loach, in particolare negli acquari di Hillstream loach, spesso abbiamo le pompe di movimento montate molto più in basso nell'acquario. Il venturi non funziona a questo livello inferiore a causa del differenziale di pressione. Per iniettare l'aria allo stesso modo è necessario utilizzare un piccolo aeratore per alimentare il venturi. Con questo metodo serve solo un piccolo aeratore per produrre molta aria.

Ulteriore aerazione può essere fornita da dispositivi tipo muro di bolle o semplici aeratori. Molte specie di loach amano giocare in questi flussi di bolle.

Che importa se non ho tanto movimento dell'acqua o tanta aerazione?

In poche parole, i pesci ne soffriranno.

Diamo di nuovo un'occhiata al modello umano. Mettetevi al posto dei pesci, equiparandoli all'esperienza umana di scarsa ossigenazione.

Siete mai stati in una situazione in cui non potevate respirare correttamente? La prima cosa che vi accade è nervosismo e irritabilità. E' un risultato automatico del vostro cervello che riceve ossigeno insufficiente. Non è una situazione comoda per il vostro corpo. La frequenza cardiaca aumenta. Inizia a prendervi il panico. Potete immaginare se questa situazione continuasse per giorni? Non è un bel pensiero, eh? I bassi livelli di ossigeno prolungati come questo possono portare a gravi danni agli organi interni vitali. Il cervello, il cuore, i reni, il fegato... tutto viene colpito e alcuni danni possono essere irreversibili. Lo scambio gassoso insufficiente può portare a narcosi da anidride carbonica. Ciò può portare al malfunzionamento dei meccanismi automatici della respirazione che controllano e regolano i livelli di CO2. E questo può mettere fuori uso tutto il sistema respiratorio.

Durante la spedizione dei pesci verso i nostri paesi da qualunque provenienza, un imballaggio inadeguato o ritardi inaspettati possono portare a bassi livelli di ossigeno all'interno dei sacchetti di spedizione. I pesci più deboli possono morire, ma anche i sopravvissuti possono riportare danni sistemici permanenti, che si manifesteranno in morte prematura o ulteriori problemi di salute. I pesci con elevati requisiti d'ossigenazione come i loach sono più a rischio e richiedono metodi di spedizione consapevoli per evitare vittime o ulteriori problemi.

Una volta che arrivano nelle vasche dei commercianti e nei nostri acquari domestici, hanno ancora bisogno di un'abbondante quantità di ossigeno per stare bene. Di solito ho un grande movimento massivo d'acqua in tutti i miei acquari. Ci sono anche sistemi di filtrazione multipli per supportare ulteriormente gli abitanti. Sento che avere ossigeno sufficiente è così fondamentale per i pesci che tutto il resto della loro salute e del loro benessere dipende da esso.

Il sovraffollamento dell'acquario

Negli acquari moderni, con i molteplici modi per aumentare meccanicamente il movimento dell'acqua e la capacità di scambio gassoso, le vecchie formule di calcolo del livello di stoccaggio (3) sono ampiamente irrilevanti. E' possibile stoccare i pesci in una vasca con una densità superiore a quanto sarebbe stato concepito molti anni fa. Tutti vediamo le masse di pesci nelle vasche del nostro rivenditore, quindi questo deve essere ok, giusto?

Gruppo di Botia rostrata - foto di Emma Turner

Gruppo di Botia rostrata - foto di Emma Turner

Non è così. Gli acquari dei negozianti sono pieni di pesci per motivi di efficienza del punto vendita. I buoni negozi effettuano grandi cambi idrici sistemici e hanno il vantaggio di avere sistemi di emergenza. Spesso gli acquari domestici non dispongono di alcun sistema di emergenza. Cosa succede se si ha una lunga interruzione di corrente? Tutte le pompe del mondo non saranno d'aiuto se non c'è elettricità per farle funzionare.

I livelli di stoccaggio (3) devono essere mantenuti in modo tale che la superficie dell'acqua abbia ancora una qualche incidenza sul numero e le dimensioni dei pesci che vengono allevati. Per le interruzioni temporanee sarà l'unica interfaccia di scambio gassoso. Ricordate che i cm di pesce per cm quadrato o qualunque metodo utilizziate per determinare il livello di stoccaggio, deve tenere conto che molti loach, in particolare i Botiidae, sono molto più grossi di altre specie di lunghezza simile. Tutta quella massa biologica richiede ossigeno. Tutti i loro organi richiedono ossigeno sufficiente.

Le interruzioni di corrente a lungo termine possono lasciare l'acquariofilo senza nessuna possibilità, tranne quella di muovere manualmente la superficie dell'acqua o guardare i suoi pesci morire. Un'alternativa è un generatore di emergenza, ma il costo può essere proibitivo per molti o limitato da altre circostanze. Le pompe ad aria a batteria funzionano anche in caso di interruzioni di corrente.

Incapacità di elaborare l'ossigeno disponibile

Così avete preso alla lettera tutto quanto sopra e avete un sacco di pompe che muovo l'acqua in acquario e bolle su tutta la parete di fondo della vasca, per cui tutto sarà ok, giusto?

Speriamo di sì, ma ci possono essere altri fattori. Cosa succede se il pesce ha un problema?

Ci sono certe condizioni mediche umane che possono essere equiparate ai problemi che potrebbero avere i vostri pesci. Uno di questi è la Bronco Pneumopatia Cronica Ostruttiva. I sofferenti sono invariabilmente forti fumatori da una vita ... un altro motivo per cui dovreste smettere! Il paziente con BPCO presenta dei danni agli alveoli polmonari. Sono i piccoli sacchetti alle estremità delle vie aeree all'interno dei polmoni, dove avviene lo scambio gassoso. Il danno fa si che il paziente non possa sbarazzarsi bene della CO2, e non assuma ossigeno. Inevitabilmente, usa i muscoli accessori per respirare piuttosto che l'espansione regolare del petto e il suo sistema respiratorio autonomo della CO2 è così colpito dal sovraccarico di CO2 che cessa di funzionare. Fortunatamente, il corpo umano compensa e la respirazione è innescata dalla mancanza di ossigeno piuttosto che dalla elevata CO2.

Ora non so se i pesci lavorano sugli stessi sistemi di innesco, i loro polmoni sono le loro branchie. Ma i vostri pesci non fumano, quindi qual è la connessione qui?

Il problema più grande che vediamo nei Forum di Loaches Online sono i pesci che si ammalano di Ictio (Ichthyphthirius multifilis). È l'unica malattia per cui i loach sono famosi. Tutti si concentrano sui puntini bianchi visibili sulle pinne e sul corpo, ma spesso ci si dimentica che l'ictio è presente anche all'interno delle branchie. Le cellule di ictio fanno un sacco di danni ai filamenti branchiali. Poiché i filamenti delle branchie sono il punto di scambio gassoso del pesce, hanno la stessa funzione delle aree danneggiate nei polmoni del paziente di BPCO. Pertanto, un pesce con l'ictio ha compromesso anche il suo potenziale respiratorio. Questo è il motivo per cui spesso si consiglia aerazione supplementare durante il trattamento dei pesci infetti da ictio. Il problema è che, come nel caso di un paziente con BPCO, i danni causati dall'ictio nelle branchie del pesce sono permanenti e, a seconda della gravità, possono influenzare il pesce in varia misura per il resto della sua vita. Proprio come nell'uomo con livelli di ossigeno ridotti a lungo termine, può portare a danni agli organi vitali. L'ictio è molto più dei piccoli puntini bianchi che vanno via con l'applicazione di qualche prodotto chimico.

Come faccio a sapere se i miei loach non hanno abbastanza ossigeno?

Dovete essere attenti.
Come ho detto all'inizio, familiarizzate con il comportamento normale dei vostri pesci. Familiarizzate con il loro normale comportamento e respirazione.

I segnali di disagio o di respirazione aumentata corrispondono allo stesso disagio che provereste voi se non poteste respirare correttamente. Queste tendono ad essere le fasi iniziali dei segnali di pesci che non hanno abbastanza ossigeno. La privazione più lunga può manifestarsi con altri segnali. Ogni volta che pesci che vivono sul fondo appaiono vicino alla superficie, è un segnale sicuro che stanno vivendo una privazione di ossigeno. Siccome la superficie è l'interfaccia dello scambio gassoso è molto probabile che troveranno più ossigeno che altrove. I pesci non sono stupidi. Come noi, se sentiamo che non possiamo respirare in una stanza, cerchiamo l'aria fresca altrove. Questo è ciò che fanno e se la situazione è veramente brutta, effettivamente annasperanno sulla superficie cercando di aspirare aria atmosferica insieme all'acqua.

Tutti i loach (1) respirano attraverso le branchie, ma alcuni sono dotati di metodi di respirazione accessoria. I loach del tempo (Misgurnus anguillicaudatus) sono una delle specie più comunemente disponibili e sono in grado di respirare attraverso l'intestino. Inspirano boccate d'aria atmosferica e la espellono attraverso l'ano. Un loach del tempo che assume abitudinariamente boccate di aria atmosferica può sperimentare bassi livelli di O2 all'interno dell'acquario e la ragione dovrebbe essere indagata come per qualsiasi altro residente a rischio.

I pesci possono annaspare in superficie per diverse ragioni:

  • Saturazione di ossigeno insufficiente
    • Controllare che non vi sia un funzionamento ridotto di uno qualsiasi dei dispositivi di movimento dell'acqua nell'acquario. Detriti vegetali o simili possono bloccare le entrate dell'acqua.
  • Esplosione batterica
    • Si manifesterà normalmente come una "fioritura" nebbiosa visibile nell'acqua. I batteri stessi usano ossigeno e possono sovraccaricare la capacità dell'acquario. Controllate che non vi sia un pesce morto o del cibo non mangiato. Controllate i sistemi di filtrazione perché non abbiano aspirato materiale in decomposizione. Saranno necessari dei cambi d'acqua per introdurre acqua fresca e satura d'ossigeno sufficiente, e deve essere rimossa la causa dei batteri.
  • Malattia
    • Cercate eventuali macchie o qualsiasi altra cosa insolita.

Acquari piantumati

Gli acquari piantumati devono essere incoraggiati. Non solo sono intrinsecamente più attraenti per l'occhio, ma aumentano l'utilizzo dei prodotti di scarto prodotti dal pesce. Alcune piante saranno aggredite dai loach, direttamente o sradicate durante la vigorosa ricerca di cibo nel substrato.

Alcune persone preferiscono le piante artificiali, ma mancano tutti i benefici biologici della piante vere. Il vostro acquario di loach (1) sarà migliore se avrà piante vere che vi crescono all'interno. Le piante assorbono l'anidride carbonica e producono ossigeno attraverso la fotosintesi. La maggior parte di noi ha imparato tutto questo a scuola. Il problema è che questo ha bisogno di luce per funzionare correttamente e una volta che scende l'oscurità, il processo è invertito.

Pertanto, è decisamente possibile che un acquario adeguatamente ossigenato diventi gradualmente meno saturato e possa diventare pericolosamente carente di O2 fino al punto da compromettere i suoi abitanti. Occasionalmente si sente di persone che in vasche piantumate accendono i dispositivi di aerazione solo di notte per aumentare l'agitazione superficiale. Non li usano durante il giorno perché cercano di prevenire una eccessiva perdita di CO2 che le piante utilizzano.

Per gli acquari dedicati alle piante con l'aggiunta di CO2, questo desiderio di fornire CO2 sufficiente alle piante  e fornire ossigeno adeguato ai pesci può essere in opposizione diretta, quindi è necessario trovare un compromesso se vengono allevati dei loach nell'acquario. In generale, è consigliabile una più bassa densità di stoccaggio per dare un maggiore margine di sicurezza durante le ore di oscurità.

L'allevamento dei loach nell'acquario piantumato spesso limita le scelte delle specie vegetali utilizzabili, perché molte possono finire come insalata per i loach. I loach, con con le loro alte richieste di ossigeno, devono essere la priorità più alta perché come avete visto in questo articolo non c'è spazio per le mezze misure quando si tratta di fornire ossigeno sufficiente per i loro corpi muscolosi ed energici.

Non sono solo i pesci ad avere bisogno di ossigeno

Anche se l'obiettivo primario nei nostri acquari sono sempre i pesci, una cosa che non dobbiamo dimenticare è che ci sono altri utenti dell'ossigeno all'interno dell'acquario.

Il sistema di filtrazione e ogni superficie dell'acquario sono ricoperti di milioni e milioni di microscopici batteri che contribuiscono a trattare gli scarti dei pesci. La maggior parte dei batteri esposti utilizzano l'ossigeno per una parte di questo processo. Ci sono altri batteri chiamati batteri anaerobici che lavorano all'interno dei media del filtro senza ossigeno per abbattere i prodotti di scarto, ma la stragrande maggioranza dei batteri utili ne ha bisogno.

I filtri a canestro o quelli esterni forniscono buone sedi per i batteri, ma i massimi livelli di efficienza per il trattamento dei rifiuti si ha nei filtri a percolazione dove avviene la massima esposizione dei batteri all'aria. Se non si dispone di un tale filtro, allora si deve ricordare che, così come i vostri preziosi pesci, anche i batteri che supportano l'ecosistema dell'acquario sono altamente dipendenti da un adeguato livello di ossigeno per fare il loro lavoro. Ne hanno bisogno per la loro salute tanto quanto i pesci.

In caso di una interruzione della corrente, è importante mantenere questi batteri. Sarà una buona cosa per l'efficienza del filtraggio continuata se sono protetti. Durante le lunghe interruzioni di corrente spesso è meglio scollegare i filtri a canestro dal sistema e rimuovere i coperchi, in modo che l'aria possa raggiungere i batteri all'interno del filtro e mantenerli vivi.

La messa in funzione di un filtro non aperto dopo una lunga interruzione di corrente può provocare un grave inquinamento in acquario, perché tutti i batteri benefici saranno ormai morti e in decomposizione.

Per chiudere...

Spero di avervi mostrato le molteplici considerazioni che bisogna fare quando si tratta di ossigeno all'interno del vostro acquario di loach. Se l'acquario non ha ossigenazione sufficiente potrà potenzialmente influenzare ogni elemento della salute e del benessere a lungo termine dei vostri loach. Gli effetti di una ridotta ossigenazione porteranno i vostri pesci ad essere esposti alle malattie a causa della loro debolezza sistemica, mentre pesci simili in un acquario ben ossigenato, forniti di cibo identico, prospereranno e saranno abbastanza robusti da combattere le infezioni minori. Credo veramente che mantenere elevati livelli di ossigeno all'interno dell'acquario insieme ad una eccellente qualità dell'acqua ottenuta grazie ad una efficiente filtrazione e insieme ad una dieta sana e variegata siano i fondamenti delle buone cure per i loach.

Proprio come quando il paziente viene assistito da un paramedico. Se l'acquario non contiene abbastanza ossigeno, niente altro importa a quel punto. Una respirazione adeguata è la cosa più importante per tutti gli organismi vertebrati. Per voi, me e i vostri loach.

Respirare bene.

© Martin Thoene (Loaches.com)

Note:

(1) con il termine 'loach' che non so come tradurre al meglio in italiano, si intendono tutti i pesci che in passato facevano parte delle due grandi famiglie dei Balitoridae e dei Cobitidae, da cui attualmente sono state separate dalla prima quella dei Gastromyzontidae e dei Nemacheilidae, e dalla seconda quella dei Botiidae.

(2) Con 'Hillstream loach' si intendono invece più specificatamente gli appartenenti alla vecchia famiglia Balitoridae, quindi anche Gastromyzontidae e Nemacheilidae.

(3) Con 'stoccaggio' dei pesci intendo quanti pesci possono abitare in una determinata vasca, cioè il numero e l'assortimento delle specie ospitabili in un dato acquario. Potete dare una letta a questo articolo che spiega bene l'argomento: Capire le guide sull’assortimento dei pesci (Injaf)

Aggiungi un commento

Avviso per chi vuole lasciare un commento: Questo è un sito amatoriale, che vuole diffondere una maggiore conoscenza e consapevolezza sulle specie allevate in acquario, ed è gestito da una sola persona. Se avete qualche commento da fare riguardo al sito o a questa pagina siete i benvenuti, ma per richieste d'aiuto e/o consigli per il vostro acquario è meglio rivolgervi dove ci sono più persone in grado di rispondervi, come i forum dedicati, posso consigliarvi i miei preferiti, acquariofiliafacile.it e acquarioacquadolce.it, per serietà ed attendibilità, ma ce ne sono molti altri :)

By submitting this form, you accept the Mollom privacy policy.